BATS? WUHAN MARKET? UNA STORIA CHE NON REGGE PIU’.

DI PAOLO BARNARD E NICOLAS MICHELETTI

youtube.com

Ci solo sono tre eminenti scienziati nel mondo che oggi mettono decisamente in discussione, su basi solide, la narrativa a cui tutti noi dovremmo credere: che un virus saltò da un pipistrello a un animale (forse in un mercato o altrove), e poi infettò il mondo. Ci sono troppi buchi in questa versione, eccoli dalle parole di uno di loro, Professore di Genetica Molecolare al prestigioso King’s College di Londra. Poi parla anche una ‘gola profonda’ cinese… Poi una bella botta finale.

https://www.youtube.com/watch?v=URW5_ArPzVQ&feature=youtu.be

Fonte: www.youtube.com

LInk: https://www.youtube.com/watch?v=URW5_ArPzVQ&feature=youtu.be

28.05.2020

0 0 voti
Valuta l'articolo
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
oriundo2006
oriundo2006
29 Maggio 2020 , 6:55 6:55

Ad aggiunta, segnalo che dopo L. Montagnier, anche R. Gallo evidenzia analogie con il virus Aids: ”..ravvisiamo analogie tra i peplomeri di questo virus e quelli dell’Hiv..” ( https://www.adnkronos.com/salute/medicina/2020/05/27/coronavirus-virologo-robert-gallo-temo-immunita-vaccino-non-sia-duratura_O1I0uBrFutYqXC6DIEPmxJ.html ).
E’ un ulteriore tassello per comporre un quadro assolutamente nefasto.
Infatti, questa similitudine escluderebbe in via di principio l’utilità di un vaccino, in quanto sarebbe possibile una re-infezione successiva: la probabilità inversa, ovvero l’immunità definitiva, sarebbe infatti troppo bassa per esser realistica. Il peplomero si lega solo ad alcuni recettori della cellula ospite ed è essenziale sia per la specificità dell’ospite che per l’infettività virale. Il riconoscimento di tali strutture da parte del sistema immunitario è infatti necessaria per indurre una risposta immune neutralizzante ( da Wiki ) che nel caso del Covid19 non potrebbe avvenire in via definitiva.
Perchè ?

Rosanna
29 Maggio 2020 , 6:56 6:56
AlbertoConti
AlbertoConti
29 Maggio 2020 , 9:04 9:04

Leggendo altri commenti mi s’impone un’altra considerazione fondamentale. Molti identificano l’eventuale responsabilità di uno scienziato cinese che lavora in un laboratorio non del tutto cinese, anche se su suolo cinese, con la responsabilità della Cina nell’aver avviato la presunta pandemia del covid-19. Questo giudizio per me è del tutto privo di senso. Che sia avvenuto in Cina o in Ucraina o in un deserto dell’Arizona o a Cuba o a Canicattì, la cosa è del tutto irrilevante a fronte del fenomeno acclarato, per quanto nascosto, della diffusione di laboratori più o meno segreti dedicati allo scopo di sviluppare e produrre la più subdola delle nuove armi di distruzione di massa. L’arma biologica che non lascia traccia del delitto, l’arma perfetta di un nuovo e più evoluto dott. stranamore, l’arma destinata certamente ad evolversi in arma-fine-di-mondo. Questo è il punto, questa è la responsabilità degli Stati, della scienza, della politica, della cultura, dell’etica rimasta nel cuore dei Popoli e del singolo individuo che ne è parte viva e compartecipe. Che c…o c’entra la logica assicurativa dello stabilire le responsabilità per liquidare i danni? Qui c’è la responsabilità dell’umanità intera che da anni chiude gli occhi su apprendisti stregoni che giocano sulla… Leggi tutto »

Oscarrafffone
29 Maggio 2020 , 11:22 11:22

La cosa che mi sconcerta a parte il virus e chi l’ha costruito, il perché ci siano persone che si ammalano in un modo, chi in altro modo, e chi affatto anche se lo portano o trasportano senza effetti sull’organismo

Truman
Truman
29 Maggio 2020 , 20:40 20:40

Credevo che ai pipistrelli qui su CDC non avesse mai creduto nessuno.