La spinta di Anthony Fauci alla ricerca pericolosa ha contribuito a creare la pandemia COVID-19? – Quarta parte

Gli americani hanno validi motivi per mettere in dubbio la leadership di Fauci nella risposta al COVID-19.

Di: Matthew Cullinan Hoffman – Lunedì 15 giugno 2020

 (1a parte) – (2a parte) – (3a parte)

 Il comportamento inquietante del laboratorio di Wuhan coinvolge i partner francesi e canadesi

Sulla scia della pandemia di SARS del 2004, il governo francese aveva accettato di aiutare la Cina a costruire un laboratorio BSL-4 per lo studio dei virus, un laboratorio che avrebbe permesso ai cinesi di effettuare il tipo di ricerca virale più pericoloso.

Secondo i funzionari cinesi, lo scopo principale del laboratorio era quello di sviluppare terapie per le malattie. “Il laboratorio di Wuhan darà al suo gruppo la possibilità di studiare come tali virus causano le malattie e di sviluppare trattamenti basati su anticorpi e piccole molecole”, ha spiegato Nature parafrasando George Gao, direttore del laboratorio di microbiologia patogena e immunologia dell’Accademia cinese delle scienze di Pechino. Tuttavia, secondo alcuni rapporti, fin dall’inizio alcuni funzionari francesi erano diffidenti riguardo al progetto, preoccupati che il governo cinese non avrebbe dato loro informazioni chiare su ciò che era accaduto ai laboratori BSL-3 che la Francia aveva aiutato a costruire per la pandemia della SARS nel 2004.

Nonostante ciò, nel 2010 è finalmente iniziata la costruzione della nuova struttura a Wuhan, sotto l’egida del Wuhan Institute of Virology. I francesi hanno supervisionato la costruzione, con il contributo del bio-industrialista miliardario Alain Merieux, anche se la maggior parte del lavoro è stata svolta da aziende cinesi. L’edificio è stato completato nel 2015 e si è avviata la fase di test, ma era già sorto un grosso problema di sicurezza del laboratorio: a causa della discutibile competenza delle imprese di costruzione cinesi, l’organizzazione francese incaricata di certificare il laboratorio, Technip, si è rifiutata di farlo.

Nel 2016, il laboratorio WIV ha suscitato preoccupazione tra i funzionari della sicurezza nazionale francese quando i cinesi hanno presentato una richiesta per più tute antivirali BSL-4 di quante fossero necessarie, destando il sospetto che quelle extra sarebbero state dirottate verso laboratori di ricerca virale gestiti dall’esercito, presumibilmente per ricerche sulla guerra batteriologica. I francesi hanno respinto la richiesta.

“L’ordine era superiore alle reali esigenze del laboratorio di Wuhan”, ha dichiarato alla rivista francese Challanges un anonimo diplomatico esperto del caso, spiegando che le tute in eccesso avrebbero potuto essere destinate a scopi di ricerca in un laboratorio militare. “La Cina è stata a lungo sospettata di avere un luogo simile nel nord del Paese, ma non abbiamo prove sufficienti”, ha raccontato.

Inoltre, i rapporti tra i funzionari sanitari francesi e il laboratorio hanno cominciato a incrinarsi. Nel 2015, Alain Merieux si è dimesso dalla copresidenza del comitato misto franco-cinese che supervisionava l’operazione, definendo il laboratorio “uno strumento molto cinese” e aggiungendo: “Appartiene a loro, anche se è stato sviluppato con l’assistenza tecnica della Francia”. L’anno successivo, secondo Merieux, il comitato ha cessato del tutto di riunirsi. Nel 2017, il ministro della Sanità francese Marisol Touraine annuncia una collaborazione che prevede la collaborazione di 50 ricercatori francesi che lavoreranno nel nuovo laboratorio per cinque anni, ma che non si realizzerà mai. Sembra che il governo cinese non condividesse più le informazioni con i suoi ex collaboratori francesi.

Un’ulteriore perplessità è stata suscitata dal WIV quando un ricercatore cinese affiliato al laboratorio di Wuhan, il dottor Xiangguo Qiu, così come suo marito Keding Cheng e alcuni studenti cinesi di Xianuggo sono stati scortati fuori dal Laboratorio Nazionale di Microbiologia del Canada (NBL) il 5 luglio 2019, e il loro permesso di accesso al laboratorio è stato revocato per motivi di sicurezza.

Le misure sono state prese a seguito di un’indagine avviata dalla Royal Canadian Mounted Police per volere dei funzionari dell’NBL. I media canadesi hanno riferito che nel frattempo il computer di Xianuggo è stato confiscato e le sue richieste di viaggio in Cina hanno cominciato a essere negate. In seguito, la coppia è stata anche rimossa dall’incarico di insegnante all’Università di Manitoba. La polizia ha detto ai giornalisti che stavano indagando su una “violazione delle norme” nella struttura, ma che non avrebbero parlato ulteriormente della questione.

Le successive notizie apparse sulla stampa canadese indicavano che tre mesi prima alcuni scienziati del laboratorio, e dei quali non si conoscono i nomi,  avevano inviato campioni vivi dei pericolosissimi virus Ebola e Henipah a Pechino su un volo Air Canada. Fonti anonime hanno detto alla Canadian Broadcasting Company che i virus “potrebbero essere stati spediti all’Accademia delle Scienze cinese in un modo tale da eludere le procedure operative del laboratorio e senza un documento che proteggesse i diritti di proprietà intellettuale del Canada”, secondo le parole della CBC. La Public Health Agency of Canada si è rifiutata di dire alla CBC se la spedizione avesse o meno a che fare con la rimozione dei due scienziati, ma ha sostenuto che “erano stati seguiti tutti i protocolli previsti”.

Nell’ottobre del 2019, il CBC ha riferito che Xiangguo Qiu aveva fatto cinque diversi viaggi verso il laboratorio del Wuhan Institute of Virology BSL-4 durante il 2017-18, in un caso per la formazione dei ricercatori della WIV. Il personale del laboratorio canadese aveva giudicato i viaggi preoccupanti e sospetti.

Secondo l’articolo del CBC, “ci sono sempre state domande sui viaggi di Qiu in Cina – e su quali informazioni e tecnologie stesse condividendo con i ricercatori di quel Paese”. Una dipendente del laboratorio canadese ha detto alla CBC: “Non è giusto che sia una dipendente del governo canadese a fornire dettagli sul lavoro top-secret e sul know-how per creare un laboratorio ad alto contenuto per una nazione straniera”.

Infine, il 26 gennaio di quest’anno, l’affiliazione del laboratorio all’esercito cinese è stata confermata quando la leadership dell’operazione è stata affidata a un importante generale dell’Esercito di liberazione del popolo cinese, Chen Wei, che dirige l’Istituto di bioingegneria presso l’Accademia delle scienze mediche militari.

Anche il Daily Telegraph dell’Australia ha recentemente rivelato che un membro del consiglio di amministrazione dell’Istituto di virologia di Wuhan, il professor Wu-Chun Cao, è il direttore del laboratorio statale di patogeni e biosicurezza, che fa parte dell’Accademia delle scienze mediche militari. È colonnello dell’Esercito di liberazione del popolo.

Il ritratto governativo che dipinge Chen come eroico combattente contro le malattie è stato ingenuamente ripreso da fonti mediatiche americane come Anna Fifield del Washington Post. Tuttavia, gli esperti che studiano la proliferazione delle armi di distruzione di massa affermano che l’Istituto di bioingegneria di Chen è coinvolto in quella che il governo cinese chiama “biodifesa”, cioè l’uso di agenti patogeni in guerra – presumibilmente a scopo difensivo.

I diplomatici americani danno l’allarme sulla sicurezza nel nuovo laboratorio WIV

Malgrado le precauzioni di sicurezza adottate nel laboratorio, all’inizio del 2018 i diplomatici americani a Wuhan stavano cominciando a esprimere gravi preoccupazioni sul livello di sicurezza del nuovo laboratorio BSL-4 WIV, che si trovava nella fase di test di pre-apertura. Dopo la visita di una delegazione diplomatica al laboratorio a gennaio, i funzionari dell’ambasciata hanno inviato due cablogrammi a Washington per esprimere le loro preoccupazioni sui risultati. Il testo di uno dei due è stato recentemente fatto trapelare al Washington Post.

“Durante le interazioni con gli scienziati del laboratorio WIV, hanno notato la grave carenza di tecnici e ricercatori adeguatamente preparati, necessari per far funzionare in sicurezza questo laboratorio ad alto contenuto”, si leggeva in uno dei messaggi, secondo il Post.

“Il messaggio è stato un segnale di avvertimento”, ha detto al giornale un funzionario americano anonimo. “Stavano implorando la gente di fare attenzione a quello che stava succedendo”.

Solide prove circostanziali sull’origine di laboratorio, riconosciute per la prima volta dai ricercatori cinesi

La teoria secondo cui un incidente di laboratorio a Wuhan potrebbe essere la causa del nuovo focolaio di coronavirus è sempre più supportata da prove indiziarie. La teoria è stata portata all’attenzione del pubblico per la prima volta da due scienziati cinesi, Botao Xiao e Lei Xiao della South China University of Technology, che hanno pubblicato una pre-stampa del loro articolo nel febbraio di quest’anno su ResearchGate prima che scomparisse senza spiegazione (è possibile trovare qui una versione di archivio web).

La coppia sottolinea che le due fonti più probabili del nuovo coronavirus a Wuhan sono due laboratori che stavano raccogliendo e conducendo esperimenti sui coronavirus dei pipistrelli al momento dell’epidemia, non il mercato del pesce Huanan di Wuhan, che è l’origine inizialmente indicata dal governo cinese.

I due scienziati fanno notare che, sebbene un’alta percentuale di persone con sintomi di COVID-19 a Wuhan abbia visitato il mercato di Huanan, e un gran numero di positivi sia stato trovato in campioni raccolti in quel posto dopo l’epidemia, i pipistrelli non venivano venduti in quel mercato che si trovava a più di 1.000 miglia di distanza dalle grotte di pipistrelli dove, com’è noto, si trovano coronavirus simili alla SARS. Tuttavia, i due laboratori che hanno studiato il virus erano molto vicini al mercato del pesce.

Il più vicino dei due laboratori al mercato di Huanan era il Wuhan Center for Disease Control and Prevention (WHCDC), che si trovava a circa 280 metri di distanza. Secondo i due scienziati, il centro stava facendo la raccolta di agenti patogeni da pipistrelli e altri animali.

Il “WHCDC ha ospitato nei laboratori animali a scopo di ricerca [sic] e uno di tali laboratori era specializzato nella raccolta e identificazione di agenti patogeni”, scrivono gli autori. “In uno dei loro studi, 155 pipistrelli, tra cui il Rhinolophus affinis, sono stati catturati nella provincia di Hubei e altri 450 sono stati catturati nella provincia di Zhejiang”. Sottolineano inoltre che l’esperto di raccolta del laboratorio aveva dovuto mettersi in quarantena dopo che i pipistrelli gli avevano urinato e sanguinato addosso, e che i primi medici infettati dal nuovo coronavirus lavoravano nello Union Hospital adiacente all’OMSCDC.

Tuttavia, notano gli autori, anche un laboratorio dell’Istituto di Virologia di Wuhan era abbastanza vicino (solo 7,5 miglia) al mercato del pesce. Inoltre, era l’Istituto di Virologia di Wuhan che stava facendo ricerche sullo stesso tipo di coronavirus dei pipistrelli che causa il COVID-19, e che comprendeva la ricerca che prevedeva la creazione di ibridi di virus che potevano infettare gli esseri umani. Gli autori sottolineano anche che erano state sollevate preoccupazioni circa i pericoli di scatenare una pandemia dal laboratorio.

La teoria del mercato del pesce di Huanan è ulteriormente screditata da uno studio pubblicato a gennaio da The Lancet, che riporta che il primo caso noto di COVID-19, emerso il 1° dicembre 2019, non aveva alcun legame noto con il mercato. Recentemente il governo cinese ha abbandonato del tutto la teoria della provenienza del mercato del pesce, ma ora sostiene che la pandemia è iniziata fuori da Wuhan.

 Prossima puntata:

Il nuovo coronavirus ha un “gain of function” modificato che non si trova in altri del suo tipo

 Fonte: https://www.lifesitenews.com/news/did-anthony-faucis-promotion-of-dangerous-research-help-create-the-covid-19-pandemic

Scelto e tradotto da Cinthia Nardelli per ComeDonChisciotte

 

Comments are closed.