La spinta di Anthony Fauci alla ricerca pericolosa ha contribuito a creare la pandemia COVID-19? – (2a parte)

(1a parte)

 Pericolosi studi di ” gain of function ” sui virus animali promossi da Fauci e Collins 

Anthony Fauci e Francis Collins hanno promosso e sostenuto pubblicamente pericolosi studi di ” gain of function ” sui virus da quando, nel 2011, sono stati annunciati i primi esperimenti del genere. Tali studi, che cercano di rendere i virus infettivi in nuove specie di mammiferi e persino nell’uomo, sono stati condotti nell’Istituto di Virologia di Wuhan, l’origine sospetta dell’epidemia di COVID-19 che ora sta dilagando in tutto il mondo, e sono stati fatti in parte con i finanziamenti dei National Institutes of Health, così come dell’Agenzia per lo Sviluppo Internazionale degli Stati Uniti.

Fauci sostiene da tempo che il modo principale per rispondere alle epidemie è quello di produrre vaccini e altri farmaci per la malattia. Questo lo ha portato a spingere per una ricerca controversa sui virus universalmente riconosciuta come altamente pericolosa, ancor più delle precedenti ricerche che hanno portato a epidemie e pandemie.

La ricerca “Gain of Function” intende prendere i virus animali da pipistrelli, uccelli e altri portatori di virus non umani e modificarli geneticamente per alterarne il meccanismo di azione, consentendo loro di diventare infettivi in altre specie animali, anche nell’uomo. I ricercatori medici hanno ripetutamente espresso preoccupazione per tali esperimenti, sostenendo che potrebbero inavvertitamente causare nuove pandemie.

Questo nuovo campo di sperimentazione è stato avviato alla fine degli anni 2000 da Ron Fouchier, un ricercatore dell’Università Erasmus in Olanda, in risposta a focolai di un altro virus, un “virus dell’influenza aviaria” della varietà H5N1 che poteva infettare le persone ma non poteva essere trasmesso da persona a persona. Fouchier voleva sapere se una mutazione poteva permettere al virus H5N1 di diventare trasmissibile nei mammiferi, così lo modificò e cercò di farlo passare attraverso una popolazione di furetti. Ha avuto successo, ha annunciato i suoi risultati nel 2011 e li ha pubblicati su Science nel 2012. Un altro scienziato, Yoshihiro Kawaoka dell’Università del Wisconsin-Madison, ha pubblicato risultati simili lo stesso anno su Nature, dopo aver infettato i furetti con un virus ibrido creato nel suo laboratorio.

La pubblicazione di entrambi gli studi ha generato allarme e ha incontrato serie resistenze. Prima della pubblicazione, il National Science Advisory Board for Biosecurity (NSABB) degli Stati Uniti ha sollecitato la rimozione di alcuni dettagli dalla versione degli studi in questione, a causa del potenziale pericolo di utilizzo per il bioterrorismo. Tuttavia, il loro consiglio è stato alla fine rifiutato e gli articoli sono stati pubblicati per intero.

In risposta alla contestazione, il dottor Fauci e il suo superiore, il dottor Collins, sono intervenuti in difesa della discussa nuova ricerca nel dicembre 2011, in un articolo pubblicato dal Washington Post, in cui hanno ammesso che gli studi erano stati in parte finanziati dai National Institutes of Health. Nel pezzo, i due hanno fornito un’appassionata difesa degli studi di “Gain of Function”. Il titolo della dichiarazione era esplicito fino al punto di affermare: “Un rischio di virus influenzale che vale la pena di correre“.

“Informazioni e intuizioni importanti possono venire dalla generazione di un virus potenzialmente pericoloso in laboratorio”, hanno scritto i due, insieme a Gary Nabel, direttore del Vaccine Research Center della NIAID.

Tuttavia, hanno rassicurato sul fatto che si sarebbero adottate misure di “massima sicurezza” per proteggere la popolazione dal pericolo di epidemie. “I virus ingegnerizzati sviluppati durante gli esperimenti sui furetti sono mantenuti in laboratori di massima sicurezza”, hanno scritto. “Gli scienziati, i redattori delle riviste e le agenzie di finanziamento coinvolte stanno lavorando insieme per garantire che l’accesso a informazioni specifiche, che potrebbero essere usate per creare agenti patogeni pericolosi, sia limitato a coloro che hanno la necessità accertata e legittima di sapere”.

Dopo la pubblicazione degli articoli, eminenti scienziati come Marc Lipsitch, professore di epidemiologia alla Harvard School of Public Health, hanno ripetutamente lanciato l’allarme contro la ricerca. Nel 2014 lo scienziato ha organizzato una grande coalizione di eminenti ricercatori di virologia, chiamata Cambridge Working Group, che ha pubblicato uno “Statement on the Creation of Potential Pandemic Pathogens” (Dichiarazione sulla creazione di potenziali agenti patogeni pandemici), esprimendo la loro preoccupazione circa la possibilità di una pandemia scatenata da un laboratorio di virologia, soprattutto in considerazione del gran numero di violazioni della sicurezza che si erano verificate di recente.

“I recenti incidenti che hanno riguardato il vaiolo, l’antrace e l’influenza aviaria in alcuni dei principali laboratori statunitensi ci ricordano la fallibilità anche dei laboratori più sicuri, il che rafforza l’urgente necessità di un’approfondita rivalutazione della biosicurezza”, ha dichiarato il gruppo. “Questi incidenti hanno subito un’accelerazione e si sono verificati in media due volte alla settimana con agenti patogeni regolamentati nei laboratori universitari e governativi di tutto il Paese”.

Per quanto riguarda i controversi studi di Gain of Function, il gruppo ha osservato che “i rischi di incidenti con ‘potenziali agenti patogeni pandemici’ di nuova creazione sollevano nuove e gravi preoccupazioni. La creazione in laboratorio di ceppi di virus pericolosi altamente trasmissibili e inediti, soprattutto ma non solo per quanto riguarda l’influenza, comporta rischi sostanzialmente maggiori. Un’infezione accidentale in un simile contesto potrebbe scatenare focolai che sarebbero difficili o impossibili da controllare. Storicamente, i nuovi ceppi di influenza, una volta stabilita la trasmissione nella popolazione umana, hanno infettato un quarto o più della popolazione mondiale nel giro di due anni”.

Gli sforzi di Lipsitch e del gruppo di lavoro di Cambridge sembravano avere successo: nello stesso anno, il 2014, il National Institutes of Health ha sospeso i fondi a tali ricerche ed ha lanciato una massiccia revisione delle procedure dopo la scoperta di fiale di agenti patogeni mortali, a lungo inutilizzate e incontrollate, presso un laboratorio della Food and Drug Administration nel proprio campus, che ha rivelato fallimenti sistematici della sicurezza nei laboratori degli Stati Uniti.

Tuttavia, i sostenitori della ricerca sul gain of function alla fine hanno prevalso quando il Department of Health and Human Services degli Stati Uniti ha iniziato a permettere il finanziamento di tali esperimenti nel 2018 – una decisione che è stata pubblicamente applaudita da Anthony Fauci, il cui NIAID ha iniziato a pagare per la ricerca in una struttura statunitense. L’approvazione, che figura nel documento “Guiding Funding Decisions about Proposed Research Involving Enhanced Potential Pandemic Pathogens”, ha permesso esplicitamente la creazione di virus che potrebbero causare una pandemia, cioè un “agente patogeno pandemico potenziale” (PPP), persino uno la cui potenza è stata rafforzata artificialmente, qualora vengano soddisfatti determinati criteri.

Tuttavia, nel frattempo, i National Institutes of Health avevano già iniziato a finanziare la ricerca sul coronavirus presso un’altra organizzazione al di fuori degli Stati Uniti: il Wuhan Institute of Virology, in Cina. L’istituto, che da anni riceveva denaro dall’Agenzia per lo Sviluppo Internazionale degli Stati Uniti, ora riceverebbe parte di una sovvenzione di 3,7 milioni di dollari dal NIH incanalata attraverso un’altra organizzazione, la “EcoHealth Alliance”.

Link: https://www.lifesitenews.com/news/did-anthony-faucis-promotion-of-dangerous-research-help-create-the-covid-19-pandemic

Scelto e tradotto da Cinthia Nardelli per ComeDonChisciotte

Comments are closed.