NASCONDERE IL TIRANNOSAURO

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

C’era un Tirannosauro in una stanza a Rimini lo scorso
weekend. Era ‘awesome’, direbbero gli americani, cioè imponente e terrifico,
faceva una paura incontenibile. Al punto che hanno dovuto nasconderlo, e con un
dispiego di mezzi che, non esagero, ha dell’incredibile.

E’ vero, il regime nei media c’è, anche lì. Aveva ragione Travaglio
(eccetto che dal regime, lui e i suoi compari, sono sempre stati adorati e
amplificati). Immaginate:

– Cinque fra i più grandi economisti del mondo oggi,
celebrati dal Washington Post del Watergate, che neppure il Senato americano
può più ignorare, ospiti di routine di Harvard, Oxford, la Sapienza, sono qui in
Italia. E di cosa parlano? Quale è il titolo della loro conferenza? E’ per caso
qualcosa come ‘dinamiche contro-cicliche del circolo monetario’? No, è: QUESTO E’ UN COLPO DI STATO FINANZIARIO – come
fermare l’Argentinizzazione dell’Italia, del nostro reddito, dei nostri diritti
e del futuro dei nostri figli.

– L’Italia, e questo lo sa il meccanico, il postino,
l’infermiera, il barista, la negoziante, è nella morsa di una crisi economica orrenda,
tantissimi nostri figli non avranno casa, né pensione, né forse si potranno mai
sposare… e dove li trovano i soldi? La democrazia è sospesa, ci governano dei
banchieri. I sindacati sono morti. La Grecia siamo noi fra poco, i greci ci
stanno sanguinando di fianco e ne udiamo le grida. Nel mio lavoro ho dimostrato
che tutto ciò è solo l’antipasto degli squali che ci stanno distruggendo. Loro
vogliono la nostra distruzione vera, irreversibile.

– I cinque economisti arrivano qui a proporci come salvarci.
No, non stiamo parlando del tesoretto di un partito italiano, né del ladro di
polli Berlusconi e delle sue mafiette, né di qualche magistrato corrotto, né di
una legge costituzionale inaccettabile. Tutte cose che la democrazia può curare
in sei mesi. Stiamo parlando di un Golpe globale che ormai è documentato più
della vita di Hitler, e che nessuno sa come fermare, perché ci hanno sottratto
tutte le sovranità di Stato: parlamento, spesa e Costituzione (tutta), qui da
noi e altrove.

– A Rimini accade una cosa incredibile. Un Palazzo dello
Sport si riempie di 2.000 persone PAGANTI
paganti per imparare a sopravvivere e a lottare con uno strumento, che non è
divertente, non sono le feste piazzaiole di Grillo, gli slogan e i girotondi,
le urla e le monetine tirate. E’
l’ECONOMIA.
Quella cosa noiosa e grigia che si chiama economia. Ma 2.000
italiani pagano e perdono un weekend tutto di sole per fare la rivoluzione del
terzo millennio. Quella che VERAMENTE FA
PAURA
al Vero Potere, perché

PER LA PRIMA VOLTA IL POPOLO S’IMPOSSESSA DELLO STRUMENTO DI POTERE CHE LE ELITE HANNO SEMPRE TENUTO PER SE’,
L’UNICO STRUMENTO DI POTERE: L’ECONOMIA, E L’UNICA ECONOMIA CHE IL VERO POTERE TEME, LA MODERN MONEY
THEORY, IL CIRCUITISMO, CIOE’ JOHN MAYNARD KEYNES PORTATO A OGGI.

No, non è più la lotta di classe, il ‘compagni uniti nella
lotta!!?’ sbraitato alle manifestazioni da giovani che dopo 20 anni sono finiti tutti a guardare Sky e a
volere l’Iphone. No, non è più la demagogia televisiva o a teatro dei Guru
dell’Antisistema a colpi di trilioni di blogs, video, libri (e profitti),
serate di salotto ecc. E’ l’ECONOMIA.

Tutto questo – la statura dei relatori, il tema, il dramma
mondiale e nazionale che viviamo, l’incredibile spettacolo di 2.000 persone che
imparano il proprio Vero Potere – era un Tirannosauro che si ergeva nel mezzo
della stanza asfittica in cui viviamo. E sono riusciti a nasconderlo.

Nessun italiano che appartenga al 98,9% di coloro che
guardano la Tv, leggono i quotidiani, ascoltano le radio ha saputo di questo.
E’ stupefacente.

E’ stupefacente come il Vero Potere si muova veramente e con
velocità fulminea non appena sniffa il primo vero pericolo. Bang, scatta e
paralizza tutto l’organismo fin nel capillari più microscopici e periferici. Ma
tutti!! Neppure il Gazzettino di Sant’Arcangelo di Romagna ha parlato di questo
Summit. Doveva, in un Paese anche semi-libero, esserci ogni Tv, giornale
importante, intellettuali, docenti, politici, sindacati, imprenditori. Nulla,
zero. Neppure i network ‘alternativi’.

Sono anni che provo un senso di profonda nausea e disprezzo
per Radio Popolare e il suo network di parrocchie falsarie. Li conosco da
dentro, ci lavorai 20 anni fa. Dov’erano? Tutti sapevano di questo Summit, da
Tremonti che mi chiamò pochi giorni fa, alla Commissione di Brussell che ne ha parlato con uno
dei miei relatori; da Repubblica avvisata da Rampini (che però non ne ha
scritto, eh!), a La 7, la RAI, tutti. E che dire del Manifesto? Piangete perché
chiude? Ma perché dovete pagare per ‘giornalisti’ che se la Rossanda – la grande
ammiratrice del più grande genocida della storia umana, Mao – non gli dice di
fare un passetto stanno lì a contorcersi di scuse pur di obbedirle? Li conosco
da dentro, ci lavorai 20 anni fa. E come loro tutti gli altri. Mi ha fatto una
profonda pena un povero grillino 5 stelle in totale buona fede che mi
rincorreva per un corridoio pregandomi di organizzare i 5 stellati dietro al
nostro summit. Non lo dico con dispregio, ma con vera pena: ma non ha capito
chi sono, chi è Grillo?

Lasciamo perdere i sindacati. La classe operaia dovrebbe
dire: “Marchionne, scusa, da te
arriviamo fra un po’, prima alla ghigliottina ci mettiamo i nostri sindacalisti.

Il mondo accademico. I 5 economisti giganti di cui sopra
sono zeppi di colleghi italiani, quelli che regolarmente li inseguono ai
convegni internazionali per farsi belli con loro, cioè eccoci, ci considerate?
Ma qui a Rimini? I 5 giganti erano proprio lì, un salto in macchina per
salutarli, e magari prima dire anche ai loro studenti che questa è un’occasione
da non perdere. Noi li abbiamo avvisati. Sono venuti? No. Neppure uno. Ma
nominiamoli: i Zezza, Cesaratto, Terzi, Bellofiore, Tropeano, Battisti,
Cedrini, Pastrello, e una sfilza di una ventina di altri non contigui ai 5, ma ugualmente
avvisati, come Fantacci (cui avevo anche fatto i complimenti). Tutti ammalati?
Tutti di colpo all’estero per il weekend? Ma possibile? Gli avevamo detto che i
loro studenti entravano gratis. Che pena, anche lì regna il terrore che chissà
mai, sai, la poltrona, sai… associarsi a quel Barnard che sbraita a Canale 5 che
Draghi è un criminale (vero, confermo). Associarsi al Prof. Parguez che dice
che l’Opus Dei possiede la Commissione Europea e che il loro scopo preciso è di
distruggere economicamente milioni di famiglie per riportarle alla paura, e quindi
al timore delle elite (cosa già in via di svolgimento). Associarsi a quel Prof.
Hudson che dice che dovremmo ribaltare tutto questo sistema senza pensarci un
minuto. Associarsi a quella Prof.ssa Kelton, che parla di Monti, il bocconiano,
come di un ignorante distruttore. Associarsi al Prof. Black, che ha messo in
galera mezzo sistema bancario americano 25 anni fa. E che dire di quel Auerback, che
con stile spara bordate alla Che Guevara? Mmmm, noooo, sai com’è, inopportuno,
poi cosa dice il rettore (di norma massone)?

Hanno nascosto un Tirannosauro che stava dentro una stanza.
Impossibile non farlo vedere, eppure…

Cari colleghi giornalisti che obbedite agli ordini di questa
censura incredibile, siete degli assassini, complici di assassini. Nascondere
gli strumenti salva vita e salva nazione è un crimine. Tutti i morti sul lavoro
in Italia, tutti i morti per malattia anzi tempo per mancanza di mezzi, tutti i
suicidi di operai e imprenditori, tutti i destini troncati di milioni di
ragazzi e ragazze, vi sono sulla coscienza. Un reporter di Comedonchisciotte,
che in un suo articolo ha dimezzato il numero degli eroi che erano al Summit di
Rimini, mi ha definito “con un aspetto
spiritato, da profeta o predicatore.
” Sì, lo sono. Abbiate paura di me,
perché io ora sono pericoloso, davvero pericoloso. Ora io e i miei
eccezionali collaboratori abbiamo aperto le porte che non dovevano essere
aperte, quelle dell’ECONOMIA INSEGNATA
AL POPOLO.
Era il passo da non fare. Abbiamo aperto le porte e fatto uscire
il Tirannosauro allo scoperto. Per ora il micidiale Vero Potere è riuscito a stendergli
sopra un lenzuolo e a farlo scomparire. Ma vi avviso: o mi, ci, ammazzate,
oppure lo rifacciamo uscire. E non ci fermiamo. Le cose che i 5 economisti ci hanno raccontato e insegnato sono il vostro terrore, lo so, lo sappiamo.

Paolo Barnard
Fonte: http://paolobarnard.info
Link: http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=333
28.02.2012

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
74 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
74
0
È il momento di condividere le tue opinionix