Home / ComeDonChisciotte / LA MMT HA RISOLLEVATO L'ARGENTINA

LA MMT HA RISOLLEVATO L'ARGENTINA

DI GZ
cobraf.com

Non bisogna credere a tutto quello che si legge, bisogna anche riflettere a volte. Altrimenti si fa come i giornalisti italiani che hanno tutti in coro per due giorni scritto che gli stipendi italiani erano inferiori a quelli greci perchè hanno letto male una tabella. Bastava esser stati in vacanza in Grecia negli ultimi anni per sapere che era assurdo, ma come in borsa vige il principio del parco buoi e del “toro” in economia vige il principio delle pecore (tutti seguono come pecore…)

In Argentina le cose sono andate negli ultimi dieci anni abbastanza bene, prova ne sia che la Kirchner viene rieletta con percentuali da plebiscito grazie al fatto che (secondo il FMI) la percentuale di argentini considerati in povertà è scesa dal 40-45% post-default e dal 20-25% degli “anni d’oro” del legame peso-dollaro al 14% circa.La disoccupazione è scesa dal 15-20% all’8.3%, inferiore agli Stati Uniti ad esempio ora.
Come corruzione, criminalità, clientelismo e altre questioni di sostanza l’Argentina non è molto migliorata. Ma come del resto il Brasile, dove l’esercito rastrella in assetto di guerra all’alba interi quartieri quest’anno nonostante l’economia buona e così il Messico l’Indonesia o la Thailandia che sono lodati a differenza dell’Argentina. Il successo dell’Argentina post-default, diciamo dal 2003 è innegabile (qui un ottimo report sul successo argentino) e non è un paese che non ha poi tante materie prime come il Brasile da esportare ( le esportazioni, espresse in dollari, sono triplicate come valore dal 2003 ad oggi, nonostante che come percentuale del PIL siano scese indicando che il boom non è dovuto solo all’export)

Il suo successo è in buona parte dovuto alla MMT che hanno applicato abbastanza bene, facendo così infuriare le grandi banche e i grandi media che inventano ad esempio questa balla dell’inflazione al 24%. In tutti i paesi ad esempio le grandi banche come Morgan, Goldman, Citigroup non criticano le statistiche governative, in Cina sono notoriamente fabbricate a tavolino, ma le grandi banche non lo scrivono nei loro report e nel caso della Grecia che truccava tutti i numeri non hanno mai detto niente. Nel caso dell’Argentina invece Goldman Sachs mette fuori report al vetriolo, scrivendo che sono tutti numeri truccati. Ma lo sai perchè ? Perchè non stanno facendo affari in Argentina !

Dato che conosco l’economia vi spiego anche come si calcola l’inflazione ora, in un modo abbastanza certo. Ci possono essere ritardi nell’adeguamento del cambio ovviamente, ma su periodi di tempo di diversi anni, in regime di cambi fluttuanti funziona così, il cambio riflette più o meno i livelli dei prezzi relativi interni. E’ per questo motivo che se la Grecia uscisse dall’euro si svaluterebbe del 70% il cambio, perchè ha avuto per dieci anni inflazione doppia della media UE. Se l’inflazione in Argentina fosse del 24% l’anno da anni e anni, la valuta si deprezzerebbe di percentuali proporzionali al differenziale con la nostra inflazione ad esempio, cioè cumulativamente del 60 o 70% circa giusto ? Bene. Ma se guardi, ad esempio negli ultimi quattro anni l’Euro contro Peso è salito da circa 4.5 peso a 5.8 peso per 1 euro cioè di un 30% circa. Se l’inflazione fosse del 24% l’anno in Argentina, dato che in Europa è stata intorno al 2%, un differenziale di inflazione del 20% e rotti l’anno produrebbe una svalutazione del cambio almeno almeno del 60% e in teoria anche di più. Se prendi il Peso verso Dollaro, dal 2003 ad oggi il Dollaro è salito da 3 a 4.6 peso e se parti dal 2002 quando era a 4 peso da 4 peso a 4.6 peso, quindi parliamo dal 15 al 20% circa su otto-dieci anni. Ergo è assurdo pensare che negli ultimi anni avessero inflazione del 24% medio. Su dieci, otto o cinque anni le variazioni del cambio del Peso, sia verso Euro che verso Dollaro indicano che l’Argentina ha un inflazione del 10% circa l’anno probabilmente, forse anche 15%, ma non del 20-25% l’anno medio.

Tutto chiaro ? le tabelle e i numeri risultano ostici e si preferisce lo stesso scrivere quello che “ci si sente dentro” invece come al bar ?

GZ
Fonte: www.cobraf.com
29.02.2012

Pubblicato da Davide

  • VeniWeedyVici

    Per fortuna i numeri sono superiori alle idologie, trovo che sia davvero una vergogna il fatto che in Italia vi siano ancora persone (o presunte tali) ancora legate a ideologie criminali come il marxismo-leninismo, mai abbastanza morto da non farmi indignare ancora. Il lavoro di chi oggi diffonde la MMT non può essere messo in discussione dai comunisti, che ritengo abbiano meno autorevolezza di tutti. Comunismo e capitalismo sono due facce ributtanti della stessa moneta sudicia: lo sfruttamento dei polli da parte delle elites. La MMT è uno strumento, senza colore politico, che può essere applicato in tutte le nazioni che vogliano seguire la propria strada in campo politico e sociale. Il mondo è bello perchè è vario, e affinchè lo sia, non può prescindere dalla MMT.

  • RicBo

    E sai cosa cambia per l’operaio di Buenos Aires se l’inflazione è il 15% o il 25%…
    Però da testimonianze dirette posso dire un po’ controcorrente che quello che ha aiutato l’Argentina non è tanto l’applicazione di politiche economiche keynesiane (dire che i Kirchner hanno applicato la MMT è davvero grossa) quanto il consenso democratico che una borghesia più ‘illuminata’ del solito ha stabilito come base per le riforme economiche e sociali. Intere leggi sono state scritte e discusse con il consenso popolare (un po’ come in Islanda) e invece di smantellare le esperienze di autogestione di molte fabbriche dei tempi della crisi, si sono prese come esempio di buona pratica politica.
    La politica economica da sola non risolve niente (lo stesso autore dell’articolo lo riconosce, quando dice che “nelle questioni di sostanza l’Argentina non è molto migliorata”)

  • RicBo

    la MMT un colore politico ce l’ha eccome, ed è il socialismo

  • VeniWeedyVici

    Socialismo che può essere attuato solo in prospettiva nazionale, sempre e comunque.

  • kashifkey

    premesso che io non sono ne un comunista ne tanto meno un leninista, apresso la teoria di Marx, ma questo è un’altro fatto, e non condivido la teoria del MMT, è vero che nel sistema Capitalstico se c’è un modello che si avvicina ad un’equità sociale quello è il modllo di Keynes, ma oggi non ci possiamo più permettere di impostare la nostra economia sulla produzione illimitata, anche il modello di Keynes è impostato sul produzioe e consumo. in pratica, correggetemi se sbaglio, con la MMT lo stato con la sovranità monetaria, stampa moneta in base alle sue esigenze, e da avvio ai lavori, tipo: scostruzione di 2 3 ospedali nuovi, costruzione di nuove strade, costruzione di progetti mirabolanti, creando così il lavoro, che a sua volta creerà il consumo, che a sua volta porterà i privati ad investire, quindi effettuare maggiori tassazione e così via e nel giro di qualche decennio il paese ritorna fiorente economicamente; ma in tutto questo il pianeta terra dov’è stato lasciato? e tutti gli abitanti, oltre alla razza degli umani, dove sono stati lasciati? ci sentiamo così tanto superiori da escludere dal nostro ragionamento un’intero pianeta e tutti i suoi abitatnti? e escludiamo dal nostro ragionamento anche l’essere umano, perchè questa non è la nsotra natura, e qualunque strada che sceglieremo che sarà contro la nostra natura, ci porterà inevitabilmente verso la frustrazione e e un futuro cupo.

  • McBane

    La MMT non nega che si possa investire in energie rinnovabili o mirare alla creazione di una “società” diversa (vorrei dire migliore) di quella attuale. La MMT è uno strumento, non un fine…

  • Truman

    L’economista è GZ e non io, ma mi resta qualche dubbio sulla corrispondenza tra la svalutazione rispetto ad altre valute e l’inflazione interna, in particolare per paesi di dimensione significativa. Per i beni di consumo prodotti all’interno (ad es. alimentari) il cambio può anche essere sostanzialmente indifferente.

    Per quanto tutte le tabelle basate su un paniere di beni di riferimento possano essere manipolate, un confronto andrebbe fatto, ed il risultato potrebbe essere nettamente migliore di quello del cambio.

  • RicBo

    no, grave errore la prospettiva nazionale, il socialismo o è internazionalista o non è.

  • RicBo

    è proprio così kashifkey, leggiti i miei interventi dei giorni precedenti, MMT può andare bene nell’immediato ma la vera sfida è il cambio di modello economico e sociale

  • RicBo

    infatti è così, MMT non tiene conto della dinamica dei prezzi in un mondo globalizzato come quello attuale (dal quale non è pensabile tornare indietro, perchè la Storia non torna indietro) nè del fatto che bisognerebbe togliere al dollaro il suo ruolo attuale di moneta di scambio mondiale. ma questo degli economisti USA non lo diranno mai.

  • AlbertoConti

    “ma questo degli economisti USA non lo diranno mai”. Soprattutto quelli che fan carriera e diventano “giganti”. Controprova: http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=6e23Gaz-Jb4#

  • leoncino1977

    Un saluto a tutti !
    Vedo che l’ argomento MMT scatena sempre grandi discussioni fra favorevoli e contrari.
    Premetto che sono favorevole alla MMT e che ero a RIMINI AL SUMMIT. Quello che un pò mi infastidisce è il fatto che persone che conoscono parzialmente o per sentito dire la MMT la critichino così aspramente.
    Al SUMMIT ci sono state circa 16 ORE di spiegazioni, discussioni ed approfondimenti in merito alla MMT, pertanto l’ argomento è complesso e profondo e non lo si può CRITICARE O ESALTARE A PRESCINDERE SENZA CONOSCERLO BENE !
    Quello che la MMT vuole raggiungere è LA PIENA OCCUPAZIONE E LA STABILITA’ DEI PREZZI, mettendo la capacità dello stato di Creare moneta al servizio del popolo, pertanto è un mezzo e quindi diventa efficace se viene usato bene. Faccio un esempio, il nucleare ( IO SONO CONTRARIO ) può essere usato nelle centrali per produrre energia elettrica o nelle bombe per fare la guerra ! Stesso mezzo per fini diametralmente opposti !
    Anche la MMT con la capacità di arricchire una società deve essere usata con criterio, perciò lo stato nel garantire piena occupazione, può impiegare chi è momentaneamente disoccupato per creare servizi realmente utili, tipo : montare pannelli solari, il riassetto idrogeologico dell’ Italia, tornare a far coltivare terreni ormai abbandonati…. etc… Questa non mi sembra crescita continua e scriteriata, ma uno sfruttamento delle risorse Economiche in modo sostenibile e al servizio del popolo.
    E comunque si critica la MMT, che nelle rare occasioni in cui è stata applicata, ha portato BENEFICI EVIDENTI ED INNEGABILI; mentre l’ attuale sistema che con la Globalizzazione, le Privatizzazioni, la Delocalizzazione e l’ Euro, aveva promesso MENO DISOCCUPAZIONE, STIPENDI PIU’ ALTI E PREZZI PIU’ BASSI NEL RISPETTO DELL’ AMBIENTE, di fatto ed oltre ogni ragionevole dubbio, ha portato ALTA DISOCCUPAZIONE, ABBASSAMENTO DEGLI STIPENDI, INNALZAMENTO DEI PREZZI E DISTRUZIONE AMBIENTALE. E questi sono FATTI non ipotesi !

  • castigo
  • ampsicora

    Sinceramente ho difficoltà a seguire il senso di questo articolo. L’Argentina è un paese che a distanza di 10/12 anni da default ha enormi problemi di giustizia sociale con ampi stati di popolazione in difficoltà economica per campare e di emarginazione sociale. Non mi sembra un gran bel esempio!!

  • Quantum

    Ma non è MMT che deve prevedere politiche di utilizzo razionale delle risorse.

    È pure vero che una radicale riconversione della società in una basata sulle risorse renderebbe superfluo il denaro, e di conseguenza tutta la MMT.

    Il denaro sarebbe superfluo perché se l’uso delle risorse fosse razionale e con divisione equa, non avrebbe senso comprarle tali risorse, e quindi diviene superfluo il denaro.

    Mi spiego meglio, facciamo l’esempio della società cibernetica di Jacques Fresco. Questa prevede un supercomputer mainframe con software a sorgente aperto, perché tutti vedano come lavora, che calcoli quante risorse può rinnovare ogni anno il nostro pianeta, e le suddivida tra le nazioni e i popoli in parti eque, a tutte le persone per solo diritto di cittadinanza del pianeta.

    È ovvio che se questo il pianeta può dare ogni anno, questo ad ogni individuo spetta mettiamo del pesce o del legname, e puoi avere quanto denaro vuoi, non puoi comprarti dell’altro di quella cosa. Da lì quindi il fatto che il denaro diventerebbe superfluo.

  • Quantum

    No dice cose diverse e tu non l’hai capito…

    Dice che stando ai detrattori della MMT l’Argentina dovrebbe stare nella merda più di prima.

    Ed invece se sta nella merda meno di prima lo si deve alla MMT,

    ma se ci sta comunque ancora fino giusto alla cintola, non è colpa della MMT ma del substrato socio-culturale.

    E che i numeri di inflazione e parametri economici sbandierati dai media sono fallati all’origine perché imboccati da chi odia l’MMT, e non vuole fare vedere che imboccare la strada MMT è stata una buona idea.

  • McBane

    C’era aria di Venus Project dalla seconda riga…

  • danieleinad

    Mi pare che il secondo articolo si risponda da sè….
    Supponiamo che il tasso di inflazione sia il 23%, come sostiene l’articolo.
    Nel momento in cui gli stipendi, sullo stesso lasso temporale, sono cresciuti del 25% (come sostiene l’articolo)……dove sta il problema ? Male che vada si ha un 2% in più di potere di acquisto. O sbaglio ?

    Tanto è vero che le vendite ai supermercati sono cresciute del 16%, sebbene i prezzi siano aumentati del 9%.
    (http://www.buenosairesherald.com/article/94000/supermarket-sales-soar-165-in-january)

    Senza contare che l’inflazione risulta vantaggioso per i soggetti in posizione debitoria, ed in particolare per le imprese (che frequentemente attingono capitali per finanziamenti) che trae beneficio poiché lo stesso denaro avuto in prestito in precedenza, al momento di effettuare la restituzione ha un valore reale minore.

    Più che altro mi pare che quella Italiana di inflazione sia sottostimata, a fronte per di più, di un stagnazione degli stipendi!!

  • rebel78

    Ma se i dati della Goldman Sachs sono fasulli, perchè dovrei credere a quelli dell’FMI??????????????????????
    Comunque chiunque ancora pensa che si possa calcolare un qualsivoglia tasso di disoccupazione, tasso di inflazione o PIL significa che non ha capito un’emerita cippa di statistica. Studiare un po il meta-dato e poi scrivere

  • Iacopo67

    Il primo articolo è propaganda da quattro soldi dei banchieri, meglio i commenti, in particolare Conte, che in Argentina dice di averci vissuto.

  • reio

    anche perchè il “socialismo nazionale” è detto in un altra maniera

  • supervice

    Il problema, essendoci stato e avendo conosciuto diversi argentini che sono venuti in Italia, è che in Argentina, per vaste fasce della popolazione, anche l’alloggio è un problema.

    Ma non parlo del villino a due piani, ma un posto dove stare a dormire. E per questo ci sono progetti di edlilizia in proprio, utilizzando mattoni circolari modulari per mettersi un tetto sulla testa.

    L’esempio argentino a mio giudizio non è qui riprodubicile: la situazione marco e microeconomica è distante decenni da noi: nelle zone rurali siamo al livello della Puglia dell’Ottocento.

    E’ come se si prendesse a paragone un paese che vive in un altro secolo.

  • castigo

    dove sta il problema ?

    nella chiusura dell’articolo hai la risposta, te la ripropongo perché forse ti sei distratto:

    Pronti per la chiusa? Eccola: l’economia argentina è tenuta in piedi da spaventose dosi di droga monetaria, oltre che da menzogne palesi e manifeste. Ad un certo punto la situazione evolverà: tentare di sgonfiare gli aggregati monetari causerà uno shock all’economia (leggasi un crollo), disoccupazione e proteste di piazza. Continuare a perseguire una floridezza tossica come l’attuale potrebbe invece mandare gli aggregati monetari fuori controllo e con essi l’inflazione, oltre ad accelerare la fuga di capitali. Vediamo in quanto tempo arriveremo all’esito finale, per questo paese tanto amato dai sognatori italiani anti-debito.

  • castigo

    certo, propaganda assoluta, gli argentini non hanno problemi oggi e non ne avranno in futuro, infatti vivono nel paese del latte e del miele….. quand’è che parti??

    P.S. toglimi una curiosità, se io ti dico di aver vissuto in australia, tu ci credi??

  • gattocottero

    Volendo la MMT può essere usata anche per ridurre la pressione fiscale.

    Detto in altri termini, la MMT è uno strumento che può essere usato sia per implementare politiche di “destra” sia per implementare politiche di “sinistra” sia per incrementare politiche di ambedue i tipi contemporaneamente.

  • danieleinad

    In sostanza il toro che dice cornuto all’asino.

  • Marshall

    Questo paese non è l’Argentina, non è l’Islanda è il paese delle banane. Quindi qui non si risolleva più niente è coma profondo non ci sono reazioni il malato è moribondo andante. Hanno provato anche con la farfallina ma niente da fare non si drizza, anzi dati auditel alla mano dice quest’anno c’è stato un netto calo. Come volevasi dimostrare.

  • bstrnt

    Un grande scienziato diceva di Wilhelm Reich che aveva combattuto tutti i mostri del 20° secolo: nazismo, comunismo (distorto), liberal-“democrazia”.
    Il nazismo aveva ucciso meno comunisti dello stalinismo, in compenso la liberal-“democrazia” ha fatto e sta tuttora facendo molti più morti e molti più danni di entrambi i mostri che l’avevano preceduta.
    Se non altro, diceva, a favore del comunismo si può dire che: aveva fermato il nazismo e fin che esisteva il regime sovietico era riuscito a bloccare le espressioni più feroci, psicopatiche e criminali della così detta liberal-democrazia.
    Ora siamo in balia di questi psicopatici, visto che praticamente quelli precedenti sono stati ridimensionati dalla storia; domanda: si sta meglio?
    Stanno meglio i popoli chehanno subito un’esportazione forzata di “democrazia” a base di bombe e invasioni militari, distruzione dei territori e avvelenamento degli stessi?
    Ricordiamoci i misfatti delle liberal-“democrazie” a partire dall’Iran (Reza Palhevi) e via via passando per Indonesia, Sud America, e finendo con Jugoslavia, Afganistan, Iraq, Libia.
    Noi che viviamo in una liberal-“democrazia” facendo certe (ideologie criminali come il marxismo-leninismo) affermazioni sembriamo proprio buoi che dan del cornuto all’asino!

  • Tanita

    Sono cittadina argentina ed italiana.
    In Argentina ci vivo. Ci lavoro (imprenditrice). Confermo che i salari dei miei impiegati crescono oltre l’inflazione e che questa, per quanto i dati possano essere relativi (e lo sono, sempre), s’avvicina di più ai dati ufficiali che a quelli pubblicati dai media il cui principale grupo nel nostro paese risale alla Goldman, of course.
    Ribadisco anche che li posso pagare. E che la la quantità di impiegati che ho si è raddoppiata dal 2004 ad oggi.
    Perchè i mass media controllati da banche e corporazioni non pubblicano queste informazioni? Ovvio, vero?
    D’altra parte, basta vederla, l’Argentina e i suoi abitanti, nonostante la Capitale sia governata dalla destra (unica giurisdizione in cui sono riusciti a prendersi il governo) e i “poteri forti” ce la mettano tutta per screditare governo, paese e cittadini tanto all’interno quanto all’estero, con vere “troupes” di “commentatori” Internet.

  • Tanita

    Sono cittadina argentina ed italiana.
    In Argentina ci vivo. Ci lavoro (imprenditrice). Confermo che i salari dei miei impiegati crescono oltre l’inflazione e che questa, per quanto i dati possano essere relativi (e lo sono, sempre), s’avvicina di più ai dati ufficiali che a quelli pubblicati dai media il cui principale grupo nel nostro paese risale alla Goldman, of course.
    Ribadisco anche che li posso pagare. E che la la quantità di impiegati che ho si è raddoppiata dal 2004 ad oggi.
    Perchè i mass media controllati da banche e corporazioni non pubblicano queste informazioni? Ovvio, vero?
    D’altra parte, basta vederla, l’Argentina e i suoi abitanti, nonostante la Capitale sia governata dalla destra (unica giurisdizione in cui sono riusciti a prendersi il governo) e i “poteri forti” ce la mettano tutta per screditare governo, paese e cittadini tanto all’interno quanto all’estero, con vere “troupes” di “commentatori” Internet.