UK: nuove sanzioni contro i media “pro Putin”

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Con una nota pubblicata sul sito ufficiale del governo britannico, la Ministra degli Esteri Liz Truss ha annunciato 14 nuove sanzioni contro i propagandisti e i media statali della Russia. L’accusa mossa dal governo inglese infatti è quella di diffondere bugie e inganni sull’invasione dell’Ucraina da parte di Putin.

Prese di mira quindi le organizzazioni di media statali, in particolare la TV-Novosti, finanziata dal Cremlino, che possiede RT (ex Russia Today) e Rossiya Segodnya che controlla l’agenzia di notizie Sputnik. Dopo la decisione dell’Ofcom – l’autorità competente e regolatrice indipendente per le società di comunicazione nel Regno Unito – di revocare la licenza di trasmissione di RT, con queste nuove sanzioni sarà impedito alle aziende e agli individui che operano nel Regno Unito di fare affari con i canali di propaganda statale russi, nonchè con i loro manager.

Tra le figure chiave sanzionate:

  • Aleksandr Zharov, amministratore delegato di Gazprom-Media;
  • Alexey Nikolov, amministratore delegato di RT;
  • Sergey Brilev, famoso conduttore televisivo del media statale russo Rossiya;
  • Anton Anisimov, capo di Sputnik International Broadcasting.

Oltre a colpire i media russi, il governo inglese ha anche deciso di sanzionare un importante militare russo, il generale Mikhail Mizintsev, capo del Centro di Comando e Controllo della Difesa Nazionale russa, soprannominato – dalla propaganda occidentale – “il macellaio di Mariupol”.

Il ministro degli Esteri Liz Truss ha dichiarato:

La guerra di Putin contro l’Ucraina è basata su un torrente di bugie. La Gran Bretagna ha aiutato a guidare il mondo nello smascherare la disinformazione del Cremlino, e quest’ultima serie di sanzioni colpisce i propagandisti senza vergogna che spingono fuori le notizie e le narrazioni false di Putin.

Continueremo con altre sanzioni per aumentare la pressione sulla Russia e assicurare che Putin perda in Ucraina.

Come dichiarato nella nota, il Regno Unito, inoltre, sta operando in stretta collaborazione con gli alleati per colpire prossimamente anche gli oligarchi, le banche e le imprese della Russia con nuove sanzioni.

Massimo A. Cascone, 31.03.2022

Fonte: https://www.gov.uk/government/news/foreign-secretary-announces-sanctions-on-putins-propaganda–2

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
1 Commento
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
1
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x