Das schloss

LA SVEZIA LIQUIDA I CONTANTI

DI MALIN RISINGThe Chronicle Herald-AP La Svezia è stata il primo paese europeo ad introdurre le banconote nel 1661. Ora è quello più propenso a sbarazzarsene. “Non vedo perché dovremmo ancora stampare banconote”, dice Bjoern Ulvaeus, ex membro del gruppo anni ’70 ABBA, ed a favore di un mondo senza denaro contante. Il profilo di una società di tal tipo si sta delineando in questa nazione ad alta tecnologia, creando frustrazione in chi preferisce monete e banconote al denaro digitale. In …

Leggi tutto »

I PAESI DEL BRICS SFIDANO L'ORDINE MONDIALE

DI MELKULANGARA BHADRAKUMAR strategic-culture.org Il BRICS [acronimo usato per riferirsi a Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica – ndt] è stato un pugno in un occhio per i paesi sviluppati sin dal suo inizio. Il senso di irritabilità sta ora facendo strada ad un’inquietudine che sfiora l’ostilità. È estremamente urgente che il BRICS ottenga una sede ed un nome. In realtà, dal summit di Nuova Delhi non è emerso nulla di esaltante. Tuttavia, nuove tendenze annunciano una potenziale impennata del BRICS. …

Leggi tutto »

DIECI MITI SUL CAPITALISMO

DI LUBOV LULKOPravda.Ru Il capitalismo nella sua versione neoliberale ha sfiancato se stesso. Gli squali della finanza non vogliono perdere i loro profitti, e spostano il peso principale del debito sui pensionati e sui poveri. Un fantasma della “Primavera Europea” sta tormentando il Vecchio Mondo e gli oppositori del capitalismo spiegano alla gente come le loro vite siano state distrutte. Questo è l’argomento dell’articolo di un economista portoghese, Guilherme Alves Coelho. Esiste una nota espressione, cioè che ogni nazione ha …

Leggi tutto »

GLI ECOLOGISTI SONO INTERESSATI A SAPERE CHI CONTROLLA LE RISORSE PETROLIFERE?

DI MARK WEISBROT Sin Permiso Gli ecologisti si stanno rendendo conto di essere interessati a contrasti simili a quello esistente tra l’Ecuador e la Chevron Corporation. L’azienda petrolifera statunitense si è recentemente affidata a un collegio arbitrale internazionale per evitare di pagare una multa di svariati miliardi, promulgata dai tribunali ecuadoriani. La multinazionale dovrà pagare i danni causati dall’inquinamento di cui è responsabile? La maggior parte degli ecologisti pensa che questa sia la cosa più giusta. Cosa dire invece delle …

Leggi tutto »

KOFI ANNAN, PELLE NERA, MASCHERE BIANCHE

DI THIERRY MEYSSAN Voltairenet Sebbene il bilancio del lavoro svolto da Kofi Annan quando era a capo dell’ONU abbia mostrato un successo indiscutibile per quanto riguarda l’amministrazione, la gestione e l’efficienza, in campo politico ci sono critiche assai numerose. Come segretario generale, Kofi Annan ha adattato l’ONU al mondo unipolare e alla globalizzazione dell’egemonia statunitense. Ha messo in dubbio la base ideologica dell’Organizzazione e l’ha privata della sua forza per evitare e prevenire possibili conflitti. Malgrado ciò, è stato scelto …

Leggi tutto »

EUROPA, A TE LA SCELTA: RIBELLATI CONTRO LE BANCHE

O ACCETTA LA SCHIAVITÙ DEL DEBITO DI CHARLES HUGH SMITH OfTwoMinds.com È esplosa la bolla europea del debito, e la rivalutazione del rischio e del debito non può essere rimessa dentro alla bottiglia Europa, la questione è veramente semplice: o ti ribelli contro le banche o accetti decenni di schiavitù dai debiti. Tutte le milioni di parole pubblicate sulla crisi europea del debito possono essere distillate in una manciata di dinamiche molto semplici. Una volta che le abbiamo capite la …

Leggi tutto »

GENERALI AMERICANI PREOCCUPATI PER POSSIBILI DISORDINI

LEGATI ALLA CRISI DELL’EURO A CURA DI AFP.COM Un funzionario militare USA di alto livello, il Generale Martin Dempsey ha detto venerdì di essere “straordinariamente preoccupato” per la stabilità dell’euro a causa della possibilità di disordini civili e della rottura dell’Unione Europea. “L’eurozona è a grave rischio”, ha detto ai giornalisti il comandante del Consiglio degli Stati Maggiori [Joint Chiefs of Staff N.d.t.], affermando che non è chiaro se le misure intraprese sino a oggi “riusciranno a essere la colla …

Leggi tutto »

GLI AGRICOLTORI PAGANO IL PREZZO DELLA CRESCITA INDIANA

DI VANDANA SHIVAAsia Times NEW DELHI – La terra è vita. È la fonte di sostentamento primaria per i contadini e per coloro che vivono nei Paesi del Terzo Mondo e sta divenendo anche il bene primario di maggior importanza all’interno dell’economia globale.   Man mano che la domanda di risorse cresce, a causa della globalizzazione, il problema della terra sta emergendo, trasformando la stessa in chiave di volta, nonché causa di conflitto. In India il 65% degli abitanti dipende …

Leggi tutto »

I PROGETTI DI ESTRAZIONE SULLA LUNA PRESTO NON SARANNO PI FANTASCIENZA

DI HENRY GASS The Ecologist Potrebbe non passare molto da quando inizieremo a trivellare la luna per le sue risorse, in particolare per il raro Elio-3 usato nella fusione nucleare. Miliardi di tonnellate di risorse, dall’acqua ai gas, ai metalli, sono stati individuati sulla Luna e anche in altre parti dello spazio, e sia il governo che delle aziende private stanno spulciando la legislazione in materia per stabilire come raggiungerle, estrarle e distribuirle. Si sa da tempo che l’isotopo Elio-3 …

Leggi tutto »

MONSANTO E LA GATES FOUNDATION SPINGONO GLI OGM IN AFRICA

DI MIKE LUDWIGTruth-out.org Sbirciare la sezione Agricultural Development del sito di Bill e Melinda Gates è un’esperienza edificante: contadini africani che sorridono, in un gioioso slide show che alterna alle immagini descrizioni dell’impegno profuso dalla fondazione per combattere fame e povertà. Eppure, gli attivisti della biosicurezza definiscono il programma finanziato dalla Gates Foundation un ‘cavallo di Troia’, finalizzato ad aprire la via al settore agro-alimentare privato e all’introduzione di sementi geneticamente modificate, tra cui un tipo di mais resistente alla …

Leggi tutto »

IL BENE NON TRIONFA E NON C’ GIUSTIZIA

DI RANDY SHIELDS Dissident Voice Il film “Blow Out” di Brian De Palma 30 anni dopo. Il 21 luglio scorso è ricorso il trentennale dell’uscita del thriller politico-cospirativo “Blow Out” diretto da Brian De Palma, che ha come protagonisti John Travolta, Nancy Allen e John Lithgow. La critica elogiò De Palma per l’abile intreccio di riferimenti ad altri registi, film ed eventi realmente accaduti, ma il pubblico si spense davanti al devastante e triste finale. Come profano del cinema, non …

Leggi tutto »

VINCITORI E PERDENTI NELLA FUTURA LOTTA GLOBALE PER L’ENERGIA

LA NUOVA GUERRA DEI TRENT’ANNI DI MICHAEL T. KLARE TomDispatch Ci sarà una guerra di trent’anni per il predominio energetico ? Una prospettiva devastante per il nostro pianeta, ma purtroppo sembra inevitabile. Fra il 1618 e il 1648, l’Europa fu dilaniata da una serie di violenti conflitti noti nel loro insieme come la Guerra dei Trent’Anni. Si trattò in gran parte del sanguinoso confronto fra un sistema imperialista e i nuovi stati-nazione che si andavano formando. Secondo gli storici, il …

Leggi tutto »

LA MORTE DEL GIORNALISMO

DI CHRIS HEDGES Truthdig Ho visitato la Hartford Courant quando ero uno studente liceale. Era la prima volta che mi trovavo in una sala stampa. La sala stampa del quotidiano del Connecticut, grande quanto un palazzo, era piena di file di scrivanie di metallo, in gran parte sovrastate da mucchi di giornali e di blocchi di appunti. I giornalisti battevano furiosamente sulle pesanti macchine da scrivere poste tra intrecciati cavi telefonici, portacenere traboccanti, tazze da caffè sporche e cumuli di …

Leggi tutto »

USA E CINA: GRANDE GIOCO IN AFRICA E ASIA ORIENTALE

DI DANIELE SCALEA Presentiamo qui un estratto dal libro “La Sfida Totale – Equilibri e strategie nel grande gioco delle potenze mondiali” (Fuoco Edizioni) di Daniele Scalea, gentilmente concesso dall’autore in esclusiva a Comedonchisciotte. “La Sfida Totale” è un interessante trattato di geopolitica che, a partire da una esposizione delle teorie geopolitiche classiche (Mackinder, Haushofer, Spykman), propone una lettura coerente e dettagliata degli avvenimenti mondiali degli ultimi anni. Un argomento chiave del ‘grande gioco’ geopolitico nei suoi risvolti di politica …

Leggi tutto »

GUERRA ALLA LIBIA: SOLO UN ALTRO INTERVENTO PER SALVARE LE BANCHE

DI NICK EGNATZIntrepid Report Quattro giorni prima che il presidente Obama annunciasse la decisione unilaterale di far guerra alla Libia sotto le mentite spoglie di un intervento umanitario NATO per proteggere le vittime civili, l’Unione Africana si era riunita in Etiopia per discutere la proposta del presidente libico Gheddafi di unire il continente africano e i paesi arabi in una confederazione che si sarebbe chiamata Stati Uniti d’Africa [1]. Ma né il presidente USA né la ben addomesticata stampa nazionale …

Leggi tutto »

ISRAELE E PALESTINA: ECCO LA VOSTRA RESISTENZA NON VIOLENTA

DA “THE ECONOMIST” Sono ormai tanti anni che sentiamo i commentatori Americani lamentarsi della violenza del movimento nazionale Palestinese. Se solo i Palestinesi avessero imparato la lezione di Gandhi e Martin Luther King, sentiamo dire, avrebbero il loro stato da un pezzo. Sicuramente, nessun governo Israeliano avrebbe soppresso brutalmente un movimento di liberazione Palestinese non violento, in cerca solo dell’universalmente riconosciuto diritto all’autodeterminazione.

Leggi tutto »

PICCO DEL 35% DI MORTALIT INFANTILE DOPO L'INCIDENTE DI FUKUSHIMA

NELLE CITTÀ DEL NORD-OVEST DEGLI USA DI JANETTE D. SHERMAN E JOSEPH MANGANO Counterpunch Il drammatico aumento dei decessi infantili negli Stati Uniti è il risultato della ricaduta radioattiva di Fukushima? I bambini negli Stati Uniti stanno morendo a un ritmo sempre maggiore. E anche se gli Stati Uniti spendono miliardi di dollari per l’assistenza medica, dal 2006 si classificano ventottesimi al mondo per la mortalità infantile, spendendo più del doppio rispetto alle nazioni che si trovano agli ultimi posti …

Leggi tutto »

BANCA MONDIALE: L’ECONOMIA IRANIANA SULLA GIUSTA STRADA

DI KAVEH L AFRASIABI Asia Times Sebbene la questione della “crisi economica” in Iran sia uno dei luoghi comuni tra le critiche rivolte al regime, attualmente, la Banca Mondiale e l’Economist Intelligent Unit stanno valutando positivamente le scelte fatte dal governo iraniano relative all’adozione di politiche macroeconomiche intelligenti e a crescenti rendite petrolifere. Tali risultati derivano da tagli, potenzialmente rischiosi dal punto di vista politico, a determinate sovvenzioni, da un certo rigore finanziario, dal mantenimento di solide riserve internazionali, dalla …

Leggi tutto »

CHI SI PRENDER LE BARRE RADIOATTIVE DI FUKUSHIMA?

DI YOICHI SHIMATSU 4th Media Beijing Lo smantellamento della centrale nucleare 1 di Fukushima è ritardato da un solo problema: dove smaltire le barre di combustibile di uranio? Molte di queste sono estremamente radioattive e parzialmente fuse, alcune contengono plutonio, un elemento altamente letale. Assieme al combustibile fissile all’interno dei sei reattori, ci sono più di sette tonnellate di barre esaurite che devono essere rimosse e poste in un sito di stoccaggio permanente prima che i lavoratori seppelliscano sotto il …

Leggi tutto »

POSSIAMO STACCARE LA SPINA AGLI AMERICANI?

DI PAUL CRAIG ROBERTS Information Clearing House La saga ininterrotta di bin Laden “Matrix è un sistema, Neo. E quel sistema è nostro nemico. Ma quando ci sei dentro ti guardi intorno e cosa vedi? Uomini d’affari, insegnanti, avvocati, falegnami… le proiezioni mentali della gente che vogliamo salvare. Ma finché non le avremo salvate, queste persone faranno parte di quel sistema, e questo le rende nostre nemiche. Devi capire che la maggior parte di loro non è pronta per essere …

Leggi tutto »

INTERVISTA CON IL PROGETTISTA DEL LOGO NUCLEARE? NO, GRAZIE

DI UGO BARDI Cassandra’s legacy La versione originale, in danese, del logo “Energia nucleare? No, grazie”, che è stato creato nel 1975 da Anne Lundberg e Søren Lisberg. Ecco alcuni commenti e un’intervista con Lisberg su questa interessante storia di un periodo di opposizione al nucleare”pre-Chernobyl”. In circa tre decenni, dai primi anni del 1950 ai primi anni del 1980, la percezione pubblica dell’energia nucleare ha fatto un’inversione completa. Inizialmente, l’energia nucleare veniva considerata una grande speranza per il futuro, …

Leggi tutto »

UNA NUOVA BRETTON WOODS PER UNA MONETA BASATA SUI DTS?

DI PASCAL ROUSSEL Mondialisation.ca Il signor Soros, celebre miliardario, ha dichiarato il 10 aprile 2011 nel corso di una conferenza a Bretton Woods, organizzata dall’“Institute for New Economic Thinking”: “E’ evidente che la priorità delle autorità è quella di prevenire il cedimento del mercato e che ogni altra cosa deve venire in secondo luogo” (1). Quindi il mercato rischia di crollare? In un articolo pubblicato sul Japan Time nel novembre 2009 lo stesso Soros ha esposto la sua visione di …

Leggi tutto »

BILL CLINTON CHIEDE UN “MINISTERO DELLA VERIT” PER INTERNET

DI PAUL JOSEPH WATSON Prison Planet.com Nonostante abbia espresso la sua idea con una retorica spiritosa, amichevole e democratica, Clinton sta sostenendo la creazione di un circuito mediatico guidato in stile cino-comunista. Mr. Bill ‘non ho avuto rapporti sessuali con quella donna’ Clinton, l’uomo che consciamente ha mentito alla nazione in diretta televisiva dall’alto dello scandalo Monica Lewinsky, ha chiesto la creazione di un’organizzazione stile ‘Ministero della verità’ per Internet, che sarebbe gestita dal governo federale o dall’ONU per rispondere …

Leggi tutto »

GAZA ASSEDIATA: LA TESTIMONIANZA DI UN CHIRURGO

DI SILVIA CATTORI E CHRISTOPHE OBERLIN silviacattori.net Intervista con il professor Christophe Oberlin “Cronache di Gaza 2001-2011” è uno di quei libri scioccanti che non lasciano indifferenti. In un susseguirsi di capitoli molto brevi, l’autore, il chirurgo francese Christophe Oberlin, rivela a poco a poco, con un linguaggio semplice e sobrio, la commovente umanità di un popolo e il coraggio con cui affronta l’assedio imposto dall’occupazione coloniale di Israele con la vile complicità della comunità internazionale e dei nostri principali …

Leggi tutto »

IO UN CONSUMATORE?

DI ELLEN DANNIN Truthout.org Dove sono finite tutte le persone? Per non parlare dei cittadini, degli esseri umani, dei vicini, degli abitanti, di individui, uomini, donne, adulti, bambini, lavoratori, impiegati, datori di lavoro… Improvvisamente, ovunque, spariti, tutti. Il loro posto è stato preso dai consumatori. Non è una questione di destra o sinistra. La National Public Radio (NPR), la meno schierata, ha usato questo termine. In un discorso al Congresso, il liberale Economic Policy Institute (EPI) ha detto che i …

Leggi tutto »

QUANTO SONO SICURI I TUOI ALIMENTI?

OGM, MALATTIE LEGATE AL CIBO E BIOTECNOLOGIA Una rassegna della relazione del GRAIN sulla Sicurezza Alimentare DI RADY ANANDA Global Research Il gruppo di ricerca GRAIN ha pubblicato una lunga relazione, “Food Safety for Whom? Corporate Wealth vs Peoples’ Health” [“Sicurezza Alimentare per Chi? La Ricchezza delle Imprese contro la Salute Pubblica” ndt], che mostra come i governi e le multinazionali sfruttino la sicurezza alimentare per manipolare il controllo e l’accesso al mercato. Invece di migliorare la sicurezza del cibo, …

Leggi tutto »

MEMORANDUM SEGRETI SVELANO LEGAMI TRA DITTE PETROLIFERE E INVASIONE DELL'IRAQ

DI PAUL BIGNELL The Independent Alcuni documenti rivelano l’esistenza di progetti che sono stati discussi dai ministri governativi e dalle maggiori compagnie petrolifere mondiali un anno prima che il Regno Unito assumesse un ruolo guida nell’invasione dell’Iraq. Queste annotazioni, rivelate qui per la prima volta, sollevano nuove domande sul coinvolgimento della Gran Bretagna nella guerra, una questione che aveva diviso il gabinetto di Tony Blair e che era stata approvata solo dopo che il premier britannico affermò che Saddam Hussein …

Leggi tutto »

VERDE, IL COLORE DEI SOLDI

DI JEFFREY ST. CLAIRCounterpunch Da Greenpeace a Greenwash: un racconto conciso dell’ascesa e del crollo dell’establishment ambientalista Nel corso dell’ultimo quarto di secolo, Greenpeace è passato dall’essere uno dei gruppi ambientalisti più radicali a diventare la porta d’ingresso nel mondo delle multinazionali. Aver lavorato un periodo per Greenpeace sembra diventare un requisito sempre più richiesto dai manager di alto livello delle Agenzie Pubblicitarie. Greenpeace ha già visto la defezione di un proprio dirigente, Patrick Moore, passato alla Timber Industries (grande …

Leggi tutto »

LA TERRIBILE RIVOLUZIONE

IL NEOLIBERISMO È UN RISCHIO PER LA SALUTE PUBBLICA ? DI BEN WINEGARD E CORTNE JAI WINEGARD DissidentVoice.org Era il migliore dei tempi, era il peggiore dei tempi… Charles Dickens La rivoluzione neoliberale, che iniziò negli anni Settanta, ha prodotto una diseguaglianza sociale mai vista dalla Gilded Age [1]. Nel periodo 1942 – 1978 il 10% più influente della società deteneva circa il 33% del benessere nazionale. Attualmente la percentuale di benessere del 10% al top costituisce il 47%. Ancor …

Leggi tutto »

UCCISA LA FOTO DI OSAMA, IL BABBO NATALE DEL MALE

Nella confusione ci lascia le penne anche il certificato di nascita di Obama (o viceversa?) di Roberto Quaglia Roberto.info Chi non muore si rivede – dice il detto. E chi lo ha mai rivisto Osama negli ultimi dieci anni, dopo quei due o tre antichissimi video riproposti migliaia di volte dalla libera stampa occidentale? Era già morto parecchie volte ed in modi diversi, nelle opinioni espresse negli anni da Benazir Bhutto (primo ministro del Pakistan), Pervez Musharraf (presidente del Pakistan), …

Leggi tutto »