Home / Davide (pagina 2)

Davide

5 cose che ho imparato da Davos 2018

DI HUW VAN STEENIS weforum.org L’atmosfera di Davos 2018 è stata la migliore degli ultimi dieci anni. La crescita globale contemporanea, l’impennata dei mercati, la politica monetaria allentata ed alcune politiche a favore delle imprese stanno accendendo gli spiriti. Il sentimento era così buono che anzi alcuni ne erano frastornati, forse lo era anche troppo. Mentre Trump, Macron e Modi catturavano i titoli dei giornali, sono stati altri temi – le implicazioni dell’A.I., la Blockchain, il potere dei Big Tech, …

Leggi tutto »

Immagini di cui vergognarsi

FONTE: FACEBOOK.COM Montagna di teschi di bisonti americani sterminati dall’uomo bianco. Foto del 1870. I bisonti erano fonte di sostentamento per i pellerossa ed eliminandoli risultò più facile assoggettare le popolazioni locali. Inoltre si potè aprire il commercio alle carni grasse bovine provenienti dall’Europa. Fonte: www.facebook.co Link: https://www.facebook.com/ilcancrodelpianeta/photos/a.1532232450430583.1073741828.1517271158593379/1971341409853016/?type=3&theater 29.01.2018

Leggi tutto »

Continuità e governabilità in Italia, ossia Berlusconi ha fottuto Salvini e Meloni

DI EUGENIO ORSO comedonchisciotte.org Riceviamo e volentieri pubblichiamo L’ultra-ottantenne sex maniac/burlesque/sparaballe, in grande rispolvero mediatico, domina il disgustoso teatrino elettorale italiano, cercando di adombrare tutti gli altri, a un mese e uno sputo dall’appuntamento elettorale più atteso del 2018. Ce l’ha fatta a ritornare sulla breccia, a costo di leccare anche le suole delle scarpe dei potentati finanziari sopranazionali e dei loro valletti, dalla Ue alla Merkel, da Juncker e affini ai suoi cari popolari europei. Forca Italia, il partito …

Leggi tutto »

Vittime della caccia, quest’anno sono 114. Si è chiusa la stagione venatoria o la guerra?

DI FABIO BALOCCO il fattoquotidiano.it Della caccia in Italia se ne può solo dir male. Vogliamo parlare delle diverse specie animali che si sono estinte o ridotte drasticamente a causa della caccia? Oppure delle specie animali introdotte in natura dalle associazioni venatorie e che hanno alterato gli equilibri ecologici e recato danni all’uomo stesso, vedasi il cinghiale? Ma caccia in Italia significa anche violazione della proprietà privata, grazie ad un obsoleto articolo 842 del Codice Civile che autorizza il cacciatore …

Leggi tutto »

Intervista con un economista contro – Vladimiro Giacchè: l’euro, l’UE, la Germania, la Grecia, il lavoro, la democrazia, la sovranità, i migranti…

DI FULVIO GRIMALDI Mondo cane Vladimiro Giacchè, della cui amicizia mi onoro da lunga data, è uno dei più autorevoli economisti europei. Ha svolto i suoi studi universitari a Pisa e a Bochum, in Germania, è laureato in filosofia alla Normale ed è presidente del Centro Europa Ricerche.  In Italia e in Germania è considerato una delle voci più critiche dell’assetto istituzionale europeo e dell’ordinamento finanziario basato sull’euro, con particolare riferimento al ruolo della Germania, specialmente nei confronti del Sud …

Leggi tutto »

Reintrodurre la schiavitù è o no un’opzione per la società moderna?

DI ENRICO VERGA econopoly.ilsole24ore.com “Ogni progresso della civiltà è nato sulle spalle degli schiavi”, spiega il creatore di replicanti nella recente pellicola Blade Runner 2049. È solo fantascienza? No, è la semplice verità. Esistono vari fattori che stanno radicalmente mutando il rapporto uomo-lavoro: una crescente pressione sociale, una politica aziendale strutturata nell’esternalizzare tutto il possibile (ne parleremo tra poco) e una veloce digitalizzazione nell’industria (a svantaggio della forza lavoro umana, in molti settori). Mi domando se non sarebbe opportuno rivalutare la …

Leggi tutto »

CARO CANDIDATO, IL 4 MARZO LA MIA.. X ..TI VALE ORO. PRETENDO QUESTO IN CAMBIO

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Un’essenziale premessa, prima della parte vitale sul 4 marzo. Spiegato alla Zia. Me ne accorsi 30 anni fa con quel brutto figuro di Massimo D’Alema. Lo vedevi cortese sorridere alla ‘plebe’ (è ciò che pensa di noi, nda) solo due settimane prima del voto. Letteralmente supplicava la X sulla scheda dalla ‘plebaglia’. Poi la sua trasformazione quindici giorni dopo, da eletto: un vomitevole arrogante. E io pensavo sempre: bastardo, il nostro voto ti vale oro, poi …

Leggi tutto »

Ahed Tamimi: la Mandela palestinese?

DI MARK LEVINE tikkun.org Ahed Tamimi ora è solo un numero. Solo una delle migliaia di palestinesi imprigionati illegalmente da Israele, quando siamo a metà del suo cinquantunesimo anno di occupazione. Per la precisione 6.154, 59 delle quali donne, 250 bambini, ed ora un altro. Ahed è in prigione perché ha “schiaffeggiato” un soldato israeliano che stava occupando casa sua. Poco prima, lui o un commilitone aveva sparato in testa a suo cugino con un proiettile di gomma, mandandolo in …

Leggi tutto »

Anche i ricchi piangono

DI ISRAEL SHAMIR unz.com Anche se probabilmente avete già dimenticato la festa, la Russia sta lentamente tornando alla vita dopo la pausa natalizia conclusasi il 14 gennaio con il bizzarro Vecchio Nuovo Anno, o forse con l’Epifania il 19 gennaio. Tutti sono andati da qualche parte, persino i candidati per la corsa presidenziale del 18 marzo: il comunista è andato a sciare in Austria, il conservatore a Bali. Alla vigilia dell’Epifania, si sono immersi nelle acque gelide: la prova definitiva …

Leggi tutto »

Sogno astensionisti ribelli

FONTE: ROSSLAND (BLOG) Non erano forse belli i tempi del Vaffa…grillini prima maniera? Non è nato da un Vaffa…il M5S? Oggi sto cercando di capire come o cosa dovrei votare, e già a spulciare gli elenchi delle liste elettorali capisco che no, davvero, non ce la posso fare: per capire davvero come funziona il voto con questa legge elettorale dovrei perderci un’intera domenica rimanendo col dubbio di averci capito qualcosa. E no, non ne ho voglia. Perché, poi? Per votare …

Leggi tutto »

Secondo Ipsos, il PD è il primo partito…

DI DANIELE SCALEA facebook.com Secondo Ipsos, il PD è il primo partito tra gli ultra-65enni, tra le persone meno istruite e tra le persone religiose e praticanti. Tre categorie che su Brexit e Trump sono state bistrattate alla stregua di un cancro della società, dopo il 4 marzo saranno salutate in Italia dai medesimi giornalisti e intellettuali come “ceti responsabili” e “freno al populismo”‘.   Daniele Scalea Fonte: www.facebook.com Link: https://www.facebook.com/daniele.scalea/posts/1480651745366051?pnref=story 28.01.2018   Nella foto: Matteo Renzi con le sue …

Leggi tutto »

L’arma del giorno del giudizio: “Kayon”, il “terzo colpo” russo

DI ERIC MARGOLIS strategic-culture.org Mentre ci arrovelliamo su questioni fondamentali come uomini maldestri che cercano di palpeggiare donne ed il bisogno di ‘inclusione’ di genere e di razza, datemi un attimo per pensare a qualcosa di veramente importante e spaventoso: l’apocalittico siluro nucleare russo. Denominato in codice “Kanyon” dalla NATO, si dice sia qualcosa di nuovo e terrificante, un’arma “third strike”, progettata per annientare le coste est ed ovest degli Stati Uniti in una guerra nucleare. Sembra che l’intelligence americana …

Leggi tutto »

Rise and Kill First: la storia segreta delle uccisioni mirate di Israele

  DI TYLER DURDEN zerohedge.com Per anni, molti  – prontamente bollati come complottisti – hanno ipotizzato che quando si tratta di raggiungere obiettivi illegali, come, ma non solo, creare false flag ed omicidi politici, pochi sono abili ed operosi come CIA e Mossad. Soprattutto il secondo. Solo che, come spesso accade, la maggior parte (se non tutte) tali “teorie della cospirazione” risultano veritiere. In questo caso sono venute a galla grazie al lavoro di Ronen Bergman, giornalista investigativo israeliano. Il …

Leggi tutto »

A quelli che l’uscita dall’Euro…(la fanno facile)

DI ANDREA CAVALLERI comedonchisciotte.org Nel dibattito pubblico si percepiscono argomentazioni fondamentalmente incoerenti le une con le altre, in quanto spesso le parti si rispondono in base a presupposti completamente differenti. Quando si parla dell’euro i vari interlocutori intervengono con uno stile che potrebbe essere quello del seguente dialogo: “Mangiamo mele perché sostengono l’economia nazionale, no mangiamo arance perché fanno bene alla salute, no mangiamo fragole perché sono buone di gusto, no mangiamo banane perché contengono potassio…” Vorrei allora mettere un …

Leggi tutto »

Sacer esto (si PolCor violavit)

DI ALCESTE alcesteilblog.blogspot.it Un po’ di rumore di fondo ha suscitato la vicenda del cosiddetto DJ Fabo, andato in Svizzera a morire accompagnato dalla consueta scorta di un elemento del Partito Radicale, stavolta nella persona di Marco Cappato. Quale postulato alla vicenda posso subito affermare: se questo Fabo fosse stato un mio parente e mi avesse chiesto di crepare probabilmente l’avrei accontentato, in silenzio. Ma qui non è in gioco, ovviamente, la persona di Fabiano Antoniani di cui, sia a …

Leggi tutto »

Scenario di guerra nucleare. Negli Stati Uniti, hanno escogitato come trascinare la Russia in un conflitto

  DI MARIA BALYABINA ria.ru I media americani stanno preparando il proprio pubblico a una guerra nucleare contro la Russia. Alcune pubblicazioni su questo argomento devono essere stampate una seconda volta volte, poiché, a quanto pare, i lettori non ci credono ancora.  Un conflitto armato tra NATO e Russia potrebbe portare a una guerra nucleare, sostiene l’edizione americana di The National Interest. Ecco: scrivono di quanto fosse bello con l’Unione Sovietica – promise che non avrebbe attaccato per prima. Poi, …

Leggi tutto »

La Repubblica in crisi: breve storia (non ortodossa) del giornale-partito “liberal”

DI FEDERICO DEZZANI federicodezzani.altervista.org Il secondo quotidiano italiano, La Repubblica, attraversa una profonda crisi, certificata dall’inarrestabile emorragia di copie: le tensioni, latenti sin dall’avvicendamento alla direzione tra Ezio Mauro e Mario Calabresi, sono recentemente esplose con la diatriba che ha pubblicamente contrapposto Eugenio Scalfari, “il fondatore”, a Carlo De Benedetti, “l’editore”. Circola addirittura la voce che l’Ingegnere voglia liberasi del giornale. Le disgrazie di Repubblica sono da collegare alla crisi dell’area politica di riferimento, quella sinistra “liberal” di cui il …

Leggi tutto »

A chi e a cosa serve l’astensione? (Riflessioni politicamente scorrette)

DI EUGENIO ORSO comedonchisciotte.org Riceviamo e volentieri pubblichiamo Si fanno tante polemiche sull’astensione, in prossimità del voto politico del 4 di marzo. Se osi sbeffeggiare chi corre alle urne come un pollo, speranzoso di “cambiare le cose” restandosene dentro la trappola del sistema, ci sono quelli che ti crocefiggono, con annesse palate di merda. Se, al contrario, in un impeto di follia, chiami al voto democratico e alla “partecipazione” la massa informe, ti prendono per scemo, lobotomizzato, coglione di ultima …

Leggi tutto »

L’ambizione

DI FRANZ ALTOMARE facebook.com Al tempo dell’individualismo estremo l’AMBIZIONE è sempre più forte degli IDEALI. E così, pur di mettersi al centro dell’attenzione in un ruolo niente affatto scomodo o pericoloso, si accettano candidature in formazioni politiche che le offrono, pur sapendo che esse odiano certi ideali e mentono pure sull’obiettivo. L’ideale è la sovranità popolare. L’obiettivo è l’indipendenza dalla gabbia della UE e dalla moneta unica euro. Candidarsi con la Lega Nord poi…. sapete a chi mi riferisco, vero? …

Leggi tutto »

Sanzioni di merda

DI DMITRY ORLOV Club Orlov Quale che sia la divinità pagana responsabile del tempo di questo inverno, questa sembra che stia prendendo in giro gli americani. Non credete nel riscaldamento globale? Bene, perché allora i moscoviti non possono godersi la rara vista dei salici in fiore a gennaio lasciando voi a congelare? Il risultato è stato brutale. Non solo le temperature molto basse, in una regione dove alcune persone sembrano credere che un berretto da baseball si qualifichi come copricapo …

Leggi tutto »

Piccolo è bello

  DI NICOLAS BONNAL dedefensa.org Il pensatore austro-americano Leopold Kohr era citato insieme a Jacques Ellul e Guy Debord alla fine del documentario apocalittico Koyaanisqatsi. È così che l’ho scoperto nel 1983. In realtà mentre il suo nome è sconosciuto, è noto il suo mitico slogan: piccolo è bello. Kohr è colui che ha messo in dubbio il mondo moderno in tutto ciò che egli ha di gigantesco, titanico e complicato. Per lui tutto crollerà; o, se non crollerà, di …

Leggi tutto »

Voterò Movimento 5 stelle, con la lezione di Tucidide in mente. (non è il teorema Montanelli)

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Cosa abbia a che fare Tucidide con la mia decisione di votare a marzo per il Movimento 5 Stelle – yes, non scherzo, non provoco, è verissimo, Barnard voterà Grillo – richiede la vostra pazienza per 7 brevissimi paragrafi d’introduzione. Poi la sostanza, non così scontata… L’Atene del 430 AC, la città degli splendori culturali e civili, fu aggredita da una peste micidiale. Il filosofo Tucidide ci lasciò scritta una testimonianza scientifica immortale per la sua …

Leggi tutto »

Negli Stati Uniti è risaputo chi è il colpevole della tragedia dell’Ucraina – Joseph Biden

НОВОСТИ. СОБЫТИЯ fondsk.ru Nel febbraio 2014 in Ucraina non è avvenuta una rivoluzione democratica, bensì un colpo di stato con le armi. Inoltre, questo colpo di stato e il rovesciamento del Presidente legittimo a Kiev sono stati compiuti sotto la guida diretta degli Stati Uniti. E la crisi «che si è poi sviluppata, ha portato l’Ucraina alla rovina a tutti i livelli».  Proprio a tali conclusioni è giunto Stephen Cohen, politico americano, pubblicista e professore onorario in Storia delle università …

Leggi tutto »

Propaganda Stellare

DI JOE H.LESTER comedonchisciotte.org Da appassionato analista di cinema mainstream (perlopiù statunitense), recentemente mi trovo spesso a citare una frase di Guy Debord contenuta nei suoi Commentari sulla società dello spettacolo: “È difficile applicare il principio ‘Cui prodest’ in un mondo dove tanti interessi agiscono nascostamente”. Se pure risulta evidente come in ogni tempo lo spettacolo sia riuscito a distrarre e influenzare le masse, spingendole a schierarsi contro o pro questo e quello, arrivando per esempio a portare fin sui …

Leggi tutto »

“State ora entrando nel settore americano” (la Siria sarà suddivisa?)

DI ISRAEL SHAMIR unz.com La Russia, nonostante le terribili previsioni, ha evitato il pantano siriano. Putin ha minimizzato la sua impronta, la sua guerra è quasi finita, l’ISIL è stato sconfitto. Trump potrebbe anche esclamare “missione compiuta!” – e volare a casa. Ma sembra che sia ansioso di precipitarsi dove gli angeli temono di camminare. Non teme di fare per il primo ministro israeliano ciò che i suoi predecessori, democratici o repubblicani, hanno rifiutato di fare, vale a dire combattere …

Leggi tutto »

L’Occidente si prepara a rovesciare Porošenko

DI VIKTOR PIROŽENKO fondsk.ru All’inizio del 2018, hanno avuto luogo notevoli progressi nelle relazioni tra l’Occidente e il regime di Kiev. Gli Stati Uniti e l’UE, a quanto pare, passano dalla persuasione persistente alle minacce dirette e alle richieste di ultimatum per sospendere l’ostruzionismo dell’Ucraina (a causa della corruzione generale delle pubbliche relazioni) delle riforme imposte dall’Occidente. Alla vigilia del ciclo di elezioni presidenziali e parlamentari del 2019, molto probabilmente l’Occidente cercherà di aggiornare la composizione su base individuale,con più …

Leggi tutto »

Quella volta che tentai inutilmente di candidarmi alle parlamentarie del Movimento 5 Stelle

DI MAURO BALDRATI carmillaonline.com Quando notai l’annuncio delle nuove regole del Movimento 5 Stelle per l’autocandidatura alle elezioni del 2018 un’idea prese immediatamente forma in me. A quei tempi ritenevo infatti di avere un progetto di riforma strutturale che avrebbe costituito l’unica possibilità di salvezza per il mio paese che sprofondava sempre più nella palude dell’indifferenza, dell’opportunismo e della paura. E quel movimento, pensai, forse era l’unico che avrebbe potuto farla sua. Quanto meno ospitarla. Ebbe successo con una proposta …

Leggi tutto »

Inizia la più grande crisi economica dal diluvio universale ? La Cina abbassa il rating agli Usa. Come risponderà Trump ?

  DI ANTONIO DE MARTINI  corrieredellacollera.com Una notizia che da ieri cerca di farsi strada è che la società cinese di rating  DAGONG GLOBAL CREDIT RATING ha tagliato la valutazione del debito americano da A- a BBB+. Qualcuno, dal 1971 – quando Nixon osò rompere il patto di Bretton Woods che fissava la parità del dollaro con l’oro a 35 dollari l’oncia-  ha finalmente fatto notare che il sistema di stampare denaro senza copertura alcuna era da considerarsi inaffidabile. Oggi …

Leggi tutto »

Sulle cosiddette baby gang napoletane

DI GUIDO CARPI facebook.com Da un anno noi viviamo nel quartiere di Napoli dove queste cose avvengono. Ci siamo venuti perché costa poco e abbiamo un mutuo da pagare a Pisa, ma in un anno ci siamo affezionati. Ci mette alla prova, noi russi siamo ljudi tjortye… E poi qui vige la regola che a uno gli sorridi e gli parli con rispetto se ti sta simpatico davvero. Ci piace. Se solo la lingua napoletana fosse meno ostica… (divagazione: è …

Leggi tutto »

Questa è la realtà: i migranti europei sono qui per restare

DI DIMITRIS AVRAMOPOULOS politico.eu È ora di iniziare ad elaborare le nostre politiche di conseguenza. È tempo di affrontare la realtà. Non siamo e non saremo mai in grado di fermare l’immigrazione. La crisi dei rifugiati in Europa potrebbe ridursi, ma la migrazione a livello globale non si fermerà. Oggi, nella Giornata Internazionale dei Migranti, oltre 244 milioni di persone vivono al di fuori del proprio paese di nascita. La mobilità umana definirà sempre più il 21° secolo. Se vogliamo …

Leggi tutto »