Home / Das schloss (pagina 20)

Das schloss

SCORDIAMOCI LA “RIPRESA”

DI JIM KUNSTLERClusterfuck Nation Al rischio di confermare l’accusa più stupida dei miei critici — che sono un “pessimista”– è per dovere di chiarezza che devo chiedere: a quale stato degli affari ci aspettiamo di riprendere? Se la risposta è un ritorno ad un’economia basata sull’ulteriore espansione edilizia suburbana, alla spesa fuori misura con le carte di credito, ai trucchi di debito garantito di routine in campo bancario, e al mentire continuamente a noi stessi su quello che la realtà …

Leggi tutto »

L'ECONOMIA E IL QUADRO GENERALE

DI FELICE PACE Counterpunch Nessuno dei servizi che ho letto sulla crisi economica spiega agli americani qual è il nocciolo della questione, né fornisce una prospettiva storica che vada oltre a riferimenti semplicistici alla Grande Depressione: questo articolo tenta di fornire l’analisi e la prospettiva mancanti. Nel 1948 George Kennan, uno dei maggiori architetti della politica estera statunitense del dopoguerra, dichiarò, con una frase poi divenuta famosa, qual era l’obiettivo principale della politica americana dell’epoca: “Deteniamo circa il 50% della …

Leggi tutto »

MOLTI DATORI DI LAVORO STANNO USANDO LA SCUSA DELLA RECESSIONE

PER FREGARE I LAVORATORI DI DAVE LINDORFF Commondreams Qualunque sia la verità sulla direzione che l’economia sta prendendo, una cosa è certa: i datori di lavoro stanno cogliendo l’occasione per dare un bel taglio ai salariati e, in caso questi siano supportati da sindacati, fare pressione su di essi per ottenere riduzioni dei salari, anche quando manchino valide ragioni. Facciamo l’esempio di Safeway Inc., una catena di supermercati importante in ambito nazionale. L’azienda, con 44 miliardi di dollari di vendite …

Leggi tutto »

ECONOMIA: L'EUROPA DELL'EST STA PER SCOPPIARE

DI MIKE WHITNEY Information Clearing House L’Europa dell’Est sta per scoppiare. Se lo farà, potrebbe portare con sé anche gran parte dell’Unione Europea. E’ una situazione d’emergenza, ma non ci sono soluzioni facili. Il Fondo Monetario Internazionale non ha abbastanza risorse per un intervento di queste dimensioni e la recessione si sta diffondendo più velocemente di quanto gli sforzi per sostenerla possano essere organizzati. I ministri delle finanze e gli operatori delle banche centrali stanno correndo in cerchio cercando di …

Leggi tutto »

INCENDI E RISCALDAMENTO GLOBALE: C' UN LEGAME?

DI DAVID ADAM E ELLEN CONNOLLY The Guardian Gli scienziati credono che l’aumento delle temperature dovuto all’attività umana stia aumentando le probabilità di incendi e inondazioni Gli scienziati sono riluttanti nel collegare singoli eventi meteorologici al riscaldamento globale, in quanto la variabilità naturale porterà sempre ad eventi climatici estremi. Ma dicono che i cambiamenti climatici cambiano le carte in tavola, e possono far accadere più facilmente eventi gravi. Iniziano ad esserci degli studi che dicono quanto il riscaldamento globale abbia …

Leggi tutto »

PEGGIORE DELLA GRANDE DEPRESSIONE

DI KRASSIMIR PETROV GoldSeek.com I media mainstream e Wall Street sono riusciti a convincere che l’attuale crisi del credito è la peggiore dal [Secondo] Dopoguerra. L’affermazione di George Soros, secondo cui “il mondo affronta la peggiore crisi finanziaria dalla Seconda Guerra Mondiale” riassume il giudizio collettivo. La crisi è al momento l’ultimo capro espiatorio di tutti i mali economici che attualmente affliggono il sistema finanziario e l’economia globali – dal crollo dei mercati azionari alla scarsità di cibo nei paesi …

Leggi tutto »

LA GRANDE CRISI FINANZIARIA: UN NUOVO TIPO DI LOTTA STA EMERGENDO

MIKE WHITNEY INTERVISTA JOHN BELLAMY FOSTER Global Research “Il salvataggio attuale del sistema sta avvenendo con i soldi dei contribuenti ma senza che l’opinione pubblica abbia voce in capitolo. E’ perciò necessaria una rivolta per riottenere il controllo popolare della politica economica.” MW: La crisi finanziaria si sta rapidamente trasformando in una crisi politica. Già dei governi, in Islanda e in Lettonia, sono caduti, e il crollo globale sta appena iniziando ad accelerare. Tafferugli e violenza di strada sono esplosi …

Leggi tutto »

ANIMALI TRANSGENICI: IL CIBO GENETICAMENTE MODIFICATO

E’ VICINO ALLA TUA TAVOLA DI MEGAN OGILVIE Toronto Star I maiali, dal pelo rosa pallido ed irsuto, trotterellano attorno al recinto, fermandosi ogni volta per grufolare nei loro giacigli. Grugniscono, strillano ed agitano le loro corte code svolazzanti. A tutti e tre piace una forte grattata sulla groppa. In tutto e per tutto, questi grugnitori dall’ampia schiena sono come gli altri maiali Yorkshire che stanno dall’altra parte della stalla. In tutto tranne per il salmastro letame verde che fuoriesce …

Leggi tutto »

LA PIU' GRANDE ONDATA DI SUICIDI MAI AVVENUTA NELLA STORIA

DI P. SAINATHCounterpunch Il numero di agricoltori che si sono suicidati in India tra il 1997 e il 2007 ha raggiunto ora le 182.936 unità. Quasi i due terzi di questi suicidi si sono verificati in cinque stati (l’India è composta da 28 Stati e da sette Unioni territoriali). Questi 5 grandi stati, Maharashtre, Karnataka, Andhra Pradesh, Madya e Chattisgarh, rappresentano circa un terzo della popolazione dell’intero Paese e i due terzi dei contadini suicidi. In questi stati l’indice di …

Leggi tutto »

DALLA CRISI POTRA' NASCERE L'AMERO:

“IL NUOVO ORDINE MONDIALE INCOMBE SU DI NOI” DA CRYPTOGON.COM Non so voi, ma quando io vedo la frase “Nuovo Ordine Mondiale” sbandierata su tutti i siti principali come se fosse un nuovo sapore di Tic Tac, sono costretto a chiedermi se la gente sa davvero quello che vuol dire. Il Nuovo Ordine Mondiale era una cosa che le persone come me leggevano nei libri che non erano mai disponibili nella libreria locale. Dovevamo ordinarli apposta. (A meno che non …

Leggi tutto »

L'ORDINE MORALE

DI ROBERT DE HERTE grece-fr.net Molte persone tristi si lamentano oggi del fatto che non ci sia “più morale”. Strana tiritera. Non c’è più morale? Ma se mai come ora ci siamo dentro fino al collo! La morale invade ogni cosa, al giorno d’oggi. Ma non è più la stessa. È vero che molti nostri contemporanei si ritengono liberi da qualsiasi regola morale. Quelli che fanno loro la predica si difendono dicendo di non voler “far loro la morale”. Parlano …

Leggi tutto »

SOROS NON VEDE FINE AL COLLASSO DEL SISTEMA FINANZIARIO MONDIALE

P. NICOLACI DA COSTA E J. LAGORIO Reuters New York (Reuters) – Il noto investitore George Soros ha detto venerdì scorso che il sistema finanziario si è effettivamente disintegrato, aggiungendo che non si vede ancora una soluzione a breve termine alla crisi. Soros ha detto che la “turbolenza” è in realtà più severa di quella della Grande Depressione, paragonando l’attuale situazione alla caduta dell’Unione Sovietica. Ha detto che la bancarotta di Lehman Brothers di settembre ha marcato un punto di …

Leggi tutto »

ISRAELE, LE DOTTRINE MILITARI, POLITICHE E IDEOLOGICHE PER IL GENOCIDIO DI GAZA

DI ANTONIO MAIRA inSurGente.org La situazione dei “territori palestinesi” e dei suoi abitanti è di assedio permanente: costruzione di muri divisori da parte di Israele (i due giganteschi muri della vergogna), controllo rigido degli accessi (perquisizioni, blocchi e chiusure delle frontiere); tentativo di resa per fame e sofferenza estrema; conversione delle città e villaggi in campi di rifugiati, tagli d’acqua, elettricità, distruzione degli apparati di bonifica; eliminazione dei servizi sanitari e di tutti i servizi sociali, come le scuole, i …

Leggi tutto »

I TERRORISTI AL SERVIZIO DEI PAESI OCCIDENTALI

DI NAFEEZ M. AHMEDThe Cutting Edge Mi è capitato tra le mani un articolo pubblicato da Kristin Aalen, una storica corrispondente dello Stavanger Aftenbladet (Stavanger Evening News), un quotidiano nazionale norvegese; l’articolo, pubblicato di recente, riguarda le operazioni segrete dell’Occidente che hanno sponsorizzato Al-Qaeda sin dalla fine della guerra fredda…basato quasi per intero sulle mie ricerche esposte in “The War on Truth: 9/11, Disinformation and the Anatomy of Terrorism” (“La guerra alla verità: 9/11, disinformazione e l’anatomia del terrorismo”, ndt). …

Leggi tutto »

E' TEMPO DI CAMBIARE I PARADIGMI ECONOMICI DEL XX SECOLO ?

DI RICHARD HEINBERGThe Ecologist Cento anni fa governavano i mercati: furono create le fortune, i lavoratori venivano abusati, le bolle scoppiavano. La Scuola austriaca di economisti, guidata da Ludwig von Mises, disse che andava bene così: nonostante la temporanea confusione, nessuno sa meglio del mercato. Ma la confusione dei mercati era inaccettabile per i socialisti, alcuni dei quali guidarono la rivoluzione in Russia per stabilire la prima economia controllata dallo stato. Le catastrofi della Grande Guerra e della Grande Depressione …

Leggi tutto »

GLI USA DEVONO SALVARE IL CAPITALISMO DALLE BANCHE

DI JAMES SAFT Reuters L’economista Nassim Nicholas Taleb vuole vedere le banche nazionalizzate. E i banchieri puniti. Nassim Nicholas Taleb, l’autore di “Il cigno nero: l’impatto dell’altamente improbabile”, ha una semplice proposta per, come dice lui, “salvare il capitalismo e il libero mercato dalle banche”. Nazionalizzare le banche, limitare i compensi per coloro che lavorano in quella che egli definisce la parte di “pubblico servizio” [utility] del sistema e avere una seconda gamba completamente non assicurata che possa prendersi tutti …

Leggi tutto »

VALZER CON BASHIR E GAZA: IN ISRAELE IL DISTACCO DALLA REALTA'

E’ LA NORMA DI PATRICK COCKBURNCounterpunch E’ cambiato qualcosa da Sabra e Chatila? Stavo guardando il superbo documentario animato “Valzer con Bashir” che parla dell’invasione israeliana del Libano nel 1982. Esso culmina nel massacro di circa 1700 palestinesi nei campi profughi di Sabra e Chatila a sud di Beirut da parte di miliziani cristiani introdotti lì dall’esercito israeliano che osservava da breve distanza il massacro. Negli ultimi minuti il film passa dall’animazione a crude riprese giornalistiche che mostrano donne palestinesi …

Leggi tutto »

PICCO PETROLIFERO ED ECONOMIA GLOBALE

DI CLIFFORD J. WIRTHSurviving Peak Oil Recenti comunicati stampa segnalano il rapido deteriorarsi dell’economia statunitense: “Preparatevi ad ulteriori tagli,” “Licenziamenti di massa procedono a rapidi passi,” e “Il peggiore crollo economico da un quarto di secolo.” Secondo la Banca mondiale, la recessione del 2008 continuerà nel 2009 e probabilmente anche nel 2010: “Sembra chiaro che a metà 2008 in Europa, Giappone e Stati Uniti si sia manifestata una pronunciata recessione, che si protrarrà nel 2009. In tale situazione non è …

Leggi tutto »

LA NAZIONALIZZAZIONE E' L'UNICA RISPOSTA.

QUESTE BANCHE SONO EFFETTIVAMENTE IN BANCAROTTA” MICHAEL KNIGGE INTERVISTA JOSEPH STIGLITZ Deutsche Welle In una intervista con Deutsche Welle, il premio Nobel per l’Economia Joseph Stiglitz parla di nazionalizzare le banche, del panorama per i paesi in via di sviluppo e del bisogno di un ente regolatore finanziario internazionale. Jospeh Stiglitz ha ottenuto il premio Nobel per l’Economia nel 2001. Sotto la presidenza di Bill Clinton è stato presidente del Consiglio degli Assessori Economici dal 1995 al 1997. E’ stato …

Leggi tutto »

LA CATTIVA NOTIZIA E' CHE SIAMO TORNATI AL 1931,

QUELLA BUONA E’ CHE NON E’ ANCORA IL 1933. DI AMBROSE EVANS-PRITCHARD The Telegraph Barack Obama ha ereditato un’economia che si sta già contraendo ad un tasso annuale del 6%, come accadeva nel 1931, a metà della Depressione (-6,4%), scrive Ambrose Evans-Pritchard. Questo potrebbe battere i risultati di Germania (-7%), Giappone (-12%) e Corea (-22%) nell’ultimo trimestre. Ma ciò sottolinea unicamente i pericoli che ci aspettano mentre il collasso del commercio globale soffoca il mini-boom delle esportazioni americane, facendo esplodere …

Leggi tutto »

SE NON E' FASCISMO ALLORA CHE COS'E'?

DI KHALED AMAYREHAl-Ahram Weakly Senza censura una crescente corrente della politica israeliana chiede lo sterminio dei Palestinesi Da Repubblica, 11 Febbraio: Israele, estrema destra decisiva. Kadima e Likud reclamano la vittoria. Exit poll: il partito di Livni e quello di Netanyahu molto vicini: 30 seggi a 28. Terza forza quella di Lieberman: ora sceglierà chi appoggiare. Il suo nome è Avigdor Lieberman e ci si aspetta ampiamente che sia la maggiore sorpresa delle elezioni israeliane programmate per il 10 febbraio. …

Leggi tutto »

PERCH IL DISSENSO IMPORTANTE

DI JOHN MICHAEL GREER Energy Bulletin L’opzione migliore proprio adesso è di incoraggiare il disaccordo, per promuovere quanti più diversi approcci al futuro possibile Per tutto il mese scorso o giù di lì, questi saggi hanno provato a presentare un’estesa critica della nozione molto comune che insieme possiamo pianificare, e ottenere, il futuro che decidiamo di volere. Ormai, però, quel punto è stato spinto al massimo. Quei miei lettori che hanno capito dove voglio arrivare ce l’hanno fatta, e probabilmente …

Leggi tutto »

IL RITORNO DELL'INCUBO NETANYAHU

DI JOHANN HARI The Independent Netanyahu è l’uomo che ritiene che i palestinesi non abbiano diritto alla terra perchè sono essi che l’hanno “rubata”. Nel 636 dopo Cristo. Israele sta per compiere un errore di giudizio tanto disastroso e mortale quanto l’attacco a Gaza. Sembra che tra pochi giorni [oggi 10 Febbraio n.d.t.] Israele potrebbe eleggere ancora una volta Benjamin Netanyahu alla carica di primo ministro. Questo è un uomo che chiede la violenta rioccupazione di Gaza per “liquidarne” il …

Leggi tutto »

HAMAS NON E' PIU' IL MOVIMENTO RELIGIOSO CHE SI VORREBBE DESCRIVERE

SOREN SEELOW INTERVISTA J.F. PONCET Le Monde Nei giorni successivi alla fine dei bombardamenti israeliani, la Francia sembra avere adottato sulla questione palestinese un atteggiamento più realista rispetto a quello dell’Italia e di altri paesi europei totalmente allineati ad Israele. Tale posizione è testimoniata da un esplicito riconoscimento del ruolo di Hamas, illustrato in questa intervista dal vice-Presidente della Commissione per gli affari esteri del Senato francese. Un ulteriore segno di un atteggiamento meno remissivo rispetto agli altri paesi occidentali …

Leggi tutto »

ISRAELE VUOLE COLONIZZARE PARTE DELL'IRAQ PER REALIZZARE

LA “GRANDE ISRAELE” BIBLICA DI WAYNE MADSEN Wayne Madsen Report E’ noto che gli espansionisti israeliani vorrebbero assumere il controllo totale della Cisgiordania, della Striscia di Gaza , delle alture del Golan (in territorio siriano) ed espandersi nel Sud del Libano, ma ora paiono aver preso di mira anche una porzione dell’Iraq, considerata parte della “Grande Israele” biblica. Israele, secondo alcune fonti, progetta di trasferire migliaia di ebrei curdi -fra cui alcuni espatriati dal Kurdistan iraniano- da Israele nelle città …

Leggi tutto »

LA PBS CONFERMA: LA NATIONAL SECURITY AGENCY POTEVA IMPEDIRE L'11 SETTEMBRE

DAL GEORGE WASHINGTON’S BLOG La NSA intercettava le telefonate di Bin Laden e dei dirottatori ma non ha fatto nulla per impedire gli attentati. Dopo l’11 Settembre il direttore della NSA Michael Hayden, anziché essere allontanato dagli incarichi, è stato chiamato a dirigere la CIA. Ho precedentemente mostrato che il governo aveva ascoltato i piani dei dirottatori dell’11 settembre dalle loro stesse bocche. La PBS sta per confermare ciò. Raw Story riassume le rivelazioni della PBS: L’autore James Bamford ha …

Leggi tutto »

BARACK OBAMA: IL PRIMO PRESIDENTE EBREO DEGLI STATI UNITI

DI JAMES PETRASInformation Clearinghouse Obama chiede a Shimon Peres : “che cosa posso fare per Israele?” Haaretz, 17 Novembre 2008   L’incaricato speciale per i diritti umani delle Nazioni Unite (Richard Falk) ha affermato che la condotta di Israele nei territori palestinesi risulta essere un crimine contro l’umanità. Afferma inoltre che le Nazioni Unite hanno il dovere di attivarsi per proteggere la popolazione Palestinese, che sta subendo ciò che lui definisce una punizione di massa. Falk afferma che il Tribunale …

Leggi tutto »

LE ORIGINI DELLA GUERRA IN AFGHANISTAN

DI VICENC NAVARRO Sistema/Rebelión Come si sarebbe potuta evitare la creazione di Al Qaeda e l’11 Settembre Il nuovo presidente degli Stati Uniti, il Sig. Barack Hussein Obama, ha reso noto che una delle sue intenzioni, è chiedere agli alleati della NATO che aumentino il loro contributo alla guerra d’Afghanistan. Da lì, la necessità che il popolo spagnolo sia informato a riguardo delle origini di questo conflitto. Invece, la maggior parte dei mezzi di comunicazione spagnoli hanno dato una versione …

Leggi tutto »

NON SI PUO' PARLARE DELLA REALTA' DI ISRAELE

OMID MEMARIAN INTERVISTA L’EX AGENTE CIA ROBERT BAER IPS In un’intervista a “IPS” Baer ha parlato delle implicazioni regionali del conflitto di Gaza e delle sue opinioni sulla Guardia Rivoluzionaria Iraniana, su Hamas e sugli Hezbollah, i tre gruppi principali del Medio Oriente che sono annoverati tra i terroristi. A seguire estratti dall’intervista. IPS: Alcuni analisti ritengono che gli attacchi ad Hamas a Gaza, due anni dopo la guerra dei 34 giorni fra Israele e gli Hezbollah, facciano parte di …

Leggi tutto »

LE INFRAZIONI AL CESSATE IL FUOCO: UCCIDERE PALESTINESI NON CONTA

DI ALISON WEIR Counterpunch Per l’ennesima volta i media stanno capovolgendo la cronologia e le responsabilità della violenza a Gaza[1], ma la realtà è che dal 18 Gennaio a oggi Israele non ha mai rispettato il cessate il fuoco. Il 27 gennaio i titoli dei giornali strombazzavano la notizia che i palestinesi avevano rotto l’ultimo cessate il fuoco: una bomba aveva ucciso un soldato israeliano e ferito altre due o tre soldati. Praticamente ogni fonte di informazione riportava questa azione …

Leggi tutto »