navigazione Tag

diplomazia

Anche Zuckerberg nella lista nera di Mosca

In risposta alle sanzioni statunitensi contro i funzionari del governo russo e i loro familiari, Mosca ha sanzionato 29 cittadini statunitensi, vietando loro di entrare in Russia a tempo indeterminato. Nella lista, il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg e il vicepresidente Kamala Harris. I "dirigenti, uomini d'affari, esperti e giornalisti che danno forma all'agenda russofoba, così come i coniugi di un certo numero di alti funzionari" sono stati banditi dal territorio russo in risposta alle…

Senatori statunitensi volano a Taiwan

Una delegazione di politici statunitensi guidata da Bob Menendez, Presidente della Commissione per le Relazioni Estere del Senato degli Stati Uniti, e Lindsey Graham, Senatore per lo stato della Carolina del Sud, è arrivata ieri, giovedì 14 aprile, a Taiwan. Un aereo della US Air Force è atterrato ieri sera a Taipei, per quelli che l'ambasciata di Washington ha definito una due giorni di colloqui su "relazioni USA-Taiwan, sicurezza regionale e altre importanti questioni di reciproco…

Ancora lontani da una bozza di trattato tra Russia e Ucraina

Secondo il capo negoziatore della Russia Vladimir Medinsky, nonostante l'ultimo incontro tra le delegazioni russe e ucraine abbia fatto scorgere dei primi segnali di intesa, una bozza di trattato tra Russia e Ucraina non è ancora pronta "per essere presentata alla riunione di alto livello" dove a presenziare dovrebbe essere lo stesso presidente Putin. Secondo Medinsky infatti, nonostante successivamente il colloquio faccia a faccia tenutosi il 29 marzo a Istanbul, la parte russa ha valutato i…

Trattative Ucraina-Russia: primi spiragli di accordo

Come vi avevamo annunciato, oggi, martedì 29 marzo, si è svolto il 4° round di trattative tra la delegazione russa e quella ucraina, presso il palazzo di Dolmabahçe a Istanbul. L'incontro, iniziato intorno alle ore 11:30 (ora di Mosca), è stato definito dal capo della delegazione russa Medinsky costruttivo, poichè le parti sono giunte a un accordo su alcuni dei punti in discussione. In particolare, ha affermato Medinsky, Kiev ha accettato di non aderire ad alcuna alleanza militare ottenendo…

Domani nuovo giro di colloqui Russia-Ucraina

Domani, martedì 29 marzo, le delegazioni ucraine e russe riprenderanno i colloqui di pace ad Istanbul. A confermare la notizia, dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, membri di entrambe le delegazioni, successivamente al colloquio telefonico che il presidente turco Erdogan ha avuto con Putin ieri, domenica 27 marzo. David Arakhamia, membro della delegazione negoziale ucraina, aveva precedentemente annunciato che i colloqui sarebbero ripresi già oggi, 28 marzo; successivamente, a causa di…

Biden cercherà di imporre un “cambio di regime” in Russia?

Ennesimo atto contrario alla diplomazia internazionale quello avvenuto ieri, sabato 26 marzo. Il presidente Joe Biden, durante un discorso al Castello Reale di Varsavia, ha infatti affermato che, per lui, Vladimir Putin "non può rimanere al potere", dando così adito alle voci che vedono in questa affermazione una minaccia velata di "cambio di regime" in Russia, alla maniera americana. D'altronde siamo stati abituati a rivoluzioni colorate sponsorizzate dagli USA in varie parti del globo.…

Anche il Messico contrario alle sanzioni alla Russia

Nel corso di una lunga intervista rilasciata in esclusiva a Arab News in occasione del 70° anniversario dell'instaurazione delle relazioni diplomatiche tra Messico e Arabia Saudita, il Ministro degli Esteri messicano Marcelo Ebrard, ospite a Riyad, ha avuto modo di parlare sia della situazione in Ucraina, sia della forte amicizia che lega il suo paese e l'Arabia Saudita. Rispetto al conflitto tra Russia e Ucraina, il Ministro ha ribadito chiaramente che il suo governo condanna l'invasione…

Zelensky: ipotesi referendum sulle richieste russe

Ieri, lunedì 21 marzo, il presidente ucraino Zelensky ha affermato che qualsiasi eventuale accordo che le delegazioni russe e ucraine dovessero trovare per porre fine al conflitto, successivamente dovrà essere il popolo dell'Ucraina ad esprimersi, e per farlo sarà necessario probabilmente un referendum. L'ho spiegato ai gruppi di negoziatori; quando si parla di tutti questi cambiamenti, e possono essere storici, non andiamo da nessuna parte, arriveremo a un referendum. Il popolo dovrà…

All’Occidente potrebbe non piacere la pace di Zelensky

Il The Washington Post ha pubblicato la settimana scorsa un articolo che, se letto attentamente, mostra chiaramente come l'Occidente consideri la questione della guerra in Ucraina essenziale per gli equilibri geopolitici dell'Europa. Dall'articolo si apprende infatti che i leader USA e europei non vogliono in alcun modo che Zelensky ceda alle richieste di Putin, poiché altrimenti non avrebbero più alcun tipo di giustificazione per prolungare le pesanti sanzioni economiche che nelle ultime…

Zelensky al parlamento israeliano: “Qui il posto giusto per la pace”

Ieri, domenica 20 marzo, il presidente ucraino Zelensky, proprio come una star sulla cresta dell'onda che rimbalza da uno show televisivo ad un altro, quasi non stesse nel frattempo affrontando l'invasione del suo paese, ha parlato al parlamento israeliano tramite collegamento video - prima volta nella storia che un evento del genere accade. Nel suo discorso, l'ex attore ci ha tenuto da un lato a rimarcare la riluttanza di Israele a vendere il sistema di difesa missilistica Iron Dome…

Putin per ora non vuole incontrare Zelensky

Il sito di notizie turco hurriyet.com.tr ha riportato ieri mattina quelle che sarebbero le condizioni che il presidente Putin avrebbe reso note al leader turco Erdogan per poter incontrare Zelensky. A raccontarci della telefonata tra i due presidenti, il portavoce presidenziale turco İbrahim Kalin. "Negli incontri con Zelenski e Putin, il nostro Presidente ha espresso la sua proposta di porre fine alla guerra e di riunire i due leader in Turchia. Il signor Zelenski è pronto per questo. Putin,…

Tra quanto tempo la Cina si prenderà Taiwan?

La divisione in blocchi del mondo sembra ormai essere diventato un processo irreversibile. Gli Stati Uniti arriveranno al punto di dover gestire la decolonizzazione dei territori che non riescono più oggettivamente a tenere sotto controllo? Finchè non accetteranno la fine del mondo unipolare, il rischio di un conflitto nucleare senza vincitori nè vinti sembra sempre più vivo. Dopo la "questione Ucraina", speriamo proprio che non sarà la "questione Taiwan" a far traboccare il vaso. Le grandi…

Putin a Scholz: irrealistiche le proposte di Kiev

Come riportato dai media nazionali tedeschi e russi, questa mattina è avvenuta una riunione telefonica tra il Cancelliere tedesco Scholz e il leader russo Putin. Secondo i report sulla conversazione, l'oligarca russo ha commentato seccatamente l'andamento dei negoziati, sottolineando che Kiev, nonostante i vari incontri tra le delegazioni diplomatiche, sta avendo un atteggiamento di riluttanza a "scendere a compromessi" avanzando delle "proposte irrealistiche" per rallentare la fine del…

4° round di negoziati tra Ucraina e Russia

È incominciato ieri, lunedì 14 marzo, il 4° ciclo di incontri tra le delegazioni diplomatiche di Russia e Ucraina. I colloqui si stanno svolgendo in formato videoconferenza. Questo il messaggio su Twitter di Mikhail Podolyak, capo dell'Ufficio Presidenziale ucraino https://twitter.com/Podolyak_M/status/1503718859219554312 Al centro dell'incontro, questioni riguardanti lo status dell'ucraina, le condizioni del cessate il fuoco e il riconoscimento del Donbass come regione autonoma.…

Mosca: “La demilitarizzazione dell’Ucraina procede secondo i piani”

Secondo quanto affermato stamattina da Dmitry Peskov, portavoce del presidente della Russia Vladimir Putin, l'operazione militare in Ucraina sta procedendo "entro i tempi preventivamente approvati" dal governo russo e "sarà completata in tempo e per intero". Peskov ha anche sottolineato come l'operazione sia stata pianificata nei dettagli per colpire solo le infrastrutture militari, attraverso l'utilizzo di "armi moderne ad alta precisione". Per questo motivo il Cremlino considera…

Russia fuori dal Consiglio d’Europa

Il Ministero degli Esteri russo Lavrov ha commentato stamattina la fuoriuscita della Russia dal Consiglio d'Europa, sottolineando come il suo Paese non avrebbe partecipato "alla trasformazione della più antica organizzazione europea, il Consiglio d'Europa, da parte della NATO" in "un'altra piattaforma per incantesimi di superiorità occidentale e narcisismo", aggiungendo: "Lasciate che si divertano a comunicare tra loro senza la Russia". Presa di posizione confermata anche dalla senatrice…

Secondo round di colloqui tra Russia e Ucraina

Mentre l'Unione Europea lavora a un quarto pacchetto di sanzioni contro la Russia, come affermato dal Ministro degli Esteri austriaco Alexander Schallenberg, e il prezzo del gas in Europa ha raggiunto un nuovo massimo storico di 2181 dollari per mille metri cubi, secondo i giornali russi oggi, mercoledì 2 marzo, si dovrebbe tenere in serata il secondo round di colloqui tra Russia e Ucraina. Secondo le informazioni della testa TASS, il nuovo round si svolgerà a Belovezhskaya Puscha, sempre in…

Russia – Ucraina: iniziati i negoziati in Bielorussia

Come vi avevamo annunciato ieri, oggi 28 febbraio, le delegazioni diplomatiche di Russia e Ucraina hanno iniziato i negoziati presso la regione di Gomel, al confine tra Ucraina e Bielorussia, volti a porre fine alle ostilità tra i due Paesi. Presenti per l'Ucraina in particolare il Ministro della Difesa, Alexey Reznikov, il capo della fazione del partito Servo del Popolo, ora al governo, David Arakhamia, e il vice Ministro degli Esteri Nikolay Tochitskiy. Per la Russia invece il…

Spiridon Kilinkarov: L’Ucraina è un’operazione americana

Spiridon Kilinkarov, politico ex membro del Partito Comunista d'Ucraina, per 3 volte eletto alla Verchovna Rada - il parlamento unicamerale ucraino -, e oggi residente a Mosca, ha rilasciato venerdì una lunga intervista a ukraina.ru, dove ha analizzato approfonditamente la situazione di escalation di questi giorni, nonchè gli interessi che la sottendono. Come espresso nell'intervista, l'ex deputato è convinto che il motivo di quanto sta accadendo vada ricercato nel 2014, quando l'idea…

Mali: espulso ambasciatore francese

Il 31 Gennaio era stato dato l'avviso alla tv nazionale: "Il governo della Repubblica del Mali informa l'opinione pubblica nazionale e internazionale che oggi l'ambasciatore francese a Bamako, Sua Eccellenza Joël Meyer, è stato convocato dal ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e di essere stato informato della decisione del governo che lo invita a lasciare il territorio nazionale entro 72 ore". Oggi, scaduti i 3 giorni di tempo che la giunta militare al potere in…