Browsing Tag

media

Luigi XVI ed il Covid-19

DI TONGUESSY comedonchisciotte.org Se cerchiamo con Google “curve coronavirus” saltano fuori 417milioni di risultati. “Hitler” solo 137 milioni. “Fake news” 1.200 milioni. Questo per descrivere il livello di interesse. O propaganda, come preferite. I media pompano contro le fake news dopo averle create e sostenute. Come il caso della cassiera di Brescia di 48 anni morta di coronavirus...cioè no, di infarto.https://www.youtube.com/watch?v=4YrgL1re2S0 Quella morte da coronavirus era stata…

La giostra Italia

di Paolo Desogus La sensazione è che il paese si stia avvitando sempre più su se stesso alla ricerca di un rimedio, di una soluzione che fronteggi una crisi figlia delle sue debolezze molto più che dell’effettivo pericolo del Coronavirus. Da un lato ci sono le aspettative di una cittadinanza infantile e provinciale, diseducata al vivere civile, sempre pronta a lamentarsi di uno stato che nelle situazioni normali è guardato con indifferenza e ostilità, se non addirittura con volgare…

Il più importante prigioniero politico al mondo

DI CRAIG MURRAY craigmurray.org.uk Siamo a solo una settimana dalla fine della lunghissima detenzione di Julian Assange, reo di non essersi presentato in tribunale dopo esser stato rilasciato su cauzione. Dal resto di quella sentenza riceverà la libertà condizionale, ma continuerà a rimanere in custodia cautelare in attesa dell'udienza sull'estradizione verso gli Stati Uniti - un processo che potrebbe durare diversi anni. A quel punto, svaniranno tutte le giustificazioni per la…

Dacci oggi la nostra emergenza quotidiana

DI ANDREA ZHOK facebook.com Si può aprire un canale a scelta, e anche oggi si vedranno, tratteggiate con doveroso pathos, condizioni di necessità umanitaria, e urgenza inderogabile, tali per cui solo un bruto potrebbe mettere in dubbio l'obbligo morale dell'accoglienza. Le emergenze umanitarie - con connessi riflettori, tempeste mediatiche, stracciamento di vesti, invettive morali, arrembaggi di deputati in cerca di gloria, infuocate prese di posizione internazionali - vengono in…

Rieducazione (assassinio premeditato in pieno sole a fini educativi )

DI ANTONIO DE MARTINI italiaeilmondo.com Nessun media del mondo ha pubblicato ( o ripubblicato) gli articoli ( e nemmeno singole frasi) del “ giornalista” Khassoghi che, in realtà abbiamo saputo essere stato il segretario del principe Turki (ex capo dei servizi segreti sauditi e ex ambasciatore negli USA fino a che non si è provato un finanziamento a uno degli attentatori dell’11 settembre da parte della moglie). La ragione del mancato “scoop” giornalistico è che leggendo gli scritti si…

Gli Stati Uniti sono un morto che cammina

DI PAUL CRAIG ROBERTS paulcraigroberts.org C'è un feroce attacco alla verità. Se non usiamo bene il nostro sito web, ci troveremo nel buio più totale. Ieri mentre guidavo, ho acceso la radio in macchina per sentire se  i russo/siriani avessero cominciato la liberazione di Idlib, in Siria dai terroristi appoggiati da Washington. Tutto quello che ho sentito invece, su radio NPR, erano  due donne bianche che deploravano il razzismo bianco. Si sentivano tanto colpevoli per aver…

Fake News sulla Russia e Altri Nemici Vari (The New York Times, 1917–2017)

DI EDWARD S. HERMAN Monthly Review.org È divertente vedere il New York Times e altri media mainstream che esprimono tutto il loro sgomento per l'aumento della diffusione delle “fake news”. Queste testate ritengono che sia una ovvia verità che quello che distribuiscono loro sia un racconto diretto, imparziale e basato sui fatti. Raccontano notizie, ma forniscono anche un flusso costante di altre varie forme di notizie, spesso informazioni false o fuorvianti fornite dal National Security o…

Hitler ed il picco delle informazioni

DI  PIETRO CAMBI crisiswhatcrisis.it Ieri una delle notizie più riportate da tutti i Media e ripresa dalla maggior parte delle Agenzie di Stampa è che in un file desecretato della CIA ( la maggior parte delle Agenzie ha riportato questo come uno dei files desecretati pochi giorni fa da Trump riguardanti l’omicidio Kennedy) si riportava la Notizia che Hitler nel 1955 era vivo e rifugiato in Sudamerica. La notizia è stata ripresa senza particolari distinguo o approfondimenti, cosi come…

Quando la grande stampa è complottista. Sugli atleti russi (e sui carabinieri “stupratori”)

DI MARCELLO FOA Il Cuore Del Mondo Ebbene sî. Esistono due tipi di complottismi: quello che la grande stampa mainstream disapprova costantemente e con il quale si tende ad etichettare tesi che contrastano troppo la narrativa ufficiale. Però esiste un altro complottismo, che non solo non è scandaloso ma è indicato e indispensabile, se ad attuarlo è proprio la grande stampa mainstream e se serve a confermare la tesi ufficiale o perlomeno il frame dominante. Già, perché l’obiettività…

Le regole d’oro della comunicazione

FONTE: FACEBOOK.COM Che a questo commento di Natalino Balasso seguano centinaia di interventi inferociti a difesa dei Sacri Vaccini dimostra che l'analfabetismo funzionale (l'incapacità di comprendere il senso di quello che leggiamo) è una malattia che ci affligge tutti, a gradi più o meno estesi. Il tema del post non c'entra sostanzialmente NULLA con il merito delle vaccinazioni, a cui Balasso è persino "favorevole". Parla invece dei meccanismi di uniformazione ideologica e…

Chi c’e’ dietro le “notizie fasulle”? I grandi media tradizionali usano immagini e video manipolati

DI MICHEL CHOSSUDOVSKY globalresearch.ca La corporazione dei grandi media tradizionali è disperata. Essi vorrebbero sopprimere le fonti di informazione alternative e indipendenti che etichettano complessivamente come "diffusori di notizie fasulle". I lettori sono avvisati dai social media di non frequentare certi siti. L'intento di questa iniziativa è denigrare il giornalismo onesto e La Verità nella Comunicazione. La nostra analisi conferma che i grandi media tradizionali…

Trump è arrivato alla Casa Bianca grazie ai social, i media main stream non se lo sarebbero mai aspettato

FONTE:  RT.COM Intervista a Pepe Escobar Entrambi i partiti negli USA, Wall Street e i media erano assolutamenti certi che Hillary avrebbe vinto con una probabilità del 98%, ma con il suo mantra “Make America Great Again” Trump ha dimostrato loro che si sbagliavano, ha detto l’analista politico Pepe Escobar a RT. Non appena i seggi sono stati chiusi, i mercati azionari hanno fatto fatica ad assorbire il risultato. I Dow Jones futures stavano di poco salendo, ma non appena la…

VOGLIA DI POGROM FRUSTRATA

DI CARLO BERTANI carlobertani.blogspot.it Non è tanto difficile capire cosa sta accadendo a Roma: è decisamente incomprensibile, invece, comprendere l’atteggiamento dei vertici del M5S. Sembra di rivedere film già visti, situazioni che s’accavallano nel tempo in un dejà vu senza fine: è sul tappeto un problema irrisolto nella politica italiana, ossia stabilire quando un politico od un amministratore sia da considerare colpevole. E’ (almeno) dai tempi di Prodi-Berlusconi che ci trasciniamo…