Categoria

Unione Europea

Non Performing House

di Guido Salerno Aletta teleborsa.it Si legge di una direttiva della Unione Europea, in fase di avanzata elaborazione, volta ad accelerare la riduzione dei consumi energetici negli immobili, imponendo una serie di vincoli alla loro circolazione: a partire da una certa data, ci sarebbe il divieto di venderli o di affittarli se non hanno almeno una determinata classe energetica. La misura entrerebbe in vigore dal 2030 per gli immobili di classe energetica G e poi dal 2033 per gli immobili…

Draghi taglia e l’Europa loda (ma non basta…)

Di ConareRivolta.org Come prevedibile, anche in queste settimane il ‘Governo dei migliori’ guidato da Mario Draghi sta proseguendo pedissequamente nel percorso di riforme previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR): a fronte di poche risorse elargite dall’Unione Europea, largamente insufficienti a far ripartire un’economia falcidiata dalla crisi, il Governo ha accettato la via della piena adesione alle condizionalità europee, definitivamente istituzionalizzate attraverso…

Arriva il divieto di vendere o affittare casa se non è green

Di Carlos Arija Garcia, laleggepertutti.it Un po’ di anni fa, in Spagna, c’era uno spot tv in stile Pubblicità Progresso che diceva: «Risparmia energia. Anche se puoi permetterti di sprecarla, il Paese non può». Ecco, la Commissione europea rispolvera questo principio. Solo che non lo fa sotto forma di consiglio o di raccomandazione ma come una vera e propria imposizione: risparmia energia o non guadagnerai più un centesimo dal tuo immobile. Che significa? Che arriva il divieto di vendere o…

La riforma fiscale del Governo Draghi: cambiare poco per cambiare male

Di ConiareRivolta.org Da mesi ormai si parla con toni da grande attesa dell’imminente riforma fiscale studiata dal governo Draghi. Nel suo discorso programmatico in Senato del 17 febbraio scorso, Mario Draghi spese parole enfatiche, ma assai vaghe nei contenuti, per annunciare le intenzioni di intervenire in modo energico sul fisco: “in questa prospettiva” affermava Draghi, “va studiata una revisione profonda dell’Irpef con il duplice obiettivo di semplificare e razionalizzare la struttura del…

Controllo dei capitali e nazionalizzazioni: gli anticorpi contro il capitalismo globalizzato

INTRODUZIONE Di Jacopo Brogi, ComeDonChisciotte.org Pubblichiamo un articolo di analisi storico politica ed economica de L'OrdineNuovo.it. L'Ordine Nuovo è stato un periodico fondato a Torino il 1º maggio 1919 da Antonio Gramsci, Palmiro Togliatti, Angelo Tasca e Umberto Terracini. Cessò le pubblicazioni nel 1922. Oggi è un sito di informazione indipendente. Il contributo che segue si distingue non solo per la marcata connotazione ideologica, che a tratti puo' sembrare desueta, ma…

Privatizzazione dei servizi, un furto senza destrezza

Di Carlo Clericetti, MicroMega Il provvedimento sulla concorrenza è pessimo quanto ci si poteva aspettare. Disegna un settore pubblico a cui è praticamente vietato gestire qualsiasi cosa, anche i monopoli naturali. Il suo compito deve essere esclusivamente quello di stabilire le regole e controllare: poco importa che l’esperienza abbia dimostrato chiaramente che questo surrogato del mercato non ha funzionato quasi mai, è costoso e può portare a disastri come quello del Ponte Morandi. E quando…

Addio alle spiagge italiane: hanno vinto le multinazionali

Di Jacopo Brogi, ComeDonChisciotte.org Le spiagge italiane saranno molto presto date in pasto ai grandi gruppi multinazionali. L'Unione Europea ce lo chiede da anni. E in data 5 novembre us. aveva dato l'ordine: E' importante che l'Italia agisca rapidamente in modo che la legislazione e le pratiche sulle concessioni balneari siano conformi alla legislazione europea e la giurisprudenza della Corte di giustizia (1). L'Italia dell'ex banchiere centrale Mario Draghi esegue, ma senza metterci la…

Si scrive “Riforme”, si legge “tagli”

Di Coniarerivolta.org Anche stavolta, il tempo poteva essere galantuomo, ma non lo è stato. Mentre assistiamo ad un decisivo cambio di passo nel percorso di riforme in chiave neoliberista, le ultime notizie sul fronte dell’entità del sostegno pubblico all’economia non lasciano particolari dubbi su quale sarà l’atteggiamento dell’esecutivo Draghi in tema di politiche di bilancio per i prossimi anni. Come nostro solito, procediamo per gradi e cerchiamo di comprendere cosa sta accadendo in questi…

Riforma UE: scontro tra capitali nazionali e ripresa degli avanzi primari

Di Domenico Moro/L'ordinenuovo.it A seguito della pandemia sono state sospese le regole europee del Patto di stabilità e crescita che impongono il limite superiore del deficit al 3% sul Pil e quello del debito al 60% del Pil, per permettere agli Stati di far fronte alla crisi più grave dalla fine della Seconda guerra mondiale. Di conseguenza il deficit e soprattutto il debito dei Paesi europei sono aumentati notevolmente. In particolare, il debito pubblico è arrivato nella zona euro a una…

La ricerca secondo il PNRR: poca, precaria e funzionale alle imprese

Di ConiareRivolta.org Uno dei temi su cui il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) pone maggiormente l’enfasi è quello della ricerca, considerata un volano “per lo sviluppo di una economia ad alta intensità di conoscenza, di competitività e di resilienza” (p. 171). Belle parole, che tuttavia, ad un’accorta disamina del PNRR, nonché ad una critica considerazione del perimetro entro cui gli interventi si svilupperanno, nascondono delle pericolose insidie. Tanto per cominciare, il…

I passaporti vaccinali sono arrivati, grazie a Google e all’UE

PrivacyToGo off-guardian.org Il 30 giugno 2021, il blog di Google Developers ha annunciato il lancio dei passaporti vaccinali per Android tramite la sua API Passes. Meno di 24 ore dopo, l'Unione Europea, da tempo impantanata in un mare di standard nazionali per i pass vaccinali digitali, ha lanciato il suo passaporto vaccinale valido a livello europeo. Due schemi di passaporto vaccinale completamente diversi, annunciati nello stesso giorno e validi in tutto il mondo occidentale? Quali…

La sanità gestita dagli economisti del PNRR. Servono nuove “idee guida”

La gestione aziendalista della vita è ormai il pilota automatico che, se non fermato, farà schiantare un' intera umanità. Con estrema inerzia, lasciamo fare tutto ai tecnici, a "quelli che ne capiscono"; affidiamo a scienziati, economisti, ed ai loro calcoli, previsioni, "consulenze" e linee guida, il controllo del nostro presente. Anche la salute è in mano agli economisti: si sono radunati in 16 provenienti dalle più prestigiose facoltà italiane, tra cui la Bocconi, per elaborare proposte per…

Grecia: retorica europeista vs informazione statistica

Da Canale Sovranista Nel 1981 la Grecia entrava a far parte della CEE (comunità economica europea), lo scorso 27 maggio è stato organizzato un evento per “festeggiare” il 40° anniversario. Fra gli oratori c’era anche Charles Michel, il presidente del consiglio europeo, che se n’è uscito con queste deliranti dichiarazioni: Since you, Greece, formally joined our common Europe, which had always been yours, you have known the best years in your history. They have permanently…

Austerità e riforme: il Piano di Draghi è servito

Di ConiareRivolta.org Dopo una lunga attesa, la nuova versione del Piano di Ripresa e Resilienza (PNRR) firmata dal premier Draghi è finalmente tra noi. Si tratta del programma di investimenti che il Governo deve presentare alla Commissione europea entro la fine di aprile per poter spendere la quota italiana del Next Generation EU, lo strumento che l’Europa ha messo in campo per rispondere alla crisi da Covid-19. Mentre la stampa ci racconta di una straordinaria capacità programmatica dei…

Euro: carestia monetaria per il popolo, abbuffata di denaro per l’élite finanziaria

Di Megas Alexandros e Pepito Sbazzeguti, ComeDonChisciotte.org Per chi ancora non comprende come è gestito l’euro e per identificare meglio coloro che sono interessati a conservarlo ad ogni costo, ecco una breve lettura che ne descrive le disfunzionalità. Raccontiamo come la Banca Centrale Europea, acquistando titoli di debito, non solo non risolve i problemi economici dei Paesi appartenenti all’Eurozona bensì agevola la concentrazione della ricchezza reale a favore di pochi, senza rimuovere…

Pfizer si accaparra il mercato europeo dei vaccini COVID con un contratto da 1,8 miliardi di dosi

Prof Michel Chossudovsky globalresearch.ca Introduzione Il 14 aprile 2021, la presidente della Commissione europea ha confermato che Bruxelles sta negoziando un contratto con Pfizer per l'acquisto di 1,8 miliardi di dosi del suo vaccino a mRNA. Questa astronomica quantità corrisponde al 23% della popolazione mondiale. È esattamente quattro volte la popolazione dei 27 stati membri dell'Unione Europea (448 milioni, dati 2020). Questo è il più grande programma di vaccinazione nella…

L’Unione Europea prepara l’apartheid per i “non vaccinati”

Il Giornale di Udine ilgiornalediudine.com Nel Continente che ha inventato la democrazia e l’idea stessa di libertà individuale, si prepara una terribile regressione culturale, giustificata dalle esigenze legate alla “tutela della salute”. Il governo europeo, o meglio sarebbe ormai dire tedesco-europeo, vista la preponderanza della Germania su ogni decisione che ci riguarda, compresa la nostra salute, ha deciso che da giugno la libertà di viaggiare sarà vincolata ad un “passaporto…

L’Ue lentamente avanza verso gli Stati Uniti d’Europa

«Minata l’indipendenza della magistratura». Cosa nasconde l'attacco europeo alla Polonia? di Andrew Tettenborn, The Spectator Quando nel 2005 fu discussa la proposta di una Costituzione per la UE, molti nel Regno Unito e altrove nell’Unione sentirono puzza di bruciato. Sembrava un tentativo di forzare i governi nazionali verso i nascenti Stati Uniti d'Europa. I francesi e gli olandesi la pensavano così: e essendo costituzionalmente garantito un referendum sulla questione, entrambi fecerto…

MMT Italia: uscire dall’Unione Europea e dall’Euro si può

Come rimuovere la catena che preclude all’Italia libertà e benessere Di Filippo Lucchese, mmtitalia.info Uscire dall’euro e dall’Unione Europea si dovrebbe, ma non si può; è su questa affermazione che si è da tempo arrestato il dibattito “ufficiale” su un tema così centrale per il futuro economico, sociale e politico dell’Italia. Si tratta di una tendenza registrata ben prima che la stucchevole ondata di conformismo europeistico indotta in questi ultimi giorni sospendesse di…