Home / Davide (pagina 377)

Davide

IL SACCO INFINITO DI BAGHDAD

La ricostruzione dei danni ingentissimi subiti negli ultimi dieci anni dal patrimonio archeologico del museo di Baghdad in un recente volume di Frederick Mario Fales, «Saccheggio in Mesopotamia»: oltre ottomila pezzi trafugati dalle sale e dai magazzini, diverse migliaia di manufatti danneggiati durante la razzia DI CARLO ZACCAGNINI Il 16 gennaio 1991 era giorno di luna nuova: alle 22 aveva inizio l’operazione Desert Storm 1, accuratamente pianificata da Mr. Bush padre contro il dittatore Saddam, una volta venuta meno la …

Leggi tutto »

IL SACCO INFINITO DI BAGHDAD

La ricostruzione dei danni ingentissimi subiti negli ultimi dieci anni dal patrimonio archeologico del museo di Baghdad in un recente volume di Frederick Mario Fales, «Saccheggio in Mesopotamia»: oltre ottomila pezzi trafugati dalle sale e dai magazzini, diverse migliaia di manufatti danneggiati durante la razzia DI CARLO ZACCAGNINI Il 16 gennaio 1991 era giorno di luna nuova: alle 22 aveva inizio l’operazione Desert Storm 1, accuratamente pianificata da Mr. Bush padre contro il dittatore Saddam, una volta venuta meno la …

Leggi tutto »

''PER LORO TAGLIARE TESTE ERA NORMALE COME RESPIRARE''

«Attorno a noi decapitati quattro ostaggi. Ci hanno detto: non tornate più» Georges Malbrunot racconta i suoi 124 giorni nelle mani dei sequestratori in Iraq assieme al collega Christian Chesnot. Il giornalista del Figaro ieri ha detto di aver saputo dell’assassinio dell’italiano Enzo Baldoni il 18 settembre: «Un carceriere ci ha detto che un italiano, rapito contemporaneamente a noi, era stato poi ucciso perché era una spia. Quello che posso ora dire è che non era una spia, e che …

Leggi tutto »

''PER LORO TAGLIARE TESTE ERA NORMALE COME RESPIRARE''

«Attorno a noi decapitati quattro ostaggi. Ci hanno detto: non tornate più» Georges Malbrunot racconta i suoi 124 giorni nelle mani dei sequestratori in Iraq assieme al collega Christian Chesnot. Il giornalista del Figaro ieri ha detto di aver saputo dell’assassinio dell’italiano Enzo Baldoni il 18 settembre: «Un carceriere ci ha detto che un italiano, rapito contemporaneamente a noi, era stato poi ucciso perché era una spia. Quello che posso ora dire è che non era una spia, e che …

Leggi tutto »

PIANTO DI NATALE

DI MAURIZIO BLONDET La signora Kathleen Christison è americana. Di più, è stata a lungo analista per la Cia. Ma oggi, è uno fra i tanti volontari di pace che accompagnano i bambini palestinesi a scuola. Perché? Perché i coloni israeliani degli insediamenti illegali e i soldati israeliani che proteggono gli insediamenti illegali angariano questi bambini, non li lasciano passare, spesso li picchiano. I volontari – americani ed europei – accompagnano gli scolari perché la loro presenza, la presenza di …

Leggi tutto »

PIANTO DI NATALE

DI MAURIZIO BLONDET La signora Kathleen Christison è americana. Di più, è stata a lungo analista per la Cia. Ma oggi, è uno fra i tanti volontari di pace che accompagnano i bambini palestinesi a scuola. Perché? Perché i coloni israeliani degli insediamenti illegali e i soldati israeliani che proteggono gli insediamenti illegali angariano questi bambini, non li lasciano passare, spesso li picchiano. I volontari – americani ed europei – accompagnano gli scolari perché la loro presenza, la presenza di …

Leggi tutto »

UNA FARSA I PROCESSI AI VINTI

DI MASSIMO FINI Sono cominciati in Iraq, davanti a un Tribunale Speciale, i processi ai principali gerarchi del regime di Saddam Hussein e allo stesso rais. Com’è noto il capostipite di questi processi dove i vincitori giudicano i vinti è stato, all’indomani della seconda guerra mondiale, quello di Norimberga ai capi politici e militari della Germania nazista sconfitta. Il processo di Norimberga fu un fatto inaudito, nel senso letterale di mai udito prima nella pur lunga e variegata storia del …

Leggi tutto »

UNA FARSA I PROCESSI AI VINTI

DI MASSIMO FINI Sono cominciati in Iraq, davanti a un Tribunale Speciale, i processi ai principali gerarchi del regime di Saddam Hussein e allo stesso rais. Com’è noto il capostipite di questi processi dove i vincitori giudicano i vinti è stato, all’indomani della seconda guerra mondiale, quello di Norimberga ai capi politici e militari della Germania nazista sconfitta. Il processo di Norimberga fu un fatto inaudito, nel senso letterale di mai udito prima nella pur lunga e variegata storia del …

Leggi tutto »

FALLUJA E' INABITABILE

DI KURT NIMMO Se un esercito straniero bombardasse la vostra città, obbligandovi ad evacuarla e a vivere in una tenda o a dormire per strada, e quindi, dopo alcune settimane, scopriste che la vostra casa è stata rasa la suolo, i vostri possedimenti distrutti, allora a questo punto voi non vorreste vendicarvi, unendovi alla resistenza che combatte contro l’esercito straniero che occupa la vostra terra? O invece celebrereste la vostra “liberazione” dal dittatore — un dittatore che non ha distrutto …

Leggi tutto »

FALLUJA E' INABITABILE

DI KURT NIMMO Se un esercito straniero bombardasse la vostra città, obbligandovi ad evacuarla e a vivere in una tenda o a dormire per strada, e quindi, dopo alcune settimane, scopriste che la vostra casa è stata rasa la suolo, i vostri possedimenti distrutti, allora a questo punto voi non vorreste vendicarvi, unendovi alla resistenza che combatte contro l’esercito straniero che occupa la vostra terra? O invece celebrereste la vostra “liberazione” dal dittatore — un dittatore che non ha distrutto …

Leggi tutto »

UCRAINA SUICIDA

L’Ucraina non può fare a meno della grande vicina  Piero Sinatti analizza i rapporti di stretta dipendenza economica tra Mosca e Kiev. La divisione? Sarebbe una nuova tragedia post-sovietica DI PIERO SINATTI Esaminiamo il quadro geo-elettorale ucraino. Presenta una radicale divisione. Le regioni dell’ovest e del centro del Paese – vi dominano agricoltura, industria leggera (specie alimentare), piccole e medie imprese, terziario – hanno dato al candidato Viktor Jushenko, ritenuto “filoccidentale”, percentuali sovietiche attorno e oltre il 90%. Le regioni …

Leggi tutto »

UCRAINA SUICIDA

L’Ucraina non può fare a meno della grande vicina  Piero Sinatti analizza i rapporti di stretta dipendenza economica tra Mosca e Kiev. La divisione? Sarebbe una nuova tragedia post-sovietica DI PIERO SINATTI Esaminiamo il quadro geo-elettorale ucraino. Presenta una radicale divisione. Le regioni dell’ovest e del centro del Paese – vi dominano agricoltura, industria leggera (specie alimentare), piccole e medie imprese, terziario – hanno dato al candidato Viktor Jushenko, ritenuto “filoccidentale”, percentuali sovietiche attorno e oltre il 90%. Le regioni …

Leggi tutto »

YUSHCHENKO HA AVVELENATO SE STESSO ?

DI CHAD NAGLE Durante la guerra fredda, il clima globale “spia-contro-spia” e di contrapposizione dei blocchi est-ovest, generò infinite trame assassine e storie di omicidi politici. Uno dei delitti più famigerati coinvolse un impiegato bulgaro della BBC, Georgi Markov, assassinato quasi sicuramente dalla polizia segreta comunista bulgara, in una via di Londra, nel 1978. La leggenda racconta che Markov morì in seguito ad un colpo inferto dalla punta di un ombrello dove era appiccicata una minuscola pallina impregnata di un …

Leggi tutto »

YUSHCHENKO HA AVVELENATO SE STESSO ?

DI CHAD NAGLE Durante la guerra fredda, il clima globale “spia-contro-spia” e di contrapposizione dei blocchi est-ovest, generò infinite trame assassine e storie di omicidi politici. Uno dei delitti più famigerati coinvolse un impiegato bulgaro della BBC, Georgi Markov, assassinato quasi sicuramente dalla polizia segreta comunista bulgara, in una via di Londra, nel 1978. La leggenda racconta che Markov morì in seguito ad un colpo inferto dalla punta di un ombrello dove era appiccicata una minuscola pallina impregnata di un …

Leggi tutto »

SPIRITO NATALIZIO

Affermare che l’assassino ha agito da solo vuol dire ignorare il ruolo dell’indifferenza dello stato DI EFRAIM MEDINA REYES La sera del 10 dicembre 1998 Babbo Natale si è avvicinato a un bambino di nove anni che vendeva sigarette in un parco di Medellín, in Colombia. Gli ha chiesto di seguirlo dietro ai cespugli, dove gli avrebbe dato tanti regali. Il ragazzino ha squadrato quel Babbo Natale da capo a piedi e si è rifiutato di andare con lui. “Perché …

Leggi tutto »

SPIRITO NATALIZIO

Affermare che l’assassino ha agito da solo vuol dire ignorare il ruolo dell’indifferenza dello stato DI EFRAIM MEDINA REYES La sera del 10 dicembre 1998 Babbo Natale si è avvicinato a un bambino di nove anni che vendeva sigarette in un parco di Medellín, in Colombia. Gli ha chiesto di seguirlo dietro ai cespugli, dove gli avrebbe dato tanti regali. Il ragazzino ha squadrato quel Babbo Natale da capo a piedi e si è rifiutato di andare con lui. “Perché …

Leggi tutto »

PER ME E' DEL TUTTO INSPIEGABILE…

DI GUIDO CERONETTI   .. che si diano assegni, premi, incoraggiamenti a chi faccia più figli. E, anche, di una immoralità che grida. Coito in vista di uno scopo così poco disinteressato merita premio? Ci si preoccupa per le famiglie dipinte dalle statistiche (vere officine della falsificazione della realtà) in preda a un perpetuo panico economico, e allora? Le si premia quanto più abbiano ragioni per abbandonarsi al timore del futuro? Se i figli sono uno o due o nessuno …

Leggi tutto »

PER ME E' DEL TUTTO INSPIEGABILE…

DI GUIDO CERONETTI   .. che si diano assegni, premi, incoraggiamenti a chi faccia più figli. E, anche, di una immoralità che grida. Coito in vista di uno scopo così poco disinteressato merita premio? Ci si preoccupa per le famiglie dipinte dalle statistiche (vere officine della falsificazione della realtà) in preda a un perpetuo panico economico, e allora? Le si premia quanto più abbiano ragioni per abbandonarsi al timore del futuro? Se i figli sono uno o due o nessuno …

Leggi tutto »

SALUTISMO PRIVATO IN PUBBLICO SMOG

DI MASSIMO FINI C’era da aspettarselo che in un mondo come il nostro l’unico posto dove essere un pò liberi sarebbe diventata la prigione. E’ quanto si ricava dalla legge voluta dal ministro della Sanità, Sirchia, che entrerà in vigore il 10 gennaio, secondo la quale con divieti severissimi, multe salate, gestori trasformati in ‘sceriffi’, vigili urbani, guardie giurate, polizia giudiziaria, milizie sanitarie mobilitate, non si potrà più fumare nei ristoranti, nei bar, nelle aziende e in qualsiasi luogo pubblico …

Leggi tutto »

SALUTISMO PRIVATO IN PUBBLICO SMOG

DI MASSIMO FINI C’era da aspettarselo che in un mondo come il nostro l’unico posto dove essere un pò liberi sarebbe diventata la prigione. E’ quanto si ricava dalla legge voluta dal ministro della Sanità, Sirchia, che entrerà in vigore il 10 gennaio, secondo la quale con divieti severissimi, multe salate, gestori trasformati in ‘sceriffi’, vigili urbani, guardie giurate, polizia giudiziaria, milizie sanitarie mobilitate, non si potrà più fumare nei ristoranti, nei bar, nelle aziende e in qualsiasi luogo pubblico …

Leggi tutto »

DRAGO RIDENTE, ORSO DANZANTE

DI RAY McGOVERN Mentre il presidente George W. Bush, i suoi consiglieri “ neo-conservatori” e i democratici centristi si vantano dello splendore dell’America come “ l’ unica superpotenza rimasta al mondo” , gli eventi mostrano che altre grandi potenze non intendono piegarsi e sospendere i loro sforzi per influenzare la storia. Il miglior risultato ottenuto dal Ministro della Difesa Russo, Sergei Ivanov, nei suoi quattro giorni in visita in Cina nelle scorse settimane è stato l’ accordo riguardo l’ autorizzazione …

Leggi tutto »

DRAGO RIDENTE, ORSO DANZANTE

DI RAY McGOVERN Mentre il presidente George W. Bush, i suoi consiglieri “ neo-conservatori” e i democratici centristi si vantano dello splendore dell’America come “ l’ unica superpotenza rimasta al mondo” , gli eventi mostrano che altre grandi potenze non intendono piegarsi e sospendere i loro sforzi per influenzare la storia. Il miglior risultato ottenuto dal Ministro della Difesa Russo, Sergei Ivanov, nei suoi quattro giorni in visita in Cina nelle scorse settimane è stato l’ accordo riguardo l’ autorizzazione …

Leggi tutto »

L'INCIUCIO MANIPOLATORIO

DI GIULIETTO CHIESA Paolo Mieli più Gianni Riotta più Pigi Battista al Corriere. Costanzo che si candida, hyphen, per la presidenza Rai. Lucia Annunziata in pectore per L’Unità. La Repubblica – che, per leggerla senza tristezza, bisogna aspettare Eugenio Scalfari la domenica – è diventato un giornale che crede alle armi di distruzione di massa (in Irak) e, quando Berlusconi demolisce il potere giudiziario, titola così: “E’ passata la riforma”… Questo è il quadro informativo che ci attende nel caso …

Leggi tutto »

L'INCIUCIO MANIPOLATORIO

DI GIULIETTO CHIESA Paolo Mieli più Gianni Riotta più Pigi Battista al Corriere. Costanzo che si candida, hyphen, per la presidenza Rai. Lucia Annunziata in pectore per L’Unità. La Repubblica – che, per leggerla senza tristezza, bisogna aspettare Eugenio Scalfari la domenica – è diventato un giornale che crede alle armi di distruzione di massa (in Irak) e, quando Berlusconi demolisce il potere giudiziario, titola così: “E’ passata la riforma”… Questo è il quadro informativo che ci attende nel caso …

Leggi tutto »

LA POLITICA ITALIANA, OVVERO IL NULLA

Qualche giorno fa dicevo a degli amici che ritengo il centrosinistra in “decomposizione”. In che senso? Nel senso che alcuni segni (estrema difficoltà nella comunicazione interna, mancanza di strategia, scarso rapporto con l’elettorato, spaccatura interna alle stesse correnti dei partiti che lo compongono, ecc.) indicavano una sua ancora aumentata instabilità interna e debolezza. Rilevavo come il discorso politico dei “neo-ulivisti” fosse solo un impasto di “antiberlusconismo mistico” e di europeismo acritico. Pensavo che potessero comunque vincere le prossime tornate elettorali …

Leggi tutto »

LA POLITICA ITALIANA, OVVERO IL NULLA

Qualche giorno fa dicevo a degli amici che ritengo il centrosinistra in “decomposizione”. In che senso? Nel senso che alcuni segni (estrema difficoltà nella comunicazione interna, mancanza di strategia, scarso rapporto con l’elettorato, spaccatura interna alle stesse correnti dei partiti che lo compongono, ecc.) indicavano una sua ancora aumentata instabilità interna e debolezza. Rilevavo come il discorso politico dei “neo-ulivisti” fosse solo un impasto di “antiberlusconismo mistico” e di europeismo acritico. Pensavo che potessero comunque vincere le prossime tornate elettorali …

Leggi tutto »

POLAR EXPRESS, DESTINAZIONE: L'INCUBO

DI EVELINA SANTANGELO Non so quanti hanno visto, o hanno portato i loro figli al cinema a vedere Polar Express. Io l’ho fatto, e, devo dire, all’inizio, con molto entusiasmo. “Un film sul mondo incantato dell’infanzia che oppone resistenza alla prosaica verità del mondo adulto, incapace di sognare, e ormai persino d’immaginare un mondo diverso, un’umanità diversa”. È stata con questa idea (sbagliata) che mi sono recata al cinema. E forse per questo la delusione è stata più acerba. Certo …

Leggi tutto »

POLAR EXPRESS, DESTINAZIONE: L'INCUBO

DI EVELINA SANTANGELO Non so quanti hanno visto, o hanno portato i loro figli al cinema a vedere Polar Express. Io l’ho fatto, e, devo dire, all’inizio, con molto entusiasmo. “Un film sul mondo incantato dell’infanzia che oppone resistenza alla prosaica verità del mondo adulto, incapace di sognare, e ormai persino d’immaginare un mondo diverso, un’umanità diversa”. È stata con questa idea (sbagliata) che mi sono recata al cinema. E forse per questo la delusione è stata più acerba. Certo …

Leggi tutto »

L'ORGOGLIOSA ORIANA È SEMPRE ''SÉ STESSA''

DI MASSIMO FINI Che Oriana Fallaci intervisti se stessa non può stupire. A una giornalista di settantasei anni che fustiga a sangue l’intero Occidente perché non sa e non vuole difendersi dall’Islam, identificato con la Bestia dell’Apocalisse (sorte già toccata a Nerone), che marchia a fuoco gli europei come “collaborazionisti”, vigliacchi, mollaccioni e “sgomentevoli”, che accusa Papa Wojtyla di non saper fare il suo mestiere eppoi, a scendere, striglia da par suo Jacques Chirac, Zapatero, Carlo Azeglio Ciampi, Romano Prodi, …

Leggi tutto »

L'ORGOGLIOSA ORIANA È SEMPRE ''SÉ STESSA''

DI MASSIMO FINI Che Oriana Fallaci intervisti se stessa non può stupire. A una giornalista di settantasei anni che fustiga a sangue l’intero Occidente perché non sa e non vuole difendersi dall’Islam, identificato con la Bestia dell’Apocalisse (sorte già toccata a Nerone), che marchia a fuoco gli europei come “collaborazionisti”, vigliacchi, mollaccioni e “sgomentevoli”, che accusa Papa Wojtyla di non saper fare il suo mestiere eppoi, a scendere, striglia da par suo Jacques Chirac, Zapatero, Carlo Azeglio Ciampi, Romano Prodi, …

Leggi tutto »