Sfatare il mito della supremazia militare USA, ancora una volta

In "Losing Military Supremacy: The Myopia of American Strategic Military Planning" l'analista militare Andrei Martyanov ha spiegato come la Russia e l'Iran continuino a vincere.

 

L’analista militare russo Andrei Martyanov è diventato indispensabile per capire esattamente perché la Russia continua a battere l’Occidente e la NATO.

Il suo libro del 2018 “Losing Military Supremacy: The Myopia of American Strategic Military Planning” è più che mai attuale. Era proprio sulla cresta dell’onda della comprensione, eppure c’è qualche analisi di ispirazione socialista che possiamo aggiungere per spiegare perché la pianificazione militare occidentale – stupidamente basata sul capitalismo-imperialismo-liberalismo – è garantita per darsi alla fine la zappa sui piedi. Inoltre, gli scritti di Martyanov sulla Russia sono spesso ideologicamente applicabili all’Iran, anche se il suo libro non sottolinea questa realtà.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su PressTV a luglio, ma immagino che a molti sia sfuggito.

Per molti l’idea che gli Stati Uniti e la NATO non siano più il blocco militare più dominante è semplicemente troppo nuova per essere affrontata onestamente.

Sfatare il mito della supremazia militare statunitense, ancora una volta

Ramin Mazaheri – Ramin’s Substack6 dicembre 2023

– * – * – * –

L’ultimo decennio ha reso le vanterie americane sulla supremazia militare globale così false e superate da rivelare dilettantismo, sciovinismo o entrambe le cose in chi le espone.

L’esaurimento delle munizioni di base, il ricorso a bombe a grappolo ritenute illegali da oltre metà del mondo, la controffensiva a lungo attesa da parte dell’Ucraina che si è rivelata un fallimento abissale, l’attraversamento e il riattraversamento di linee rosse di tecnologia militare solo per vedere il proprio materiale al di sotto delle aspettative, la perdita del 20% del territorio ucraino nonostante i miliardi di addestramento e di rifornimento occidentali per anni prima: Quello che l’Ucraina ci sta ricordando, per la terza volta in 15 anni, è che la Russia non è il pari militare dell’Occidente, ma il suo superiore.

L’aver sconfitto facilmente le forze addestrate ed equipaggiate dagli Stati Uniti in Georgia in 5 giorni nel 2008, l’aver difeso con successo la Siria e ora il dominio di un’Ucraina sostenuta fino al midollo dalla NATO rivelano senza dubbio la loro superiorità a chiunque giudichi l’efficacia sul campo anziché il totale dei dollari spesi o dei fatti vantati.

È un buon momento per rivedere il libro del 2018 “Losing Military Supremacy: The Myopia of American Strategic Military Planning” dell’eccellente analista militare russo Andrei Martyanov. Questo libro ha colto immediatamente la ferma affermazione di quell’anno della supremazia russa nella tecnologia militare e, a distanza di cinque anni, rimane una lettura fondamentale sia per l’accurata valutazione dell’impatto delle armi russe di nuova generazione, sia per la disamina dei grossolani errori dottrinali/ideologici/culturali che spiegano come gli Stati Uniti siano finiti su questa strada tecnologica perdente.

Se gli Stati Uniti non hanno più il predominio militare sulle grandi potenze che non sono loro alleate – Russia, Iran e Cina – come si può dire che abbiano ancora la supremazia militare? Ovviamente non è così, e queste tre nazioni sono state in grado di stabilire il dominio militare nel proprio teatro operativo principalmente per una ragione morale/ideologica/politica: tutte e tre le nazioni rifiutano le guerre imperialiste e le spedizioni a scopo di lucro – insistendo solo sul loro diritto alla sovranità, all’autodifesa e alla pace locale – e quindi la loro pianificazione militare strategica non soffre di miopia.

Naturalmente, i commercianti di armi e i politici occidentali desiderano ignorare la rivoluzione tecnologico-militare che la Russia ha messo in atto in meno di un decennio, ma Martyanov sottolinea tre difetti fondamentali, semplicemente giganteschi, nelle valutazioni occidentali della capacità militare russa, che sono così semplici che chiunque può capirli e condividerli:

Il primo difetto è dimenticare stupidamente che la Seconda Guerra Mondiale ha dimostrato in modo decisivo che la rivoluzione popolare del 1917 aveva portato lo sviluppo russo a un livello non solo di uguaglianza, ma di superiorità sul campo in materia di sviluppo e tecnologia militare. Un secondo difetto è quello di aver dimenticato, a parte un brevissimo periodo dopo il 1991, che la Russia ha continuato fino ai giorni nostri a concentrarsi sulla creazione di macchine militari di livello mondiale. È come se l’Occidente abbia dimenticato lo Sputnik e pensi che i russi abbiano semplicemente rinunciato alla ricerca militare iper-avanzata. Peggio ancora, pensano che realizzare un’applicazione divertente per smartphone sia tecnologicamente difficile quanto realizzare un’arma senza rivali. In terzo luogo, si dimentica che la Russia ha forse la più grande esperienza di guerra difensiva al mondo dal 1789, e che le armi russe non sono progettate per la vendita, ma per l’effettiva difesa della patria proprio perché gli europei occidentali l’hanno resa ripetutamente necessaria.

Quest’ultimo punto richiede una discussione più approfondita perché spiega anche gli scarsi risultati delle armi statunitensi sul campo di battaglia.

Naturalmente gli Stati Uniti continuano a dire che i loro armamenti sono i migliori: sono progettati per le vendite all’estero e non per l’effettiva difesa della propria patria, quindi chi le compra stia attento. Quando si vantano delle loro forze armate senza rivali, nonostante le perdite subite per 70 anni, quello che in realtà insistono è: “La pubblicità funziona!”.

Lo propaganda pubblicitaria è iniziata durante la prima guerra trasmessa via cavo – la prima guerra del Golfo – dove le immagini di missili a guida precisa che si abbattono sulle ciminiere sono state riproposte in continuazione, per la gioia dei produttori di armi statunitensi, dei sostenitori dell’eccezionalismo americano e dei sostenitori del fatto che la guerra è davvero come un videogioco. Tuttavia, il 90% delle bombe statunitensi utilizzate in quella guerra erano munizioni “stupide”. La verità è che gli Stati Uniti hanno usato un’enorme quantità di vecchia tecnologia per sopraffare un esercito demoralizzato, mal equipaggiato e non alla pari, e questo rimane l’unico posto in cui le forze armate statunitensi prosperano oggi: contro eserciti di seconda e terza categoria con poca volontà politica di combattere e certamente zero spirito rivoluzionario. Lo stesso è avvenuto in Jugoslavia nel 1999, dove settimane di bombardamenti costanti hanno sopraffatto i loro antiquati sistemi di difesa aerea.

La guerra serve a far soldi o a difendersi? La vostra sicurezza dipende dalla risposta della vostra nazione

Poiché l’obiettivo è la vendita di armi e non un necessario rafforzamento militare per difendere la patria da un’invasione (la geografia e la posizione dell’emisfero occidentale nella storia dell’umanità hanno reso gli Stati Uniti impossibili da invadere), il loro complesso militare-industriale orientato al profitto è costretto a gonfiare incessantemente non solo la loro superiorità militare, ma anche le minacce contro di loro e i loro alleati. Senza un clima di paura, vendono meno armi all’estero e non possono convincere i loro cittadini che i vomeri dei contribuenti devono continuare a trasformarsi in spade e non in beni e programmi socialmente utili.

Gli Stati Uniti usano anche un metro di misura da ricchi per esprimere la loro superiorità militare: le spese per la difesa. Tuttavia, quando i proiettili volano, tutto ciò che conta è l’efficacia effettiva, e allora diventa chiaro che lo sviluppo militare degli Stati Uniti è pieno di corruzione (per la quale apparentemente nessuno è mai chiamato a rispondere, mentre la corruzione con i fondi pubblici è punita con la pena di morte in alcuni Paesi), di scommesse sbagliate che distruggono l’impero (la boiata che è la tecnologia stealth; l’ormai obsoleta portaerei della Marina; il penetrabile Iron Dome di Israele; le fallimentari “Guerre Stellari” di Reagan, ecc. ) e l’inferiorità convenzionale sul terreno di fronte a un pari militare (la Russia) o a un completo non-pari con il morale alto (l’Afghanistan). L’unica cosa positiva di questo sistema corrotto di appalti militari è che fornisce sempre qualche posto di lavoro a livello nazionale – naturalmente, è un modo totalmente inefficiente di allocare le risorse! Tuttavia, il liberalismo rifiuta stupidamente qualsiasi ruolo per il “grande” governo – l’esercito, tuttavia, è qualcosa che nemmeno loro possono totalmente privatizzare, sebbene gli Stati Uniti si siano spinti in questa direzione, cosa che Paesi come la Cina e l’Iran non permetterebbero mai lontanamente.

Al di là del male onnipresente del militarismo incorporato nel liberalismo e nel capitalismo, dobbiamo attribuire la causa del loro declino a radici ideologiche/morali. Le armi statunitensi sono diventate inferiori a causa di ciò che ha originariamente motivato la loro progettazione: la rapace guerra fatta di spedizioni, in contrapposizione alla nobile e giustificata autodifesa. Le armi statunitensi sono state progettate principalmente per provocare perdite di massa dall’altra parte (gli Stati Uniti non tollerano perdite americane, e perché dovrebbero – i soldati statunitensi non muoiono per difendere gli Stati Uniti dal 1815), per essere utilizzate in conflitti brevi in cui la forza schiacciante causa una capitolazione immediata. È fondamentale sottolineare che questa capitolazione è sempre promessa come rapida, perché la popolazione che viene bombardata sta letteralmente morendo per passare alla “via americana”, tema su cui la loro propaganda insiste con successo a livello nazionale.

Dopo il 1991 l’Occidente, convinto dell’universalità delle sue idee, ha dato per scontato che nessun popolo nazionale avrebbe combattuto contro di loro, e quindi le sue dottrine e i suoi strumenti bellici sono stati orientati anche alla guerra di controinsurrezione da parte di attori non statali. “L’idea che formazioni delle dimensioni di una divisione, di un corpo [d’armata] o di un esercito siano impegnate in guerra sembrava ancora un’eresia, anche dopo la guerra russo-georgiana del 2008“, scrive Martyanov. Questo spiega come l’Occidente abbia già esaurito le munizioni in Ucraina, inducendolo a inviare bombe a grappolo, che non faranno altro che degradare la posizione morale dell’Occidente a livello globale, pur essendo inefficaci nella guerra di trincea/non in campo aperto in cui le forze russe hanno scavato difensivamente.

La moralità e l’ideologia influenzano le dottrine, e la guerra di spedizione rispetto alla guerra difensiva non sono semplicemente paragonabili da valutare in termini di tecnologia, tattica o moralità. In effetti, l’aspetto morale di vedere la guerra come un conquistador – vedere la guerra come uno sport competitivo, o come una macchina per fare soldi e gloria – distorce necessariamente tutta la pianificazione e la produzione militare in modo terrificante. Questo errore dottrinale, filosofico e morale porta necessariamente al fallimento contro nazioni come la Russia e l’Iran, che evitano questo approccio disumano, capitalistico e sconsideratamente sanguinario alla guerra, alla tecnologia militare e alla pianificazione strategica.

Martyanov aggiunge che la falsa idea americana che i loro 500.000 morti nella Seconda Guerra Mondiale abbiano sconfitto il nazismo, e non la morte di 26 milioni di sovietici, è il punto di partenza della visione pericolosamente distorta dell’invincibilità delle loro forze armate. Egli osserva che mentre l’obiettivo di Hitler in Europa occidentale era quello di conquistare e sottomettere, il suo obiettivo dichiarato in Russia era il completo annientamento di chiunque resistesse e lo spopolamento per fame, e che nessun americano ha avuto un’esperienza lontanamente simile. Pertanto, la visione russa della guerra (che è in realtà quella comune, a livello globale) è che essa è un inferno per le persone, essenzialmente anti-spedizione e focalizzata sulla difesa della patria. Vediamo quindi come i peccati dottrinali/ideologici abbiano creato la situazione odierna in cui la Russia dispone di armi efficaci e relativamente economiche che hanno sconfitto le armi degli Stati Uniti in Georgia, Siria e Ucraina.

Martyanov ritiene interessante che la mancanza di un’invasione da parte di una potenza straniera di pari livello non solo abbia completamente distorto la pianificazione bellica degli Stati Uniti, ma che non abbia nemmeno fornito il collante storico per una nazione statunitense che per quasi un decennio è sembrata certamente andare in pezzi. È fondamentale notare che il Regno Unito soffre di questa stessa carenza, essendo stato libero da invasioni (anche se non da semplici bombardamenti) per un periodo ancora più lungo dei suoi alleati statunitensi. Naturalmente, entrambe sono attualmente le due nazioni più imperialiste e rapaci del pianeta.

L’Iran, al contrario, avendo vissuto il conflitto più sanguinoso dell’ultimo quarto del XX secolo, sa bene che la guerra è un inferno, che va evitata con la diplomazia, che gli armamentu si valutano in base all’efficacia e non al prezzo, e che la dottrina militare deve basarsi su una difesa vitale e morale e non su un’offesa capitalista-imperialista che viola la norma cardine delle relazioni internazionali.

Le prove reali del fallimento militare dell’Occidente

Martyanov ha scritto ciò che gli obsoleti commentatori occidentali non ammettono e spesso non riescono nemmeno ad afferrare: “Sia nel Donbas che soprattutto in Siria, la Russia ha scoperto il bluff geopolitico e militare americano. … Un mondo multipolare oggi non è più una teoria politica, è un fatto compiuto“.

Perché tanti occidentali non capiscono le nuove realtà politiche create dalla nuova generazione di tecnologia militare russa nell’ultimo decennio?

Possiamo ricondurlo alla comune incapacità occidentale di ammettere la realtà oggettiva che i disordini in Ucraina sono iniziati nel 2014 e non nel 2022. Non accettarlo significa ignorare un’epoca in cui l’universo militare è cambiato. Come scrive Martyanov: “Un vero e proprio shock sistemico è arrivato con la rivelazione delle capacità di guerra elettronica della Russia nel 2014 in Crimea e successivamente nel Donbas. Questa capacità era superiore a qualsiasi cosa gli Stati Uniti avessero mai avuto a disposizione. Il conflitto in Siria ha solo confermato“, attraverso l’inceppamento o la distruzione di due attacchi di droni Daesh alle basi militari russe, che la Russia ha un dominio crescente sulla NATO nelle capacità di guerra elettronica.

Sebbene i media mainstream occidentali, così intrecciati con il loro complesso militare-industriale-corporativo, non riescano a comprenderlo o a pubblicarlo, è stato dimostrato al mondo che la NATO non disponeva di attrezzature, tattiche o tecniche per contrastare ciò che tutti pensavano fosse impensabile: un nemico della NATO con le competenze tecnologiche per degradare le comunicazioni sul campo di battaglia degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno bisogno di un ambiente “pulito”, simile a quello di un videogioco, per avere successo, ma questo ovviamente non è stato il caso del Donbas per quasi un decennio.

“C’è voluto un sanguinoso colpo di stato di ispirazione occidentale in Ucraina nel 2014 per sfatare definitivamente tutta la mitologia della guerra moderna, con le forze di Kiev e della LDNR (Repubblica Popolare di Luhansk e Repubblica Popolare di Donetsk) impegnate in un brutale combattimento ad armi unite a contatto pieno nella regione del Donbas”, scrive Martyanov. “Dopo quasi 25 anni di sonnambulismo dottrinale e di sperimentazione, la costante fondamentale del pensiero geopolitico russo – che l’Occidente combinato fosse una minaccia reale – è tornata nel discorso politico e culturale della Russia. … Lungi dall’essere pulito, lo scontro tra le forze armate dell’Ucraina e le formazioni del Donbas ha prodotto risultati che hanno completamente ribaltato tutti i presupposti bellici americani degli oltre 20 anni precedenti”.

Riprendendo l’enfasi della prima parte: nel secondo dopoguerra gli Stati Uniti hanno commesso errori morali e dottrinali che spiegano direttamente come abbiano imboccato una strada sbagliata che li ha portati a perdere la supremazia tecnologica militare a favore della Russia. Gli errori sono che le [loro] armi vengono realizzate principalmente per il commercio e per produrre in modo inefficiente pochi posti di lavoro interni, che la guerra è principalmente una spedizione e non per la difesa nazionale, che la loro ideologia è così attraente a livello globale che saranno accolti volentieri come eroi ovunque invadano e che l’era della guerra convenzionale tra nazioni è finita.

La Russia non ha ancora vinto in Ucraina, ma ha svolto un ruolo decisivo – insieme all’Iran – nell’inaspettata vittoria della Siria contro l’Occidente e i suoi terribili mercenari terroristici. Questo è un aspetto che viene volutamente ignorato – come apparentemente tutte le perdite militari degli Stati Uniti dalla Seconda Guerra Mondiale – ma i progressi militari russi svelati non sono stati contrastati e non si prevede che lo saranno per decenni.

La nuova tecnologia militare russa cambia il mondo e provoca la terza Paura Rossa

Nell’ottobre 2015 la Marina russa ha lanciato missili da crociera contro Daesh, sostenuto dall’Occidente, dal Mar Caspio. Questo ha dimostrato apertamente non solo le conquiste tecnologiche della Russia, ma anche la sua volontà di usarle. Il loro coraggio è stato sicuramente accresciuto dalla loro nuova conoscenza – prima colta nel Donbas, ma ora esposta al mondo intero – del mito della supremazia militare occidentale.

Soprattutto, osserva Martyanov, sono cinque le conclusioni principali da trarre su questa fine enfatica della guerra unilaterale e “pulita”: 1) Le forze armate statunitensi devono ora confrontarsi con veri e propri avversari nella guerra convenzionale. 2) Il vantaggio degli Stati Uniti nella guerra elettronica non è più assoluto, il che li costringerà a combattere in condizioni di parziale o completa cecità elettronica. 3) Gli Stati Uniti si troveranno di fronte a tecnologie di combattimento superiori, dai missili all’artiglieria, alle blindature. 4) Gli Stati Uniti si troveranno di fronte a sistemi di difesa aerea che renderanno molto meno efficace il principale pilastro della potenza militare americana: l’aviazione. 5) Per la prima volta nella sua storia, gli Stati Uniti devono fare i conti con il fatto che le loro linee di rifornimento, le comunicazioni, le risorse e le retrovie possono essere prese di mira da missili subsonici, supersonici e ipersonici a lungo raggio.

Mentre i 15.000 morti nel Donbas dal 2014 in poi sono stati vergognosamente ignorati dall’Occidente fino al 2022, il successo della difesa russa della Siria ha certamente messo in guardia tutti coloro che non soffrono di miopia circa la superiore tecnologia militare della Russia. È fondamentale capire quanto sia cambiato l’equilibrio militare da allora.

Il 2018 ha visto Putin svelare una mezza dozzina di armi di tecnologia di nuova generazione, tra cui il missile ipersonico Khinzal che, secondo Martyanov, “… ha riscritto il manuale della guerra navale. Ha reso obsolete le grandi flotte di superficie e le navi da combattimento. No, non è un’interpretazione sbagliata“. Hanno avuto questo impatto perché non esiste un programma di intercettazione missilistica per loro, gli Stati Uniti non se li aspettavano nemmeno (quindi ovviamente non li possiedono, anche se la Cina li possiede) e hanno dimostrato che gli Stati Uniti sono in ritardo di decenni per recuperare il vantaggio tecnologico-militare nei missili da crociera.

Questi missili rendono le 11 portaerei degli Stati Uniti – il fondamento della loro Marina un tempo indistruttibile – bersagli inermi e costosi. Martyanov osserva come i Khinzal rendano le portaerei utili solo per la proiezione di forza contro le nazioni più deboli, rendano inutili centinaia di miliardi di investimenti statunitensi correlati e come sventrino anche il programma dei sottomarini statunitensi, eliminando la possibilità di un cruciale supporto di superficie.

Pertanto, questi progressi tecnologici nel campo dei missili antinave significano che la Russia può ora chiudere il Mediterraneo orientale, il Mar Nero, creare una massiccia zona di interdizione di traffico nel Pacifico vicino alle coste russe e – dato che l’Iran è certo di consentirlo in caso di guerra – chiudere il Golfo Persico e il Golfo dell’Oman, e rispondere ai mezzi di terra statunitensi in queste regioni. La Russia è in grado di fermare qualsiasi attacco non suicida per migliaia di chilometri e, pur potendo venderlo a scopo di lucro, è sicuramente contenta di avere la capacità di difendersi da quelli che, come tutti sanno, sono stati decenni di menzogne e aggressioni della NATO.

Le coste russe sono già protette dai migliori complessi antiaerei e antimissile del mondo, ed è per questo che Paesi come la Turchia chiedono a gran voce altri lotti del loro sistema S-400, con gli S-500 e S-550 in arrivo. La Russia ha recentemente mostrato una varietà impressionante di nuove armi antisatellite (ricordate la controversia sui “detriti spaziali” dello scorso anno?). Jet da combattimento, capacità nucleari, morale interno a favore della lotta in Ucraina: l’elenco della parità o superiorità militare russa è lungo.

Tutta questa tecnologia spiega perché le risorse russe in Siria non sono mai state attaccate dalla NATO (solo dai suoi mercenari terroristi): la loro supremazia tecnologica militare le ha rese intoccabili, poiché la Russia può toccare le risorse occidentali per migliaia di chilometri.

Sono credibili queste affermazioni di Martyanov? Dopotutto, ogni Paese afferma – e assume persone per affermare – che le proprie armi sono le migliori, e per mettere in dubbio quelle della controparte La propaganda pubblicitaria è facilmente eliminabile perché la vera risposta può essere facilmente trovata: nei risultati militari del mondo reale, come in Siria e Ucraina.

Se l’Occidente non si sente minacciato, allora perché Martyanov nota astutamente come questa lunga ondata di russofobia – questa è davvero la “terza Paura Rossa” nella storia degli Stati Uniti – si combini quasi perfettamente con l’affermazione della superiorità militare della Russia?

Inoltre, le motivazioni dell’intenso odio della Beltway (la tangenziale di Washington, termine ormai usuale per indicare la capitale ed il suo establishmento politico/aziendale, N.d.T.) per Donald Trump, che ha minacciato di “reimpostare” le relazioni con la Russia più di quanto abbia mai fatto Barack Obama, ora diventano ancora più chiare: come può Washington, rabbiosamente imperialista, permettere un reset in questa nuova realtà di superiorità militare russa? Un Donald Trump dalla mente lucida – se pure sia davvero possibile – ammetterebbe che la Russia ha la forza militare per proteggere la propria sovranità e la pace regionale, abbandonerebbe l’Ucraina a un’Unione Europea che non la vuole e non invierebbe oltre 75 miliardi di dollari di denaro dei contribuenti per uno sforzo sprecato. Nel 2018 questa realtà politica non era così palesemente chiara, ma cosa prevede per le elezioni statunitensi del 2024 e per Donald Trump, che sta per ricevere la terza incriminazione in quattro mesi?

La Russia – ovviamente una grande nazione – ha stabilito la supremazia militare sull’Occidente in un teatro di operazioni molto ampio. Tuttavia, l’Iran è stato il primo a farlo, anche se su scala minore.

Sfatare il mito che l’Iran non abbia raggiunto la supremazia militare nella propria regione

Martyanov scrive: “Si spera che quando questo libro sarà pubblicato gli Stati Uniti non saranno ancora coinvolti in una guerra in Iran…”. Non lo sono e non lo saranno: poiché l’Iran condivide gli stessi obiettivi puramente difensivi della Russia, anch’essi hanno conseguito una chiara superiorità militare nel proprio teatro operativo. A differenza della NATO, l’Iran non vuole essere invaso e quindi la pianificazione iraniana ha raggiunto quella che è ormai una realtà evidente: non è possibile invadere l’Iran.

Dai droni all’avanguardia nel mondo, ai missili difensivi migliori nella regione, a una dottrina militare decentrata che incorpora la partecipazione combinata di tutte le risorse della nazione (il complesso militare-industriale iraniano non ha scopo di lucro, a differenza degli Stati Uniti), alla solida affermazione sociale ed economica dell’impareggiabile e incompreso Basij di diciassette milioni di persone (il cui nome si traduce in “Organizzazione per la Mobilitazione degli Oppressi”), al fatto che gli alleati dell’Iran dispongono ora di missili ipersonici in grado di abbattere le portaerei della marina occidentale più velocemente dei motoscafi iraniani nel principale punto debole geografico dell’Iran, la costa meridionale, l’elenco continua.

C’è un motivo per cui l’Iran è passato dalla dottrina militare “Mosaico”, basata sugli attacchi a sciame e sull’unità nazionale, alla dottrina “Difesa in avanti” (che è difensiva a livello strategico generale, ma utilizza anche alcune misure offensive): l’Iran sta coraggiosamente eliminando con successo il terrorismo sostenuto dall’Occidente nella regione. Questi cambiamenti dottrinali sono iniziati nel 2016 perché l’Iran ha capito chiaramente le conseguenze della nuova supremazia russa nella tecnologia militare. Daesh è stato sconfitto nel 2019, mentre l’Occidente se ne stava seduto in disparte – l’ennesima sconfitta militare dell’Occidente che ha scelto di non spiegare o imparare.

In effetti, così come molti non hanno capito come l’avanzata russa abbia cambiato la loro strategia militare, forse ancora di più non hanno capito come l’Iran sia diventato completamente sicuro dalle invasioni dopo l’uscita di scena di George W. Bush nel 2008, e come ora controlli militarmente le peggiori minacce al suo teatro regionale.

Il mondo, purtroppo, si è abituato al saccheggio del mondo musulmano; era troppo difficile per loro ignorare l’islamofobia e abbracciare anche solo in parte quella che è tuttora la rivoluzione politica più eccitante dell’era moderna, la rivoluzione islamica iraniana del 1979. Tuttavia, il nuovo riallineamento globale è iniziato con il successo della spinta in Siria, poi contro Daesh, e ora è diventato virale per l’Ucraina – come ha notato The Economist, il 70% della popolazione globale vive in Paesi che si appoggiano alla Russia o sono neutrali.

Una dottrina/ideologia/moralità inadeguata può solo creare armi inadeguate, alla fine questa è la spiegazione più semplice della perdita della supremazia militare degli Stati Uniti. Martyanov non è così ideologicamente focalizzato, ma la sua sintesi di buon senso è altrettanto accurata: gli Stati Uniti non sono semplicemente in grado di “… seguire un percorso di buon senso per quanto riguarda le spese per la difesa e lo sviluppo tecnologico, che richiede hardware e dottrine di combattimento che funzionino davvero. … Nella visione russa, l’arma deve funzionare perché da essa dipende la sopravvivenza della nazione e questo è ciò che domina il pensiero militare-tecnologico russo“.

Di conseguenza, gli Stati Uniti stanno perdendo in Ucraina, proprio come hanno perso in Georgia, Siria, Iraq, Afghanistan, nella loro quarantennale minaccia di guerra all’Iran, ecc. La supremazia militare degli Stati Uniti si è basata sul battere chiunque, ovunque, in una guerra convenzionale, ma non dovremmo cambiare opinione dopo le loro sconfitte nella guerra convenzionale in una posta così alta in Siria e ora in Ucraina (così come in Afghanistan e in Iraq attraverso la guerra non convenzionale)?

Nessuno propone piani di battaglia che inducano gli abitanti dell’Arkansan o del Michigan a mettersi in gioco e a difendersi: gli Stati Uniti hanno la supremazia militare nella loro regione, ma ora ce l’hanno anche la Russia, l’Iran e la Cina. Questo è un elemento chiave nella definizione del nostro nuovo mondo multipolare.

Purtroppo, l’1% degli Stati Uniti vince semplicemente fomentando la guerra e l’isteria bellica in tutto il mondo – debilita i rivali, corrompe i propri alleati per impedirgli di diventare veri pari e si approfitta di chi è negligentemente ignorante.

Tuttavia, pensate all’impatto sul loro stesso popolo: Questa dottrina palesemente falsa dello sciovinismo militarista americano distrugge la salute fisica e psichica dell’americano medio e il tenore di vita della comunità americana media.

La perdita della supremazia militare da parte degli Stati Uniti è un bene per tutti. L’accettazione di questa realtà è la strada più rapida per la pace globale, la stabilità, la cooperazione reciproca e la prosperità reciproca.

 

ramin_mazaheriRamin Mazaheri è il corrispondente capo a Parigi di PressTV e vive in Francia dal 2009. È stato cronista di quotidiani negli Stati Uniti e ha effettuato reportage da Iran, Cuba, Egitto, Tunisia, Corea del Sud e altri paesi. È autore di “Socialism’s Ignored Success: Iranian Islamic Socialism” e di “I’ll Ruin Everything You Are: Ending Western Propaganda on Red China”, disponibile anche in cinese semplificato e tradizionale.

Link: https://raminmazaheri.substack.com/p/exploding-the-myth-of-us-military

Scelto e tradotto (IMC) da CptHook per ComeDonChisciotte

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
49 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
49
0
È il momento di condividere le tue opinionix