Sequestrare i beni russi: saggio per il rublo, folle per il dollaro

Il sequestro dei beni russi costituirebbe un pericoloso precedente e, peggio ancora, prolungherebbe la guerra in Ucraina.

 

Doug Bandow – The American Conservative – 1 febbraio 2024

 

Si avvicina il secondo anniversario dell’invasione russa dell’Ucraina e l’amministrazione Biden teme sempre più che la sua politica stia fallendo. Sebbene in pubblico il Presidente Joe Biden rimanga fiducioso sul futuro dell’Ucraina, il Pentagono starebbe spingendo nuovi piani militari per portare Kiev sulla difensiva. “Funzionari senza nome” della sua amministrazione parlano sempre più spesso della necessità di una soluzione negoziale. Giustificano ulteriori aiuti americani come un modo per aumentare la leva negoziale di Kiev, non per sconfiggere le forze di Mosca. I giorni di gloria in cui l’Ucraina ha respinto le colonne corazzate russe lo scorso anno sono ormai lontani.

Anche il denaro è sempre più scarso. Le élite politiche negli Stati Uniti e in Europa continuano a sostenere il governo Zelensky, ma l’opposizione popolare è in aumento, quindi stanno cercando altre fonti di reddito, tra cui centinaia di miliardi di dollari in beni russi congelati.

Sembra così semplice. Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, gli Stati Uniti e le nazioni europee hanno imposto sanzioni economiche a Mosca, al governo e al suo popolo. Gli alleati hanno congelato diversi beni di individui presi di mira, per lo più ricchi “oligarchi” considerati sostenitori del regime e, con una mossa senza precedenti, circa 300 miliardi di dollari di riserve finanziarie del governo centrale. Perché non darli a Kiev? Prima l’idea era di sostenere la ricostruzione dell’Ucraina dopo la sconfitta e l’umiliazione della Russia. Ora si propone di aiutare il vacillante sforzo bellico della prima.

Il sostegno alla confisca generalizzata sta crescendo su entrambe le sponde dell’Atlantico. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha spinto l’idea al recente incontro di Davos. Secondo Fortune, ha chiesto:

“una decisione ‘forte’ quest’anno affinché i beni congelati nelle banche occidentali “siano destinati alla difesa contro la guerra russa e alla ricostruzione” dell’Ucraina. ‘Putin ama soprattutto il denaro’, ha dichiarato. Più miliardi lui e i suoi oligarchi, amici e complici perderanno, più probabilmente si pentirà di aver iniziato questa guerra”.

Il Belgio detiene il maggior numero di beni russi congelati e ha suggerito che i fondi potrebbero “essere utilizzati per acquistare attrezzature militari, aiuti umanitari e contribuire alla ricostruzione del Paese devastato dalla guerra“. Forse il sostenitore europeo più entusiasta è il Regno Unito.

Alcuni funzionari occidentali non vogliono fermarsi agli aiuti a Kiev. Il peso massimo di Washington, Robert Zoellick, ha suggerito di “accantonare una parte delle riserve russe per assistere i Paesi in via di sviluppo che sono stati chiaramente danneggiati dall’aumento dei prezzi dei generi alimentari e dell’energia. Inoltre, una parte potrebbe essere destinata alle richieste di risarcimento delle aziende che hanno subito ritorsioni russe“. Perché non utilizzare il denaro anche per risolvere la crisi del debito internazionale, rimborsare i governi per il costo della Covid, creare un’assistenza sanitaria globale universale e inviare una missione con equipaggio su Marte?

L’amministrazione Biden è stata a lungo scettica sull’arraffare le proprietà russe, ma si è mossa per sostenere l’iniziativa con una legge. Il New York Times ha riferito che l’amministrazione sta “facendo pressioni su Gran Bretagna, Francia, Germania, Italia, Canada e Giappone affinché elaborino una strategia entro il 24 febbraio, secondo anniversario dell’invasione“. All’incontro di Davos, Penny Pritzker, ex segretario al commercio che attualmente ricopre il ruolo di rappresentante speciale per la ripresa economica dell’Ucraina, ha dichiarato che gli Stati Uniti e il G7 stanno definendo gli strumenti per i sequestri. Ancora in Fortune: “Tutti gli avvocati, tutti i vari governi e tutte le parti si riuniscono per risolvere la questione“, ha detto. “È difficile, è complicato, è difficile e ci dobbiamo lavorare“. Mentre le prospettive dell’Ucraina sul campo di battaglia si allontanano, è probabile che cresca il sostegno per accaparrarsi tutte le ricchezze russe a portata di mano.

Tuttavia, nonostante il fascino superficiale, farlo sarebbe una cattiva idea.

I leader occidentali parlano spesso di “ordine internazionale basato sulle regole”; naturalmente, essi scrivono le regole ma le ignorano ogni volta che risultano scomode. Accaparrarsi i beni di nazioni e cittadini stranieri senza una giustificazione convincente metterebbe ulteriormente in luce la loro ipocrisia. I critici europei sottolineano chegli Stati Uniti e i loro alleati non sono in guerra con la Russia, e la Russia non ha accumulato le sue ricchezze con mezzi illeciti, ma in gran parte vendendo petrolio e gas, gran parte del quale è andato in Occidente“.

Naturalmente, il Presidente russo Vladimir Putin ha sbagliato nello scatenare i “mastini della guerra” contro l’Ucraina. Di questo il suo governo è responsabile. Tuttavia, se i governi nazionali avessero il potere di accaparrarsi unilateralmente i beni, sia statali che privati, quando i governi sono impegnati in guerre illegali e immorali, allora gli americani sarebbero stati spogliati dopo l’Iraq. Washington ha beneficiato a lungo di un doppio standard globale grazie alla potenza militare e all’influenza politica dell’America.

Con il cambiamento degli equilibri di potere internazionali, gli Stati Uniti potrebbero non essere immuni in futuro. Anche gli europei si sono stancati di quello che considerano un ostruzionismo che coinvolge le loro priorità, come il cambiamento climatico, la regolamentazione della tecnologia e altro ancora. Se gli altri governi continueranno a non sfidare il governo statunitense, potrebbero diventare più disposti a sequestrare le proprietà degli americani, sia dei singoli che delle aziende. I futuri funzionari statunitensi potrebbero rimpiangere il precedente secondo cui i governi possono confiscare quello che vogliono a chiunque vogliano senza alcun compenso.

Le argomentazioni degli alleati a favore del sequestro dei beni russi sono scarse. I governi americano ed europeo si presentano come spettatori innocenti nell’affare Ucraina. Tuttavia, hanno ingannato sia Mosca che Kiev, violando le molteplici assicurazioni di non espandere la NATO e promettendo di coinvolgere l’Ucraina, ma non hanno mantenuto l’impegno. La Russia è stata irritata e l’Ucraina è stata incoraggiata; entrambe sono state tradite. Sia l’invasore che l’invaso hanno diritto a un risarcimento da parte di Washington e Bruxelles.

Sebbene l’enfasi sia stata posta sul sequestro di proprietà governative, alcuni politici vorrebbero sequestrare anche beni privati. In effetti, l’anno scorso il Dipartimento di Giustizia ha confiscato 5,4 milioni di dollari all’uomo d’affari russo Konstantin Malofeyev e ha trasferito il denaro a un fondo del Dipartimento di Stato per la ricostruzione dell’Ucraina. Senza dubbio, molti di questi “oligarchi” sono personaggi moralmente discutibili, che hanno manipolato il sistema e abusato dell’influenza per ottenere la loro ricchezza. [Ma] questo è un problema che riguarda il popolo russo, non i governi occidentali. Nemmeno le società alleate sono esenti da privilegi ingiusti creati dallo Stato, chiamati dagli economisti “rent-seeking“. Accaparrarsi i beni delle persone a causa della loro reputazione personale si fa beffe dello Stato di diritto e dei diritti di proprietà.

Più in generale, permettere ai politici di sequestrare proprietà e fondi vari da proprietari politicamente impopolari metterebbe a rischio tutte le proprietà e i fondi. Come ha osservato Sergey Aleksashenko, dissidente russo ed ex funzionario della banca centrale: “Non credo che ci sia un modo per confiscare i beni della Banca Centrale Russa senza che un tribunale decida in merito. Perché se non c’è una base legale per confiscare i beni russi, e se ciò avviene per decisione dell’amministrazione, significa che negli Stati Uniti non c’è uno Stato di diritto e non c’è protezione della proprietà privata” (e la Corte Internazionale di Giustizia ha decretato la non responsabilità russa nella guerra, N.d.T.).

I sostenitori del furto di denaro russo hanno avanzato varie teorie, come quella di considerare il sequestro di proprietà come una contromisura unica all’aggressione. Tuttavia, “come giustificazione per la confisca dei beni statali russi, l’argomento della rappresaglia ha tre problemi: manca di effetto coercitivo, viene invocato dalle parti sbagliate e mina l’ordine basato sulle regole che i governi occidentali affermano di difendere“. L’autore Simon Hinrichsen ha sostenuto che le circostanze sono uniche. Una volta che l’Occidente stabilisce un’eccezione, tuttavia, non c’è alcun limite logico. Si potrebbe immaginare di prendere il denaro di qualcun altro come risarcimento per le violazioni dei diritti umani, le pratiche commerciali sleali o la cattiva gestione del clima, tutte circostanze che potrebbero essere definite “uniche”.

Rinunciare ai principi legali di base per un bottino di qualche miliardo di dollari fa venire in mente la famosa citazione di Sir Thomas More in “Un uomo per tutte le stagioni”:

E quando l’ultima legge fosse stata abbattuta e il diavolo si fosse rivoltato contro di te, dove ti nasconderesti, Roper, se le leggi fossero tutte annullate? Questo Paese è pieno di leggi, da costa a costa, leggi dell’uomo, non di Dio! E se le eliminassi, e tu sei proprio l’uomo per farlo, pensi davvero di resistere in piedi al vento che soffierebbe? Sì, darei al diavolo il beneficio della legge, per la mia sicurezza!

L’uso di armi finanziarie da parte di Washington ha già indotto molti governi stranieri, anche in Europa, a cercare mezzi per isolare le loro economie dalle sanzioni statunitensi. Certo, le alternative sono limitate e i governi mantengono gli investimenti denominati in dollari. Tuttavia, il sequestro dei beni russi da parte degli alleati potrebbe far riunire le menti dei governi in contrasto con Washington e Bruxelles e accelerare la ricerca di altri depositi finanziari. Nessun Paese potrebbe sentirsi al sicuro in tali circostanze.

Il sequestro del denaro di Mosca sarebbe inoltre arbitrario. Dopo tutto, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti sono responsabili di centinaia di migliaia di morti in Yemen. Perché non prendere il denaro dei reali, di fatto rubato alle loro popolazioni? Israele è stato deferito alla Corte Internazionale di Giustizia per l’uccisione indiscriminata di civili a Gaza, in mezzo a una retorica che promuove la pulizia etnica o religiosa. I beni israeliani all’estero non dovrebbero essere sequestrati? Poi c’è la Cina. Si pensi alle sue molteplici violazioni dei diritti umani e alle sue minacce militari contro Taiwan. Non contano? Perché sequestrare solo le ricchezze russe?

In pratica, Mosca si vendicherebbe senza dubbio sequestrando i beni americani ed europei. Alla fine del 2022, gli investimenti occidentali in Russia erano valutati in 288 miliardi di dollari. Mosca probabilmente li confischerebbe. L’onere maggiore ricadrebbe sulle imprese private che potrebbero offrire una difesa limitata. Sebbene la Russia sarebbe penalizzata dall’uscita delle imprese occidentali, per molti russi i beni stranieri a basso costo rappresenterebbero una sostanziale manna. In effetti, il governo Putin potrebbe considerare l’espulsione delle imprese straniere come un beneficio, riducendo le influenze straniere sovversive e premiando i fedelissimi del governo.

Per quanto riguarda Washington, il suo tentativo di alto profilo di rubare i beni di altre nazioni rafforzerebbe l’impatto delle sanzioni, che sta spingendo altre nazioni a ridurre la loro dipendenza dagli strumenti e dalle istituzioni finanziarie statunitensi. Un’appropriazione di 300 miliardi di dollari quasi certamente accelererebbe questo processo.

Forse l’impatto più dannoso del sequestro dei beni russi sarebbe quello di rendere più difficile la fine della guerra. Finché il denaro di Mosca è congelato, potrebbe essere ripristinato nell’ambito di un accordo di pace. I governi occidentali potrebbero sfruttare questa prospettiva per incoraggiare i negoziati tra antagonisti arrabbiati e diffidenti. In effetti, con la Russia sempre più convinta di avere un vantaggio militare, la restituzione dei beni congelati, soprattutto dello Stato russo, e la riapertura dei mercati alle imprese russe potrebbero essere incentivi necessari per un accordo di pace.

Confiscare le riserve finanziarie mentre ci si ritira sul campo di battaglia incoraggerebbe la Russia ad andare avanti per recuperare le perdite subite e non solo. Nonostante l’indignazione per l’invasione ingiustificata (anche se non immotivata) di Mosca, la questione della guerra e della pace dovrebbe essere trattata come una questione di prudenza piuttosto che di moralità. L’Ucraina è essa stessa il campo di battaglia e ha pagato più pesantemente per il conflitto. È essenziale porre fine alla guerra, e farlo il prima possibile. Rallentare questo processo per accaparrarsi i fondi russi sarebbe estremamente controproducente.

[Già] prima dell’invasione del febbraio 2022 il governo Putin aveva invitato l’amministrazione Biden a negoziare. Washington aveva rifiutato, dando apparentemente per scontato che le minacce di Mosca non fossero serie. Ora gli alleati, frustrati per il fallimento dei loro piani, si stanno muovendo per sequestrare illegalmente le proprietà e le riserve russe. Sarebbe saggio per il rublo ma insensato per il dollaro. Il cosiddetto “ordine basato sulle regole” significa qualcosa solo se i suoi sostenitori obbediscono agli stessi standard che propongono per tutti gli altri.

 

doug_bandowDoug Bandow è Senior Fellow del Cato Institute. Ex assistente speciale del presidente Ronald Reagan, è autore di Foreign Follies: America’s New Global Empire.

 

 

Link: https://www.theamericanconservative.com/seizing-russian-assets-ruble-wise-but-dollar-foolish/

Scelto e tradotto (IMC) da CptHook per ComeDonChisciotte

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
34 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
34
0
È il momento di condividere le tue opinionix