I dati ai tempi del Covid

FONTE: KELEBLEKERBLOG.COM

In un’emergenza, è facile rinunciare a pensare a cosa succederà dopo.

Lasciando così campo libero a chi invece al dopo ci sta già pensando, eccome.

Riprendo da un intervento di Stefania Maurizi su Twitter. Con la sintetiticità che quel mezzo impone.

Mi sento in dovere di aiutarvi a capire dibattito sulla creazione di strumenti tracciamento estremamente invasivi contro COVID.

Conosco questi temi in modo profondo e mentre non me la sento di demonizzarli in giorni in cui si muore come mosche, ne vedo tutti i pericoli.

La situazione è simile a quella dopo l’11/9, dove la pressione a fare qualcosa per fermare rischio era immensa. Immensi erano anche gli interessi dietro la creazione di un sistema di sorveglianza orwelliana, di cui NON ci siamo più liberati: è ancora qui, da 19 anni: se creeremo sistemi estremamente invasivi e capillari, NON ce ne libereremo più. Il sistema di sorveglianza SudCorea è stato creato nel 2015 per MERS: è ancora lì.

Ci diranno che il mondo è un posto pericoloso,completamente interconnesso: il battito di una farfalla a Pechino, causa uno tsunami a NY.

Ci diranno che è meglio tenerci per sempre sistema capillare di controllo perché mondo è così interconnesso e pericoloso che il povero cristo che mangia carne in uno dei “wet markets”in Asia,  al centro sospetti per epidemie come COVID, causa strage a Milano e crollo economie mondiali

Al momento NON è chiaro che sistema di controllo verrà proposto e approvato in Italia, ma se si va verso un modello che include datiSanitari, Dati Localizzazione, DatiCartaCredito, FilmatiTelecamera, telefonini, io mi aspetto il peggio.

Io non so cosa accadrà ai sistemi sanitari dei Paesi gravemente colpiti da COVID, ma so bene quanto valore hanno dati sanitari. E’ possibile che dopo COVID,nostro SSN ritorni completamente pubblico e formidabile, è possibile che subisca una crisi senza precedenti.

Capite quanto è importante proteggere i nostri DatiSanitari in una fase di assoluta incertezza come questa?

In Umbria la politica leghista ha idee chiare sulla sanità: vogliono più privato, NON mi sorprende la corsa alle APP anti-COVID.

In aggiunta a questo, io so che una volta che i dati vengono raccolti sarà impossibile fermare il loro utilizzo per altre finalità: è oro, nessuno butta l’oro. I magistrati li vorranno per scoprire reati, mercanti di ogni sorta cercheranno di averli.

 

Fonte: http://kelebeklerblog.com

Link: http://kelebeklerblog.com/2020/04/02/i-dati-ai-tempi-del-covid/

2.04.2020