Home / Das schloss (pagina 49)

Das schloss

IL MITO DELL'ONESTO MEDIATORE: INGHILTERRA E ISRAELE

DI MARK CURTIS I rapporti Israele/Gran Bretagna La complicità dell’Inghilterra nell’assalto israeliano alla prigione di Gerico* dovrebbe abbattere il duraturo mito sulla politica estera inglese. La Gran Bretagna giustificava l’invasione in Iraq non solo con l’ipotetico possesso di armi di distruzione di massa, ma anche con il ruolo di “onesto mediatore” che avrebbe potuto rivestire nel Medio Oriente. L’intenzione era quella di spingere Washington a fare pressioni su Israele per raggiungere la pace con la Palestina. Oggi, dopo le reazioni …

Leggi tutto »

QUINDI CHI HA REALMENTE UCCISO NICK BERG ?

DI GAVIN GATENBY Per quelli di noi che sentono una strana necessità ad analizzare questo mondo fertile delle operazioni coperte degli Stati Uniti, e che ha sempre dubitato dell’effettiva esistenza di Abu Musab al-Zarqawi, non c’è migliore vendetta che questa. “Zarqawi usato nei colpi di propaganda americana” si legge nella prima pagina del Sydney Morning Herald di martedì 11 Aprile 2006, riguardo ad una storia del Washington Post di Thomas Ricks. Era un altro di quegli articoli scivolosi, basati sulle …

Leggi tutto »

LE FORZE ISRAELIANE ARRESTANO DONNE E MADRI DI PALESTINESI RICERCATI

DI AMIN ABU WARDEH Le Forze Israeliane hanno compiuto una escalation nella loro brutalità tra le strade della città di Nablus all’alba di mercoledì. I soldati Israeliani stanno ora prendendo madri e mogli di uomini che hanno sulle loro liste di “ricercati” per i centri di detenzione. Lo scopo è di costringere gli uomini ad “arrendersi”. Per tutta la mattina dozzine di donne di Nablus sono scomparse. Diverse donne anziane e giovani sono comprese nella lista degli arrestati.

Leggi tutto »

ISRAELE CONDUCE AZIONI POLITICHE SEGRETE IN AMERICA? CI POTETE SCOMMETTERE

DI MICHAEL SCHEUER Di “operazioni segrete” [“covert action”] si parla tanto ma si è compreso poco. Al livello più semplice una covert action è una serie di operazioni di intelligence intraprese da agenzie di intelligence di uno specifico stato per portare avanti i propri interessi nazionali. Sono compiute in modo da limitare la visibilità della mano dello stato in tutto ciò che viene fatto. Idealmente dalle covert actions non si può risalire al loro sponsor. Molta gente ritiene che il …

Leggi tutto »

DUE TWIN TOWERS DI SCHEDE ELETTORALI

DI MAURIZIO BLONDET Un lettore mi chiede: «cosa ne pensa di quanto di anomalo è successo in queste elezioni?». Sondaggi ed exit poll (concordi tra loro da anni) ribaltati come nelle elezioni finte di Bush, non abbastanza da cambiare il vincitore ma abbastanza da rendere il Paese quasi ingovernabile. I risultati che cambiano con un trend costante nel corso dello spoglio, cioè una crescita-decrescita costante delle coalizioni e non oscillazioni. I risultati che dovevano essere definitivi entro le 20 e …

Leggi tutto »

IL DOGMA DELL'ESISTENZA DI KHALED

DI GIULIETTO CHIESA Non ne scriverei adesso, di Khaled Sheik Mohammed, se non pensassi che la politica estera giocherà un ruolo di primaria importanza nei mesi, assai difficili in ogni caso, che seguiranno il risultato del voto del 9-10 aprile. Chi è questo carneade lo sanno in pochi: gli specialisti dell’11 settembre. Quale 11 settembre? Ma che domanda! Quello che, come si sente ripetere dall’anno fatale 2001, “ha cambiato il mondo”. Khaled Sheik è ufficialmente uno dei protagonisti assoluti di …

Leggi tutto »

LE INCREDIBILI STORIE DELLA COMMISSIONE SULL'11 SETTEMBRE (PARTE II)

DI DAVID RAY GRIFFIN I voli 11, 175, 77 e 93 Il trattamento del volo United Airlines 93 da parte della commissione Il Volo 93 ha posto la Commissione 9/11 di fronte ad un compito differente. Per quanto riguarda gli altri voli, la Commissione doveva spiegare perché non fossero stati intercettati ed abbattuti. Per il volo 93, invece, la Commissione doveva convincerci che i militari non lo avessero abbattuto. Non ha cercato di farlo rigettando le prove a disposizione, che …

Leggi tutto »

CHI HA DECISO LE SORTI DEL MONDO ?

Con una decisione amministrativa clandestina, il voto del 2008 in California (e dunque negli Usa) è stato deciso il mese scorso. Vincerà Bush, con un broglio già pronto. Non ha importanza chi sarà a correre per i Democratici – Hillary Clinton, Barack Obama, John Edwards, George Clooney o Gesù Cristo vestito da Zio Sam – perché questo non farà un’unghia di differenza. DI CHRIS FLOYD* Tre settimane or sono, un oscuro funzionario repubblicano dello stato di California, non eletto ma …

Leggi tutto »

UNA STORIA IMPORTANTE CHE NON AVETE VISTO!

DI STEPHEN P. PIZZO NewsForReal.com Non ho idea del perché questa storia non fosse su tutte le prime pagine di ogni quotidiano e all’inizio di ogni telegiornale, ma non c’era. La storia, che io sappia, è apparsa solo su una prima pagina. Ed era sul giornale che ha tirato fuori la notizia, The Wall Street Journal. Che voi siate tra la crescente maggioranza degli Americani che pensa che Bush stia facendo un orribile lavoro o un membro della striminzita minoranza …

Leggi tutto »