Home / Archivi etichette: Facebook

Archivi etichette: Facebook

Fingendo l’omicidio di Babchenko, l’Ucraina ha diffamato sé stessa

DI SOPHIE PINKHAM theguardian.com Questa montatura irresponsabile ha gravemente minato sia la credibilità dell’Ucraina, che quella del giornalismo onesto Come un giornalista russo ha ordito con l’Ucraina il suo “omicidio”  La notizia si è diffusa rapidamente  martedì scorso: il giornalista dissidente russo Arkady Babchenko è stato colpito tre volte con un’arma da fuoco, appena fuori dal suo appartamento a Kiev, mentre andava a comprare il pane. Sua moglie era in bagno; quando si è precipitata fuori sentendo il rumore degli …

Leggi tutto »

TUTTO CIO’ CHE E’ INDISPENSABILE CAPIRE ADESSO. (esclusivo per Comedonchisciotte)

comedonchisciotte controinformazione alternativa Google Alphabet

DI PAOLO BARNARD comedonchisciotte.org Dopo 102 anni dalla fondazione, la Boeing è arrivata a valere 193 miliardi di dollari. Dopo 3 anni dalla fondazione, Google-Alphabet è arrivata a valere 720 miliardi di dollari. Non vivi più sulla Terra che hai sempre conosciuto, dillo ai tuoi politici, e… THINK. Di seguito scrivo tutto ciò che è indispensabile capire oggi, e subito, ma ci sarebbe tantissimo altro. L’ho sintetizzato in 6 facili paradigmi, tenuti davvero il più corti possibile dato che asciugano …

Leggi tutto »

Milioni di maschere, ma pochissimi volti

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org Uscito nelle sale nel settembre 2017 sotto licenza Creative Commons, il documentario «Nothing to Hide» di Marc Meillassoux è una risposta problematica ad una domanda cruciale per il nostro futuro «Non ho fatto nulla di sbagliato o illegale, quindi non importa se sono spiato», «Non ho nulla da nascondere». «Non c’è un argomento valido per tutti. Alcuni reagiscono ai rating finanziari temendo di dover pagare di più per il loro mutuo o assicurazione sanitaria. Altri sono sensibilizzati da …

Leggi tutto »

Diciannove Domande Cui Mark Zuckerberg Non Ha Saputo Stranamente Rispondere, In Occasione Della Sua Udienza Al Senato

DI JAY SYRMOPOULOS govtslaves.info L’Amministratore Delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, è sembrato a disagio quando, Martedì scorso, ha reso una testimonianza lunga 5 ore davanti a 44 Senatori degli Stati Uniti. Il Mercoledì successivo è apparso davanti a 55 membri della Camera dei Rappresentanti, per riferire sul ruolo di Facebook e sul modo in cui l’azienda affronterà i problemi relativi alla privacy sui dati degli utenti, sulla scia dello scandalo Facebook/Cambridge Analytica. Il “New York Times” scrive che Zuckerberg si …

Leggi tutto »

Surveillance capitalism: se trovi un nickname trovi un tesoro

DI ROSANNA SPADINI comedonchisciotte.org La prassi è ormai consolidata, si strumentalizza una notizia clamorosa per demonizzare il web e la sua libertà di informazione, si prende l’episodio Facebook – Cambridge Analytica  e lo si gonfia come un caso clamoroso, con le sue menzogne, fake news, condizionamenti del consenso elettorale. Ma dietro al caso c’è lo scontro di potere tra le potenti élites del regime tecnoligarchico globale. Dice il Financial Times che Bruxelles si prepara a reprimere le società di social media, …

Leggi tutto »

La menzogna competitiva

  DI DMITRY ORLOV lesakerfrancophone.fr Nessuno crede che dire delle bugie sia proprio di un comportamento sportivo o onesto. Eccetto nel caso di professioni molto particolari – spia, agente speciale, etc. – mentire è considerato pressoché ovunque una manifestazione di sconfitta. Anche in forme relativamente inoffensive, come il vanto o l’esagerazione, la finzione e la demagogia, è una misera scorciatoia a cui si ricorre quando non si ha una verità favorevole da dire. Poi, ci sono altri tipi di inganni, …

Leggi tutto »

Il bel paese dei beati ignari.Il pericolo Facebook è a cinque stelle

DI PAOLO BARNARD paolobarnard.info Solo dieci anni fa il Movimento 5 Stelle sarebbe stato un imbarazzante pollitalico folklore, l’ennesimo. Oggi, e questo io lo dicevo da un pezzo, dopo l’esplosione dello scandalo Cambridge Analytica-Facebook, il partito dell’azienda di marketing Casaleggio Associati è la più micidiale mina nella pancia della (semi) democrazia italiana dopo Benito Mussolini, lasciandosi nei gas di scarico le P2, 3, e soci. L’irreversibile fantozziano provincialismo dell’Italia è da 30 anni l’oggetto dei miei strali, poiché fonte dell’imbarazzante …

Leggi tutto »

Cambridge Analytica, II (Sto vedendo scrivere dalla stampa cose indegne, quindi spieghiamo meglio)

FONTE: KEINPFUSCH.NET La stampa italiana sta cercando di “troncare e sopire” quanto e’ stato fatto da Cambridge Analytica, in una maniera che personalmente trovo indegna. La stanno facendo passare per un furto di dati privati, ovvero per qualche cosa che ha funzionato carpendo dati scritti sul social network. Ha ridotto cioe’ la cosa ad un fenomeno di privacy, che potrebbe apparentemente essere risolto decidendo cosa scrivere di se’ o meno. Ma le cose non stanno cosi’. Vi rimando di nuovo …

Leggi tutto »

The Cambridge Analytica Files. “Sono io che ho creato lo strumento psicologico di guerra di Steve Bannon” (intervista)

DI CAROLE CADWALLADR theguardian.com Per oltre un anno abbiamo studiato Cambridge Analytica e i suoi collegamenti con la campagna per la Brexit nel Regno Unito e il Team di Trump nelle elezioni presidenziali americane. Ora, il ventottenne Christopher Wylie parla entrando nel merito per discutere del suo ruolo nel dirottare i profili di milioni di utenti di Facebook per colpire l’elettorato statunitense La prima volta che ho incontrato Christopher Wylie, non aveva ancora i capelli rosa. Questo è avvenuto dopo. …

Leggi tutto »

Il voto del 4 marzo? Entriamo in una crisi lunga 20-30 anni

DI FEDERICO FERRAU’ ilsussidiario.net Aveva definito il M5s come un gruppo di “puri” destinato a fallire, e Renzi la sintesi perfetta di Berlusconi e Grillo. Ad Alessandro Dal Lago, filosofo e sociologo, non interessa più di tanto prevedere cosa succederà dopo il 4 marzo. Gli preme scandagliare cosa sta cambiando sotto la pelle della politica e del paese. Per lui i partiti hanno orientamenti “immaginari”, Berlusconi e Renzi sono perfettamente intercambiabili, i grillini non sono il partito della protesta ma …

Leggi tutto »

Il bitcoin potrebbe diventare l’arma segreta dell’antipolitica

DI SCACCOMATTO -ALL-OCCIDENTE.COM lastampa.it Una tecnologia in grado di riuscire dove i sistemi tradizionali falliscono   L’anti-politica afferma di rappresentare la gente comune, contro il sistema. Le anti-valute sono definite (dalla Bce) monete accettate dalla gente comune, non emesse dal sistema. Due sfide convergenti, oppure due raggiri? Bitcoin, l’anti-valuta più nota, è l’arma segreta dell’anti-politica, oppure uno strumento di speculazione? Per giudicare, partiamo da lontano nel tempo e nello spazio – dalla Mesopotamia (odierno Iraq), cinquemila anni fa. Usando tavolette …

Leggi tutto »

Lavorate per Facebook gratis. Utenti di tutto il mondo, unitevi!

DI JOHN THORNILL ilsole24ore.com Se vivesse oggi, Platone potrebbe benissimo considerare ozio buona parte del lavoro che facciamo e lavoro buona parte dello svago che ci godiamo. Gli amministratori delegati retribuiti in maniera esorbitante, che hanno preso parte agli incontri di Davos e sfrecciano da una parte all’altra del pianeta per discutere delle grandi tematiche all’ordine del giorno, in verità si abbandonano a un vortice senza fine di simposi. Platone, in ogni caso, quasi certamente guarderebbe in tralice tutti coloro …

Leggi tutto »

Come Facebook si infiltrerà nelle elezioni nazionali e dominerà il mondo in meno di 10 anni, a meno che non si dica basta

DI NAFEEZ AHMED medium.com Cosa hanno in comune la NATO, gli appaltatori militari privati, i colossi produttori di armi, i commercianti di vino, l’NSA, Trump, i magnati britannici dell’edilizia, gli oligarchi russi e Big Oil? Il più grande social network al mondo. Assistenza editoriale di Andrew Markell e Gunther Sonnenfeld Pubblicato per lanciare la nuova piattaforma beta per INSURGE intelligence, una piattaforma giornalistica finanziata dal crowdfunding per Open Inquiry e un’azione coordinata al servizio delle persone e del pianeta. Diventate …

Leggi tutto »

L’Inquisizione sessuale

DI ISRAEL SHAMIR unz.com Una donna corpulenta e poco attraente sulla cinquantina o sessantina, i capelli tinti, i lacci delle perle attorno al collo rugoso, che racconta in lacrime una storia di indesiderata attenzione sessuale che forse si è verificata molti anni fa, è uno spettacolo abbastanza imbarazzante. Forse Beverly Young Nelson una volta era giovane e carina, e poteva risvegliare la passione nei lombi di un uomo, ma è stato molto tempo fa. Eppure questa creatura imbarazzante è riuscita …

Leggi tutto »

Facebook o Russia: Chi è la vera minaccia ?

FONTE: ACCURACY.ORG Matt Taibbi scrive su Rolling Stone:  “Riposa in pace Edward Herman, colui che ha co-realizzato un libro che ora è più importante che mai,” e che : “Edward Herman, il co-autore (con Noam Chomsky) di Manufacturing Consent, è morto. Lui aveva 92 anni. Il suo lavoro non è mai stato più importante. Manufacturing Consent fu una sorta di Bibbia della critica dei media per una generazione di pensatori dissidenti”. Herman, strenuo sostenitore dell’Institute for Public Accuracy (IPA) scrisse …

Leggi tutto »

L’antisemitismo usato come arma

DI ISRAEL SHAMIR unz.com La Palestina con i suoi meravigliosi paesaggi rocciosi ed i venerati antichi ulivi, alcuni dei quali piantati dalle mani di Maria, Madre di Cristo, la contadina palestinese che possedeva un frutteto vicino all’attuale Convento Cremisan di Beit Jalla, che porta ancora il suo nome. La Palestina con la sua robusta gente di montagna, magra, abbronzata e con occhi azzurri, la mia seconda o forse prima patria, da dove scrivo queste righe. La Palestina luogo raro nel …

Leggi tutto »

Siamo solo tanti “Numero 6” nel villaggio globale del controllo sociale. Vale la pena andare avanti?

DI MAURO BOTTARELLI rischiocalcolato.it Prima di tutto, scusatemi in anticipo per la lunghezza dell’articolo di oggi. Immagino che pochi di voi abbiano visto la serie tv “Il prigioniero”, io stesso l’ho scoperto da poco, grazie alla lettura di un articolo del “Boston Globe”. Andata in onda sulla tv britannica 50 anni fa, 17 episodi in tutto, racconta la storia di un agente segreto – il cui nome è semplicemente un numero di matricola, “Numero 6”- che abbandona il suo lavoro …

Leggi tutto »

“Movimento Arturo”: le truppe cammellate di George Soros in rete

DI FEDERICO DEZZANI federicodezzani.altervista.org La crisi diplomatica tra Italia ed Egitto, vero obiettivo dell’omicidio di Giulio Regeni, è stata perseguita ricorrendo ad ogni strumento: politica, ong, mondo delle associazioni e media. Se nell’ambito dei media tradizionali il Gruppo l’Espresso ha giocato la parte del leone, in rete si è distinto per attivismo il “Movimento Arturo”, esperimento informatico-politico del conduttore televisivo Diego Bianchi, in arte “Zoro”. Il movimento, nato lo scorso febbraio e già assurto a “quarto partito italiano su Twitter”, …

Leggi tutto »

Gli smartphone hanno distrutto una generazione?

DI JEAN M. TWENGE theatlantic.com Più a proprio agio online che fuori a far festa, i post-Millennials si sentono più al sicuro dal punto di vista fisico, rispetto a quanto non lo siano mai stati gli adolescenti. Ma sono sul punto di una crisi di salute mentale. Un giorno della scorsa estate, verso mezzogiorno, ho chiamato Athena, una 13enne che vive a Houston, Texas. Lei ha risposto al suo telefono – ha l’iPhone da quando aveva 11 anni – come …

Leggi tutto »

Stanno tornando i forconi ?

DI MASSIMO BORDIN micidial.it Non ho mai troppo simpatizzato per il movimento dei forconi perchè mi è sempre sembrato scarsamente interclassista, interessato soprattutto a difendere il popolo delle partite Iva (magari mi sbaglio eh? ma al clou della loro protesta, nel 2014, ebbi nettamente questa sensazione). L’incapacità dei Forconi di interloquire con i dipendenti salariati e con la galassia di sindacati non mi è mai piaciuto e, spesso, l’ho trovato anche sospetto. Tuttavia, occorre riconoscere che quel movimento ha capito …

Leggi tutto »

La presidenza Zuckerberg, la vittoria di matrix …

DI NICOLAS BONNAL dedefensa.org Nel suo eccellente blog sul disastro americano, Michael Snyder evidenzia i disastri urbani di Chicago e Baltimora; ne descrive la violenza dilagante, il decadimento delle infrastrutture, lo stato di fallimento, brevemente una crisi degna di Lynch Eraserhead, che metaforicamente mostrava il collasso di Philadelfia sotto la disastrosa amministrazione Johnson, e la mostruosa transumanza che ne è derivata. Ho già parlato del collasso americano. Che ovviamente non è virtuale ma reale. Siamo arrivati a quell’episodio di Astérix nel …

Leggi tutto »

Idioti in marcia (la merde)

DI ALCESTE pauperclass.myblog.it Raspail. Sulle recenti elezioni presidenziali francesi non si può che citare, a spanne, Jean Raspail: “I Francesi di fegato? Gli ultimi sono morti in Algeria“. L’eventuale vittoria della Le Pen, pur benvenuta, è solo un sassetto in una macina da mulino. Barbie. C’è poco da dire o fare. Il primo turno l’ha vinto la Barbie del potere, l’asessuato Macron. Anch’egli un vizioso, ne sono certo. Il potere seleziona con cura i suoi pupazzi: li vuole fotogenici e …

Leggi tutto »

La Francia subirà un colpo di Stato oligarchico ?

DI NICOLAS BONNAL dedefensa.org Ci stiamo muovendo verso un futuro assai poco rassicurante. Il sistema è diventato tirannico e vorrebbe mettere in prigione le persone che non leggono Le Monde. Il trio satanico NATO-BCE-Bruxelles vuole imporre il suo Macron come in passato il suo Juppé. Candidato del triangolo magico Rothschild-Draghi-Soros, il venditore di Alstom è l’incudine sul quale il martello del capitalismo mondiale schiaccerà ciò che resta della Francia libera. La nuova casta crudele che prende forma sotto l’etichetta di …

Leggi tutto »

Il privilegio delle spigolatrici

DI MIGUEL MARTINEZ kelebeklerblog.com Non vi sarà sfuggita la notiziola dei dipendenti della Lidl di Follonica che hanno sorpreso due donne Rom a frugare tra i rifiuti (“angolo rotture”) e le hanno rinchiuse brevemente dentro il gabbione dei cassonetti, non solo prendendole in giro, ma anche filmandosi e pubblicando il tutto su Facebook. Che ancora una volta rivela il proprio lato positivo come sterminatoio darwiniano degli imbecilli. Scontate le reazioni: duecentomila visualizzazioni del video, tanti che dicono “bravi” e tanti …

Leggi tutto »

La mia guerra contro Facebook

DI GIANNI PETROSILLO conflittiestrategie.it Il titolo è, ovviamente, iperbolico ma oggi ho ricevuto l’ennesimo blocco da Facebook per l’articolo pubblicato qui sotto. Trenta giorni di sospensione ed altri trenta terminati appena qualche settimana fa. Più altre punizioni più brevi, qua e là, lungo un arco di sei mesi, più o meno, da quando è partito questo giro di vite contro le notizie sgradite all’establishment.  In un certo senso, è un salto di qualità per i censori “buturliniani” del social network …

Leggi tutto »

L’ultimo giovane maschio del villaggio

DI MIGUEL MARTINEZ kelebeklerblog.com Il sito di The Guardian riporta una delle grandi interviste della storia. E’ con Goundo Wandianga, l’ultimo giovane maschio rimasto in un tipico villaggio del Senegal, seduto su un copertone, perfetto simbolo del grande agitarsi del mondo che finisce in discarica. Indossa jeans con regolamentare buco ad altezza ginocchio e maglietta, sullo sfondo alcune capanne di argilla e paglia. Nella foto, non si vede l’oggetto più importante: il telefonino con cui si tiene in costante attività …

Leggi tutto »

Strage di Berlino: perché mostrarci il poliziotto che lo ha “ucciso”?

DI FRANCESCO SANTOIANNI pecorarossa.tumblr.com Ma com’è che ora si pubblica, oltre al nome e cognome, anche la fotografia del poliziotto che ha appena ucciso un terrorista? Una ipotesi: Marco Minniti – da tempo immemorabile tutor dei servizi segreti e ora anche Ministro dell’Interno – si era reso conto che la morte di Anis Amri, – identificato come il responsabile della strage con il TIR a Berlino grazie ad un ennesimo documento di identità – miracolosamente ritrovato dopo 24 ore – …

Leggi tutto »

La Germania imporrà a Facebook, Google e Twitter di intervenire contro i contenuti offensivi

DI PHILIP OLTERMANN theguardian.com La Germania sta valutando nuove leggi che obbligheranno le piattaforme di social media come Facebook e i motori di ricerca come Google ad assumere un ruolo più attivo nel regolamentare i contenuti offensivi sui loro siti. Le misure ipotizzate dalla coalizione di governo di Angela Merkel includono il costringere le società a prevedere canali specifici per trasmettere reclami, a pubblicare il numero di segnalazioni ricevute e assumere mediatori legalmente qualificati per far eseguire le richieste di cancellazione. …

Leggi tutto »

Gli arbitri della verità

DI DANIELE SCALEA facebook.com Facebook ha annunciato che alcuni siti di fact-checking decideranno al posto vostro cosa sia vero e cosa falso. Bontà loro, potrete ancora leggere le presunte false notizie, solo etichettate con una lettera scarlatta, e potrete persino condividerle dopo che Facebook vi avrà più volte invitato a ripensarci. E Facebook limiterà la visibilità delle notizie “sospette”, ad esempio estromettendole dal programma annunci a pagamento. Se pensate che questi siti si limitino a sbugiardare le leggende metropolitane e …

Leggi tutto »

Zero Privacy

  FONTE ROSSLAND (BLOG)  In Zero Privacy si citano 3 casi che, fossimo rane meno prossime al punto di cottura, dovrebbero vederci sparire dalla rete limitandoci alle sole attività burocratiche rese ormai obbligatorie. 1. Nel 2012, un ragazzo che sta per partire per una vacanza a Los Angeles invia un messaggio via Twitter a un’amica: “Ehi, che ne dici di andarci a bere una birra prima che vada a distruggere l’America? Un bacio”. Un paio di giorni dopo si imbarca …

Leggi tutto »