Dà fuoco a una banconota CFA per riaccendere il dibattito sulla Francia e sull’Africa francofona

DI LYNSEY CHUTEL QuarzAfrica,com La controversa decisione di un attivista di incendiare una banconota di CFA ha riacceso un dibattito su questa valuta diffusa in parecchi paesi e sull’influenza che la Francia ancora esercita sull’Africa francofona. Il 19 agosto Kemy Seba ha dato fuoco a una banconota da 5.000 CFA ( circa 7 euro), in segno di protesta contro la “Francafrique” – la continuativa influenza politica ed economica della Francia sulle sue ex colonie africane. Seba è stato arrestato dopo …

Leggi tutto »

Il copione

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com Strano è questo Paese, differente da tutte le lande che conosco: magari qualcuno di voi conoscerà altre lande, assai strane per bizzarrie, costumanze, vagheggi, saghe, singolarità, leggende…mai come questa, che ripete i suoi copioni fedelmente, come un amanuense che ricopia con attenzione le medesime storie, alterando solo un poco i personaggi, così da sfoderare sempre una panoplia all’apparenza originale, in realtà intessuta da lamenti antichi, orride quotidianità intrise d’insulso, condite da false perestrojke coperte da nuvole …

Leggi tutto »

Pesci predatori e pesci preda

  PATRICK ARMSTRONG strategic-culture.org Ho trovato utile questa analogia: grosso modo, nel corso dell’ultimo millennio, alcuni paesi si sono comportati come pesci predatori ed altri come pesci preda. Predatori e prede hanno sensi di autostima, comportamenti e visioni completamente diversi su come va il mondo e sulle relazioni internazionali. Come tutte le analogie, è una guida approssimativa: poche nazioni sono state interamente o l’una o l’altra cosa e, per un certo periodo, la superiorità militare aveva permesso a tutti i …

Leggi tutto »

Diciamo che i GILET-GIALLI VOTEREBBERO HITLER?

DI MICHEL ONFRAY Michelonfray.com Se Hitler non fosse mai esistito, è probabile che BHL (Bernard-Henri Lévy)  se lo sarebbe inventato – lui insieme a tutti gli altri europeisti che man mano risalgono in sella, ovunque, continuamente, costantemente, ad nauseam, in tutto quello che fanno pur di screditare gli avversari … Per questo tipo di propagandisti, il mondo è diviso tra chi sta dalla loro parte e difende loro e loro stessi pregiudizi – cioè la crema dell’umanità –  e gli …

Leggi tutto »

“Software manipolabile e affari privati, l’imbroglio di Rousseau”

DI FEDERICO FERRAU’ ilsussidiario.net Si scrive Movimento 5 Stelle, ma si legge “sistema Casaleggio”. Ovvero come si tradisce una rivoluzione. Non perché al governo c’è Di Maio piuttosto che di Battista, ma perché il calcolo e l’inganno hanno dato il benservito al desiderio di rinnovamento e alla passione politica. A dirlo è Marco Canestrari, sviluppatore e blogger. Canestrari seguiva Grillo ovunque, oggi vive e lavora a Londra. Ha visto nascere, per avervi collaborato e lavorato, la macchina organizzativa di M5s. …

Leggi tutto »

Il collasso del Venezuela è una finestra sul tramonto dell’Età del Petrolio

DI NAFEEZ AHMED medium.com Per alcuni, la crisi in Venezuela è relativa alla corruzione endemica [della politica] di Nicolás Maduro, in continuazione con il lascito tradito dell’esperimento ideologico di Chavez nell’ambito del socialismo, sotto la crescente influenza insidiosa di Putin. Per gli altri, si tratta dell’ingerenza anti-democratica in corso degli Stati Uniti, che da anni vogliono riportare il Venezuela – con le sue enormi riserve di petrolio – nell’orbita del potere americano, e ora stanno interferendo nuovamente per indebolire un …

Leggi tutto »

La guerra a fumetti di Peter Jackson

  CHRIS HEDGES truthdig.com Subito all’inizio, il film sulla Prima Guerra Mondiale del regista-produttore Peter Jackson  “They Shall Not Grow Old” [Loro non invecchieranno], che trasforma in modo quasi miracoloso i tremolanti e sgranati filmati d’archivio in bianco e nero dalla guerra in una moderna stravaganza tridimensionale, ci bombarda con i cliché utilizzati per nobilitare la guerra. I veterani, parlando sulla musica di sottofondo, dicono cose come “Non me la sarei persa”, “Rifarei tutto da capo perché mi piaceva la …

Leggi tutto »

Viene dalla Svizzera la soluzione per i pastori sardi

  DI MASSIMO BORDIN micidial.it Il latte dei pastori sardi è sottopagato, a causa della concorrenza sleale. In Svizzera la carne costa invece il 152% in più che nel resto d’Europa. Secondo voi sono più ricchi gi svizzeri, o i sardi? Lo so, fa già ridere così. L’ultimo studio della società di servizi finanziari Credit Suisse ha rivelato che gli svizzeri hanno il patrimonio medio per adulto più alto al mondo: si attesta a 530.240 dollari (pari a 526.700 franchi). …

Leggi tutto »

Il mito del Venezuela che ci impedisce di trasformare la nostra economia

DI ELLEN BROWN truthdig.com La Modern Monetary Theory (MMT) ultimamente sta ricevendo notevole attenzione da parte dei media, dopo che la deputata Alexandria Ocasio-Cortez ha detto in un’intervista che dovrebbe avere “maggiore rilevanza nel nostro dibattito” nel momento in cui si discute di come finanziare il “Green New Deal”. Secondo la MMT, il governo può spendere ciò di cui ha bisogno senza preoccuparsi del deficit. La professoressa Stephanie Kelton, esperta di MMT e consigliera di Bernie Sanders,  dice che il governo …

Leggi tutto »

Il 5S tornerà forte

DI MARCO GIANNINI comedonchisciotte.org Nel giorno in cui mi sono convinto ad acquistare “La fattoria degli animali” di George Orwell, opera che già sento entrerà a far parte della mia “Gestalt”, ho appreso che Luigi Di Maio, il tanto odiato dalla “opulenta macchina del fango” mediatico Luigi Di Maio, ha deciso che alle elezioni europee il M5s non solo si doterà di 10 punti programmatici comuni per una Europa differente (magari simile a ciò che fu la CEE cioè “a …

Leggi tutto »

A VERHOFSTADT E’ PARTITO L’EMBOLO DI LNG. IL ‘BURATTINO’ CONTE NON C’ENTRA

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Non so se qualcun altro l’ha già scritto. La ragione del rabbioso attacco di Verhofstadt a Conte sta esattamente nelle sue parole dal minuto 0:34 al minuto 1:04 qui, ed è un embolo di gas LNG, piuttosto raro fra gli umani, ma non fra quelli come lui. Roba da tanti, ma tanti soldi. Al belga sono rimasti piantati a metà trachea il Venezuela e Putin, e soprattutto la mite posizione italiana su di essi. Per questo …

Leggi tutto »

Dal M5S alla Siria: gli intellettuali italiani non ne azzeccano una

DI ALBERTO NEGRI tpi.it Gli intellettuali italiani, che sciorinano da anni editoriali su Corsera, Repubblica e Stampa si pentono di avere votato i grillini e si accorgono che il Pd ha spianato loro la strada. Ora si svegliano improvvisamente e spalancano gli occhioni come sonnambuli. Ma loro in questi anni dov’erano? Diciamo che per quanto riguarda la politica estera sono degli incompetenti: hanno appoggiato tutte le più devastanti imprese degli americani, compresa la guerra in Iraq nel 2003, e i raid …

Leggi tutto »

Affamare il Venezuela fino alla sottomissione

  ISRAEL SHAMIR unz.com Ma come siete di buon cuore! Ho versato una lacrima pensando alla generosità americana. “Una montagna di deliziose leccornie: sacchi di riso, tonno in scatola e biscotti ricchi di proteine, farina di mais, lenticchie e pasta, il tutto arrivato al confine di un Venezuela in difficoltà; abbastanza roba per un pasto leggero a testa per cinquemila persone,” dicono gli organi di informazione, con sublime riferimento a quei cinquemila che erano stati sfamati dai pesci e dai …

Leggi tutto »

I bombardamenti angloamericani di Dresda fecero più vittime della bomba atomica

DI MARCO PIZZUTI linkiesta.it La maggior parte degli storici tende a minimizzare la gravità dei raid aerei su Dresda del febbraio 1945 nei quali morirono almeno 135.000 persone. La sua distruzione cancellò quasi otto secoli di storia insieme a buona parte dei suoi abitanti Un estratto da “Biografia non autorizzata della Seconda Guerra Mondiale” di Marco Pizzuti: Nel febbraio 1942 Arthur Travers Harris venne nominato comandante in capo del Bomber Command della Royal Air Force e in poco tempo passò …

Leggi tutto »

Parliamo del Tempo

DI ISRAEL SHAMIR Unz.com Fa freddo nel Midwest, fa tanto freddo che Rachel Maddow ha già detto che è tutta colpa del malvagio Putin (“La Russia vi congelerà tutti fino a farvi morire di freddo.”) Fa molto freddo anche in Inghilterra. Mi verrebbe da pensare che questo incantesimo del gelo dovrebbe essere messo sul conto di quella stupidaggine del riscaldamento globale. Ma no, gli adepti della setta di Al Gore non sono così facili dal dissuadersi, sono come quelli della Flat Earth …

Leggi tutto »

Il futuro dell’energia è luminoso, parte III: radiofobia

DMITRY ORLOV cluborlov.blogspot.com Negli ultimi mesi mi sono dedicato in modo particolare alla tecnologia nucleare, per rendermi conto del ruolo che potrà avere per il futuro dell’energia. È un argomento importante perché il futuro dell’energia è il futuro della civiltà: se non si riuscirà a trovare un’alternativa all’energia dei combustibili fossili, allora non ci sarà più civiltà. Tornare a bruciare legna significherebbe anche la scomparsa degli alberi. Se pensate che i generatori eolici e i pannelli solari siano la risposta, …

Leggi tutto »

Brevi appunti di storia sull’immigrazione messicana negli Stati Uniti

DI ALVARO HUERTA informationclearinghouse.info 18 Gennaio 2019 “Clearing House dell’informazione” – Il legame storico degli immigrati messicani con gli Stati Uniti, nello specifico col sud-ovest, distingue la gente di origine messicana dagli altri gruppi di immigrati, specialmente quelli dall’Europa. Mentre si continua a demonizzare gli immigrati messicani e caratterizzarli come “criminali”, “spacciatori”, “stupratori”, “alieni illegali” ed “invasori” dai leader americani e da milioni di cittadini bianchi, essi sono essenzialmente diventati “stranieri nella loro stessa terra.” Nel suo famoso articolo, “The …

Leggi tutto »

UNA POLIZIA IN GIALLO

DI  MICHEL ONFRAY michelonfray.com Non sono mai stato uno di quegli irenisti ( NdT. : pacifisti snob) di sinistra che, eccitati e turbati dal pensiero del 68, sono arrivati a invocare l’apertura delle prigioni, l’odio per la polizia, lo scioglimento dell’esercito, il rifiuto dei servizi segreti, il veto per le carte d’identità biometriche. Senza considerare però che per farsi un’idea della natura umana che escluda i fatti – secondo il desiderio e il metodo di Rousseau che è il padre …

Leggi tutto »

Matteo Salvini vuole che sia lo Stato ad avere il controllo delle riserve auree italiane

  DI MILES JOHNSON ft.com Salvini ha affermato di voler strappare il controllo delle ingenti riserve d’oro italiane dalle mani della Banca Centrale nazionale, in quella che è solo l’ultima di una  serie di minacce all’indipendenza dell’Istituto da parte della coalizione populista al governo. “L’oro appartiene al popolo italiano, e a nessun altro”, ha dichiarato ai giornalisti lunedì. Tali commenti arrivano dopo la richiesta di un cambio ai vertici di Bankitalia, rea di non aver impedito la crisi bancaria del …

Leggi tutto »

Latte Cagliato

DI ANDREA ZHOK facebook.com Ieri si è assistito ad una protesta clamorosa dei produttori di latte ovino sardo. Secondo quanto leggiamo dai giornali, due anni fa il prezzo del latte era di 1,20 euro al litro, l’anno scorso di 85 centesimi, oggi è sceso a 60 centesimi (44 quello di capra). Il problema dipende a quanto pare in prima istanza dalle oscillazioni del prezzo del pecorino romano (in cui confluisce il 60% della produzione di latte ovocaprino), e in seconda …

Leggi tutto »

La lettera prima del suicidio. Michele, 30 anni: “Questa generazione si vendica del furto della felicità”

FONTE: ILFATTOQUOTIDIANO.IT “Se vivere non può essere un piacere, allora non può nemmeno diventare un obbligo”: è uno dei passaggi della missiva con cui un ragazzo di Udine ha motivato la scelta di farla finita. Ecco il testo integrale. Si è tolto la vita perché “stufo” di una esistenza di precariato, schiacciato da una realtà che “non premia i talenti“ e “sbeffeggia le ambizioni”, “tradito” da un’epoca “che lo ha tradito “invece di accogliermi come sarebbe suo dovere fare”. Michele, 30enne …

Leggi tutto »

M5S: un gigante con i piedi di argilla

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org Grande festa oggi per tutto il manistream, perché in Abruzzo ha perso il M5S e ha vinto la Lega. Esultano tutti i media neoliberisti, rappresentati da Gruber, Mentana, Vermigli, Vespa, Merlino, Panella… gongolano i politici dell’ancien régime, come Cacciari, Renzi, Berlusca &C… tripudiano le lobby affaristiche esperte di privatizzazioni, perché Salvini è il loro naturale interlocutore. Esultano dunque i gufi e gli sciacalli della stampa e della politica italiana, per la vittoria in Abruzzo del Cdx, …

Leggi tutto »

Con la vittoria di Mahmood le élite si prendono la prima grande rivincita dopo il 4 marzo 2018

DI ROBERTO ARDITTI huffingtonpost.it Era difficile congegnare un regalo meno efficace alla vulgata sovranista e populista di quello venuto fuori nell’ultima serata del Festival. Vince Mahmood (nato 26 anni fa a Milano da madre italiana e padre egiziano), ma questa potrebbe essere di per sé anche una buona notizia. In fondo in questa vittoria c’è tutta la vitalità di una nuova generazione di italiani che mescolano abitudini, suoni e colori di ogni parte del mondo: italiani di nuovo conio che …

Leggi tutto »

Due Scenari

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com Le elezioni in Abruzzo non hanno raccontato molto sulla politica nazionale, perché ci sono di mezzo antiche questioni clientelari, molte legate al terremoto dell’Aquila del 2009. Rispetto alle precedenti elezioni regionali del 2014, il M5S ha preso circa la stessa percentuale, intorno al 20%: la differenza è che il centro-destra, mediante il “traino” di Salvini, ha spodestato il precedente presidente di centro-sinistra. Capisco che, per chi segue ancora queste vittorie/sconfitte sempre nell’ambito della dicotomia destra/sinistra, possa …

Leggi tutto »

Goodbye al dollaro

  CHRIS HEDGES truthdig.com L’inetta e corrotta presidenza Trump ha dato involontariamente il colpo fatale all’Impero Americano con l’abbandono del dollaro come principale valuta di riserva del mondo. Sempre più nazioni in tutto il pianeta, specialmente in Europa, hanno perso la fiducia che gli Stati Uniti possano agire in maniera razionale e che, anche meno, possano fungere da guida nelle problematiche che riguardano la finanza internazionale, il commercio, la diplomazia e la guerra. Queste nazioni stanno silenziosamente smantellando un’alleanza con …

Leggi tutto »

Elezioni Abruzzo

DI PAOLO BARNARD Ecco cosa succede quando il Meridione capisce che la paghetta promessa dai 5Stelle non era un paghetta manco per la metà del cazzo.   Paolo Barnard Fonte: www.paolobarnard.info Link: https://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=2132 11.02.2019

Leggi tutto »

Quinta Burbank

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. DI LORENZO MERLO Victoryproject In una recente intervista Alain de Benoist risponde così all’ultima domanda, dedicata a come si potrà superare il liberalismo. Breizh-info.com – Quali antidoti, quali alternative esistono, o restano da inventare, perché le nostre società trionfino su questo liberalismo? Alain de Benoist – “Ovviamente non esiste una ricetta miracolosa. D’altra parte, c’è una situazione generale che evolve sempre più rapidamente e che ora mostra i limiti del sistema attuale, che si tratti del …

Leggi tutto »

Alain de Benoist: perché il governo francese non comprende la rivolta dei Gilet Gialli

FONTE: GEOPOLITICA.RU Pensi che si possa già dare un giudizio sulle loro azioni? È troppo presto per trarne uno. Il movimento è in corso e sembra che addirittura ci sia una seconda ondata. Per quasi tre mesi hanno sùbito di tutto: feriti, freddo e brutalità della polizia (emorragie cerebrali, mani a pezzi, mascelle strappate, occhi perforati, piedi pestati). Il mainstream ha tentato di dipingerli come alcolizzati cavernicoli, nazisti (la “peste marrone”) e teppisti, colpevoli di aver rovinato il commercio e …

Leggi tutto »

Una lettera dal carcere di Oristano

DI CESARE BATTISTI carmillaonline.com Un’amica di Cesare Battisti ci inoltra questa sua lettera: Cara dolce (…), dovevi essere tu la prima a perforare questo muro di silenzio (scusami l’italianaccio ma me lo sono dimenticato un po’). Non riuscirò a dire molto, mi è stato detto che sono sottoposto, tra le altre, a una restrizione che neanche loro sanno se è censura o divieto di comunicazione. Ci provo con poche righe e vediamo che succede. Come sai mi trovo in isolamento …

Leggi tutto »

Un altro passo verso l’apocalisse nucleare: gli USA sabotano il Trattato INF

FEDERICO PIERACCINI strategic-culture.org L’amministrazione Trump ha annunciato il 1 ° febbraio che l’America avrebbe sospeso la sua partecipazione al trattato sulle forze nucleari a medio raggio (Trattato INF) per 180 giorni, in attesa di un ritiro definitivo. Vladimir Putin, in un incontro con il Ministro degli Esteri Sergey Lavrov e il Ministro della Difesa Sergey Shoygu, ha annunciato, sabato scorso, che anche la Federazione Russa avrebbe sospeso la sua partecipazione al trattato, rispondendo in modo speculare alla decisione unilaterale di …

Leggi tutto »