Home / Davide (pagina 4)

Davide

Obiettivo finale: rovesciare Trump. Preparatevi

DI MARCELLO FOA Il Cuore Del Mondo Ma cosa sta succedendo negli USA? Per capirlo bisogna ripercorrere in rapida sequenza i primi 5 mesi della presidenza. Trump inizia come un presidente di rottura, che nel suo discorso inaugurale traccia degli obiettivi e una visione del ruolo degli Stati Uniti nel mondo antitetici rispetto ai suoi predecessori. Come prevedibile, la reazione dell’establishment è durissima: manifestazioni di piazza, giudici che bloccano decisioni presidenziali, l’intelligence che soffia sul fuoco del Russiagate alimentando lo …

Leggi tutto »

L’immenso viaggio e il miliardo di euro da dare

DI MIGUEL MARTINEZ kelebeklerblog.com Come sapete, di Repubblica parlo spesso, volentieri e male. Ma questa volta c’è un articolo straordinario su una delle questioni fondamentali dei nostri tempi: le centinaia e centinaia di migliaia di giovani maschi africani che rischiano la vita, e spessissimo la perdono, per arrivare in Europa. Quando un giornalista d’Occidente cerca di raccontare storie d’altri, sappiamo che di mezzo c’è una marea di storie, un’infinità di mondi orali che esulano da ogni comprensione dell’idiota medio iperletteralizzato delle parti …

Leggi tutto »

Schiavitù 2017

DI PETER KOENIG thesaker.is Quando nel XVIII e XIX secolo gli schiavi africani non si “comportavano bene”, venivano picchiati con ferocia, qualche volta a morte, in modo che fossero di monito agli altri. Erano privati del cibo per le loro famiglie. Le donne venivano violentate. Erano venduti a padroni bianchi ancora più severi. Le loro vite valevano quanto il valore del lavoro che potevano rendere. Erano trattati come oggetti, senza calore umano. Oggi siamo tutti diventati schiavi: schiavi del potere …

Leggi tutto »

Macron messo a gestire la fine dell’euro ma non del pauperismo

FONTE: COMIDAD.ORG Era irrealistico credere che il sistema bancario francese lasciasse gestire la fine, più o meno prossima, dell’euro a Marine Le Pen. Come pure era irrealistico ritenere che, una volta che il sistema bancario francese avesse confezionato un candidato, non lo conducesse poi alla vittoria con largo margine tramite qualsiasi mezzo. Questi “mezzi” potrebbero rimanere per sempre segreto di Stato, anche se in epoca di software informatici non ci vuole un grande sforzo di immaginazione. Il “sovranismo” sconta quindi …

Leggi tutto »

In un giorno, tre storie rivelatesi false

FONTE: MOON OF ALABAMA È giorno di fake news. Tre storie che stanno facendo il giro dei media, tutte basate su false premesse. Corea del Nord, Siria e Trump ne sono gli obiettivi. 1. Il Wall Street Journal afferma con un titolo #fakenews che i bit del computer-code nel recente ransomware WannaCry sono identici a quelli usati nel 2014 per hackerare la Sony (attacco falsamente imputato alla Nord Corea). Ricercatori trovano un indizio che collega il virus ad un gruppo …

Leggi tutto »

Le nostre oligarchie spiegate ai più volonterosi

DI NICOLAS BONNAL dedefensa.org Parliamo di oligarchie in Francia, in America e in Francia. Vediamo di che si tratta, perché questo concetto greco è vecchio come la luna. Nel suo libro sui partiti politici ( VI parte, capitolo secondo) il leggendario Robert Michels riprende (e non stabilisce) a partire dai teorici Mosca e Taine,  la sua tesi sulla legge ferrea delle oligarchie. E così scrive  nell’edizione del 1914: “Gaetano Mosca asserisce che un ordine sociale non è possibile senza una …

Leggi tutto »

Sulla natura del popolo (Le mie eterne dispute con Noam Chomsky)

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Visto cosa il popolo ha fatto? La UE e l’Eurozona, l’Economicidio, la Chemiotassazione, l’olocausto greco, ora sono cementati sotto il peso inamovibile dei tedeschi e FRANCESI, il voto del… … popolo. Eterne le mie dispute con Noam Chomsky sulla natura del popolo. Io: il popolo è per natura meschino, egoista, ignorante. Inutile educarlo. Dal Nicaragua, al Cile, alla Francia, all’Ucraina, la gggènte è quello che Emile Zola descrisse ne “Il Ventre di Parigi”. Porci idioti. Infatti …

Leggi tutto »

Washington sta preparando un first strike nucleare sulla Russia. Siete pronti a morire ?

DI PAUL CRAIG ROBERTS informationclearinghouse.info “Cinquanta anni fa, le strade di Leningrado mi hanno insegnato una cosa: se una lotta è inevitabile, devi colpire per primo” – Vladimir Putin In 1984 di Orwell, le notizie non conformi al Grande Fratello vengono gettate nel Buco della Memoria. Nella reale distopia in cui attualmente viviamo in America, le informazioni non vengono invece neanche riportate. Il 26 aprile – 16 giorni fa – il Tenente Generale Viktor Poznihir, vicecapo della Direzione Operazioni Principali …

Leggi tutto »

Virus made in Usa (Epidemia NSA)

DI GIAMPAOLO ROSSI L’Anarca EPIDEMIA NSA La storia di WannaCry, il virus informatico che da venerdì sta contagiando decine di migliaia di computer in oltre 90 paesi del mondo in quello che è considerato il più grave attacco hacker della storia, merita di essere raccontata nei suoi particolari; perché non è un semplice attacco hacker, ma un’epidemia informatica scoppiata per responsabilità dei Servizi d’Intelligence Usa. Nell’Ottobre 2016 un gruppo di hacker che si firma “Shadow Brokers” penetra nell’archivio informatico della …

Leggi tutto »

Le regole di Sauron a Washington

DI PAUL CRAIG ROBERTS strategic-culture.org “Il problema è che il mondo ha dato retta agli americani per troppo maledetto tempo” – Il Dr. Julian Osborne, dalla versione cinematografica del 2000 del libro di Nevil Shute del 1957, On the Beach Un lettore mi ha chiesto perché i neoconservatori spingono verso una guerra nucleare se non ci possono essere vincitori. Se tutti muoiono, a che serve? La risposta è che i neoconservatori credono che gli Stati Uniti possano vincere con un …

Leggi tutto »

Addio, Oliviero

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.it Conobbi Beha una sera di tanti anni fa, in una Torino uggiosa, circoncisa dalla nebbia ed immersa in quell’umidore che t’attanaglia la pelle e ti strema il respiro. Eravamo una cinquantina d’anime dannate che sognavano una “Repubblica dei Cittadini”, qualcosa di molto diverso dai cybernauti che oggi vanno per la maggiore: un po’ per fideismo, un po’ per depressione e sfiducia. Uscivamo a fumare fuori, dalle parti del Palazzo delle Facoltà Umanistiche – terra di Bobbio …

Leggi tutto »

Tunnel con rifiuti radioattivi crolla – nessuna soluzione in vista

FONTE: MOON OF ALABAMA La riserva nucleare di Hanford, nello stato di Washington, è forse uno dei siti più inquinati negli Stati Uniti. È costituita in parte dalle rovine di PUREX, un impianto di estrazione di uranio e plutonio, utilizzato sin dalla seconda guerra mondiale e per tutta la guerra fredda per creare armi nucleari. Estrarre plutonio da un combustibile di uranio già usato è un processo chimico che lascia scorie altamente inquinanti. Martedì vi si è verificato un grosso …

Leggi tutto »

Euro-crack: l’Italia è ora in prima linea

DI FEDERICO DEZZANI federicodezzani.altervista.org Sfumato lo scenario di una conflagrazione “politica” dell’Unione Europea sull’onda di una vittoria elettorale di Marine Le Pen, tornano alla ribalta le forze centrifughe di natura economica: l’Italia si trova adesso in prima linea. Gli allarmanti dati su debito pubblico, disoccupazione, crescita e sofferenze bancarie, suggeriscono che la situazione, complice la prossima instabilità politica, possa precipitare anche prima del rialzo dei tassi da parte della BCE: è quasi certo che, come nel bollente autunno del 2011, Mario Draghi …

Leggi tutto »

I segreti nascosti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sulle radiazioni

DI ROBERT HUNZIKER counterpunch.org Immaginate questo scenario: l’Organizzazione Mondiale della Sanità (“OMS”) è profondamente coinvolta ai più alti livelli in un occultamento dell’impatto e dei pericoli delle radiazioni ionizzanti e sta volutamente nascondendo la verità al pubblico. Una storia agghiacciante! Dopo tutto, l’intera comunità mondiale dipende dall’OMS, in quanto organizzazione indipendente che dovrebbe informare il grande pubblico sui pericoli per la salute ed essere d’aiuto nei periodi di crisi, non nascondere verità cruciali agli occhi dell’opinione pubblica. Sta di fatto …

Leggi tutto »

Venezuela, quei giovanissimi pagati per uccidere

DI GERALDINA COLOTTI facebook.com Cronaca di sangue, anche ieri, in Venezuela. Sangue e non solo, perché è in pieno svolgimento anche la campagna “puputov” (molotov di escrementi), lanciata dalle destre contro il governo, e ripresa con enfasi dalle agenzie internazionali. Per conoscerne i dettagli, digitare in google immagini “puputov Venezuela”. Avvenenti vedette nazionali, spiegano come preparare la bomba di escrementi, raccolti nelle case e nelle scuole private, e come lanciarle sulla Guardia Nacional Bolivariana (Gnb), su chi non partecipa alle …

Leggi tutto »

Prodotti geneticamente modificati: cibo Frankenstein o soluzione miracolosa per un pianeta affamato?

DI TOMASZ PIERSCIONEK rt.com La produzione di organismi geneticamente modificati (OGM) è una questione controversa. Gli OGM devono essere temuti o accettati? Sono la soluzione per la fame ne mondo o la loro creazione può avere conseguenze? La produzione di Organismi geneticamente modificati (OGM) è un argomento che genera molte controversie, con una varietà di individui e gruppi che adottano una linea dura sull’argomento. Avvertimenti di “cibo Frankenstein” e “conflitto con la natura” si scontrano con argomentazioni che gli OGM …

Leggi tutto »

Li ammiro, trovano il modo di fare soldi e di vincere sempre, anziani ?

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Dai ‘belle anime’, dai compagnosky mummuficati, dai Occupy falliti, dai su, vi ho sempre detto che loro lavorano 24 su 24 e 7 su 7 coi migliori cervelli del mondo, e quante volte vi ho raccontato che quando vedete le cartoline di NY o di Londra o di Tokyo skyline, coi bellissimi grattacieli illuminati alle 2 di notte, non è che le luci accese stanno lì per le cartoline. No, stanno lì perché il Vero Potere …

Leggi tutto »

La lezione universale del coraggio di Timor Est

DI JOHN PILGER johnpilger.com Il 5 maggio, John Pilger è stato premiato con l’Ordine di Timor-Leste dall’ambasciatore di Timor Est in Australia, Abel Gutteras, in riconoscimento dei suoi articoli su Timor Est sotto la brutale occupazione dell’Indonesia, e in particolare per il suo film documentario, Morte di una nazione: la cospirazione di Timor. Di seguito la reazione di Pilger.   Filmando di nascosto in Timor Est nel 1993 mi ritrovai a seguire un paesaggio di croci: grandi croci nere incise …

Leggi tutto »

Il vero motivo per cui Trump ha licenziato Comey, secondo politico.com

FONTE: ZEROHEDGE.COM Quando Trump ha cacciato il direttore dell’FBI James Comey martedì sera, la ragione indicata nella lettera presentata dal vice procuratore generale è stato il modo in cui Comey ha malgestito l’inchiesta sull’uso della Clinton di un server di posta elettronica privato mentre era segretaria di stato. Tuttavia, secondo varie altre fonti, in particolare Politico.com , il presidente era furibondo per l’inchiesta ancora in corso sulla presunta collaborazione coi russi e chiedeva ripetutamente di chiuderla. Contrariamente alla narrazione rilasciata …

Leggi tutto »

We Don’t Need No Education

DI EMANUELA LORENZI comedonchisciotte.org L’ultimo neurone (assalto epigenetico) Il nostro Zeitgeist è dominato dalla perdita dei contorni. C’è una miopia che annebbia e liquefa i perimetri di tutte le cose che si guardano (senza vederle), che si sentono (senza ascoltarle), che si fanno (senza agirle) e che si comprendono (nella morfosintassi ma non nella semantica, figuriamoci la pragmatica, e si torna sempre all’analfabetismo funzionale di De Mauro). La nebulizzazione è voluta dai nuovi ordini (uno e trino, visto che sono …

Leggi tutto »

Note sulla lunga marcia del sistema

FONTE: DEDEFENSA.ORG … “Lunga Marcia” per quanto riguarda la distanza, ma a tempo di record ogni giorno di più e incessantemente in stato di tensione, tanto il Sistema funziona senza riprendere fiato in modalità di superenergia che sembra non avere limiti di utilizzo, fino a che morte o autodistruzione non seguano. La Lunga Marcia è scandita a ritmo incredibile da una serie stupefacente di catastrofi, e da altrettante stupidaggini, o mostruose coglionerie, se vogliamo adoperare un linguaggio disinvolto per il …

Leggi tutto »

Perché i mercati ignorano i rischi geopolitici?

DI NOURIEL ROUBINI MarketWatch.com Con la vittoria di Macron sulla Le Pen, l’Unione europea e l’euro hanno schivato un proiettile (EURUSD, -0.1287% ). Ma i rischi geopolitici continuano a proliferare. La sfida populista contro la globalizzazione in occidente non sarà fermata dalla vittoria di Macron e potrebbe ancora portare a protezionismo, guerre commerciali e forti restrizioni all’immigrazione. Se le forze di disintegrazione continueranno, il ritiro del Regno Unito dall’UE potrebbe alla fine portare ad una disintegrazione dell’Unione. Su altri fronti, …

Leggi tutto »

Ecco quanto sosteniamo da tempo immemorabile

DI GIANFRANCO LA GRASSA facebook.com E su cui gli indecisi “alleati” dell’italiano “Gano di Maganza” hanno continuato a sorvolare con semplici brontolii e bronci ridicoli. Oggi sul “suo Giornale” (edizione cartacea, in alto a sinistra nella prima pagina) l’infido dichiara (riportato tra virgolette): “La vittoria di Macron è un bene per l’Europa, certe teorie non funzionano”. A cui risponde, ormai fuori tempo massimo, Salvini: “Se sta con lui si scordi l’alleanza con noi”. Non so cosa pensa la Meloni, ma …

Leggi tutto »

Soros: l’ebreo che odia Israele

DI GIAMPAOLO ROSSI L’Anarca COMPLOTTISMO CARICATURALE Per la pubblicistica complottista George Soros è l’espressione di una sovrastruttura mistica identificata con un presunto progetto di conquista del mondo; la versione moderna del famoso complotto “pluto-giudaico” con cui il ‘900 giustificò l’antisemitismo. Lui, ebreo ungherese fuggito alla persecuzione nazista e uomo della grande finanza, rappresenta l’archetipo perfetto del cospiratore al soldo di Sion. Di questa pubblicistica caricaturale si serve il sistema di potere mediatico, che Soros finanzia abbondantemente, per delegittimare chiunque provi …

Leggi tutto »

La lezione di Macron agli antisistema

DI NICOLAS BONNAL dedefensa.org Metabolizzata la batosta, occorre interrogarsi sulla vittoria del sistema. Questo trionfo prova diverse cose: I media continuano a fare dei francesi ciò che vogliono. I francesi non si fidano di internet, e non vogliono usarlo. Quindi preferiscono farsi instupidire dalla stampa e dalla televisione che dice loro per chi votare. I socialisti, giocatori intelligenti, sono stati delle volpi – come lo intende Pareto. Pareto: «Per impedire la violenza o per fronteggiarla, la classe governante ricorre all’astuzia, …

Leggi tutto »

Chi c’è dietro Emmanuel Macron ? Kadima ! En Marche! Avanti, March!

DI THIERRY MEYSSAN  megachip.globalist.it Dopo aver eletto come Presidente della Repubblica in successione un agente della CIA e un impiegato degli emiri del Golfo, i francesi si son fatti truffare una terza volta, ora da un prodotto israeliano. Credono di avere allontanato lo spettro del fascismo votando per un candidato sostenuto dalla NATO, dai Rothschild, da tutte le società quotate dell’indice CAC40 e dalla stampa unanime. Lungi dal misurare il loro errore, sono ancora sotto ipnosi e non dovrebbero svegliarsi …

Leggi tutto »

L’emergenza, la pace

FONTE: ILPEDANTE.ORG Sul tema delle ONG umanitarie, al netto di quelle semisconosciute oggi giustamente sotto processo, in linea di principio non esulto quando soggetti non governativi operano in settori strategici e vitali. Ma è pur vero che se i governi non si attivano in quei settori o se ne ritirano adducendo i pretesti più penosi, è un bene che quegli spazi siano occupati da organizzazioni motivate e senza scopo di lucro piuttosto che dai “mercati” o da nessuno. Evidentemente chi …

Leggi tutto »

I migliori scienziati americani confermano: l’obiettivo degli Stati Uniti è ora quello di conquistare la Russia

DI ERIC ZUESSE unz.com Il Bollettino degli Scienziati Atomici ha pubblicato uno studio, il 1 ° marzo 2017, che iniziava così: Il programma di modernizzazione delle forze nucleari statunitensi è stato ritratto come uno sforzo per rendere sicure le testate nucleari: in realtà ne migliora di molto le capacità militari. Il programma ha implementato nuove e rivoluzionarie tecnologie che aumentano notevolmente la capacità di targeting dell’arsenale balistico U.S.A. La forza distruttiva dei missili è aumentato di circa tre volte – …

Leggi tutto »

I veri motivi delle nuove elezioni generali inglesi

DI MATTHEW JAMISON strategic-culture.org Martedì 18 aprile il primo ministro britannico, la signora Theresa May, ha sorpreso un pubblico britannico ormai stanco di elezioni. Nonostante avesse più volte ripetuto, dopo essere divenuta Primo Ministro e leader del Partito Conservatore, che non ci sarebbero più elezioni a sorpresa, la signora May ha fatto un’ennesima inversione di marcia e ha cambiato idea. A differenza della signora Thatcher, questa signora qui adora i cambi di programma. E lo fa piuttosto spesso. Durante la campagna …

Leggi tutto »

La Francia ha scelto di non scegliere

DI PAOLO RAFFONE comedochisciotte.org Analisi del voto francese: Macron è presidente. Con quale forza sociale? Quali conseguenze? Espressamente, astenendosi o con voto nullo, circa il 50% dei 46 milioni di elettori francesi ha votato contro Macron. Un presidente a metà! Ma la base elettorale di Macron – i “macronisti convinti” – è inferiore al 17% dei francesi aventi diritto di voto. Macron è debole come Hollande e Chirac. Promettere nei cinque anni di agire su giovani ed educazione è un …

Leggi tutto »