Davide

CHARLIE SHEEN VUOLE LA VERITA’ SULL’11 SETTEMBRE

DI ALEX JONES E PAUL JOSEPH WATSON PrisonPlanet L’attore chiede una vera commissione d’inchiesta, che esamini e colleghi le credibili testimonianze di alcuni soldati ed eminenti figure pubbliche. L’attore Charlie Sheen ha riunito un gran numero di militari e di figure di grande credibilità pubblica per chiedere la verità sui fatti dell’11 settembre 2001, e una nuova commissione d’inchiesta indipendente che faccia luce sulle circostanze che hanno determinato quell’attacco. Negli ultimi anni in molti hanno evidenziato i loro dubbi circa …

Leggi tutto »

BROGLI ELETTORALI, DUE INCHIESTE CONGIUNTE (PARTE PRIMA)

DI GIULIETTO CHIESA E FRANCESCO DE CARLO Violazione della privacy, intercettazioni illegali, rivelazione di segreto d’ufficio. Tra servizi deviati e polizie parallele, come emergono dal “caso Storace”, Telecom Italia si trova coinvolta in un’oscura vicenda di spionaggio politico. Proprio ora che si appresta a mettere le mani su un piatto molto succulento: la gestione elettronica delle elezioni. Il 9-10 aprile infatti i voti di 10 milioni di italiani verranno scrutinati da operatori presenti nei seggi, inseriti in un pc e …

Leggi tutto »

THE WAR LOVERS

DI JOHN PILGER (Traduzione di Curzio Bettio di Soccorso Popolare di Padova) Ho imparato che gli innamorati della guerra, nelle situazioni effettive di guerra, di solito sono inoffensivi, eccetto che verso se stessi. Sono stati affascinati dal Vietnam e dalla Cambogia, dove le droghe erano abbondanti. La Bosnia, con la sua roulette di morte, è stata un’altra prediletta. Alcuni potrebbe dire di essersi trovati in quei posti “per raccontare al mondo”; quegli onesti potrebbero dire che amavano quelle situazioni. “La …

Leggi tutto »

LA BORSA IRANIANA DEL PETROLIO IN EURO

DI UGO BARDI Si parla molto in questi giorni della “borsa iraniana del petrolio” che il governo iraniano avrebbe in programma di aprire per commerciare il petrolio iraniano in euro piuttosto che in dollari. Si dice che l’apertura di questa borsa potrebbe essere un “casus belli” sufficiente per gli Stati Uniti per attaccare l’Iran. Sotto certi aspetti, queste preoccupazioni non sono prive di logica. L’abbraccio (quasi mortale) fra dollaro e petrolio è qualcosa che va avanti dai primi anni ’70, …

Leggi tutto »

BOT, RENDITE, TASSE E FOLCLORE PREELETTORALE

DI CARLO GAMBESCIA La polemica sulla tassazione dei bot tra Berlusconi e Prodi indica purtroppo che la campagna elettorale ha toccato il suo punto più basso. In termini di disinformazione e folclore preelettorale. Dinsinformazione: i bot (buoni ordinari del tesoro) vissero una vera e propria epoca d’oro negli anni Ottanta. In pratica, i governi del pentapartito (socialisti + democristiani + laici vari) li usavano per finanziare il debito pubblico e garantirsi il consenso sociale dei ceti medi. Negli anni Novanta, …

Leggi tutto »

DOPO IL 10 APRILE

DI GIULIETTO CHIESA Supponiamo che il 10 aprile Berlusconi sia stato sconfitto. L’11 il cosiddetto centro-destra non esisterà più. I lanzichenecchi non sono in grado di restare insieme senza un capo. E Berlusca sarà un padrone (sempre che non scappi alle Bahamas) comunque potente, ma non più un capo. Le orde barbariche dei suoi avvocati non potranno occupare gli scranni di una maggioranza e saranno costrette a sciamare nei tribunali, dove potranno fare danni limitati anche perché il ministro della …

Leggi tutto »

LA STRATEGIA DI ACCERCHIAMENTO DEL PENTAGONO

DI BILL GERTZ The Washington Times Il Pentagono sta collocando bombardieri strategici, portaerei e sottomarini a GUAM, nell’Oceano Pacifico, nell’ambito di una nuova strategia di “accerchiamento” tesa a preparare un conflitto con la Cina: questo è quanto emerso ufficialmente ieri al Pentagono.Peter Rodman, assistente del Segretario alla Difesa per la Sicurezza nazionale ha detto alla Commissione Congressuale che la risposta militare alla minaccia cinese è una parte della strategia di sicurezza nazionale della Casa Bianca. Sebbene le relazioni tra Stati …

Leggi tutto »

IL PRINCIPALE CAMPO DI BATTAGLIA NELLA GUERRA GLOBALE PER LE RISORSE

DI MIKE WHITNEY E’ impossibile comprendere gli scopi dell’amministrazione Bush senza dare un’occhiata ad una mappa geografica. Nel gergo militare ci si riferisce a tutto il Medio Oriente e all’Asia Centrale con il termine di CENTCOM, ossia il principale campo di battaglia nella guerra globale per le risorse. Questa regione si estende dal Sudan nel sud al Kazakhstan nel nord; dall’Egitto ad ovest al Pakistan ad est. In essa si trova la maggior parte delle rimanenti risorse del pianeta e …

Leggi tutto »

TUTTO IL MONDO E' BIDONVILLE DI VIRUS, KAMIKAZE E CATASTROFI

Intervista a Mike Davis* Alcuni apostoli della globalizzazione inneggiano alla nascita di un ceto medio globale prodotto dalla deregulation, il libero scambio e la tecnologia. Lei invece vede profilarsi un pianeta tutto di bidonville. Come si possono riconciliare queste visioni parallele della realtà? «In moltissimi casi questi ceti medi che spuntano in giro per il mondo sono prodotti non dall’allargamento e dalla crescita della ricchezza sociale complessiva, bensì da trasferimenti ai danni dei poveri del Terzo mondo operati attraverso, ad …

Leggi tutto »

E IL GRANDE GIOCO CONTINUA: LA RUSSIA, HAMAS E IL MEDIO ORIENTE

DI URI AVNERY Uri Avnery definisce la decisione del presidente Vladimir Putin di parlare ad Hamas come una “mossa geniale” che riporta la Russia sulla scena politica mediorientale. Sostiene che, mentre gli Stati Uniti e l’Europa si sono autoimposti una camicia di forza nell’ostracismo verso Hamas, “Putin si è servito lucidamente dello scalpello affilato della logica, e ha fatto la sua prima mossa”, creando un’opportunità per sciogliere l’impasse politica e, “soprattutto… annunciando il rientro della Russia nel Grande Gioco”. “Se …

Leggi tutto »

SADDAM ZITTITO PER AVER ACCUSATO GLI USA DEGLI ATTENTATI IN IRAQ

Uno dei processi show termina in anticipo, ed un altro inizia. DI PAUL JOSEPH WATSON/Prison Planet.com Dopo l’assassinio di Slobo Milosevic che ha evitato ai veri massacratori della Serbia, Wes Clark e Bill Clinton, di essere processati, all’inizio della testimonianza di Saddam Hussein il giudice gli ha spento il microfono e ordinato ai gionalisti di non tener conto dei commenti di Saddam riguardo al fatto che la guerra civile in Iraq è deliberatamente alimentata dagli USA. Nelle scorse settimane abbiamo …

Leggi tutto »

LA GUERRA SEGRETA CONTRO IL POPOLO INDIFESO DELLA PAPUA OCCIDENTALE

DI JOHN PILGER Nel 1993, io ed altre quattro persone viaggiammo clandestinamente a Timor Est per raccogliere prove del genocidio commesso dalla dittatura indonesiana. L’assordante silenzio su questo minuscolo paese era tale che l’unica mappa da me trovata prima di partire aveva degli spazi bianchi per “Raccolta di Dati Incompleta”. Pochi luoghi erano stato così contaminati e brutalizzati da forze sanguinarie. Nemmeno Pol Pot era riuscito a mandare all’altro mondo, in proporzione, tante persone quante aveva fatto il tiranno indonesiano …

Leggi tutto »

SLOBO VIVE! I SERBI ASPETTANO, LA SINISTRA ITALIANA RANTOLA

In morte di Slobodan Milosevic, nell’anniversario del crimine Nato DI FULVIO GRIMALDI, Mondocane Fuorilinea Ho tra le mie foto più preziose, sopra il televisore, una con Slobodan Milosevic. Siamo a casa sua, la residenza di Stato del presidente della Jugoslavia, ormai “Piccola Jugoslavia”, sulla collina di Dedinje in vista del Danubio ed è il 27 marzo 2001. Fuori dalla villa, amici e militanti del Partito Socialista contengono una piccola folla che sbraita contro colui che ormai è l’ex-presidente, destituito più …

Leggi tutto »

LA BORSA DI NEW YORK DIVENTA GLOBALE: LA CILIEGINA SULLA TORTA

DEL GOVERNO MONDIALE DI JOAN M. VEON Mercoledì prossimo la Borsa di New York, la più grande del mondo, fondata 213 anni fa, verrà quotata in borsa. L’obiettivo è quello di costituire un capitale per poter rastrellare azioni in tutto il mondo. Queste operazioni sono il segno di una nuova fase nella costituzione di un nuovo ordine mondiale. Mentre le borse di tutto il mondo vengono quotate in borsa, la Borsa di New York è l’ultima delle società private senza …

Leggi tutto »

GUERRA O PACE/GUERRA E PACE

DI JAMES PETRAS Introduzione Il problema della guerra e della pace evoca molte risposte contraddittorie. Per gli ideologi e i militaristi di Washington, la “pace” si può assicurare mediante il consolidamento di un impero mondiale che a sua volta implica…il proseguimento della guerra per tutto il pianeta. Per gli ideologi ed i portavoce politici delle aziende multinazionali, il funzionamento del libero mercato, unito ad un uso selettivo della forza imperiale in determinate circostanze strategiche, può assicurare pace e prosperità. Per …

Leggi tutto »

BERLUSCONISMO DI DESTRA E DI SINISTRA

DI ANDREA CINQUEGRANI Se vince il centrodestra vince Berlusconi. Se ha la meglio il centrosinistra rischia di continuare il berlusconismo». Questa la lucida analisi di Achille Occhetto in vista del voto di aprile. Continua l’ex leader pci-pds, settant’anni appena compiuti: «Purtroppo il governo D’Alema ha fatto da apripista, svolgendo tutte le azioni preparatorie, dalla riforma della scuola e del mercato del lavoro, fino alla stessa devolution, poi portate a compimento con gli scempi del governo polista. Insomma, la cavalleria prima …

Leggi tutto »

IL PIANO DI RUMSFELD PER SPIARE I TUOI FIGLI

Il Database Del Pentagono Non Risparmia Nessun Ragazzo DI MIKE FERNER Diversi comitati di cittadini in tutti gli Stati Uniti stanno combattendo per limitare la presenza dei militari nelle scuole. Mandare i propri reclutatori a bazzicare nei café delle high-school è solo uno dei tanti metodi utilizzati dal Pentagono per sommergere i nostri ragazzi con messaggi del tipo “Entra nell’Esercito!!!” Dal 2002 il Ministero della Difesa ha speso circa mezzo milione di dollari l’anno per sviluppare un database descritto come …

Leggi tutto »

LE MULTINAZIONALI SACCHEGGIANO LE RISORSE BIOLOGICHE AFRICANE

Europa press Secondo la denuncia di un’inchiesta congiunta statunitense e sudafricana pubblicata nei giorni scorsi dal giornale londinese “The Indipendent”, decine di multinazionali biotecnologiche e case farmaceutiche occidentali si stanno impossessando illegalmente di risorse biologiche africane per sviluppare nei loro laboratori prodotti molto lucrativi i cui benefici non tornano al paese d’origine, violando con ciò la Convenzione sulla Biodiversità dell’ ONU. La ricerca rivela che le multinazionali rastrellano tutto il continente africano in cerca di campioni tanto di piante come …

Leggi tutto »

LA 'MONTAGNA D'ORO' E GLI 'AVIDI'

DI MICHEL COLLON Confrontate l’inizio e la fine di questo articolo apparso il 25 febbraio in un grande quotidiano…Si tratta di arroganza incredibile, o di sincera franchezza rivelatrice? Le Soir, 25 febbraio, la settimana finanziaria: « La voglia di darsi un gran daffare attanaglia in modo assoluto, quando si sta seduti su una grande montagna d’oro. Le imprese europee, in questi due ultimi anni, avevano accumulato un tale tesoro che era inevitabile cercassero di impiegarlo. E di colpo, questa settimana …

Leggi tutto »

STRATEGIE NON VIOLENTE AL SERVIZIO DELL'IMPERO

La parabola di Gene Sharp (nella foto), dal gruppo Abele alla CIA. Ha messo le teorie ecopacifiste a disposizione del pensiero neocon per abbattere i regimi “sgraditi”.   DI FABIO GIOVANNINI Sulla nonviolenza è in corso da tempo un dibattito intenso, nella sinistra italiana. Pochi sanno, però, che i metodi dell’azione nonviolenta sono stati messi da anni al servizio dell’espansionismo americano.   Fin dagli anni 80 i movimenti pacifisti italiani hanno discusso molto di un testo in tre volumi scritto …

Leggi tutto »

L'OLIMPO DEGLI DEI DI USO QUOTIDIANO

E LA STUPIDITA’ DEI MISTERI MORTALI DI CARMINE R. VIOLA “Ai nostri giorni i lavoro-dipendenti guardano ai datori (compratori) del lavoro come a delle divinità (anche se non lo vogliono ammettere) e, per quanto male ne dicano, aspirano sempre di trovarne qualcuno che li liberi dalla disoccupazione e dia loro la possibilità di vivere – insomma di essere sfruttati secondo l’uso e la legge.” Non so quanti fossero gli dèi dell’olimpo pagano. Erano certamente tanti se a distanza di decenni …

Leggi tutto »

TANZI E CALVI, STESSA STORIA VENT'ANNI DOPO ?

Ci sono delle inquietanti somiglianze tra il crack Parmalat e quello del Banco Ambrosiano. Innanzitutto i due protagonisti, Tanzi e Calvi: entrambi religiosissimi e legati a doppio filo con gli ambienti vaticani. Poi il modo in cui le due aziende sono state depredate delle loro risorse, a seguito di spericolate operazioni sudamericane, eseguite ed occultate attraverso società offshore nei vari paradisi fiscali e, quindi, abbandonate al loro tragico destino. Sia Tanzi che Calvi hanno generosamente finanziato i loro protettori politici …

Leggi tutto »

UNA DENUNZIA NEL SILENZIO

DI FRANCO CARDINI “Il nostro compito è quello di convincere tutti i paesi democratici a seguire l’America nella diffusione della libertà, che è l’unico modo per avere il benessere” Silvio Berlusconi In questo paese, in Italia, nel marzo del 2006, sta accadendo l’incredibile. Sta accadendo sotto gli occhi di tutti e nella generale indifferenza: al massimo, lo si fa oggetto di qualche miserabile speculazione elettorale alla vigilia della competizione del 9 aprile prossimo. Ma il problema è serio e inaudito. …

Leggi tutto »

SIAMO ALLA VIGILIA DI UNA CRISI PLANETARIA SENZA PRECEDENTI ?

DI CIELILIMPIDI John Perkins oggi è uno scrittore di successo. Per dieci anni dal 1971, lavorò per una società di consulenza americana la Chas. T. Main. Il suo lavoro consisteva nel convincere i responsabili dei paesi in via di sviluppo nei quali operava (Less Developed Countries – LDCs) ad accettare ingenti prestiti da Banca Mondiale e Fondo Monetario e mettere in cantiere immensi progetti infrastrutturali. Questi progetti di fattibilità erano sempre e volutamente gonfiati, presupponendo ritmi di sviluppo vertiginosi e …

Leggi tutto »

VI SPIEGO PERCHE' L'IRAN NON E' UNA MINACCIA

La questione nucleare DI IMMANUEL WALLERSTEIN La ragione per cui gli Stati Uniti in particolare sono così agitati per il potenziale armamento nucleare iraniano è che la diffusione delle armi nucleari ai cosiddetti paesi medi chiaramente riduce la forza militare americana. Ma questo non significa che minacci la pace del mondo. Allora dovremmo preoccuparci di un’invasione dell’Iran da parte degli Stati Uniti o di un attacco israeliano? In realtà no, perché gli Usa adesso non hanno la forza militare da …

Leggi tutto »

PROGRAMMA D'EVASIONE

DI MARCO TRAVAGLIO Bastava una riga, una sola riga in 281 pagine di programma dell’ Unione. Una riga che dicesse: “Saranno abrogate tutte le leggi vergogna e/o ad personam approvate fra il 2001 e il 2006”. Purtroppo, in quella specie di Treccani dalla copertina gialla partorita dai cervelloni del centrosinistra, quella riga non c’è (in compenso si parla di “rigorosa distinzione di funzioni fra magistratura giudicante e inquirente”, in perfetta continuità con la controriforma Castelli). Il verbo “abrogare” non compare …

Leggi tutto »

LA CAMPAGNA DI ISLAMFOBIA IN EUROPA

La recente crociata lanciata dal presidente del Senato Marcello Pera in presunta difesa dei valori occidentali, che solca le acque mosse dalla provocazione del leghista Calderoli, si inquadra in una campagna islamofobica paneuropea che è stata messa a punto da Bernard Lewis (nella foto), professore della Princeton University. Lewis, nato in Inghilterra è un prodotto dell’Arab Bureau ed è uno dei massimi controllori di Benjamin Nethanyahu, di cui è stato consigliere anche ufficialmente. Bernard Lewis è stato spesso ospitato come …

Leggi tutto »

DIETRO AL CASO ENEL-SUEZ, LE SCELTE DI UN GOVERNO

La risposta francese alla politica filo-Bush di Berlusconi DI BENITO LI VIGNI Il governo francese, con grande reattività, ha stroncato sul nascere le velleità dell’Enel annunciando la fusione tra Suez e Gaz de France, destinata a rendere vana un’Opa ostile del gruppo elettrico italiano sul gruppo privato d’oltralpe, che controlla la belga Electrabel. Per rendere certo e immediato lo schiaffo francese all’Italia il premier Dominique de Villepin s’è perfino impegnato a cambiare la legge per autorizzare la privatizzazione di Gaz …

Leggi tutto »

SERENI E SICURI

Avevamo rapporti ottimi con il mondo arabo. Ma il governo di Mastrolindo li ha rovinati DI BEPPE GRILLO Con un autoblindo su un vaporetto dirottato, un commando di terroristi padani aveva occupato il campanile di S. Marco, vi ricordate? Da lassù gridavano: “Italiani, fermi tutti! Siete circondati!”, e tiravano fette di polenta. A salutarli come eroi però non furono i degenti del manicomio locale ma diversi ministri, capeggiati da Bossi, che li chiamava “Serenissimi”. E serenissimi eravamo anche noi, quando …

Leggi tutto »

MORTE DI UN PROFESSORE

In questo momento c’è un’operazione sistematica per assassinare gli Iracheni che criticano l’occupazione. DI HAIFA ZANGANA (Scrittrice ed ex prigioniera del regime di Saddam Hussein) In una lettera ad un amico europeo, Abdul Razaq al-Na’as, professore universitario sui cinquant’anni, descriveva il suo dolore per la morte di alcuni suoi amici e colleghi uccisi. La sua lettera concludeva: “Mi chiedo chi sarà il prossimo!”. Fu lui. Il 28 gennaio, al-Na’as lasciò in macchina il suo ufficio all’Università di Baghdad. Due macchine …

Leggi tutto »