La spinta di Anthony Fauci alla ricerca pericolosa ha contribuito a creare la pandemia COVID-19? (7a parte)

Gli americani hanno validi motivi per mettere in dubbio la leadership di Fauci nella risposta al COVID-19.

Di: Matthew Cullinan Hoffman Lunedì 15 giugno 2020

 

(1a parte) – (2a parte) – (3a parte) – (4a parte) – (5a parte) – (6a parte)

 

Il comportamento del governo cinese indica che ha qualcosa da nascondere

L’Istituto di Virologia di Wuhan ha negato con forza che il nuovo coronavirus provenisse dal loro laboratorio. Il principale ricercatore di coronavirus del WIV, Shi Zhengli, dice di aver confrontato il virus COVID-19, SARS-CoV-2, con i virus che il suo team aveva raccolto nelle grotte dei pipistrelli e non ha trovato alcun riscontro. Il parente più prossimo documentato, secondo Shi, è uguale solo per il 96%, e lei e un team di ricercatori hanno riferito l’esistenza di questo virus simile, chiamato “RaTG13”, il 22 gennaio. Ha dichiarato che questa scoperta “mi ha tolto un peso dal cuore” e dice “giuro sulla mia vita” che il nuovo coronavirus non proviene da un laboratorio del WIV.

L’affermazione di Shi, tuttavia, continua a non essere verificabile poiché il governo cinese ha continuato a negare l’accesso al laboratorio agli osservatori stranieri e a rifiutare di consentire un’indagine internazionale sulle origini del nuovo coronavirus. Il comportamento del governo, che consiste nel mentire, insabbiare e nascondere, ha reso tali affermazioni praticamente prive di valore.

Nel momento in cui l’epidemia è diventata evidente per i medici di Wuhan, le autorità del governo cinese hanno tentato di nascondere la verità al pubblico. I medici che hanno cercato di dare l’allarme sono stati censurati dal governo provinciale locale che ha tentato di nascondere l’esistenza stessa di una pericolosa epidemia. Uno di tali medici, Li Wenliang, poi morto di COVID-19, ha cercato di avvertire i colleghi del pericolo alla fine di dicembre ed è stato costretto dalla polizia locale a firmare una dichiarazione in cui ritrattava e si impegnava a non divulgare più tali notizie attraverso i social media. Secondo quanto riferito, le autorità di Wuhan hanno indagato su un totale di otto medici. Li Wenliang alla fine è morto a causa della malattia ed è ora considerato un eroe in Cina.

L’imbavagliamento degli scienziati non si è concluso con medici come Li Wenliang. Lo stesso Istituto di virologia di Wuhan è stato messo a tacere il 2 gennaio, dopo che era stato sequenziato il genoma del nuovo coronavirus. Secondo il Daily Mail, proprio quel giorno il direttore dell’istituto, Yanyi Wang, ha inviato un e-mail a ” importanti funzionari e personale”, ordinando loro di non rivelare ad altri informazioni sulla malattia.

Stando ai post sui social media, che secondo il Daily Mail sono stati “confermati dagli attivisti e dai media di Hong Kong”, Wenliang ha avvertito nella mail che il “panico generale” era causato da “informazioni inappropriate e imprecise”, presumibilmente sul nuovo coronavirus.

Solo otto giorni dopo, gli scienziati cinesi in un laboratorio di Shanghai hanno rivelato la prima sequenza del genoma del nuovo coronavirus. Il governo ha risposto chiudendo il laboratorio il giorno dopo e ha proibito ad altri scienziati di studiare il virus, imponendo la distruzione di tutti i campioni in loro possesso. In seguito hanno sostenuto che questo ordine era stato dato per ridurre il rischio di ulteriori epidemie provenienti dai laboratori.

Il governo ha continuato a minimizzare il pericolo virus anche quando ha bloccato la provincia di Wuhan e ha drasticamente ridotto i voli in tutta la Cina, dicendo ai governi stranieri che non avrebbero dovuto interrompere i voli da e per la Cina. Hanno anche insistito presso l’Organizzazione Mondiale della Sanità sul fatto che non vi era un grande pericolo per la popolazione, un’affermazione che l’OMS ha riproposto al mondo. Queste misure hanno permesso ai cinesi di prevenire la diffusione del virus in Cina, permettendone al tempo stesso la libera circolazione negli altri Paesi, con il risultato di infettare il mondo intero.

“Non c’è motivo di adottare misure che interferiscano inutilmente con i viaggi e il commercio internazionale”, ha detto il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus alla fine di gennaio. “Facciamo appello a tutti i Paesi affinché attuino decisioni basate su prove e coerenti”. Anche dopo che la Cina ha iniziato a limitare i movimenti al proprio interno a febbraio, l’OMS ha continuato a scoraggiare i Paesi a interrompere i viaggi dalla Cina. “L’OMS continua a sconsigliare l’applicazione di restrizioni ai viaggi o al commercio nei Paesi in cui si sono verificati focolai di COVID-19”, ha dichiarato l’organizzazione il 27 febbraio. “In generale, le prove dimostrano che limitare la circolazione di persone e merci durante le emergenze sanitarie pubbliche è inefficace nella maggior parte dei casi e può distogliere le risorse da altri interventi”.

Il governo cinese ha anche mentito ripetutamente sul numero totale dei morti e quando il clamore suscitato nel mondo incredulo è diventato eccessivo, ha corretto la cifra ufficiale aumentando del 50% il numero dei morti a Wuhan, che probabilmente rappresenta ancora una grave sottostima del numero reale.

Nel frattempo, le autorità cinesi hanno ripetutamente bloccato i tentativi dei ricercatori stranieri di ottenere dati raccolti dalle autorità che potrebbero portare all’origine del virus, compresa l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Non ha ancora condiviso con nessun laboratorio straniero i primi campioni del virus prelevati nel dicembre del 2019.

 

Le violazioni della sicurezza sono un problema per i laboratori di virologia di tutto il mondo

Le violazioni della sicurezza al WIV non sarebbero sorprendenti, dato ciò si è verificato in molti laboratori di virologia di tutto il mondo, un problema che risale a decenni fa negli Stati Uniti e in Europa.

Il Bulletin of the Atomic Scientists del 2019 ha sottolineato il triste primato di tali laboratori e ha espresso la preoccupazione che gli studi in corso sul “gain of function” possano scatenare una pandemia virale a livello mondiale, definendo tale ricerca una “probabile minaccia pandemica” e affermando che “Qualunque sia la probabilità di diffusione con cui il mondo sta giocando d’azzardo, è chiaramente un rischio troppo alto per la vita umana”.

“Gli incidenti che causano potenziali esposizioni ad agenti patogeni si verificano frequentemente nei laboratori ad elevata sicurezza spesso conosciuti con i loro acronimi, BSL3 (Biosafety Level 3) e BSL4”, ha riportato il Bulletin. “Gli incidenti di laboratorio che causano infezioni non rilevate o non segnalate in laboratorio possono portare al diffondersi di una malattia al di fuori del laboratorio; i tecnici quando lasciano il posto di lavoro portano con sé l’agente patogeno”.

“Se si trattasse di un potenziale agente patogeno pandemico, la relativa diffusione nella comunità potrebbe portare a una pandemia mondiale con molti decessi”, hanno aggiunto. “Di grande preoccupazione è la diffusione di un virus dell’influenza aviaria altamente patogeno e aerobico, creato nei laboratori di Ron Fouchier nei Paesi Bassi e Yoshihiro Kawaoka a Madison Wisconsin”.

Negli ultimi decenni sono state documentate numerose violazioni di laboratorio da agenzie governative e dai media. Nel 2009, i ricercatori di un centro per il controllo delle malattie BSL-4 sono passati da un laboratorio di malattie infettive in una camera di decontaminazione dove avrebbero dovuto ricevere una doccia chimica per uccidere gli agenti patogeni presenti sulle loro tute, ma le docce non hanno funzionato e la porta del laboratorio ha cominciato ad aprirsi ripetutamente, ricontaminando potenzialmente la camera, mentre gli allarmi a pressione si sono disattivati. Il pericoloso incidente, che USA Today ha paragonato a una “sceneggiatura di un film catastrofico”, è rimasto nascosto al pubblico per oltre cinque anni.

In un altro caso, avvenuto nel 2014, settantacinque dipendenti federali sono stati accidentalmente esposti al mortale agente patogeno dell’antrace in un laboratorio del CDC, il quinto di una serie di incidenti simili avvenuti nel decennio precedente che hanno portato alla chiusura totale del laboratorio. L’esposizione in massa all’antrace ha fatto seguito anche a diverse altre recenti rivelazioni di esposizione accidentale ad agenti patogeni pericolosi che si sono verificate nei laboratori del CDC e che hanno portato a limitazioni della ricerca su tali agenti patogeni e ad una moratoria sulla ricerca più pericolosa del “gain of function “.

Michael Osterholm, direttore del Center for Infectious Disease Research and Policy dell’Università del Minnesota, ha detto a Scientific American che le violazioni della sicurezza nei laboratori sono “diventate una nuvola nera sulla scienza nei laboratori”, e l’ha definita un ” colpo sentito in tutto il mondo”, indicando che lo stesso potrebbe accadere nei laboratori stranieri. “Questo avrebbe potuto essere facilmente uno di questi”, ha dichiarato.

 

Prossima puntata:

La violazione della sicurezza nel laboratorio cinese ha portato alla pandemia di H1N1 nel 1977

 

 

Fonte: https://www.lifesitenews.com/news/did-anthony-faucis-promotion-of-dangerous-research-help-create-the-covid-19-pandemic

 

Scelto e tradotto da Cinthia Nardelli per ComeDonChisciotte

 

CDC

Comments are closed.