Il viceministro degli Esteri russo Ryabkov: “Anche se Trump tornasse alla Casa Bianca niente cambierà”

Intervista a 360° in vista del nuovo anno a cura di Alexander Oganesyan, caporedattore della rivista Affari Internazionali

Karl Sanchez – karlof1’s Geopolitical Gymnasium – 15 dicembre 2023

 

Venerdì 15 dicembre 2023 Alexander Oganesyan, caporedattore della rivista Affari Internazionali, ha intervistato Il vice ministro degli Esteri Sergey Ryabkov. La traduzione (inglese) è tratta dal sito del Ministero degli Affari Esteri russo. Ryabkov ha rafforzato ulteriormente la posizione della Russia in merito ai negoziati con l’Occidente su qualsiasi tema, non solo sull’Ucraina, avvalorando ulteriormente le dichiarazioni rilasciate ieri dal Presidente Putin.

– * – * – * –

Domanda: Sergei Alekseevich, oggi non si fa che parlare della necessità di una “nuova strategia occidentale per l’Ucraina”. Negli Stati Uniti si fanno sempre più decise le voci di alcuni politici e analisti che chiedono di convincere Kiev al realismo strategico e persino di sedersi al tavolo dei negoziati. Ma la domanda sorge spontanea: quanto è realistico ciò che chiedono questi inaspettatamente illuminati “pacifisti”?

Ryabkov: Non sono molto incline ad essere incoraggiato da questi segnali, non perché sia soggetto a un pessimismo storico, ma semplicemente perché abbiamo già osservato certe vibrazioni in passato, almeno tra gli analisti politici statunitensi, sul fatto che “l’Occidente collettivo” e i suoi reparti a Kiev si stiano muovendo nella giusta direzione. Questo però non ha portato ad alcun cambiamento nella linea ufficiale di Washington e delle capitali da essa guidate. Molto probabilmente, questa volta sarà necessario più tempo affinché le attuali deviazioni dal mainstream possano essere prese più seriamente e analizzate in modo sostanziale in relazione alla situazione. Comuque, l’aspetto principale non è nemmeno questo, bensì il fatto che per cambiare l’attuale corso estremamente ostile degli Stati Uniti e dei suoi satelliti nei confronti della Russia non sono necessari “incontri” di scienza politica o la pubblicazione di opinioni alternative sui media, bensì una profonda consapevolezza da parte dei circoli politici della “Grande Washington” e, ovviamente, dell’amministrazione Biden, del semplice fatto che la linea anti-russa, anche nella sua interpretazione ucraina, è destinata a fallire. E che è stato commesso un enorme errore strategico fin dall’inizio, quando si è deciso di sconfiggere la Russia, di condurre una guerra ibrida “fino all’ultimo ucraino”, come si usa dire in Occidente. Il riconoscimento di questo fatto, che per noi era una ovvio già dall’inizio, può essere il punto di partenza per una reale correzione di rotta.

E, dal nostro punto di vista, i palliativi, le mezze misure di cui parlano alcuni venerabili e autorevoli politologi ed esperti di questioni eurasiatiche a Washington e in Europa, non porteranno alla stabilizzazione della situazione. Al contrario, diventeranno il precursore di una nuova crisi, forse ancora più acuta, perché Kiev senza dubbio volgerà questi schemi a suo favore e, con il massiccio sostegno dell’Occidente, si riorganizzerà, commetterà nuovamente provocazioni e crimini e ricomincerà a minacciare la sicurezza del nostro Paese. Questo non possiamo permetterlo.

Domanda: Nel numero di novembre, Foreign Affairs ha pubblicato un articolo di autorevoli politologi che hanno ricoperto importanti incarichi nel Dipartimento di Stato americano, come Robert Haass e Charles Kupchan. Entrambi gli autori hanno previsto che la “controffensiva” dell’Ucraina avrebbe portato la situazione a un “sanguinoso stallo”. Quindi, cosa offrono le “migliori menti americane”? Citazione: “Il modo migliore per uscire da questa situazione è una strategia in due fasi volta a rafforzare prima le capacità militari dell’Ucraina e poi, quando… il picco delle ostilità passerà, portare Mosca e Kiev fuori dal campo di battaglia e sedersi al tavolo dei negoziati“. Il suo commento?

Ryabkov: In primo luogo, vorrei sottolineare che l’Ucraina non ha mai avuto un valore indipendente per gli americani, né prima né dopo l’inizio dell’operazione militare speciale. Si tratta di un mezzo per rallentare/bloccare la tendenza all’ascesa internazionale della Russia, contrastando il rafforzamento delle nostre posizioni internazionali e lo sviluppo della nostra economia. La nostra operazione militare speciale ha fornito loro un pretesto per lanciare una sconsiderata e onnicomprensiva guerra di sanzioni, propaganda, politica e ora anche aperta nelle sue forme ibride, su una scala che finora non era mai stata praticata dai nemici della Russia. Se non ci fosse stata l’Ucraina, si sarebbero inventati qualcos’altro.

In effetti, negli ultimi anni, abbiamo iniziato a dirigerci verso un tale scontro netto, a mio parere a livello di scontro di civiltà. In linea di massima, la questione è se l’attuale crisi sarà in grado di accelerare la formazione di un mondo multipolare, in cui l’Occidente storico occuperà un posto solido, significativo, ma ancora limitato, o se questo “Occidente collettivo” storico sarà in grado di prolungare temporaneamente l’illusione del proprio dominio negli affari internazionali attraverso il proprio sangue – [in realtà] non il proprio, ma il sangue di altri popoli.

Parliamo ora dell’argomento toccato da Haas e Kupchan. A volte si rimane colpiti dalla natura speculativa degli schemi promossi anche dai più profondi ricercatori e buoni esperti di questioni russe. Un razzo a due stadi, ad esempio, è ben progettato e calcolato al computer. Ma nessuno schema lineare, nemmeno il più sofisticato, può essere applicato a questioni come la denazificazione dell’Ucraina, la protezione della popolazione russa e russofona, il ritorno dei territori storicamente russi nel seno della Madrepatria e tutto ciò che è correlato a questo. Inoltre, non sono disposti a valutare se i responsabili di Washington, quelli da cui dipende la politica ufficiale degli Stati Uniti, siano in grado di prendere sul serio ciò che questi analisti politici propongono, almeno tra di loro a porte chiuse. Inoltre, non siamo pronti a discutere quale possa essere la linea ufficiale della parte russa rispetto a tali costruzioni. Su questo punto non ci sono discussioni.

In generale, gli scienziati politici non hanno un buon dialogo con i rappresentanti americani, proprio perché in tutti i loro approcci non c’è la volontà di ammettere un fatto ovvio, ossia che la Russia ha avuto, ha e avrà sempre interessi nazionali fondamentali. E non possiamo trascurarli in nome della congiuntura e di alcune circostanze. Li abbiamo difesi e continueremo a difenderli. La predeterminazione storica di ciò che sta accadendo è chiara per noi. E per gli americani, tutto questo può essere ridotto a una sorta di gioco nello stile delle analisi situazionali, che, probabilmente, viene ancora fatto da studenti senior delle facoltà di scienze politiche delle principali università. Questo è il peccato dell’approccio degli scienziati politici statunitensi. È distaccato dalla vita. Anche se, forse, è esteriormente attraente e, probabilmente, il numero di ripubblicazioni, di menzioni di queste pubblicazioni è alto e lusinga gli autori. Ma questo ha ben poco a che fare con la vita reale.

Molte cose sono cambiate dal febbraio 2022. Possiamo vedere cosa è successo alla cosiddetta “controffensiva” ucraina pubblicizzata in Occidente. Nuove regioni stanno entrando in modo costante e irreversibile nel nostro tessuto socio-politico e statale, così come nella struttura della nostra società. Anche molte altre cose sono cambiate, quindi il punto di partenza per una soluzione in futuro sarà molto diverso rispetto al passato. E non faremo concessioni. L’operazione militare speciale si concluderà con un completo successo e gli obiettivi prefissati saranno raggiunti.

Domanda: Potrebbe cambiare radicalmente qualcosa se Donald Trump tornasse alla Casa Bianca? E potrebbe interpretare la sua dichiarazione che, se diventasse presidente, porrebbe fine alla crisi in Ucraina il giorno dopo?

Ryabkov: Credo che si tratti più di un modo di dire che di una prova che abbia un piano efficace e realizzabile. Non ci possono essere soluzioni magiche, le bacchette magiche in questo caso non funzionano. E abbiamo visto che durante il mandato di Trump alla Casa Bianca, la politica degli Stati Uniti nei confronti della Russia è stata molto dura. Trump ha superato di gran lunga il suo predecessore Obama nel numero di ondate di sanzioni applicate alla Russia durante la sua presidenza. Durante il mandato di Trump alla Casa Bianca si sono verificati alcuni pericolosi eccessi, come ad esempio i tweet minacciosi a nome del Presidente degli Stati Uniti su alcuni missili americani che stavano per volare. Ma non si può scherzare con queste cose. È una cosa molto seria. Sono segnali destabilizzanti.

Non ci sono segnali che indichino che se vincerà le prossime elezioni, qualcosa cambierà in senso favorevole in termini di approccio alla Russia e, in generale, la politica degli Stati Uniti nei confronti della Russia diventerà più ragionevole e responsabile. In generale, non c’è nulla su cui costruire previsioni positive, anche se qualcuno vuole solo credere nel meglio.

Aspettiamo le elezioni americane. La strada è ancora lunga. E non si sa come si svolgerà la campagna elettorale. Sta già dimostrando alta tensione e asprezza. È chiaro che ci saranno delle sorprese. Noi possiamo solo osservare e cercare di non perdere punti importanti per la nostra comprensione di ciò che sta accadendo. Non influenziamo in alcun modo il processo elettorale e non abbiamo mai cercato di influenzarlo. È assolutamente scandaloso ciò che è stato fatto da politici e funzionari del Partito Democratico nei periodi precedenti, quando la Russia è stata accusata di una sorta di interferenza negli affari interni e nei processi elettorali degli Stati Uniti – per definizione, questo non poteva accadere. Poi le accuse vuote sono scoppiate, mettendo a nudo la natura ostile dell’atteggiamento di tutti questi personaggi nei confronti della Russia. Stanno usando la mitica “minaccia russa” per raggiungere i propri obiettivi politici interni. Non escludo che qualcosa di simile possa accadere in futuro.

Domanda: Ovviamente c’è un consenso antirusso tra i democratici e i repubblicani, ma il tentativo di bloccare i finanziamenti all’Ucraina non indica una certa sobrietà di vedute negli ambienti repubblicani?

Ryabkov: Ammetto che alcuni politici, pubblicisti ed esperti potrebbero avere un’epifania. Ma l’inerzia della macchina statale statunitense e la determinazione di tutti coloro che dirigono la musica per impedire alla Russia di avere il sopravvento prevarranno, almeno nel prossimo futuro. Allo stesso tempo, lo spettacolo pubblico della lotta interpartitica al Congresso si ripete con una certa periodicità su vari argomenti. Tutto questo circo che riguarda ogni volta la “dolorosa” approvazione di un’altra “toppa finanziaria” per il bilancio: ah, ancora una volta il governo federale americano è sul punto di fermarsi! Oh, come faremo a vivere?! Tuttavia, tutti intorno a loro capiscono che ancora una volta troveranno un accordo all’ultimo momento, ancora una volta alzeranno il “tetto” del debito nazionale di un certo numero di trilioni, spostando i loro problemi attuali sulle future generazioni di americani. Questo spettacolo continuerà come in passato. Ma in questo circo non ci sono più creduloni e ingenui che si siedono in galleria e guardano con interesse come il mago tira fuori dal cappello un coniglio per le orecchie. Tutto questo fa parte del secolo scorso, tutti ne sono già stanchi.

Domanda: Sembra che “l’impasse” ucraina non sia l’unica nella politica estera degli Stati Uniti. Possiamo dire che il processo di negoziazione sulla limitazione e il controllo delle armi nucleari è in una fase di “congelamento profondo”? La Russia è interessata a “scongelarlo” oggi?

Ryabkov: Non solo non ci sono colloqui, ma non c’è nemmeno un dialogo sistematico su questo tema. I negoziati sono un genere speciale e [hanno] un formato speciale. Richiedono un’agenda dettagliata concordata dalle parti. Richiedono la sistematizzazione anche dei risultati intermedi. Infatti, secondo i classici, ogni giornata di negoziati ufficiali si conclude con un protocollo, che viene poi firmato dalle parti, in modo che non ci siano ambiguità su ciò che è successo, su come è successo e su quali sono le prospettive per andare avanti. Le delegazioni devono essere chiare su come procedere. Questa prassi corretta appartiene al passato. Non ci sono riunioni periodiche, o addirittura episodiche, su temi specialistici con la partecipazione di esperti, con la partecipazione di rappresentanti dei dipartimenti. Il motivo è chiaro. Gli americani hanno interrotto unilateralmente il dialogo con noi.

Recentemente, tuttavia, sono tornati sull’argomento, segnalando che sembra valga la pena di tornarci. Da parte nostra, abbiamo detto loro molto tempo fa, anche prima del loro appello, che al di fuori del contesto generale delle relazioni bilaterali, che sono letteralmente in rovina a causa della politica estremamente irresponsabile della parte americana, non siamo pronti a riprendere le relative discussioni. Inoltre, non ci sono elementi di novità nell’approccio americano a questi temi. Questo è il loro prossimo tentativo di giocare per un solo obiettivo, cioè il loro. Non siamo pronti per questi giochi.

Abbiamo un’esperienza, anche se non recentissima, di accordi con gli Stati Uniti basati sull’unica base ammissibile: un rigoroso equilibrio di interessi e l’assenza di vantaggi unilaterali da parte americana. Questa esperienza non può essere cancellata. Ma oggi non c’è semplicemente un formato o un argomento per le discussioni bilaterali con gli Stati Uniti su questo tema. Questo, tuttavia, non significa che ci stiamo allontanando dal discutere di questioni legate alla stabilità strategica in altre sedi multilaterali. C’è, ad esempio, il Nuclear Five e c’è un certo scambio di opinioni, anche con i rappresentanti degli Stati Uniti. C’è un lavoro a margine delle organizzazioni internazionali pertinenti. E man mano che la comunità internazionale procede, ad esempio, verso la prossima Conferenza di revisione del Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, credo che gli sforzi in tal senso continueranno, anche nell’ambito dell’attuale coordinamento della Federazione Russa nel Nuclear Five.

Domanda: Recentemente si è discusso dei test sulle armi nucleari. Può commentare il modo in cui consideriamo oggi questo problema?

Ryabkov: La Federazione Russa ha ritirato la ratifica del Trattato sulla messa al bando totale degli esperimenti nucleari (CTBT). Ciò è stato fatto per allineare il nostro status giuridico e politico internazionale a quello degli Stati Uniti. Per molti anni abbiamo creduto che gli americani avrebbero seguito il nostro esempio (e, ad oggi, quello di oltre 170 altri Paesi). Ma la situazione generale della sicurezza è cambiata radicalmente e non possiamo più rimanere nella posizione di un Paese che ha aderito pienamente a un trattato che non è entrato in vigore perché gli Stati Uniti (e, guardando a loro, alcuni altri Paesi) non lo hanno ratificato. Abbiamo chiesto innumerevoli volte agli americani di riconsiderare questa posizione distruttiva. Al contrario, le amministrazioni di Washington che si sono succedute per più di vent’anni hanno dato segnali incoraggianti, oppure l’amministrazione Trump era semplicemente orgogliosa del fatto che non avrebbe aderito al CTBT. Questi “giochi di prestigio”, anch’essi tratti dal repertorio circense, hanno finito per annoiarci.

Ora la situazione del mondo è tale che, in linea di massima, non c’è tempo per scherzare, soprattutto su questi temi. Pertanto, abbiamo tratto le dovute conclusioni. Allo stesso tempo, non hanno ritirato la firma del contratto. Continuiamo a collaborare con il segretariato tecnico provvisorio della Commissione preparatoria per l’Organizzazione del Trattato sulla messa al bando totale degli esperimenti nucleari. Stiamo completando la creazione del segmento russo del sistema di monitoraggio internazionale nell’ambito della CTBTO. Ma ciò che accadrà in seguito è una questione che riguarda esclusivamente gli Stati Uniti.

Per quanto riguarda i test nucleari, posso dire che se gli Stati Uniti li riprenderanno, riceveranno la stessa risposta da parte nostra. Certo, di recente hanno ripetutamente segnalato di non avere tali intenzioni e di essere persino pronti a mostrare una certa trasparenza riguardo al loro campo di addestramento. Ma oggi non ci sono intenzioni, e domani potrebbero apparire.

Ricordiamo, ad esempio, quanto scritto nell’Atto di fondazione Russia-NATO in merito alla “mancanza di piani, intenzioni e ragioni” per dispiegare forze da combattimento significative in Europa centrale e orientale. La NATO ha cinicamente calpestato questo impegno. Sia i piani che le intenzioni del gruppo occidentale guidato dagli Stati Uniti sono puramente aggressivi e bellicosi. Non giudichiamo dalle parole, ma dai fatti, e noi stessi dobbiamo essere pronti in qualsiasi momento. E, aggiungerei, pronti al combattimento nel senso letterale del termine, se necessario. Questo approccio è pienamente applicabile al tema della ripresa dei test nucleari. Se gli americani credono che sia sensato cercare di mettere alla prova la nostra forza in questo campo, si sbagliano. Otterranno una situazione completamente nuova se solo si permetteranno, astraendo da una valutazione sobria della situazione, di seguire la strada di un’ulteriore destabilizzazione ed escalation.

Domanda: Il defunto Henry Kissinger, una leggenda della politica estera statunitense, una volta disse che essere nemici dell’America è pericoloso ed essere suoi amici è fatale, in altre parole, mortale. Lei lo ha conosciuto personalmente?

Ryabkov: Non lo conoscevo personalmente. Anche se ho assistito a diversi eventi con la sua partecipazione e una volta mi sono persino seduto in presidenza quando il defunto Henry Kissinger fu insignito del diploma e del titolo di dottore honoris causa dell’Accademia diplomatica del Ministero degli Esteri russo. In quell’occasione, egli parlò non solo come avversario ufficiale, ma con almeno un commento sulla sua lezione di dottorato all’Accademia diplomatica. Ora sembra che non fosse nemmeno in un’altra epoca, ma su un altro pianeta.

Henry Kissinger è il simbolo di quella che un tempo l’America formulava come “realpolitik”. Io la definirei semplicemente un approccio ragionevole alle relazioni internazionali, per nulla filorusso o filocinese, ma profondamente filoamericano. Kissinger è stato un pensatore e un operatore diplomatico straordinario. Probabilmente oggi in America non esistono persone del genere. O almeno non sono in evidenza. È stata una grande perdita e non è un caso che sia il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin che il Ministro degli Esteri Sergey Lavrov abbiano inviato le loro condoglianze alla vedova.

Ritengo, ovviamente, che la frase paradossale da lei citata contenga una certa dose di postura. Ma c’è anche una parte di verità nel fatto che mettere incautamente i propri interessi alla mercé di Washington è, come minimo, irresponsabile e, nel grande schema delle cose, rischioso. Ma, ad esempio, la parte dell’Europa moderna che aderisce alla UE ed alla NATO non si preoccupa affatto del rischio fatale che comporta la sua completa subordinazione all’America. A proposito, non capisco perché ci siamo abituati ad associare l’Unione Europea alla parola “Europa”. Per me l’Europa inizia dai Monti Urali e finisce da qualche parte vicino a Cascais ed Estoril, dietro Lisbona.

La classe politica moderna dell’Unione Europea, a causa della sua inferiorità e del livello estremamente basso dei decisori, non è semplicemente in grado di dichiarare che il diktat americano e la soppressione americana vanno a svantaggio diretto degli interessi europei. Tuttavia, cosa possiamo dire al riguardo? Se continuerò a sviluppare questo argomento, ovviamente, ci saranno coloro che, come da tradizione, inizieranno di nuovo a promuovere il rimprovero, così come lo formulano, che i russi stanno cercando di seminare discordia su entrambe le sponde dell’Atlantico, di creare un cuneo, e così via.

Ne abbiamo sentite abbastanza, scusate, fino allo sbadiglio. Non c’è alcun posto in cui inserire cunei, anche se volessimo, perché il serrato schieramento e il bastone, la disciplina da caserma nel circolo occidentale determinano tutto. Si nascondono dietro argomentazioni sulla loro comunità di valori, sull’inammissibilità di dare libero sfogo ai regimi autoritari, sull’importanza di continuare il lavoro globale di promozione della libertà e dei diritti umani. Ma ciò che stanno realmente promuovendo assomiglia sempre più alla negazione delle basi stesse su cui si fondano le normali relazioni umane.

La domanda è stata posta correttamente dal dottor Henry Kissinger. Se si obbedisce sempre alla volontà del suzerain, alla volontà dell’egemone americano, si può perdere tutto. Basta mettere tutto nelle mani degli americani. Ma è una loro scelta. Se poi sia più conveniente per loro, per l’amor di Dio.

Domanda: Possiamo dire che l’effimera era della globalizzazione sta volgendo al termine? Se sì, quali sono i segni della deglobalizzazione, o forse di una globalizzazione qualitativamente diversa?

Ryabkov: Lei parla di deglobalizzazione. I nostri colleghi americani hanno coniato il termine “compartimentazione” in relazione al controllo degli armamenti. A mio avviso, probabilmente il nostro mondo non potrà disperdersi completamente nei suoi angoli, nei suoi ripostigli e vivere senza comunicare gli uni con gli altri, almeno a causa delle moderne tecnologie e della loro portata onnicomprensiva. Ma politicamente ed economicamente, come dimostra la pratica recente, ammetto pienamente la costruzione di nuovi muri e barriere.

Quanto sia efficace è un’altra questione. Ma, ad esempio, dal punto di vista della sicurezza, non c’è via d’uscita. Ricordo un periodo in cui si discuteva se fosse necessario seguire la strada della creazione di sistemi spaziali propri per il posizionamento globale. Noi, la Federazione Russa, abbiamo ripreso le basi create in epoca sovietica e abbiamo creato GLONASS. In assenza di GLONASS, la situazione attuale sarebbe completamente diversa.

Penso che tutti i Paesi che hanno un potenziale tecnologico sufficiente siano costretti ad agire nello stesso modo. I cinesi hanno creato il loro sistema. Sì, tutto questo porta al fatto che ci sono sempre più satelliti in orbita. In alcuni punti la mela non cade da nessuna parte e anche questo aspetto deve essere affrontato, ma collettivamente, sulla base di un equilibrio di interessi.

Domanda: C’è l’opinione che con l’uscita di scena dell’egemone “decrepito”, come ha detto il presidente Vladimir Putin, il mondo si disintegrerà “in alleanze e alleanze” e non sarà in grado di rispondere adeguatamente alle sfide globali su larga scala del tempo. È d’accordo con questo punto di vista?

Ryabkov: Penso che il mondo diventerà multipolare o policentrico. Alcuni ricercatori occidentali ritengono che il mondo sarà “non polare”. Sarà cioè un mondo con un certo caos, in cui, accanto alle manifestazioni associate alle nuove tecnologie, fino all’intelligenza artificiale, con un’agenda “verde”, dominerà la legge del più forte.

Riteniamo che sia necessario percorrere la strada della maturazione della civiltà e della formazione, se vogliamo, del modello westfaliano-2.0. Un modello, cioè, in cui l’uguaglianza e il rispetto reciproco degli Stati siano posti in primo piano. È chiaro che raggiungere questo obiettivo è estremamente difficile, se non insopportabile, dato il periodo di gravi crisi e prove che la comunità internazionale sta attraversando. Ma non c’è alternativa.

Il multipolarismo presuppone che l’interazione proceda rigorosamente sulla base dell’uguaglianza e della considerazione degli interessi reciproci. Questo vale anche per gli “Stati civilizzatori”. La Russia è uno di questi. Questo vale anche per tutti i membri della comunità internazionale che non guardano ai loro “egemoni” quando lavorano per il bene comune e, soprattutto, per il bene dei loro popoli, cercano partner dove è conveniente e redditizio per loro, e allo stesso tempo non temono di essere bacchettati con sanzioni, minacce e ricatti.

Domanda: Washington ha ripetutamente espresso preoccupazione per il crescente potenziale nucleare della Cina. Gli Stati Uniti sono riusciti a fare qualche progresso sull’agenda nucleare bilaterale con Pechino durante il recente vertice sino-statunitense?

Ryabkov: Abbiamo seguito da vicino l’importante incontro del presidente Xi Jinping con il presidente Joe Biden a San Francisco, a margine del recente vertice APEC. Per quanto riguarda la sicurezza, vorrei sottolineare l’accordo tra i due leader per la ripresa dei contatti militari. Per quanto riguarda la stabilità strategica e il controllo degli armamenti, poco prima del vertice le parti hanno tenuto una serie di consultazioni a livello di esperti.

Partiamo dal presupposto che hanno discusso questioni direttamente collegate al lavoro nel formato nucleare a cinque. Se entrambe le parti hanno un interesse in questo senso e sono attente ai temi dell’agenda, non possiamo che rallegrarcene.

Domanda: Abbiamo discusso più di una volta la questione dei BRICS e ho espresso l’opinione che sarebbe una buona idea dare a questa associazione uno status più definito e reciprocamente vincolante per i suoi membri. Lei ha diplomaticamente respinto questo approccio. Ma devo confessare che forse molti di noi provengono dalla mentalità del vecchio blocco, con una rigida disciplina interna di obblighi reciproci. I vantaggi di quest’ultima erano evidenti nelle condizioni della Guerra Fredda, del mondo bipolare e poi unipolare. Ma si ha l’impressione che la nuova generazione di associazioni e comunità abbia bisogno di maggiore apertura e inclusione, e questa potrebbe essere la chiave della loro futura resilienza e produttività?

Ryabkov: I BRICS sono una comunità di Stati molto speciale e, a mio avviso, senza precedenti, che in un periodo storicamente breve, poco più di 15 anni, si è trasformata da un formato sperimentale in un fattore significativo e, francamente, sempre più importante negli affari internazionali. La diplomazia di rete è lo strumento dei BRICS. Pur essendo consapevoli delle difficoltà di garantire il funzionamento del meccanismo BRICS in assenza del Segretariato, vorrei ricordare che i volumi, anche in termini di comunicazione reciproca tra i partecipanti e di numero di documenti, continuano a crescere.

Riteniamo che sia quantomeno prematuro concentrarsi sul consolidamento istituzionale dei BRICS, per non parlare di conferire ad alcune strutture un carattere sovranazionale. Prima di tutto, dobbiamo superare la fase di integrazione dei nuovi arrivati nei BRICS. Vorrei ricordare che al vertice di Johannesburg, nell’agosto di quest’anno, sei Paesi hanno ricevuto l’invito.

Alla recente riunione degli Sherpa e dei Sous-sherpa dei BRICS in Sudafrica, erano rappresentati tutti tranne l’Argentina. Ma l’Argentina non ha detto ufficialmente di no. Stiamo aspettando con calma e pazienza la risposta ufficiale delle nuove autorità di quel Paese all’invito che hanno ricevuto. Non c’è nessuna emergenza, non c’è fretta. In generale, il BRICS è una struttura di approccio benevolo e di rispetto reciproco. Nel senso buono del termine, famiglia. È questo il senso dei BRICS.

Sono molto lieto che gli Stati invitati a Johannesburg che hanno già confermato la loro disponibilità ad aderire all’associazione condividano questo atteggiamento.

L’istituzionalizzazione e la creazione di un quadro giuridico avvengono per segmenti. Esistono già diversi accordi nell’ambito dei BRICS, che sono giuridicamente vincolanti. Ora, però, c’è da chiedersi come garantire che i nuovi arrivati siano collegati a tali accordi. Un tema di per sé non facile.

La seconda questione che abbiamo affrontato alla vigilia dell’inizio della presidenza russa dell’associazione è stata l’adempimento delle istruzioni dei leader di sviluppare una categoria di cosiddetti Stati partner. Molti Paesi di diverse parti del mondo hanno manifestato il loro interesse per un avvicinamento ai BRICS, fino all’adesione a pieno titolo. Questo deve essere risolto in modo costruttivo.

Domanda: In altre parole, la tendenza all’espansione dei BRICS continua?

Ryabkov: Oggi ci sono parecchie nazioni che vogliono entrare nei BRICS, più di due dozzine. A questi si aggiungono i Paesi che hanno già annunciato ufficialmente di essere pronti a entrare nell’associazione il 1° gennaio 2024. Finora non c’è alcuna esperienza del funzionamento dei BRICS allargati. Sono queste le domande a cui si dovrà rispondere durante la presidenza russa.

Abbiamo preparato un ampio calendario di eventi, che abbiamo condiviso con tutti i partecipanti a Durban (Sudafrica), dove si è svolto il già citato incontro Sherpa. L’evento chiave sarà, ovviamente, il vertice dell’associazione a Kazan il prossimo autunno. Sono in programma una dozzina e mezzo di riunioni ministeriali in diverse città della Russia. In generale, la tradizione dei BRICS suggerisce che il Paese ospitante, il Paese che presiede, faccia conoscere agli altri partecipanti la sua vita e la diversità delle sue regioni.

Il BRICS è una piattaforma non solo e non tanto metropolitana. Penso che Kazan diventerà la capitale dei BRICS nel prossimo anno. Oltre al vertice, è prevista un’intera serie di eventi, tra cui riunioni ministeriali e i Giochi BRICS. La presidenza russa ha intenzione di mostrare ai BRICS Murmansk, Vladivostok, Ekaterinburg e molto altro.

Domanda: In conclusione, Sergei Alekseevich, cosa augura ai lettori della rivista Affari Internazionali per il nuovo anno?

Ryabkov: È un augurio semplice. La pace e il cielo azzurro sopra la testa. Naturalmente, auguri per le realizzazione delle speranze e per l’attuazione dei piani. Noi, il Servizio Esteri e in particolare le persone che lavorano nella direzione dei BRICS, nella direzione dello sviluppo delle relazioni con la “maggioranza globale”, entriamo nel nuovo anno fermamente convinti di muoverci nella giusta direzione. La forza della posizione della Federazione Russa è innegabile. L’autorità del nostro Paese è incrollabile. E così continuerà ad essere.

– * – * – * –

Un bel po’ di punti importanti sottolineati che riguardano soprattutto le relazioni tra la Russia e l’Impero americano fuorilegge. Come avete letto, Ryabkov è più diretto di Lavrov. Nonostante i suoi difetti, c’è una venerazione che è stata mostrata a Kissinger prima della sua scomparsa, tanto che anche i suoi denigratori ammettono che è stato l’ultimo di un certo tipo di diplomazia occidentale. E quando si leggono le parole di molti russi e cinesi, ci si lamenta del fatto che qualsiasi tipo di conversazione onesta con l’Occidente è attualmente impossibile – il versamento di acqua fredda sulla speranza che una vittoria di Trump avrebbe in qualche modo modificato il corso delle relazioni era molto realistico. Attualmente si specula molto sul fatto che l’India di Modi agirà come una quinta colonna all’interno dei BRICS e della SCO a vantaggio dell’Impero. Ma non sono state poste domande sulle relazioni russo-indiane. I BRICS+ possono diventare una famiglia abbastanza forte da dissuadere l’India dall’andare contro i propri interessi? Cos’altro accadrà prima dell’inizio del 2024?

 

Karl Sanchez, Accademico in pensione e Alchimista Culinario (non vuol far sapere altro di sé ma proveremo a convincerlo)

 

Link: https://karlof1.substack.com/p/deputy-foreign-minister-sergey-ryabkovs-a8a

Scelto e tradotto (IMC) da CptHook per ComeDonChisciotte

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
31 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
31
0
È il momento di condividere le tue opinionix