Home / Archivi etichette: lavoratori

Archivi etichette: lavoratori

La Francia è profondamente spaccata. I Gilet Gialli sono solo un sintomo

    DI CHRISTOPHE GUILLUY theguardian.com Dagli anni ’80 in poi è risultato chiaro che c’era un prezzo che le società occidentali avrebbero dovuto pagare per adattarsi a un nuovo modello economico e che tale prezzo consisteva nel sacrificio della classe lavoratrice. Nessuno ha pensato che la ricaduta avrebbe colpito anche il grosso della classe medio-bassa. Ora è ovvio, comunque, che il nuovo modello non ha indebolito solo le fasce proletarie ma la società nel suo insieme. Il paradosso è …

Leggi tutto »

Dipendenti, vi aspetta una cura da cavallo

DI MASSIMO BORDIN micidial.it C’è stato un periodo della storia – il periodo più lungo della storia dell’umanità – nel quale i cavalli avevano tantissime cose da fare. Venivano impiegati per trasporti di uomini e alimenti, calessi e carrette. In guerra, come in pace. Oggi, per vedere un cavallo bisogna andare all’ippodromo, al maneggio o al circo. La stragrande maggioranza degli occidentali non ha mai avuto a che fare con un cavallo, gli risulta completamente inutile, se non per attività …

Leggi tutto »

“Guardali! Non sanno di essere già morti!”. (La gente comune, dimenticata da Dio e dal libero mercato)

  DI SLAVOJ ZIZEK rt.com L’automazione della produzione crea una sfida per l’umanità: cosa fare con quelli “lasciati indietro” dal progresso? Nelle serie tv, come Leftovers, il tema viene affrontato più o meno sempre allo stesso modo: l’Armageddon si sta avvicinando e Dio porta a sé i privilegiati per salvarli dai futuri orrori. Ma cosa succede se tentiamo di leggere il fenomeno dal punto di vista di un economista? È un caso che solo coloro che non sono stati in …

Leggi tutto »

Il nazismo senza baffetti

DI FRANCO BERARDI BIFO operaviva.info Nei decenni culminanti della modernità considerammo il Nazismo un fenomeno estinto, passato, cancellato dalla storia. Per tranquillità lo definimmo Male Assoluto, e non se ne parla più. Identificando il nazismo con Auschwitz abbiamo finito per accettare Gaza, pensando: quello che accade è terribile, ma non è mica Auschwitz. Stiamo tranquilli. Il nazismo è diventato una sceneggiatura fosca che assolve preventivamente la violenza coloratissima della democrazia capitalista. Ma ora poco alla volta cominciamo a capire che …

Leggi tutto »