Fulvio Scaglione

Sono nato nel 1957 e ho iniziato con il giornalismo professionale nel 1981. Dal 2000 al 2016 sono stato vice-direttore di Famiglia Cristiana. Corrispondente da Mosca dopo la perestrojka, viaggiatore in Medio Oriente. Ho scritto anche questi libri: "Bye Bye Baghdad", "La Russia è tornata", "I cristiani e il Medio Oriente", "Il patto con il diavolo", "Siria - I cristiani nella guerra", "C'era una volta la Siria".

Migranti: il disastro dell’emergenza permanente (1)

migranti

Michela Murgia, sul La Stampa, ha commentato da par suo e con onestà il fallimento della manifestazione convocata a Roma, con tanto di Bonino, Saviano, Manconi e altri nomi illustri, per chiedere la dismissione degli accordi con il Governo della Libia e l’apertura di canali umanitari per i migranti. Duecentocinquanta manifestanti al più, scrive la Murgia, che aggiunge: “Non c’è più Matteo Salvini a fare il ministro degli Interni… sulla sedia del Viminale siede una donna (Luciana Lamorgese, perché non …

Leggi tutto »

La UE e il sovranista della porta accanto

Adesso è il momento del respiro di sollievo, dei tanti soldi, del “chi ha vinto e chi ha perso”, delle ironie sulla tigna dei Paesi “frugali”. E va bene così. Quando l’adrenalina sarà calata, però, bisognerà riflettere sul vero senso dello snervante summit europeo di Bruxelles, quello da cui l’Europa è uscita con un Recovery Fund da 750 milioni di euro e l’Italia con la promessa di una dote anti-Covid da 209 miliardi (dei quali 127 in prestiti, condizionati e …

Leggi tutto »

Fake news, social e neonazi: una storia ucraina che ci riguarda tutti

neonazi

Nel silenzio totale dei nostri media (ma va?), si dipana in Ucraina una storia che invece meriterebbe attenzione, perché ci riguarda tutti. Si tratta di questo. Un più che rispettabile sito di giornalismo d’inchiesta, Zaborona, ai primi di giugno  pubblica un articolo su Denis Nikitin, un neonazista russo che da qualche anno si è trasferito in Ucraina. Nikitin, che in origine si era segnalato come un hooligan del calcio, è oggi considerato una delle figure più pericolose dell’ultradestra in Europa. Non …

Leggi tutto »

USA E CINA, ADESSO E’ GUERRA

guerra

Quando entra in ballo il Pentagono, la parola da usare è guerra. Che non sarà magari quella dei fucili e dei cannoni ma sarà comunque una guerra, senza esclusione di colpi. Dalle parti della Casa Bianca, infatti, sono comparse nelle scorse settimane due liste. Una “bianca”, compilata dal Dipartimento di Stato, e una “nera”, compilata appunto dal Pentagono. Le due liste sono complementari. Quella del Dipartimento di Stato elenca i buoni, quella del Pentagono i cattivi.

Leggi tutto »

Silvia Romano e l’Italia degli ipocriti

Silvia Romano

In un Paese normale (giacché i Paesi evoluti sono ancora un’altra cosa) l’11 maggio, giorno in cui Silvia Aisha Romano è rientrata in Italia dopo essere rimasta per un anno e mezzo nelle mani dei sequestratori somali, dovrebbe essere dichiarato giorno di vergogna nazionale. Era già difficile immaginare che il rientro della ragazza avrebbe provocato reazioni tanto mediocri. Ma era proprio impossibile immaginare che sia la politica sia l’opinione pubblica avrebbero a tal punto confuso gli aspetti individuali e quelli …

Leggi tutto »

RASLAN, BOIA DI ASSAD O AMICO DEI RIBELLI?

Raslan

Fulvio Scaglione Comedonchisciotte.org Qualche giorno fa, la corte regionale di Coblenza (Germania) ha avviato i lavori del processo a carico di Anwar Raslan, 57 anni, e di Eyad al-Gharib, 42 anni, siriani, ex ufficiali delle forze di sicurezza di Bashar al-Assad, ora accusati di crimini contro l’umanità, stupro e omicidio. I due erano in servizio nella prigione di Damasco chiamata Branch 251, sulla Baghdad Street. Raslan, più alto in grado, avrebbe diretto la tortura di 4 mila persone tra l’aprile …

Leggi tutto »

NATO E VIRUS, IL FRENO A MANO DI TRUMP

Trump e logo NATO

Fulvio Scaglione Comedonchisciotte.org Il Coronavirus scardina gli equilibri politici, mette in discussione le alleanze più consolidate e prende a picconate l’economia. In Europa e negli Usa. Perché, allora, la Nato è così poco coinvolta? Non vi aspettereste anche voi di vedere, nei cieli ora disertati dai voli civili, stormi di C130 impegnati a distribuire sostegno ai Paesi più colpiti?  Certo, la Spagna ha apertamente e direttamente chiesto aiuto all’Alleanza Atlantica (invocando 450 mila respiratori, 500 mila test rapidi per la …

Leggi tutto »