Home / Opinione (pagina 12)

Opinione

Le opinioni sui vari argomenti

Troppi Africani?

DI STEPHEN CORRY counterpunch.org Sir David Attenborough[1] ha detto che la carestia in Etiopia dipende dalla sovrappopolazione e ha dichiarato: “Quando si parla della popolazione del mondo, le aree di cui parliamo sono l’Africa e l’Asia. “Dove stanno tutte queste carestie in Etiopia? Perché ci sono? Ci sono troppe persone in un paese troppo piccolo. Ecco di cosa si tratta. ” Questa lamentazione che il mondo sia sovrappopolato è vecchia più di duecento anni, da quando sul pianeta forse c’era ancora …

Leggi tutto »

Gli agenti di influenza di Israele

  PHILIP GIRALDI unz.com Alcuni giornalisti dei media ebraici stanno iniziando a lamentarsi del fatto che il presidente Donald Trump stia “amando Israele” forse un po’ troppo, dal momento che continua a descrivere la sua preoccupazione per lo stato ebraico come la forza trainante che sta dietro ad alcuni dei suoi comportamenti erratici. È un punto di vista che sicuramente condivido, anche se descriverei l’apparente innamoramento della Casa Bianca per Israele come “eccessivo.” Quando il presidente degli Stati Uniti definisce …

Leggi tutto »

Attenzione, caduta NATO

FONTE  KEINPFUSCH.NET C’e’ una notizia che decisamente NON ha avuto la dovuta rilevanza sui giornali italiani, mentre ne ha avuta molta sui giornali tedeschi. Ovvero il fatto che la Turchia e’ stata estromessa dal programma F-35 dal pentagono, e che Putin ha gia’ promesso loro di vendere il nuovo gioiello russo, a dir loro paragonabile all’ F35.Per la precisione, la notizia e’ questa: Il pentagono espelle la Turchia dal programma F-35 https://www.spiegel.de/politik/ausland/usa-werfen-tuerkei-aus-programm-fuer-f-35-kampfjets-a-1277837.html Cui segue questa: https://www.heise.de/tp/features/Nach-F-35-Lieferstopp-Strafe-Russen-bieten-Tuerkei-Kampfflugzeuge-an-4474112.html La Russia offre il …

Leggi tutto »

Sul sequestro della petroliera britannica nel Golfo Persico

DI ANDREA ZHOK facebook.com Oggi la politica estera è piena di allarmate considerazioni sulla tensione tra Regno Unito ed Iran. L’Iran ha infatti annunciato di aver sequestrato nello Stretto di Hormuz la Stena Impero, una petroliera britannica con 23 persone a bordo. Giornali e telegiornali traboccano non solo di toni di allarme, ma naturalmente anche di giudizi più o meno espliciti di condanna dell’azione iraniana, e di supporto all’attesa reazione britannica. (Es. Repubblica: “Aumenta la tensione nel Golfo, con l’Iran …

Leggi tutto »

Diventerà 100 volte più bella!

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com La notizia, compare e subito scompare, inghiottita dai titoloni di punta, come la vicenda russa della Lega, le liti nel governo o la malattia di un noto allenatore. Viene rifilata a fondo pagina, accanto ad una notizia importante, che fa inumidire gli occhi: la morte di De Crescenzo, il “filosofo” Bellavista, con i suoi modi garbati ed i suoi occhi tristi. Se vivessimo in un Paese normale, sarebbe una notizia che farebbe sobbalzare chiunque, ma non …

Leggi tutto »

Gli sbarchi sulla Luna: una gigantesca truffa per l’umanità?

MOON LANDING SKEPTIC veteranstoday.com I credenti sono a rischio di estinzione? Ecco, quest’anno ricorre il 50° anniversario dello sbarco sulla Luna dell’Apollo 11. Nel 2016, un sondaggio aveva mostrato che il 52% del pubblico britannico era del parere che le missioni Apollo fossero false. Lo scetticismo era maggiore tra quelli che erano troppo giovani per averlo visto dal vivo in TV: il 73% di quelli con 25-34 anni di età riteneva che non siamo mai andati sulla Luna, in confronto …

Leggi tutto »

Salvini e 5s: chi ha iniziato la guerra?

DI MARCO GIANNINI comedonchisciotte.org E’ possibile, anzi certo che il M5s rosichi per i voti perduti in un annetto in favore della Lega. E’ umano, perfino in politica dove di umano c’è davvero poco. E’ anche giusto secondo me che il 5s sia in difficoltà perché un conto è essere forza di Governo e perdere consenso fisiologicamente, un altro è l’aver annientato la base. La base è stata annientata dal punto di vista qualitativo già nei MeetUp che, essendo assemblee, …

Leggi tutto »

Il caso di Jeffrey Epstein e la depravazione dell’élite finanziaria americana

  DAVID WALSH wsws.org Le dimissioni venerdi scorso [12 luglio] di Alexander Acosta, il segretario al lavoro di Donald Trump, sono l’ultimo sviluppo nel sempre più ampio scandalo che circonda il finanziere americano e “manager finanziario dei super-ricchi” Jeffrey Epstein. Il 6 luglio, Epstein era stato arrestato all’aeroporto Teterboro del New Jersey e due giorni dopo incriminato con l’accusa di sfruttamento della prostituzione e cospirazione per sfruttamento di minori a scopo sessuale. Acosta è stato costretto a lasciare il suo …

Leggi tutto »

Il liberalismo è finito

  ISRAEL SHAMIR unz.com La Russia si sta godendo la sua breve e gloriosa estate. La fobia del riscaldamento globale non è riuscita a penetrare i suoi gelidi confini. Mentre il Sud della Francia soffre un‘ondata di caldo, la California brucia e le forze progressiste manifestano contro il clima, i Russi alzano le spalle increduli. A loro un po’ di riscaldamento globale farebbe anche piacere. Qui le temperature raramente superano i confortevoli 22 °C, ed ora, all’inizio di luglio, sono …

Leggi tutto »

Di Battista, Salvini ed il vero target del Sistema Illuminato Mafioso che Savoini cita nell’intercettazione

DI MARCO GIANNINI comedonchisciotte.org Oggi stavo transitando in una libreria ed ho incontrato un saggio dedicato a Soros. Non potevo non accorgermi di questa opera dato che si trovava in bella vista. Il titolare del negozio ha una certa peculiarità che non posso rivelare, mi limito soltanto a dire che il suo voto politico e la posizione del libro hanno la stessa causa, privata. Chiaramente nel sottotitolo si poteva constatare il solito accostamento da fuori di testa tra sovranismo, razzismo, …

Leggi tutto »

Un incontro segreto per pianificare la guerra?

DI PHILIPH GIRALDI americanfreepress.net Il 5 giugno, 16 capi di organizzazioni ebraiche hanno incontrato 25 senatori Democratici in una riunione privata, evento che, a detta del Times of Israel, si verifica annualmente. Tutte le organizzazioni ebraiche, tranne una, si sono apertamente dichiarate a favore di Israele e della sua agenda politica. Tra i gruppi chiave presenti si annoveravano il Consiglio dei Presidenti delle Principali Organizzazioni Ebraiche, la Lega Anti-Diffamazione ed il Comitato per gli Affari Pubblici Israelo-Americani. Alcuni di questi …

Leggi tutto »

Kill Pill

DI ALCESTE alcesteilblog.blogspot.com Roma, 12 luglio 2019 Ho recentemente letto, nel breve spiraglio di luce della follia digitale che, ogni tanto, mi concedo, lasciando filtrare la parte d’irrealtà che mi circonda, dell’introduzione di una nuova pillola della “buona morte”, riservata agli over seventies, sani o insani che siano: in Olanda. In Olanda, par di capire, un settantenne, o su di lì, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, pur non affetto da particolari infermità, e nemmeno agonizzante quindi, anzi, forse …

Leggi tutto »

Carmageddon/Auto-Distruzione: Le Auto stanno uccidendo la vita nelle città

DI GEORGE MONBIOT The Guardian.com Le ultime pubblicità della Land Rover vorrebbero farci credere che i fumi della benzina contribuiscono alla cultura urbana. Ma fanno esattamente il contrario Qual è il modo migliore di ammazzare una città? Riempirla di  macchine!   Studi basati su 50 anni di raccolta dati  dimostrano che il troppo traffico sta distruggendo le comunità, sta sconvolgendo la vita sociale e sta cancellando le culture locali. Il rumore soffoca  e sovrasta le voci fin dentro casa. L’inquinamento …

Leggi tutto »

Castellani, Cagliari, Gardini…Savoini, Salvini…

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com Ancora una volta. Come se nessuno sapesse che il mondo del petrolio è il mondo della corruzione per antonomasia: ai tempi di Mattei, si portavano nei Paesi arabi bionde “stangone”, molto gradite agli emiri. Poi, gli emiri capirono che non era il caso di farsi turlupinare con due puttane da strapazzo: nacquero i petroldollari, il resto – guerre comprese – lo conosciamo. Perché il mondo del petrolio e dell’energia è così differente? Perché c’è una netta …

Leggi tutto »

Basta battute: risponda

DI MARCO TRAVAGLIO ilfattoquotidiano.it I fatti sono ormai stranoti, ne parlano tutti i quotidiani e i siti italiani, ma anche internazionali: il 18 ottobre 2018, mentre Matteo Salvini era in visita a Mosca e il giorno prima aveva parlato alla Confindustria russa, il suo ex portavoce Giampaolo Savoini, leghista a 24 carati e presidente dell’Associazione Lombardia-Russia, incontrava cinque personaggi di cui si ignora l’identità nella hall dell’hotel Metropol: due italiani (Luca e Francesco) e tre russi. I quali parlavano di …

Leggi tutto »

È ora di fare una rivoluzione

comedonchisciotte controinformazione alternativa delacroix rivoluzione

DI FABIO CONDITI comedonchisciotte.org È ora di fare una rivoluzione nel nostro paese. Una rivoluzione sia culturale che politica, perchè l’una senza l’altra sarebbe inefficace. La rivoluzione culturale è iniziata con questo video, dove insieme all’amico Francesco Carraro abbiamo provato ad allargare il campo della consapevolezza, cercando di trovare anche in altri ambiti della conoscenza umana, le motivazioni per cambiare l’attuale società. Non pretendiamo di esserci riusciti, ma abbiamo messo un piccolo seme nel terreno, che deve ancora crescere, ma …

Leggi tutto »

La Lega e i suoi tre padroni. Uno paga gli altri due no?

DI ALBERTO NEGRI facebook.com Salvini è andato in Israele è ha allineato le sue posizioni su quelle dello stato ebraico come mai aveva fatto un ministro della repubblica italiana, mettendo persino a rischio i soldati italiani in Libano con le sue dichiarazioni contro Hezbollah. E’ andato in Usa è ha allineato le sue posizioni con quelle Usa, soprattutto contro l’Iran e in contrasto con gli interessi delle nostre imprese. E’ andato in Russia e forse – ma è tutto da …

Leggi tutto »

USA contro Cina: la guerra degli smartphone

JOSEPH THOMAS journal-neo.org Se l’obiettivo di Washington era quello di fare pressioni e isolare la Cina prendendo di mira il gigante degli smartphone Huawei, sembra invece che abbia ottenuto l’effetto opposto. Nel corso dell’operazione, gli Stati Uniti sono solo riusciti ad esporre la loro crescente debolezza e la loro totale inaffidabilità come partner commerciali in una molto più ampia, malguidata e mal gestita “guerra dele tariffe.” Anche se stiamo parlando solo di smartphone e di competizione economica, comunque accanita, il …

Leggi tutto »

La sceneggiata delle relazioni con la Russia

DI MANLIO DINUCCI ilmanifesto.it o stato delle relazioni tra Italia e Russia è «eccellente»: lo afferma il premier Conte ricevendo a Roma il presidente Putin. Il messaggio è tranquillizzante, anzi soporifero nei confronti dell’opinione pubblica. Ci si limita, fondamentalmente, allo stato delle relazioni economiche. La Russia, dove operano 500 aziende italiane, è il quinto mercato extra-europeo per il nostro export e fornisce il 35% del fabbisogno italiano di gas naturale. L’interscambio – precisa Putin – è stato di 27 miliardi …

Leggi tutto »

La dipendenza tecnologica e la fine dell’era della libertà

  BRANDON SMITH alt-market.com La tecnologia può essere affascinante, ma anche nociva per il vero progresso umano e, quando dico “progresso,” non intendo avanzamenti nel mondo delle macchine ma miglioramenti nel mondo delle persone, e il primo non porta necessariamente al secondo. In primo luogo, riconosco pienamente che ogni volta che qualcuno tenta di criticare l’innovazione tecnologica, rischia di essere etichettato come “svitato” o “vecchio fossile,” una barbara reliquia di un’era ormai passata. Tuttavia, questo atteggiamento è indice di ignoranza. …

Leggi tutto »

Queste parole di Bini-Smaghi sono esemplari

DI ANDREA ZHOK facebook.com Il mediatore al ribasso Tsipras era ancora troppo poco ‘market-friendly’ (dopo tutto non hanno ancora venduto il Partenone), ma ora i mercati gioiscono perché immaginano ulteriori golose privatizzazioni promesse da Mitsotakis. Giù, giù, fino a quando la Grecia sarà diventata una semplice espressione geografica (il sogno di tutti i ‘no borders’, che si tratti di muovere liberamente capitali o forza-lavoro). La Grecia è diventata la cavia di laboratorio che l’euroliberismo vuole mostrare al mondo come esempio …

Leggi tutto »

Il fallimento della complementarietà: dal multiculturalismo al culto del diavolo

  DMITRY ORLOV cluborlov.blogspot.com Nelle scorse settimane c’è stato un picco di rinnovato interesse per un saggio che avevo scritto un anno fa, I barbari si scatenano nel Cimitero Europa, in cui avevo descritto come il costante degrado dei paesi occidentali venga accelerato dall’arrivo di migranti appartenenti a gruppi etnici incompatibili. Ciò che ha provocato questo rinnovato interesse è stato un post di Paul Craig Roberts, dove l’autore parlava del mio saggio come del “necrologio dell’Europa e dell’America.” Ovviamente confermo …

Leggi tutto »

La peste bianca

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.com Non prendete questo articolo, vi prego, come una difesa dell’immigrazione, clandestina e non: non è questo. Vuole essere un calepino, un block notes di appunti dove ho cercato di mettere insieme le tante – moltissime! – argomentazioni che riguardano il vertiginoso calo demografico europeo. Voglio portare soltanto delle argomentazioni sensate, perché continuare ad invocare le cannonate della Marina contro le navi degli immigrati mi sembra non solo improbabile al 100% ma, in fin dei conti, inutile …

Leggi tutto »

Il potere contro la stampa: i due casi delle richieste di estradizione per Pinochet e Assange

  ELIZABETH VOS consortiumnews.com Fra otto mesi, in Gran Bretagna si terrà una delle più importanti udienze sull’estradizione della storia recente, quando un tribunale britannico e il Ministro dell’Interno decideranno se l’editore di WikiLeaks, Julian Assange, potrà essere estradato negli Stati Uniti, dove dovrà rispondere ad accuse di spionaggio in relazione alla sua attività di giornalista. Ventuno anni fa, in un altro caso storico di estradizione, la Gran Bretagna aveva dovuto decidere se rimandare l’ex dittatore cileno Augusto Pinochet in …

Leggi tutto »

La capitana che ha salvato 42 migranti: lo rifarei, nonostante il rischio di finire in prigione

  LORENZO TONDO theguardian.com Carola Rackete affronta la prospettiva di un lungo processo per aver sfidato il divieto italiano di ingresso in porto per le imbarcazioni di soccorso. La capitana della nave, attualmente di fronte alla minaccia di finire carcere, dopo aver sfidato la legge italiana facendo entrare in porto 42 migranti, ha detto che lo rifarebbe di nuovo e si è scagliata contro il Vice Primo Ministro italiano di estrema destra, Matteo Salvini. “Le vite delle persone contano più …

Leggi tutto »

Dacci oggi la nostra emergenza quotidiana

DI ANDREA ZHOK facebook.com Si può aprire un canale a scelta, e anche oggi si vedranno, tratteggiate con doveroso pathos, condizioni di necessità umanitaria, e urgenza inderogabile, tali per cui solo un bruto potrebbe mettere in dubbio l’obbligo morale dell’accoglienza. Le emergenze umanitarie – con connessi riflettori, tempeste mediatiche, stracciamento di vesti, invettive morali, arrembaggi di deputati in cerca di gloria, infuocate prese di posizione internazionali – vengono in esistenza intorno al limite della acque territoriali libiche e scompaiono nel …

Leggi tutto »

Jared Kushner andrebbe ignorato, dovremmo invece ricordare questo sorprendente piano americano per il Medio Oriente vecchio di 100 anni

  ROBERT FISK independent.co.uk Quasi esattamente cento anni fa, il presidente degli Stati Uniti stava cercando un “accordo del secolo” in Medio Oriente. L’accademico cristiano Henry King, dell’Oberlin College, non era Jared Kushner. Nè lui, nè l’industriale Charles Crane, la cui famiglia si era arricchita fabbricando sanitari da bagno a Chicago, erano generi del presidente americano. Ma Woodrow Wilson li aveva inviati nel 1919 in un ambizioso tour attraverso le rovine dell’Impero Ottomano per scoprire che cosa si sarebbe potuto …

Leggi tutto »

La sottile linea fucsia che lega Carola a Woodstock. Il racket francese.

  DI MARCO GIANNINI comedonchisciotte.org Tutto nacque con l’eurocomunismo abbracciato da Enrico Berlinguer nella seconda metà degli anni ‘70. Gli USA spiegarono ai comunisti italiani che l’URSS sarebbe crollato e che in cambio della sopravvivenza politica si sarebbero dovuti trasformare via via in un “grande Partito Radicale” (termine da me coniato) parallelamente alla rinuncia all’obbiettivo della piena occupazione, obbiettivo sancito in una Costituzione travisata volontariamente (https://comedonchisciotte.org/basta-idiozie-secondo-costituzione-senza-soldi-in-tasca-non-si-hadignita), alla graduale ed inarrestabile cessione sui diritti sociali ed all’ abiura ai propri valori, al nome, …

Leggi tutto »

La morte dell’idea liberale

  DMITRY ORLOV cluborlov.blogspot.com Il raduno del G20 della scorsa settimana a Osaka è stato un segnale: ha fatto capire quanto il mondo sia cambiato. I capisaldi della nuova configurazione sono Cina, Russia e India, con l’UE e il Giappone appendici facoltative e l’integrazione eurasiatica come priorità assoluta. L’ordine del giorno era stato chiaramente preparato da Xi e da Putin. La May, Macron e Merkel, i leader europei che non meritano affatto questo titolo, sono stati chiaramente relegati in periferia; …

Leggi tutto »

Il dilemma di Vladimir Lenin

CHERIS HEDGES truthdig.com Questo è l’intervento di Chris Hedges al Left Forum di New York City, venerdi scorso. Vladimir Lenin può essere ricordato in due modi. Uno da brillante tattico rivoluzionario. In alternativa, come Lenin, il nuovo zar. Era stato, ironia della sorte, il più fervido sostenitore in Russia proprio della stessa cosa che aveva sradicato, l’anarchia rivoluzionaria. Il suo opuscolo “Lo stato e la rivoluzione” era inequivocabilmente un manifesto anarchico, con Lenin che scriveva che “finché c’è uno stato …

Leggi tutto »