Home / Davide (pagina 415)

Davide

NON C'E' ALCUN DUBBIO CHE…

DI FRANCO CARDINI …sulla bontà delle intenzioni delle insegnanti della scuola elementare Ciardi di Treviso, quelle che hanno proposto di eliminare la consueta recita scolastica dedicata al Natale – in pratica, un «presepio vivente» – e di sostituirla con Cappuccetto Rosso per non urtar la sensibilità dei loro piccoli allievi musulmani (pare circa il 15% della popolazione scolastica locale) e soprattutto, presumibilmente, delle loro famiglie. Tuttavia, ed è proprio il caso di dirlo, di buone intenzioni è lastricato l’Inferno. In …

Leggi tutto »

NON C'E' ALCUN DUBBIO CHE…

DI FRANCO CARDINI …sulla bontà delle intenzioni delle insegnanti della scuola elementare Ciardi di Treviso, quelle che hanno proposto di eliminare la consueta recita scolastica dedicata al Natale – in pratica, un «presepio vivente» – e di sostituirla con Cappuccetto Rosso per non urtar la sensibilità dei loro piccoli allievi musulmani (pare circa il 15% della popolazione scolastica locale) e soprattutto, presumibilmente, delle loro famiglie. Tuttavia, ed è proprio il caso di dirlo, di buone intenzioni è lastricato l’Inferno. In …

Leggi tutto »

MORTE DI UNA TRADIZIONE

DI MARCELLO VENEZIANI Alle cinque della sera, spinto da curiosità, ricordi e amore della tradizione, sono andato a vedere la corrida nella plaza de toros monumental di Barcellona. Avevo ancora negli occhi la memoria mitica di una corrida vista da ragazzo e allora mi parve di assistere ad un rito antico e crudele ma autentico, partecipato e appassionato, intriso di simboli e liturgie. Rito di morte ma anche di vita e di virilità, rito di sangue ma anche di luce, …

Leggi tutto »

MORTE DI UNA TRADIZIONE

DI MARCELLO VENEZIANI Alle cinque della sera, spinto da curiosità, ricordi e amore della tradizione, sono andato a vedere la corrida nella plaza de toros monumental di Barcellona. Avevo ancora negli occhi la memoria mitica di una corrida vista da ragazzo e allora mi parve di assistere ad un rito antico e crudele ma autentico, partecipato e appassionato, intriso di simboli e liturgie. Rito di morte ma anche di vita e di virilità, rito di sangue ma anche di luce, …

Leggi tutto »

DIMENTICANDO PIAZZA TIENANMEN

DI MARCO BAZZATO La politica italiana ha la memoria corta o tende a ricordare i fatti in modo tale che se diventano scomodi, debbano essere rimossi dalla memoria collettiva. Nella recente visita del Presidente della Repubblica Italiana in Cina accompagnato da alcuni esponenti di governo ed industriali, il Presidente ha auspicato la rimozione della sanzioni sull’esportazioni delle armi che gravano sul paese orientale, istituite sull’onda dell’indignazione mondiale dopo che erano sorti i moti spontanei del 1989 da parte degli studenti …

Leggi tutto »

DIMENTICANDO PIAZZA TIENANMEN

DI MARCO BAZZATO La politica italiana ha la memoria corta o tende a ricordare i fatti in modo tale che se diventano scomodi, debbano essere rimossi dalla memoria collettiva. Nella recente visita del Presidente della Repubblica Italiana in Cina accompagnato da alcuni esponenti di governo ed industriali, il Presidente ha auspicato la rimozione della sanzioni sull’esportazioni delle armi che gravano sul paese orientale, istituite sull’onda dell’indignazione mondiale dopo che erano sorti i moti spontanei del 1989 da parte degli studenti …

Leggi tutto »

DOV'E' LA TUA CONFESSIONE POST ELETTORALE ?

Sarà mai più capace di riemergere il vero Michael Moore? DI RALPH NADER Caro Michael, Riemergerà mai più il vero Michael Moore, quello che sbatterebbe la porta in faccia al proprio teatro dell’assurdo? E’ stata una corsa alla presidenza selvaggia e pazzesca, non è vero, Michael? Settimane di discorsi di fronte a grandi audience universitarie a mescolare una pozione fatta di promozione per i propri libri e i propri film con un messaggio che più che farci ridere pareva alquanto …

Leggi tutto »

DOV'E' LA TUA CONFESSIONE POST ELETTORALE ?

Sarà mai più capace di riemergere il vero Michael Moore? DI RALPH NADER Caro Michael, Riemergerà mai più il vero Michael Moore, quello che sbatterebbe la porta in faccia al proprio teatro dell’assurdo? E’ stata una corsa alla presidenza selvaggia e pazzesca, non è vero, Michael? Settimane di discorsi di fronte a grandi audience universitarie a mescolare una pozione fatta di promozione per i propri libri e i propri film con un messaggio che più che farci ridere pareva alquanto …

Leggi tutto »

LA RIAPERTURA DELLA SCALA

DI IDA MAGLI E’ con grande dolore che vediamo come Riccardo Muti si sia piegato alla volontà cinicamente truffaldina dei politici. Tuttavia l’operazione compiuta con la scelta dell’opera di Salieri intitolata “Europa riconosciuta” è talmente abile che possiamo (anzi vogliamo) supporre che Muti non si sia reso conto del messaggio propagandistico incluso nell’esecuzione di quest’opera. Spieghiamo quale sia la truffa. Il compositore italiano Antonio Salieri nacque a Legnago in provincia di Verona nel 1750, suddito quindi dell’Impero Austriaco. Si trasferì …

Leggi tutto »

LA RIAPERTURA DELLA SCALA

DI IDA MAGLI E’ con grande dolore che vediamo come Riccardo Muti si sia piegato alla volontà cinicamente truffaldina dei politici. Tuttavia l’operazione compiuta con la scelta dell’opera di Salieri intitolata “Europa riconosciuta” è talmente abile che possiamo (anzi vogliamo) supporre che Muti non si sia reso conto del messaggio propagandistico incluso nell’esecuzione di quest’opera. Spieghiamo quale sia la truffa. Il compositore italiano Antonio Salieri nacque a Legnago in provincia di Verona nel 1750, suddito quindi dell’Impero Austriaco. Si trasferì …

Leggi tutto »

STATE CON L'ACQUA O CON I LADRI D'ACQUA ?

DI ALEX ZANOTELLI In certe occasioni occorre avere il coraggio di dire le cose come stanno, bisogna saper usare anche espressioni forti se è il caso. E questa volta è davvero il caso. L’umanità è di fronte ad un bivio, lo scrivo oggi su Liberazione e l’ho detto qualche mese fa ai parlamentari di Strasburgo: se non si cambierà rotta, il ricco occidente sarà artefice e complice di genocidio verso la popolazione povera del pianeta. A che cosa mi riferisco? …

Leggi tutto »

STATE CON L'ACQUA O CON I LADRI D'ACQUA ?

DI ALEX ZANOTELLI In certe occasioni occorre avere il coraggio di dire le cose come stanno, bisogna saper usare anche espressioni forti se è il caso. E questa volta è davvero il caso. L’umanità è di fronte ad un bivio, lo scrivo oggi su Liberazione e l’ho detto qualche mese fa ai parlamentari di Strasburgo: se non si cambierà rotta, il ricco occidente sarà artefice e complice di genocidio verso la popolazione povera del pianeta. A che cosa mi riferisco? …

Leggi tutto »

LETTERA ALL' FBI

DI JOHN KAMINSKY Nel famoso romanzo di fantascienza “Farenheit 451” di Ray Bradbury, i pompieri non spengono gli incendi, bensì li appiccano. Bruciano i libri vietati e le case in cui sono contenuti, schernendo i sogni che se ne vanno in fumo di persone innocenti. Questo è un ritratto piuttosto consono a ciò che l’FBI è diventata, una polizia segreta che protegge i malefici interessi dei potenti, alle spese dei normali cittadini che cercano di vivere una vita dignitosa ed …

Leggi tutto »

LETTERA ALL' FBI

DI JOHN KAMINSKY Nel famoso romanzo di fantascienza “Farenheit 451” di Ray Bradbury, i pompieri non spengono gli incendi, bensì li appiccano. Bruciano i libri vietati e le case in cui sono contenuti, schernendo i sogni che se ne vanno in fumo di persone innocenti. Questo è un ritratto piuttosto consono a ciò che l’FBI è diventata, una polizia segreta che protegge i malefici interessi dei potenti, alle spese dei normali cittadini che cercano di vivere una vita dignitosa ed …

Leggi tutto »

INCHIESTA DELLA MARINA SU NUOVE FOTO DI PRIGIONIERI IRACHENI

CORONADO – L’esercito degli Stati Uniti ha aperto un’ inchiesta sulle fotografie che mostrano i Navy Seals in Iraq seduti su detenuti incappucciati ed ammanettati, ed altre foto di quelli che sembrano essere prigionieri insanguinati, uno con una pistola alla testa. Alcune foto riportano la data risalente al maggio 2003, il che le renderebbe il primo abuso su prigionieri iracheni. Ancora prima delle pratiche piu’ brutali fotografate nella prigione di Abu Ghraib qualche mese dopo. Un reporter dell’ agenzia di …

Leggi tutto »

INCHIESTA DELLA MARINA SU NUOVE FOTO DI PRIGIONIERI IRACHENI

CORONADO – L’esercito degli Stati Uniti ha aperto un’ inchiesta sulle fotografie che mostrano i Navy Seals in Iraq seduti su detenuti incappucciati ed ammanettati, ed altre foto di quelli che sembrano essere prigionieri insanguinati, uno con una pistola alla testa. Alcune foto riportano la data risalente al maggio 2003, il che le renderebbe il primo abuso su prigionieri iracheni. Ancora prima delle pratiche piu’ brutali fotografate nella prigione di Abu Ghraib qualche mese dopo. Un reporter dell’ agenzia di …

Leggi tutto »

VERDETTO, AGOGNATO VERDETTO

DI MASSIMO FINI “È la prima riforma della Giustizia dopo sessant’anni” ha detto, trionfante, il Guardasigilli. Ma proprio per questo si tratta di una formidabile occasione mancata. Non entro nel merito delle singole modificazioni portate dalla riforma che tante polemiche stan suscitando: la separazione delle funzioni, l’avanzamento di carriera attraverso appositi esami, i corsi di aggiornamento, i maggiori poteri al Procuratore capo. Il fatto è che la riforma non sfiora neanche ‘la questione delle questioni’ della giustizia italiana: l’abnorme durata …

Leggi tutto »

VERDETTO, AGOGNATO VERDETTO

DI MASSIMO FINI “È la prima riforma della Giustizia dopo sessant’anni” ha detto, trionfante, il Guardasigilli. Ma proprio per questo si tratta di una formidabile occasione mancata. Non entro nel merito delle singole modificazioni portate dalla riforma che tante polemiche stan suscitando: la separazione delle funzioni, l’avanzamento di carriera attraverso appositi esami, i corsi di aggiornamento, i maggiori poteri al Procuratore capo. Il fatto è che la riforma non sfiora neanche ‘la questione delle questioni’ della giustizia italiana: l’abnorme durata …

Leggi tutto »

INAUGURAZIONE DELLA SCALA DI MILANO

DI MARIO CAPANNA 7 dicembre, sera. Verso le 19.30 ci presentiamo in piazza della Scala. Saremo in 3/400. Una miseria rispetto alla nostra normale capacità di mobilitazione. Ecco la prova che lo spontaneismo è «una minchia piena d’acqua», bofonchia Salvatore Toscano. Fa un freddo cane e l’umidità prende alle ossa. La nebbia è così spessa che di quando in quando sembra trasformarsi in una pioggerellina fitta fitta. Come se non bastasse, piazza della Scala è stata trasformata in una piazza …

Leggi tutto »

INAUGURAZIONE DELLA SCALA DI MILANO

DI MARIO CAPANNA 7 dicembre, sera. Verso le 19.30 ci presentiamo in piazza della Scala. Saremo in 3/400. Una miseria rispetto alla nostra normale capacità di mobilitazione. Ecco la prova che lo spontaneismo è «una minchia piena d’acqua», bofonchia Salvatore Toscano. Fa un freddo cane e l’umidità prende alle ossa. La nebbia è così spessa che di quando in quando sembra trasformarsi in una pioggerellina fitta fitta. Come se non bastasse, piazza della Scala è stata trasformata in una piazza …

Leggi tutto »

NESSUNA GIUSTIZIA IN CILE

“Io sono un sopravvissuto della tortura in un paese dove le torture sono ancora applicate liberamente.” DI TITO TRICOT Nessuno può davvero capire ciò che significa essere torturato fino al momento cruciale in cui ti trovi nudo, bendato e legato alla mercè dei tuoi carcerieri. La tua intera vita è confinata in quel fragile momento quando l’oscurità diventa il tuo nemico; e allo stesso tempo il buio è il tuo solo aiuto, un rifugio dalla pazzia. Non c’è nè passato …

Leggi tutto »

NESSUNA GIUSTIZIA IN CILE

“Io sono un sopravvissuto della tortura in un paese dove le torture sono ancora applicate liberamente.” DI TITO TRICOT Nessuno può davvero capire ciò che significa essere torturato fino al momento cruciale in cui ti trovi nudo, bendato e legato alla mercè dei tuoi carcerieri. La tua intera vita è confinata in quel fragile momento quando l’oscurità diventa il tuo nemico; e allo stesso tempo il buio è il tuo solo aiuto, un rifugio dalla pazzia. Non c’è nè passato …

Leggi tutto »

BAUMAN: IL POVERO VISTO COME UN CRIMINALE

DI ZYGMUNT BAUMAN Il pamphlet di Mead contro i poveri che “hanno scelto” di non lavorare per guadagnarsi da vivere termina con un’esortazione enfatica: “La politica sociale deve opporre una giusta e decisa resistenza alla povertà passiva – allo stesso modo in cui l’Occidente è riuscito a contenere il comunismo – finché la ragione non prevarrà e il sistema cui ci si contrappone non crollerà sotto il suo stesso peso.” Non si potrebbe scegliere metafora migliore. Uno dei principali servizi …

Leggi tutto »

BAUMAN: IL POVERO VISTO COME UN CRIMINALE

DI ZYGMUNT BAUMAN Il pamphlet di Mead contro i poveri che “hanno scelto” di non lavorare per guadagnarsi da vivere termina con un’esortazione enfatica: “La politica sociale deve opporre una giusta e decisa resistenza alla povertà passiva – allo stesso modo in cui l’Occidente è riuscito a contenere il comunismo – finché la ragione non prevarrà e il sistema cui ci si contrappone non crollerà sotto il suo stesso peso.” Non si potrebbe scegliere metafora migliore. Uno dei principali servizi …

Leggi tutto »

KERRY E IL DONO DELL' IMMUNITA'

DI NAOMI KLEIN Il vero regalo di Kerry per Bush non è stata la presidenza, ma l’immunità. La dimostrazione migliore si incarna nell’uomo Marlboro di Falluja e nei dibattiti surreali che lo hanno coinvolto. La vera immunità genera una specie di delirante decadenza, e la sua faccia è questa: una nazione che si scalda con il fumo, mentre l’Iraq brucia. Le immagini simboliche suscitano attrazione e avversione. È il caso della fotografia di James Blake Miller, il ventenne marine di …

Leggi tutto »

KERRY E IL DONO DELL' IMMUNITA'

DI NAOMI KLEIN Il vero regalo di Kerry per Bush non è stata la presidenza, ma l’immunità. La dimostrazione migliore si incarna nell’uomo Marlboro di Falluja e nei dibattiti surreali che lo hanno coinvolto. La vera immunità genera una specie di delirante decadenza, e la sua faccia è questa: una nazione che si scalda con il fumo, mentre l’Iraq brucia. Le immagini simboliche suscitano attrazione e avversione. È il caso della fotografia di James Blake Miller, il ventenne marine di …

Leggi tutto »

LA DESTABILIZZAZIONE DELL' UCRAINA

La pubblicazione francese online Reseau Voltaire ha diffuso alcune rivelazioni sulla cosiddetta “rivoluzione” in Ucraina, che confermano in larga parte le indagini dell’EIR negli USA, in Europa e nella stessa Ucraina. La decisione della Corte Suprema ucraina del 3 dicembre di ripetere le elezioni il 26 dicembre, stata presentata come una vittoria per il movimento di Victor Yushenko, non risolverà la crisi in cui versa il paese. Dietro la questione della “frode elettorale” c’è una crisi di dimensione strategica, a …

Leggi tutto »

LA DESTABILIZZAZIONE DELL' UCRAINA

La pubblicazione francese online Reseau Voltaire ha diffuso alcune rivelazioni sulla cosiddetta “rivoluzione” in Ucraina, che confermano in larga parte le indagini dell’EIR negli USA, in Europa e nella stessa Ucraina. La decisione della Corte Suprema ucraina del 3 dicembre di ripetere le elezioni il 26 dicembre, stata presentata come una vittoria per il movimento di Victor Yushenko, non risolverà la crisi in cui versa il paese. Dietro la questione della “frode elettorale” c’è una crisi di dimensione strategica, a …

Leggi tutto »

IL RACCONTO DEL SOLDATO PENTITO: ''CIVILI UCCISI SENZA UN PERCHE'''

di Francesco Veronesi «Gli Stati Uniti stanno compiendo un genocidio, e lo stanno facendo volontariamente. 100.000 morti? Nessuno saprà mai il numero esatto» «È stato un massacro. Il mio battaglione era stato dispiegato in una zona periferica di Baghdad. Qui avevamo allestito un posto di blocco. Gli ordini erano precisi: sparare alle macchine che non si fossero fermate al nostro segnale di alt. Nel giro di quarantotto ore abbiamo ucciso trenta civili. Dentro le loro automobili non abbiamo trovato nessuna …

Leggi tutto »

IL RACCONTO DEL SOLDATO PENTITO: ''CIVILI UCCISI SENZA UN PERCHE'''

di Francesco Veronesi «Gli Stati Uniti stanno compiendo un genocidio, e lo stanno facendo volontariamente. 100.000 morti? Nessuno saprà mai il numero esatto» «È stato un massacro. Il mio battaglione era stato dispiegato in una zona periferica di Baghdad. Qui avevamo allestito un posto di blocco. Gli ordini erano precisi: sparare alle macchine che non si fossero fermate al nostro segnale di alt. Nel giro di quarantotto ore abbiamo ucciso trenta civili. Dentro le loro automobili non abbiamo trovato nessuna …

Leggi tutto »