Categoria

Cina

Libero e Virgilio: server fuori servizio da giorni. E se in futuro accadesse al nostro denaro digitale?

Di Giacomo Ferri per ComeDonChisciotte.org Tra la notte di domenica 22 e lunedì 23 i server di Libero e Virgilio sono andati giù e, pertanto, da quel momento nessuno può accedere al proprio indirizzo email, sia esso privato che della propria azienda e all’interno ci sono sia coloro che usufruiscono gratuitamente del servizio e anche quelli che, per motivi di spazio, pagano per avere una casella di posta più spaziosa o con servizi aggiuntivi; milioni di utenti si trovano impossibilitati a…

Lo sentite il profumo di ciò che si sta cucinando nell’Anno del Coniglio?

Pepe Escobar strategic-culture.org Liu He ha studiato economia in Cina, alla Renmin University e ha conseguito un master ad Harvard. Dal 2018 è uno dei vice premier cinesi, insieme a Han Zheng, Sun Chunlan e Hu Chunhua. È direttore della Commissione centrale per gli affari finanziari ed economici e dirige il Comitato per la stabilità finanziaria e lo sviluppo della Cina. Chiunque nel mondo voglia sapere che direzione prenderà l'economia cinese nell'Anno del Coniglio deve prestare attenzione…

Cina, la terra rara: “officina” e “miniera” del Mondo

Di Flavia Manetti per ComeDonChisciotte.org Dagli anni ’70, la Cina ha accettato di divenire, per l’Occidente, la fabbrica del mondo. Dalle iniziali zone a regime speciale di Shenzhen alle sterminate fabbriche di Zhengzhou. Giganteschi insediamenti industriali che hanno prodotto e ancora producono su commissione dei capitali occidentali. La proletarizzazione ed urbanizzazione di milioni e milioni di contadini è stata possibile anche grazie al diritto, garantito dallo Stato, di mantenere il…

Xi d’Arabia e la spinta al petroyuan

Pepe Escobar thecradle.co Sarebbe così allettante parlare del presidente cinese Xi Jinping atterrato a Riad una settimana fa e accolto in pompa magna, come lo Xi d'Arabia che proclama l'alba dell'era petroyuan. Ma è più complicato di così. Per quanto il cambiamento sismico implicito nella mossa del petroyuan sia fattibile, la diplomazia cinese è troppo sofisticata per impegnarsi in un confronto diretto, specialmente con un Impero ferito e feroce. Evidentemente c'è molto di più di quanto…

Un grafico che spiega tutto

Mike Whitney unz.com Guardate il grafico qui sopra. Il grafico spiega tutto. Spiega perché Washington è così preoccupata per la crescita esplosiva della Cina. Spiega perché gli Stati Uniti continuano a tormentare la Cina sulle questioni di Taiwan e del Mar Cinese Meridionale. Spiega perché Washington invia delegazioni del Congresso a Taiwan in barba alle esplicite richieste di Pechino. Spiega perché il Pentagono continua a far transitare navi da guerra statunitensi attraverso lo Stretto…

Terzo mandato di Xi: una buona notizia per la Russia, ma minacciosa per gli Stati Uniti e Taiwan

Maxim Hvatkov - Russia Oggi - 27 ottobre 2022 I precedenti cinque anni in più di potrebbero vedere anni di tensioni giungere finalmente a un punto di svolta Il 20° Congresso nazionale del Partito comunista cinese (PCC) si è concluso e la prima sessione plenaria del Comitato Centrale nella sua nuova composizione si è messa al lavoro rieleggendo il segretario generale Xi Jinping per un terzo mandato. Il leader cinese è andato così contro una tradizione consolidata da…

La guerra tecnologica di Biden diventa nucleare

Mike Whitney unz.com La scorsa settimana l'amministrazione Biden ha intensificato la sua guerra alla Cina, facendo esplodere una bomba termonucleare nel cuore della fiorente industria tecnologica di Pechino. Nel tentativo di bloccare l'accesso della Cina alla cruciale tecnologia dei semiconduttori, il Team Biden ha annunciato nuove e onerose regole di esportazione finalizzate a un "taglio completo delle forniture" di tecnologia essenziale per i semiconduttori che, secondo un analista, ha…

Sviluppo e pace per unire l’umanità

Di Fabio Massimo Parenti, ideeazione.com Ciò che emerge dalla prima giornata del XX Congresso del PCC è la conferma dell’impegno a lavorare incessantemente per perseguire la più grande ambizione cinese: la promozione di una comunità umana dal futuro condiviso. Un’idea, quest’ultima, che si regge su due grandi obiettivi della politica estera cinese, altrettanto ambiziosi perché funzionali alla costruzione di un destino condiviso con gli altri popoli della terra: sostenere e promuovere la pace…

Cina, India e Iran si schierano con la Russia

Alastair Crooke english.almayadeen.net La geografia spaziale del mondo è cambiata. La sua capitale si è spostata da Washington e la scorsa settimana si è stabilita con successo - anche se temporaneamente - a Samarcanda. La "NATO-sfera" occidentale, in fase di contrazione, si sta rivolgendo verso l'interno, concentrandosi sul "nemico interno." L'Occidente cerca di irregimentare la propria popolazione in una politica di conformità alla "guerra" con la Russia e la Cina, mentre usa…

Da suicidati a morti e sepolti…la Germania ora provoca la Cina

Finian Cunningham strategic-culture.org Non contento di aver condannato la propria nazione al suicidio economico per il deterioramento delle relazioni con la Russia, il governo tedesco ora vuole seppellirne il cadavere sabotando le relazioni commerciali con la Cina. La scorsa settimana, Robert Habeck, Ministro del Commercio tedesco, aveva fatto arrabbiare Pechino quando, ad un vertice del G7, aveva dichiarato che Berlino intendeva adottare una nuova politica nei confronti della Cina per…

Inquietudini esistenziali: la guerra finanziaria contro l’Occidente inizia a mordere

Di Alastair Crooke, strategic-culture.org L’Europa sta diventando una lontana provincia arretrata di una “Roma imperiale” in declino, scrive Alastair Crooke. Il Club di Roma, fondato nel 1968 come collettivo di pensatori di spicco che riflettevano su questioni globali, ha assunto come leitmotiv la dottrina secondo cui considerare i problemi dell’umanità individualmente, in modo isolato o come “problemi in grado di essere risolti nei propri termini”, era destinato al fallimento: “tutti sono…

Dimenticatevi la Russia; perché la Cina è così interessata alla Polonia?

John Mac Ghlionn – The Epoch Times – 31 agosto 2022 Un vero amico, si dice, è colui che arriva quando gli altri se ne vanno. Mentre il mondo volta le spalle alla Russia, un paese ha scelto di fare il contrario. Quel paese è la Cina. L'alleanza tra Pechino e Mosca si rafforza di giorno in giorno. Dopo che la presidente della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, si è recata a sorpresa a Taiwan, il Cremlino ha subito fatto eco all'avvertimento del…

La politica autodistruttiva degli Stati Uniti nei confronti della Cina mette in pericolo una fragile pace

Di Ian Goodrum, chinadaily.com.cn Mi dicono che quest'anno si profila una crisi energetica, ma potrebbe esserci una soluzione a cui nessuno ha ancora pensato. Si potrebbe mettere su un tapis roulant tutti i furiosi passi indietro che i funzionari della Casa Bianca hanno fatto da quando la Presidente della Camera degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, ha fatto la sua famigerata visita a Taiwan all'inizio del mese. Si potrebbe alimentare l'intero pianeta in poche ore. In questo lasso di tempo…

La vera agenda globale che spinge per la guerra con la Cina

Cynthia Chung cynthiachung.substack.com "Non abbiamo alleati eterni, né nemici perpetui. I nostri interessi sono eterni e perpetui, ed è nostro dovere seguirli." - Henry John Temple, alias Lord Palmerston (primo ministro britannico dal 1855 al 1858 e dal 1859 al 1865); aveva supervisionato la Prima Guerra dell'Oppio (1839-1842) contro la Cina come capo del Ministero degli Esteri britannico e la Seconda Guerra dell'Oppio (1856-1860) come Primo Ministro. La neve adesso è nera Bertrand…

Tirare la coda al drago potrebbe scatenare un conflitto con la Cina

Larry Johnson sonar21.com Il simbolo della Cina è il "Drago." Da qui il titolo. Le prossime due settimane potrebbero essere quelle più pericolose nella storia degli Stati Uniti, perché sembra che Joe Biden e la sua sprovveduta squadra di sicurezza nazionale stiano procedendo a tentoni verso una resa dei conti con la Cina, con il rischio di una guerra. Il governo cinese ora rifiuta la Politica di una sola Cina, che è stata il fondamento delle relazioni tra Stati Uniti e Cina per 43 anni.…

Il contesto storico di piazza Tienanmen. Pulsioni di un cambiamento senza fondamenta

Di Fabio Massimo Parenti, ideeazione.com Il 4 giugno è ormai assurto a ricorrenza internazionale, o meglio occidentale. La cosiddetta “strage” di Piazza Tienanmen – che non fu vera strage ma piuttosto guerriglia urbana tra manifestanti e forze armate – è l’arma mediatica principale che, a distanza di trentatré anni dagli eventi, i media statunitensi e britannici utilizzano, seguiti acriticamente dal circuito mainstream dell’Europa continentale, per ricordare all’opinione pubblica che il…

IL SISTEMA DI CREDITO SOCIALE E L’ID DIGITALE IN CINA E NEL MONDO

Di Flavia Manetti Da tempo la narrazione che imperversa, anche tra molti sinistri, è che il “democratico e liberale” Occidente si stia apprestando a copiare i modelli distopici della Cina in fatto di Id digitali e sistemi di credito sociale. Eppure, sono anni che non è WeChat ma i social media che usiamo come la “democratica e libera” Wikipedia, Twitter, Facebook e You Tube a decidere cosa liberamente pubblicare o censurare: chi oscurare e chi no, cosa è giusto pensare o cosa no. Ci si…

Il Bilderberg pensa alla Cina

Pepe Escobar strategic-culture.org In modo discreto, quatta quatta come un virus incombente, è in corso a Washington la 68a riunione del Bilderberg. Niente teorie cospiratorie su una "cabala segreta," per favore. Si tratta solo di un docile "gruppo eterogeneo di leader politici ed esperti" che si fa una chiacchierata, qualche risata e un brindisi. Tuttavia, non si può fare a meno di notare che la scelta del luogo parla più dell'intera (già bruciata fino alle fondamenta) Biblioteca di…

La corsa per rompere l’alleanza russo-cinese e il problema di Taiwan, l’Ucraina dell’Asia Pacifica

Matthew Ehret strategic-culture.org È diventato un luogo comune dei media occidentali e delle armate dei think tank geopolitici dipingere l'odierna alleanza Russia-Cina come una questione di "convenienza momentanea" o come una partnership tra due regimi autoritari in competizione tra loro e con aspirazioni imperiali globali. Tuttavia, se si osservano semplicemente i fatti così come sono, senza il filtro degli "esperti" che ci dicono come interpretare la realtà, diventa estremamente chiaro…