Home / ComeDonChisciotte / CHI HA PRE-SCRITTO LA PRESCRIZIONE DI BERLUSCONI ? CHIEDETE AL QUIRINALE

CHI HA PRE-SCRITTO LA PRESCRIZIONE DI BERLUSCONI ? CHIEDETE AL QUIRINALE

DI MdS
antimperialista.it

Sorpresa: la famosa «indipendenza» della magistratura non è stata così indipendente dal patto golpista che ha portato Monti al governo. Qualcuno se ne può stupire? Sì, i cretini.

Per gli antiberlusconiani è stato un duro colpo. Non solo mister B ne è uscito assolto, sia pure «prescritto», ma il lavoretto è stato congegnato proprio da quella magistratura a cui avrebbero voluto affidare l’Italia, se non fosse che nel frattempo i loro amici banchieri sono stati un po’ più svelti a mettersela in tasca.

Per costoro la banca e il tribunale sono i luoghi del «bene», ed il Palazzo di Giustizia di Milano è quasi un luogo sacro. E invece, prescrizione. Ma se Berlusconi è prescritto chi ha pre-scritto la sentenza di prescrizione?

Qualche settimana fa, in uno dei suo tipici fraseggi padani, dove tra un rutto e l’altro riesce anche a parlare di politica, Umberto Bossi ha dato del cretino al Berlusca perché, a suo dire, non aveva approfittato del patto novembrino per avere le necessarie assicurazioni sui suoi problemi giudiziari. Ma chi glielo aveva detto al Bossi che le garanzie non c’erano state?

La verità è che al Quirinale c’è un galantuomo, che presiede anche il Consiglio Superiore della Magistratura, che in quei giorni autunnali veniva spesso ritratto al telefono, neanche fosse stato Moggi. Volete che il salvataggio dell’Italia, affidato a quella specchiata figura dell’uomo della Trilateral, fosse messo in discussione per una vecchia e noiosa questione di corruzione?

Diciamoci la verità: solo dei giustizialisti particolarmente rincoglioniti potevano pensarlo. Berlusconi lasciava Palazzo Chigi anche in cambio dell’immunità, per se e per le sue aziende. Qualcuno dall’alto del Colle benediceva e soprattutto garantiva. Che la sceneggiata del processo andasse in onda, purché l’esito fosse scritto. Per l’esattezza, pre-scritto.

Negli anni passati a Palazzo Chigi Berlusconi si è confezionato leggi e leggine, ma il suo partito non è ancora oggi decisivo per tenere in piedi il governo dei vampiri osannato dalla copertina di Time? Non vogliono tutti – da Obama alla Merkel, dalla City alla Bce – che Monti prosegua il suo lavoro di dissanguamento del popolo lavoratore? Pensavate allora che sarebbe arrivata una sentenza contro il fondatore del principale partito che gli consente di governare?

Lo pensavate, magari (aggravante) confidando sull’indipendenza della magistratura? Allora siete proprio dei cretini. Passi per Bossi, che almeno può esibire un certificato medico. Per gli altri, in particolare per i seguaci del Partito di Repubblica, c’è sempre la possibilità di vedersi riconosciuta quella perniciosa malattia professionale chiamata «giustizialismo». Un riconoscimento che non dovrebbe mancare – basta dimostrare la lettura di 20 editoriali di Scalfari e la visione di 10 predicozzi di Travaglio. Il riconoscimento della patologia invalidante dovrebbe dunque esserci; la riscossione della relativa pensione è invece in dubbio: sapete, oggi decide la «sobria» Fornero, non più l’allegro buffone. Che intanto però si gode la prescrizione, anzi la pre-scrizione.

MdS
Fonte: www.antimperialista.it
Link:
http://www.antimperialista.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1949:chi-ha-pre-scritto-la-lprescrizioner-di-berlusconi-chiedete-al-quirinale&catid=78:italia
25.02.2012

Pubblicato da Davide

  • cardisem

    Non ho capito molto, anzi ho capito poco. Se qualcun altro ha invece capito, gli sarei grato di una spiegazione dell’articolo.

  • nettuno

    Berlusca appoggiando Monti giova alla sua causa…

  • nettuno

    Quel tal di Arcore sostenendo il Monti giova alla sua causa…

  • nuvolenelcielo

    Io non confonderei la rozzezza con la stupidità. Umberto Bossi:
    ‘Come diceva una tv i giudici non sono ciechi, ne’ sordi, vivono anche loro il momento politico’. Cosi’ Umberto Bossi sulla sentenza di proscioglimento per prescrizione a Silvio Berlusconi nel processo Mills. ‘Berlusconi e’ stato piu’ abile di me, io pensavo che fosse condannato, invece i suoi voti sono determinanti per il governo’, aggiunge Bossi. ‘Poi magari non aveva commesso niente, come sostiene lui – ha aggiunto – pero’, vista dal di fuori, fa una brutta impressione’. ‘Prima non capivamo’ il motivo del sostegno al governo Monti, ha aggiunto. ‘Adesso abbiamo capito: l’altro giorno il processo l’ha superato a gonfie vele’. .
    http://www.repubblica.it/ultimora/politica/mills-bossiberlusconi-prosciolto-suoi-voti-utili-a-monti/news-dettaglio/4121664

  • Marshall

    Cristallino. Berlusconi ha venduto il paese per salvarsi il culo. I magistrati come tutti gli organi di potere di questo paese rispondono agli ordini americani, poichè il nano ha assicurato pieno appoggio al governo che la finanza angloamericana ha imposto loro in cambio gli lasciano il salvacondotto. Nemmeno nel mistero delle stanze segrete è accaduto. Poco prima delle sue dimissioni Casini lo “informò” a televisioni unite che se si fosse dimesso i processi in sostanza sarebbero stati azzerati.
    Per quanto riguarda Bossi non credo sia cretino se lo capisco io lo capisce anche lui sta solo recitando la parte come recita la parte dell’oppositore che ha rotto, per quanto?, col PDL. Se lui dice che Berlusconi poteva negoziare meglio la sua uscita in un certo senzo è come se scagionasse Berlusconi dall’accusa di tradimento e i suoi gonzi elettori possono continuare a votarlo. Quali sono gli interessi di Bossi? Prima di tutto quelli di tutta la classe politica che sa bene che molti elettori alle prossime elezioni se ne staranno a casa. Ma come vediamo bene in questa finta democrazia la forma conta moltissimo, tutti ad ogni elezione sono daccordo nel lanciare il messaggio votate per chi vi pare ma andate a votare, quindi dato il crollo atteso cercano con tutti i mezzi di attutirlo il più possibile. Secondo anche se Bossi dice che con PDL è finita da qui al 2013 sono convinto che un tè con pasticcini e giù nuova incrollabile amicizia.

  • Tonguessy

    A questo punto penso che un’alleanza di Bossi col PD (sempre più atlantista e montiana, quindi ben visto dai nostri veri padroni) potrebbe rivelarsi fattibile. Tè e pasticcini con tutti comunque….

  • Giancarlo54

    Accipicchia, ma io è dal Dicembre 2010 (DUEMILAEDIECI) che ho capito il giochetto del berluska e di Napolitano. L’aggressione alla Libya è stato il primo passo, il passaggio del testimone a Monti, il secondo. Il berluska era ricattato, hanno dato un bello scossone a Mediaset in Borsa e lui si è adattato.
    Cos’è sono un genio io o sono dei cretini gli altri che non hanno capito niente e che straparlano sui giornali e in TV?
    A proposito che fine hanno fatto i “festeggiatori” sinistroidi scesi in piazza nello scorso Novembre per festeggiare la caduta del “tiranno”? Parlano ancora o si sono ritirati in un monastero a meditore sulla loro idiozia?

  • Giancarlo54

    Informati su Repubblica o sul Corrierone, magari loro te lo spiegano…….

  • Tonguessy

    Stanno ancora pensando allo straordinario cambiamento che Monti ha regalato all’Italia.

  • antiUsrael

    R:Lei se ne deve andare ormai l’Italia ha perso credibilità

    B:Ma io sono un bravo presidente! in Italia c’è un problema di strapotere della magistratura!

    R:Ma non sia infantile! Che non lo sa che quando nei governi democratici occidentali dobbiamo rimuovere qualcuno lo facciamo braccare dalla magistratura?

    Tratto dall’incontro tra Edmond Rothschild e S.B. a palazzo grazioli qualche giorno dopo il linciaggio satanico di bravehert Gheddafi e qualche giorno prima dell’11-11-11.
    Ovviamente qualcuno dirà che non è vero perchè non ci sono prove,ma questo non è importante.
    Certo oggi i fanno tutti le verginelle,ma hanno aiutato la fine della democrazia e di un minimo di sovranità senza preparare una valida alternativa,ma solo disfattismo antiberlusconista che era funzionale a questa strategia mondialista.

  • cardisem

    Non leggo né Repubblica né il Corriere: se questo è il prezzo, rinuncio alla spiegazione… Ho cosa più importanti e interessanti cui pensare.

  • lpv

    L’articolo suggerisce che la prescrizione di Berlusconi- in effetti non scontata- accusato della corruzione di Mills, sia stata richiesta dallo stesso a Napolitano come viatico per le dimissioni e il passaggio del testimone a Monti.
    Il nostro esimio presidente della Repubblica, in qualità del suo ruolo di presidente del CSM, avrebbe dunque fatto in modo che i giudici non condannassero Berlusconi, per non sconvolgere l’equilibrio politico che tiene in vita il governo Monti, e che lo stesso Napolitano ha con tanta saggezza e benevolenza costruito.

  • Giancarlo54

    Vediamo se Cardisem lo ha capito, io sono, sinceramente, stufo di spiegare le cose ai sordi. Tu sei stato molto chiaro.

  • Giancarlo54

    Chi si accontenta, gode!

  • Giancarlo54

    Reclamo, le verginelle lo fanno quelli in malafede o che non capiscono niente di politica. Grazie

  • Tao

    Ecco il Senatùr complottista: «Berlusconi ?
    I giudici hanno capito il momento politico»


    Il numero uno del Carroccio difende anche il tesoriere Belsito:
    «Ha scelto bene come investire i nostri soldi»

    MILANO – «I giudici non sono ciechi e sordi, vivono anche loro il momento politico. Berlusconi è stato abile, pensavo che fosse condannato, invece i suoi voti sono determinanti per il governo. Magari non aveva commesso niente, come sosteneva lui, però vista da fuori è una brutta impressione». Lo sostiene Umberto Bossi.

    “A PENSAR MALE” – «A volte a pensare male ci si prende – ha detto Bossi nel suo comizio a Sassuolo, nel modenese -. Il processo l’ha superato a gonfie vele – ha aggiunto – i giudici non sono ciechi e sordi, vivono anche loro il momento politico. L’abbiamo capito anche noi». E il Senatùr si è espresso anche sul tesoriere della Lega Nord Francesco Belsito, investito dalle polemiche per manovre finanziarie e comportamenti scorretti per la gestione del denaro del Carroccio.

    Bossi ha detto che è comunque un «buon amministratore», per il quale non è necessario un rimprovero formale: per un passo indietro «chiedetelo a lui». «Ha scelto bene come investire i soldi non in Africa ma in Norvegia. La prossima volta mi chieda a me prima di fare investimenti all’estero», ha proseguito.

    Fonte: http://www.corriere.it
    28.02.2012

  • cardisem

    Ho capito… ma perché dovrei essere sordo?… mah! Grazie, comunque.

  • lpv

    di niente 🙂