Home / Das schloss (pagina 29)

Das schloss

KATRINA AL RALLENTATORE

DI JAMES HOWARD KUNSTLER Clusterfuck Nation Lo “Status Quo-oh” Mentre la campagna presidenziale si muove verso il suo round finale, gli Americani potrebbero rimanere a corto sia di generi alimentari che di benzina. Sulla scena petrolifera, la prossima novità all’orizzonte non sarà soltanto quella dei prezzi più elevati, ma delle carenze. Una catastrofe per gli agricoltori dello Iowa non sarà solamente una catastrofe per gli Americani del Midwest. Nell’inondazione dello Iowa [avvenuta in questi giorni, vedi foto accanto al titolo …

Leggi tutto »

PERSI NEL CYBERSPAZIO: GOOGLE CENSURA URUKNET

A CURA DI URUKNET.INFO Google deve davvero avere qualcosa contro Uruknet. Dopo la censura da parte di Google News, ora Uruknet scompare persino dal motore di ricerca di Google. Google ha smesso di indicizzare Uruknet a metà maggio. Dopo che Uruknet ha scritto (ancora!) molte e-mail a Google (e, ancora!, non abbiamo ricevuto alcuna risposta) Google ha ricominciato ad indicizzare alcuni (non tutti!) degli articoli di Uruknet il 17 giugno. Però sembra che questi articoli abbiano una vita breve su …

Leggi tutto »

LO TSUNAMI FINANZIARIO NON E' ANCORA AL CULMINE

DI F. WILLIAM ENGDAHL Global Research I Credit Default Swap: la prossima fase di una crisi in via di sviluppo Il meltdown dei subprime è solo la punta dell’iceberg Mentre l’attenzione si è finora concentrata sulla crisi relativamente minore dell’insolvenza nei mutui sub-prime statunitensi quale fulcro dell’attuale crisi nei settori di finanza e credito che sta coinvolgendo il mondo bancario anglosassone, ora si comincia a mettere a fuoco un problema molto più consistente. Le obbligazioni garantite da ipoteca sub-prime o …

Leggi tutto »

IPOTESI SUL CROLLO DELLA TORRE NORD

DI GUIDO SALVADOR Nell’articolo si analizzano sulla base di una analisi ingegneristica le fasi iniziali del crollo evidenziando alcuni fatti non spiegabili sulla base della ricostruzione ufficiale eseguita dal NIST (National Institute of Standards and Technology) ed anche alcune incongruenza rilevate nella stessa. Viene proposta quindi una spiegazione compatibile con il reale svolgimento dell’evento. Le certezze del NIST e i luoghi comuni della memoria collettiva. Ricordiamo come è crollata la torre 1 quando l’antenna ha cominciato a sprofondare maestosamente dritta, …

Leggi tutto »

UN PIANO SEGRETO PER UCCIDERE INTERNET ENTRO IL 2012?

DI PAUL JOSEPH WATSON Prison Planet Alcuni si chiedono se l’articolo su una futura introduzione di un sistema pay-per-view sia una bufala, ma è documentata una più ampia iniziativa per regolamentare il web Secondo un articolo diffuso clandestinamente, gli Internet Service Providers [fornitori di accesso ad Internet, n.d.t.] hanno deciso di limitare l’abbonamento ad Internet ad uno simile a quello televisivo, dove gli utenti saranno obbligati a pagare per visitare siti Internet selezionati di proprietà delle corporation entro il 2012, …

Leggi tutto »

SISTEMA BANCARIO MONDIALE: I PRIMI ORDINI DAL BILDERBERG

DI STEVE WATSONInfowars.net Il presidente della Federal Reserve Bank di New York lunedì ha chiesto la creazione di una struttura bancaria globale, poche ore dopo aver lasciato l’incontro del Bilderberg Group a Chantilly, Virginia. Secondo la lista dei partecipanti di quest’anno al Bilderberg, Timothy Geithner, il presidente della Fed a New York, era presente al meeting segreto. Perciò non è stata una grande sorpresa vedere Geithner chiedere un sistema bancario globalizzato nell’edizione di questa mattina del Financial Times: Scrivendo nell’edizione …

Leggi tutto »

L’IMPEACHMENT DI BUSH: UN’ALTRA NOTIZIA CLAMOROSAMENTE SCOMPARSA

DI ALCENERO Comedonchisciotte Dall’imprigionamento di bambini all’autorizzazione della tortura, dalla manipolazione e creazione di notizie false per giustificare la guerra criminale in Iraq alla manomissione di liberi procedimenti elettorali. Dall’ostruzione alle indagini sull’11 Settembre alla creazione di leggi segrete, alla violazione di qualunque legge sullo spionaggio all’interno del paese. I 35 articoli di impeachment contro Bush presentati dal parlamentare democratico USA Dennis Kucinich fanno letteralmente accapponare la pelle. Ma sono cose che sapevamo: in questa piccola storia di ‘eroismo democratico’ …

Leggi tutto »

BARACK O'BILDERBERG: LA SCELTA DEL FUTURO PRESIDENTE

DI ANDREW G. MARSHALL Global Research Lo scenario del Bilderberg Domenica, 8 Giugno 2008, ha segnato l’ultimo giorno del meeting annuale del Bilderberg, che quest’anno si è tenuto a Chantilly, in Virginia. Gli “American Friends of Bilderberg”, un gruppo americano del fronte Bilderberg, che organizza la lista dei partecipanti americani alla conferenza annuale, quest’anno ha insolitamente diffuso un comunicato stampa. Questo diceva che “la Conferenza avrebbe trattato soprattutto di: un mondo senza il nucleare, cyber terrorismo, Africa, Russia, finanza, protezionismo, …

Leggi tutto »

CYBERSOVIET – UTOPIE POSTDEMOCRATICHE E NUOVI MEDIA

DI CARLO FORMENTIEffetto Albemuth INTRODUZIONE Il libro che avete in mano completa una “trilogia” iniziata con Incantati dalla Rete (Cortina 2000) e proseguita con Mercanti di futuro (Einaudi 2002). Il lungo intervallo fra la seconda e la terza tappa di questo percorso di ricerca teorica non è casuale: i quasi sei anni che separano il secondo dal terzo saggio sono stati impiegati a raccogliere ed elaborare un abbondante materiale di riflessione – di cui troverete qui solo una parte1 – …

Leggi tutto »

SVEGLIATI AMERICA! STIAMO GUIDANDO VERSO IL DISASTRO

DI JAMES HOWARD KUNSTLER Washington Post Ovunque io vada di questi tempi, parlando della situazione energetica globale nel circuito delle lezioni accademiche o presso conferenze sull’ambiente, sento incitare sempre più forte alle “soluzioni”. Questo non è che un altro sintomo del pensiero fallace che tiene ora in pugno la nazione, specialmente tra le persone istruite e bene intenzionate. Lo dico perché scorgo in questo stridente appello il desiderio disperato di mantenere in essere la nostra utopia di “automobilismo felice” con …

Leggi tutto »

ALCUNE CONSIDERAZIONI DA PAOLO FRANCESCHETTI

A seguito di minacce giunte alla sua famiglia Paolo ha deciso di sospendere l’attività del suo blog, fonte preziosa di informazioni sulla recente storia d’Italia e sull’attualità dell’operato criminale di lobby e massonerie. Ne diamo notizia ai lettori pubblicando le considerazioni di Paolo su questi ultimi eventi e sulle gravi questioni sulle quali ha lavorato ultimamente, consapevoli come sempre che la più ampia diffusione di ogni notizia sia l’arma più potente contro minacce e pericoli personali e l’unico mezzo che, …

Leggi tutto »

IL TRATTATO EUROPEO DI LISBONA E LA FINE DEGLI STATI-NAZIONE EUROPEI

DI PHILIP JONES The TruthSeeker “Le nazioni dell’Europa dovrebbero essere guidate verso il superstato senza che i loro popoli sappiano cosa sta accadendo. Ciò si può ottenere tramite passi successivi, ognuno mascherato da uno scopo economico, ma che porterà alla fine e irreversibilmente alla federazione“. Jean Monnet, padre fondatore dell’Unione Europea Il 12 giugno 2008 il destino di circa 500 milioni di persone sarà deciso da un paese con un totale di solo 4, 2 milioni di abitanti. Gli abitanti …

Leggi tutto »

TORTURATORI ALLA CASA BIANCA: PERCHE' QUESTA STORIA VIENE IGNORATA?

DI RUTH CONNIFFThe Progressive La più grande notizia della scorsa settimana è stata virtualmente ignorata dalle principali testate giornalistiche. ABC news ha per prima riportato lo scorso mercoledì che i più alti funzionari dell’amministrazione Bush, incluso Dick Cheney, Condoleezza Rice, John Ashcroft, George Tenet, Colin Powell, e Donald Rumsfeld si sono incontrati per discutere quali particolari tecniche di tortura dovrebbero essere usate sui sospettati di al Qaeda in custodia negli USA. Il gruppo si è accordato su specifiche tecniche, inclusa …

Leggi tutto »

L’ECONOMIA VA DI BOLLA IN BOLLA CON UNA MENTALITA’ DA CASINO’

DEL PROF. RODRIGUE TREMBLAYGlobal Research “La strategia Usa dovrebbe avere come scopo, sopra ogni altra cosa, la rimozione dal potere del regime di Saddam Hussein”…. [La sua rimozione è assolutamente vitale per] “la sicurezza del mondo nella prima parte del ventunesimo secolo” e per “la sicurezza delle truppe americane nella regione, dei nostri amici e alleati come Israele e i paesi arabi moderati, e di una porzione significativa delle riserve mondiali di petrolio”. Lettera del 26 gennaio 1998, indirizzata al …

Leggi tutto »

BILDERBERG 2008, NATURALMENTE NESSUNO NE PARLA

DI PAUL JOSEPH WATSON Prison Planet Blackout dei media sull’incontro di 125 tra gli uomini più potenti del pianeta a Chantilly, Virginia. Per l’Italia partecipano: Bernabè, Draghi, J. Elkann, Monti e Padoa-Schioppa. Ben Bernanke, Condoleezza Rice, Barack Obama e Hillary Clinton insieme a un mucchio di altri potenti del pianeta si sono riuniti a Chantilly, Virginia, per discutere segretamente del futuro del mondo—eppure non un solo media aziendale mainstream Usa ha proferito una sola parola sulla conferenza del 2008 del …

Leggi tutto »

MORDECHAI VANUNU HA BISOGNO DEL NOSTRO AIUTO: UNA LETTERA

DI MORDECHAI VANUNU Lettera inviata a The People’s Voice e ad altri siti il 4 Giugno 2008. N.d.r. Cari Editori, Sono Mordechai Vanunu, colui che ha detto la verità sul programma israeliano per le armi nucleari nel 1986, e ho pagato con 18 anni della mia vita in una prigione israeliana. Sono stato rilasciato nell’aprile 2004, ma Israele mi ha negato i miei diritti umani di libertà di parola e di libertà di movimento non permettendomi dal 1986 sino ad …

Leggi tutto »

CUBA: AGRICOLTURA BIOLOGICA E RELOCALIZZAZIONE DELL'ECONOMIA

DI DANIEL HOFNUNGgeostrategie.com Dalla cessazione dell’aiuto sovietico a partire dalla caduta del blocco socialista, dopo il 1989 e soprattutto nel 1990 e 1991 (anno nel quale fu consegnata meno della metà del petrolio sovietico), Cuba si è ritrovata a livello alimentare in una situazione catastrofica. La produzione agricola a Cuba era organizzata sul modello dell’agricoltura produttivista, con una coltivazione intensiva in grandi fattorie di Stato basata sul petrolio, importato per il 98% dal blocco sovietico, e sull’uso massiccio d’insetticidi e …

Leggi tutto »

IL PIANIFICATO ATTACCO ISRAELO-STATUNITENSE ALL'IRAN: SARA' GUERRA?

DI MICHEL CHOSSUDOVSKY Global Research Il premier israeliano Ehud Olmert ha invocato il ricorso “ad ogni mezzo possibile” per fermare il programma nucleare iraniano. Olmert, appena giunto a Washington ha replicato alle ennesime minacce del presidente iraniano Mahmoud Ahamdinejad che Israele sara’ cancellato avvertendo che “la minaccia iraniana deve essere fermata con ogni mezzo possibile. La comunita’ internazionale ha il dovere e la reposanbilita’ di chiarire alla’Iran con misure drastiche che se continueranno a cercare di realizzare ordigni atomici le …

Leggi tutto »

LA MORTE NERA DEL COLLASSO FINANZIARIO

DI JAMES CUMES Asia Times La crisi economica e finanziaria che attualmente ci affligge è di gran lunga la più pericolosa dell’ultimo secolo – anche più grave della Grande Depressione degli anni ’30. Non è soltanto una crisi subprime[1]; si tratta di una crisi sistemica, che affligge l’intero sistema finanziario. E’ anche globale: colpisce vari Paesi in modi diversi ma li colpisce tutti. Raggiungendo un certo grado di “globalizzazione”, abbiamo avuto successo soltanto nel globalizzare il collasso, il caos e …

Leggi tutto »

LA GUERRA NEL CARRELLO DELLA SPESA

DI NICK TURSE LA Times Anche Pepsi, Apple, Krispy Kreme e altre aziende traggono profitto dall’Iraq Lo scorso mese un’indagine sulle dichiarazioni di aperture finanziarie per il 2006 del Congresso, da parte dell’apartitico Center for Responsive Politics [Centro per una Politica Responsabile n.d.t.] ha scoperto che i legislatori hanno investito addirittura 196 milioni di dollari “ in aziende in affari col Dipartimento della difesa che hanno guadagnato milioni dall’inizio della guerra in Iraq”. Un articolo della Associated Press relativo a …

Leggi tutto »

PETROLIO: UNA CRISI GLOBALE

DI GEOFFREY LEAN The Independent on Sunday La guerra in Iraq significa un prezzo del petrolio tre volte più alto del dovuto, afferma un esperto di punta. Come cambieranno le vostre vite affrontando un prezzo di 200$ al barile? Secondo un esperto di punta l’invasione dell’Iraq da parte di Usa e Gran Bretagna sta costando al mondo, solo per i più alti prezzi dell’energia, la strabiliante cifra di $ 6 mila miliardi. L’economista petrolifero Dr Mamdouh Salameh, che è consigliere …

Leggi tutto »

AMERICA LATINA: LA GUERRA SPORCA ALLA DEMOCRAZIA

DI JOHN PILGERThe New Statesman Sottotono rispetto al clamore suscitato dalla strombazzata conquista dell’Iraq e dalla campagna contro l’Iran, la superpotenza mondiale ha già cominciato una guerra trascurata dai grandi mezzi di comunicazione, contro un altro continente: l’America latina. Mediante la concessione di deleghe, Washington mira a restaurare al potere politico un gruppo privilegiato, la sedicente classe media, ad assolvere lo psicotico regime colombiano e i suoi mafiosi dalle loro responsabilità sulle stragi e sul commercio di droga, e di …

Leggi tutto »

L’AIR FORCE PUNTA AL ‘PIENO CONTROLLO’ DI ‘OGNI SINGOLO COMPUTER’

DI NOAH SHACHTMANWired L’aviazione americana vuole un pacchetto di strumenti da hacker che le permetta di avere “accesso” a — e “pieno controllo” di — ogni singolo computer esistente. Una volta che i guerrieri informatici saranno entrati l’aviazione vuole che essi si mantengano “completamente invisibili addosso all’infrastruttura informativa dell’avversario”. Il governo sta diventando sempre più interessato alla guerra via rete. L’aviazione ha recentemente stabilito un “Cyberspace Command,” col compito di governare le reti nello stesso modo in cui i suoi …

Leggi tutto »

KHALID SHEIKH MOHAMMED DOVREBBE ESSERE RILASCIATO?

DI MIKE WHITNEYCounterpunch Sequestrato rapito e privato dei propri diritti “Questa volta si deve dimostrare al mondo che gli Stati Uniti non devono abbandonare i propri principi anche se cercano di garantire la sicurezza ai cittadini.” Janet Reno, ex procuratore generale e membro della squadra di difesa legale per Guantanamo della ACLU. E’ una domanda difficile ma merita una risposta seria. Il motivo è che l’unica ragione per cui l’amministrazione Bush ha deciso di processare Mohammed, la presunta mente dell’attacco …

Leggi tutto »

GLADIO, IL PRINCIPALE SEGRETO DELLA REPUBBLICA

DI SOLANGE MANFREDIPaolo Franceschetti Blog Una regia unica nelle stragi di stato? E’ Gladio il segreto della Repubblica, lo troviamo dietro tutte le stragi di Stato e i principali misteri della Repubblica. Questo articolo sarà necessariamente lungo, ma ciò si rende necessario per la particolare importanza del problema, probabilmente, la risposta ai mille perché delle stragi di stato italiane. Nella storia della nostra Repubblica quando troviamo stragi, omicidi eccellenti e traffici di armi troviamo sempre anche Gladio… e mai dalla …

Leggi tutto »

L'AFRICA DEVE PRODURRE O PERIRA'

DI PHILIP EMEAGWALI Online Journal Immaginate che sia il 25 Maggio del 2063, il 100° anniversario dell’Africa Day, una giornata per riflettere sui successi e i fallimenti dell’Africa. Il titolo sul giornale annuncia: “L’ultimo giacimento petrolifero nel territorio americano dell’Africa Occidentale si è esaurito.” L’articolo continua: “L’ultimo pezzetto di foresta pluviale sarà presto terra desolata, segnata da oleodotti, stazioni di pompaggio e raffinerie di gas naturale. L’inquinamento su vasta scala sarà l’eredità ambientale per le future generazioni. “Le riserve di …

Leggi tutto »

AGIRE DI FRONTE AL COLLASSO. COSA FARE? COSA FARE?

DI CAROLYN BAKER carolynbaker.net Ogni volta che scrivo un articolo sul collasso in atto, ad esempio il recentissimo “Happy Independence Day; You Have No Government”, vengo bombardata da email che mi chiedono “cosa posso fare?”. Per tutti quelli che hanno appena scoperto il mio sito si tratta di una domanda legittima, perché per loro quella del collasso potrebbe essere una realtà ignota. Quelli che invece mi seguono da tempo hanno già ricevuto numerosi suggerimenti su come agire, ma in quest’articolo …

Leggi tutto »

NELL’IRAQ RICCO DI PETROLIO SI VENDE UN RENE PER POTER MANGIARE

DI AFIF SARHAN Islamonline BAGHDAD — L’Iraq, che ha le terze riserve petrolifere più grandi al mondo, sta facendo miliardi di dollari grazie ai prezzi record. Eppure molti suoi cittadini vendono parti del loro corpo solo per sopravvivere. “Non potevo vedere mio figlio piangere per il cibo e non posso dargli nemmeno del pane”, ha detto a IslamOnline.net Ali Hassnawi, un trentaquattrenne di Bagdad. “Un giorno un mio amico mi ha detto di aver venduto il suo rene e decisi …

Leggi tutto »

PALESTINESI E ISRAELIANI DI FRONTE ALLA SFIDA DELLA VIOLENZA

DI JEAN-MARIE MULLER Anarchisme & Non-violence L’omicidio è la questione Ho appena finito di leggere attentamente i testi che presentano la campagna di mobilitazione in favore del popolo palestinese, decisa dalla Piattaforma delle ONG francesi per la Palestina [1]. Questa campagna culminerà con una grande manifestazione che si svolgerà il 17 maggio 2008 al Parco delle Esposizioni della porta di Versailles. In amichevole dialogo con queste ONG, vorrei provare ad esprimere la mia analisi della attuale situazione nel Vicino-Oriente. Certamente, …

Leggi tutto »

LA VERITA' SUI SUICIDI DEI VETERANI

AARON GLANTZ Foreign Policy In Focus In media, ben diciotto veterani si suicidano in America ogni giorno, e circa un migliaio tentano il suicidio ogni mese tra gli ex-soldati che ricevono assistenza dal “Department of Veterans Affaires” (VA). Sono piu’ i veterani che muoiono suicidi che i soldati che muoiono in combattimento. Si tratta di statistiche che la maggior parte degli americani non conosce poiché l’amministrazione Bush si rifiuta di diffonderle. Dall’inizio della guerra Iraq, il governo ha cercato di …

Leggi tutto »