Facebook accusato dal BMJ per il fact-cheking «incompetente» sulla storia Pfizer

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

www.renovatio21.com

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

In una lettera aperta a Mark Zuckerberg di Facebook, il BMJ definisce i fact checker del gigante tecnologico «imprecisi, incompetenti e irresponsabili», affermando che non sono riusciti a «fornire alcuna affermazione di fatto che l’articolo del BMJ sia sbagliato».

Il BMJ [British Medical Journal, prestigiosissima rivista medica britannica con respiro internazionale, ndr] ha chiesto al co-fondatore di Facebook Mark Zuckerberg di rimuovere un avvertimento che scoraggia gli utenti di Facebook da l condividere un articolo sui difetti nella sperimentazione del vaccino COVID di Pfizer, affermando che i fact checker «incompetenti» della piattaforma etichettano immancabilmente articoli come falsi.

In una lettera aperta venerdì, gli editori del BMJ hanno spiegato come alcuni lettori non siano in grado di pubblicare il suo articolo del 2 novembre su Facebook.

Altri lettori hanno ricevuto avvisi pop-up secondo cui se scelgono di condividere «informazioni false», i loro post potrebbero avere una posizione inferiore nel feed delle notizie di Facebook.

L’avvertimento di Facebook indirizza gli utenti a Lead Stories, un sito di verifica dei fatti finanziato dal gigante dei social media. Lead Stories ha uno screenshot dell’articolo con un timbro con su scritto «Flaws Rewied» («Difetti rivisti») e un URL contenente la frase «avviso-bufale».

BMJ-Facebook-Fact-Check-pop-up-

«Riteniamo che il “fact-checking” eseguito da Lead Stories sia impreciso, incompetente e irresponsabile», hanno scritto i redattori del BMJ Fiona Godlee e Kamran Abbasi. «Non fornisce alcuna asserzione di fatto che l’articolo del BMJ sia sbagliato».

L’articolo del BMJ del mese scorso documentava una serie di cattive pratiche che potrebbero aver danneggiato l’integrità dei dati e la sicurezza del paziente nello studio di Fase 3 per il vaccino COVID di Pfizer. Un informatore aveva fornito al BMJ documenti interni dell’azienda, foto, registrazioni audio ed e-mail da una società di ricerca a contratto che supervisionava alcuni siti di prova.

La Food and Drug Administration statunitense ha rifiutato di ispezionare i siti interessati nonostante abbia ricevuto un reclamo diretto nel 2020, ha affermato il BMJ. Il vaccino di Pfizer, chiamato Comirnaty, ha ricevuto l’approvazione nell’agosto 2021.

«C’è anche una preoccupazione più ampia che desideriamo sollevare», ha scritto il BMJ nella sua lettera a Zuckerberg. «Siamo consapevoli che il BMJ non è l’unico fornitore di informazioni di alta qualità ad essere stato colpito dall’incompetenza del regime di controllo dei fatti di Meta».

Meta è il nome della nuova società madre di Facebook, che possiede anche Instagram.

Il mese scorso Instagram ha «shadowbannato» Cochrane, un’organizzazione senza scopo di lucro con sede nel Regno Unito, che fornisce informazioni di alta qualità per migliorare le conoscenze sanitarie e il processo decisionale.

Agli utenti di Instagram è stato impedito di taggare l’account di Cochrane , che ha più di 16.000 follower. Un pop-up ha affermato che Cochrane ha «pubblicato ripetutamente contenuti che vanno contro le nostre Linee guida della community su contenuti falsi su COVID-19 o vaccini».

Cochrane ha affermato di non sapere cosa abbia innescato il divieto-ombra di diverse settimane, ma ha ipotizzato che potrebbero essere stati i suoi articoli sull’ivermectina.

«Se l’obiettivo è ridurre le cospirazioni e la disinformazione, è molto meglio consentire la discussione e il dibattito ed essere aperti e onesti sulle informazioni che abbiamo, comprese le carenze e i limiti», ha affermato Cochrane.

Facebook non è l’unico cliente di Lead Stories. L’azienda lavora anche per Google, ByteDance (proprietario di TikTok) e il Poynter Institute for Media Studies.

La missione dichiarata del fact checker è quella di «cercare storie, immagini, video e post di tendenza che contengono informazioni false al fine di verificarli il più rapidamente possibile».

Il BMJ ha esortato Zuckerberg ad agire rapidamente, «in particolare per correggere l’errore relativo all’articolo del BMJ e per rivedere i processi che hanno portato all’errore; e in generale riconsiderare il tuo investimento e l’approccio al fact checking in generale»

Il Team di Children’s Health Defense

© 20 dicembre 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Fonte: https://www.renovatio21.com/facebook-accusato-dal-bmj-per-il-fact-cheking-incompetente-sulla-storia-pfizer/

Pubblicato il 22.12.2021

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix