Home / Attualità / Pasqua senza resurrezione
Fulmine ad Atene. Stampa greca, aprile 2019

Pasqua senza resurrezione

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU

greekcrisis.fr

Sette anni dopo il suicidio in Piazza Syntagma di Dimítris Christoúlas – primo martire della crisi – la Grecia – a dispetto di quello che dicono i media, non “va meglio” e lo dimostrano proprio i suicidi, in crescita esponenziale, ma riportati solo dalla stampa locale. La società si sta disfacendo, poiché la maggior parte delle persone non sono più dove si produce reddito, e non sanno più come sopravvivere. Si moltiplicano allora gli atti di auto-punizione o di disperazione tout-court con uccisione di familiari e famiglie intere.
I pensionati del resto d’Europa scelgono a volte la Grecia come luogo per trascorrere il loro tempo, a costi inferiori e compatibili con le loro sempre più magre pensioni, e i giornali strombazzano questo turismo come “la vera industria pesante della Grecia”. Il cui mare, però, sembra promettere estrazioni di gran quantità di risorse, come gas, petrolio e idrocarburi in genere. La Grecia sarebbe salva, allora? Non proprio: la cessione della gestione per 99 anni di tutti i beni pubblici alla Troika – avvenuta negli scorsi anni – assume allora una connotazione diversa e ben più grave di quanto potesse apparire in un primo momento, soprattutto se si pensa che tali prospezioni nel mare Egeo erano note da molto tempo in certi ambienti.
I greci ordinari, intanto, riempiono le chiese e vedono nell’incendio di Notre Dame e negli attentati in Sri Lanka nient’altro che manifestazioni (dolose) delle stesse forze che stanno annientando loro. E allora – non potendo per ora influire sul destino che incombe su di loro – i greci si godono la Pasqua e la primavera, le giornate terse ed il momento di festa. Pasqua, ma senza resurrezione.

 

Da: “Rifare Società” – Domenica, aprile 7 2019

http://www.greekcrisis.fr/2019/04/Fr0718.html#deb

Il suicidio di Dimitris Christoùlas. Atene, 4 aprile 2012

Momenti seri, situazione grave, politici anche peggio. Una volta di attualità, la memoria di Dimítris Christoúlas nell’anniversario della sua scomparsa, il 4 aprile, è stato completamente dimenticato, o meglio occultato dai Media, Internet incluso. Dimítris Christoúlas era un farmacista in pensione, che il 4 aprile 2012 si è sparato in testa in Piazza Sýntagma, davanti al “Parlamento”.

Nella sua ultima lettera, aveva paragonato i politici sotto il controllo della troika, al governo di pro-nazi collaborazionista di Georgios Tsolákoglou: “Il governo di Tsolákoglou aveva distrutto ogni possibilità di sopravvivenza per me, io che vivevo con una pensione dignitosa per la quale avevo pagato tutti i contributi senza alcuna sovvenzione da parte dello stato per 35 anni. La mia età avanzata non mi permette di reagire diversamente (…) Non vedo alternative, se non terminare la mia vita in modo dignitoso e non finire frugando tra i bidoni della spazzatura per sopravvivere. Penso che un giorno i giovani senza un futuro useranno le loro braccia per impiccare i traditori nel nostro paese (…) “.

(…) Solo fino al 2015 i giornali vicini a SYRIZA, come il “Quotidiano dei redattori”, hanno ricordato la memoria di Dimitris il 4 aprile. Dopo, più niente. (…)  Nel 2019, i manifestanti del passato hanno lasciato le strade, e a volte anche il paese.

Abbandoni. Atene, aprile 2019

La Grecia sta migliorando! Le prove? I suicidi, che si moltiplicano, sempre più spesso ignorati dalla stampa nazionale. (…) Attraverso la stampa regionale, si viene a sapere che un uomo di 80 anni si è impiccato a Andritsaina nel Peloponneso, (stampa locale di Patrasso). O ad Elatia in Grecia centrale, un uomo di 35 anni si è impiccato, poi il 31 marzo un uomo di 54 anni si è sparato con il suo fucile sull’isola di Zante, o il 21 marzo, un uomo si è suicidato nello stesso modo a Kenourgio nella Grecia occidentale, poi un adolescente di 16 anni che si è suicidato a Siteía a Creta, infine, una donna di 52 anni si è suicidata gettandosi dal suo balcone al 5 ° piano a Patrasso.

(…) [Secondo] l’analisi di Christophe Guilluy (…) “Per la prima volta nella storia, le categorie meno abbienti non vivono più dove vengono creati i posti di lavoro. (…)  Le conseguenze culturali e politiche sono gigantesche. Il nostro modello non fa più parte della società, non integra la maggioranza (…) da un punto di vista culturale, cambia tutto. C’è una distanza palese con l’élite, accoppiata con un disprezzo di classe “(stampa belga).

(…)

Airbnb farà il resto, e già “lo stato greco” svende più di un migliaio di immobili per trasformarli in alloggi Airbnb, (stampa greca). (…) Eppure la memoria collettiva e popolare resiste ancora. I librai espongono vecchie riviste sulle elezioni legislative del 1974, i politici messi in caricatura sulla copertina non sono più di questo mondo, e in questo mondo non decidono più niente.

Rivista del 1974 in edicola. Atene, aprile 2019

(…)

Il nostro modello non fa più Società, non integra i più, dice Christophe Guilluy ; tranne che alle élite non interessa più, definitivamente a quanto sembra, rifare la società. (…) Dobbiamo continuare a fare Società, ma senza di loro!


 

Da “Glorioso futuro!” – Martedì Aprile 9, 2019

http://www.greekcrisis.fr/2019/04/Fr0719.html#deb

 

(…) Il Quotidiano Kathimerini riporta, naturalmente senza commenti, la notizia dell’assunzione della figlia di Kyriakos Mitsotakis… da parte di Goldman Sachs, appena completati i suoi studi alla Johns Hopkins University, un’istituzione americana privata, situata a Baltimora, “Kathimerini” del 31 marzo 2019.

Un’altra giovane donna che non porta il nome Mitsotakis, per sua disgrazia, con un contratto per €400 al mese al comune di Kalamata nel Peloponneso, è salita l’altro giorno sul tetto del municipio… e ha minacciato di saltare nel vuoto (stampa greca del 4 aprile). (…) Altrove nel paese reale, tuttavia, non si sono limitati alle minacce: un padre ha ucciso il suo bambino di 4 anni ad Atene prima di suicidarsi, (stampa del 7 Aprile) e in più ci sono stati altri tre suicidi tra l’8 e il 9 aprile, a Patrasso, Larisa in Tessaglia, così come quello di una madre di tre figli… “caduta” dal suo balcone a Creta, (stampa del 9 aprile).

(…) Sotto l’austerità anche la stampa nota questo ritorno relativo dei Greci alle chiese della loro unica ortodossia valida ai loro occhi, diversa ovviamente da quella dei falsi, ingannatori, rapaci e impostori di Goldman Sachs.

 

Ritorno alla Chiesa. Atene, 2019 aprile (stampa greca)

Da “Settore primario!” – Venerdì 12 aprile 2019

http://www.greekcrisis.fr/2019/04/Fr0720.html#deb

 

(…) I greci si preparano per celebrare la Pasqua, 28 aprile per gli ortodossi, così come la stagione turistica ufficiale, che inizia a maggio. Per il resto, c’è la presunta animazione politica che batte così tanti record nei chiacchiericci (…)

Il vecchio Peloponneso poco frequentato è placido, le strade interne sono vuote, gli abitanti circolano molto meno da anni già, i villaggi interni in particolare si sono poco a poco svuotati. Coloro che anche noi vediamo aggirarsi trionfali, appartengono alla tribù dei pensionati dell’altro mondo occidentale, quelli della vecchia Europa le cui pensioni non sono più sufficienti per vivere in modo agiato in Francia, in Italia, in Belgio, Regno Unito o Germania.

(…) Tra questi pensionati, è anche necessario contare i proprietari di barche a vela, perché è anche il momento della loro messa in acqua dopo i lavori di manutenzione e lo svernamento annuale. Bernard, che è in Grecia da due anni, dopo il suo pensionamento, è felice. Ha rimesso in acqua la sua barca a vela e attende la figlia, il marito e i figli dalla Costa Azzurra per le vacanze di Pasqua. “Qui è bellissimo. Ho comprato una casa sulla montagna due anni fa, quando i prezzi erano al minimo con la crisi greca. Ho una vista mozzafiato sulla baia, e poi i greci sono ospitali e la vita più economica che in Francia. La mia pensione è in gran parte insufficiente per vivere sulla Costa Azzurra, e non parliamo di mantenere la barca a vela. Costerebbe dieci volte il prezzo greco, compresi i lavori di manutenzione. ”

(…) I media sempre ripetono che “il turismo è l’industria pesante della Grecia e anche l’unica”, tranne che recentemente, emergono altre… prospettive, tra il Mar Egeo, il Mar libico nel sud di Creta e il Mar Ionio. Su radio 90,1 FM nella fascia serale, il giornalista Lámbros Kalarrýtis ha intervistato telefonicamente uno specialista nel settore petrolifero.

“I depositi trovati sono immensi, sia di gas che di petrolio, le profondità variano e i posti di lavoro diretti e indiretti saranno dell’ordine di 100.000 persone. I giganti del settore sono lì: americani, francesi, italiani in particolare, così come alcune aziende greche. Miliardi di dollari sono già investiti nelle prospezioni, e, date le caratteristiche tecniche, gli utili netti possono essere condivisi metà e metà, tra le società estrattive e lo stato greco. Questa è la vera industria pesante del paese “, 90,1 FM, 11 aprile, 2019.

Siamo salvi… dunque? Non proprio, dato che il paese è ipotecato, come lo è il reddito attuale e futuro [dei beni pubblici] dei prossimi 99 anni, insieme con le attività dello stato greco, si capisce che il piano della troika, iniziato nel 2010 ma preparato da lungo tempo, così come la messa sotto tutela di quasi tutte le aree e infine la colonizzazione aperta del paese, non sono estranei a questa realtà di idrocarburi, la cui esistenza era già sufficientemente conosciuta da diversi anni. E questi idrocarburi, giustificano anche la situazione geopolitica spesso tempestosa, senza dimenticare che questa realtà è ancora e spesso sinonimo di guerre e conflitti.

(…)

In attesa del petrolio e del gas, il servizio archeologico ha finalmente concesso alla società cinese COSCO il permesso per costruire tre alberghi nel porto del Pireo, di cui uno in forma di Pagoda, (…) In attesa del petrolio, il governo sta intanto finanziando il Festival del gusto ad Atene, come altrove. La vita continuerà con o senza gusto, (…)

Il governo SYRIZA del 2019, finanzia anche il nuovo film di Kostas Gavrás, girato in questo periodo ad Atene. Il soggetto si riferisce ai primi sei mesi del governo SIRIZA del 2015, narrato secondo le memorie di Yannis Varoufakis, allora ministro delle finanze, “un film di propaganda Syriza-compatibile “si legge qui e là sulla stampa greca della settimana. Si noti che il successore di Varoufakis, Tsakalotos, è stato ancora fischiato a Salonicco questa settimana al grido di “traditore hai venduto la Macedonia greca”, e come accade ad ogni uscita dei funzionari di SYRIZA, esse può avvenire solo sotto cordone di polizia (stampa greca della settimana). Secondo i media del 12 aprile, Tsakalotos finalmente incontrerà Christine Lagarde del FMI, ma a New York, posto probabilmente più tranquillo per lui che a Salonicco.

 

Festival del gusto. Atene, aprile 2019
Tsakalótos a Salonicco. Stampa greca, aprile 2019

(…)

Come scrisse (Londra, 5 giugno 1932), il grande poeta Georgios Seferis

“È ora che me ne vada. Conosco un albero di pino che si protende sul mare. A mezzogiorno, offre al corpo stanco un’ombra misurata come la nostra vita, e la sera, attraverso i suoi aghi, il vento canta una strana canzone come di anime che hanno abolito la morte nel momento di diventare di nuovo pelle e labbra. Una volta ho vegliato tutta la notte sotto questo albero. All’alba, ero nuovo come se fossi stato appena scolpito dalla pietra viva. Se solo potessimo vivere così! Nulla importerebbe più”.


Da “Vita cognitiva” – Domenica, aprile 21 2019

http://www.greekcrisis.fr/2019/04/Fr0721.html#deb

(…)

Le chiese si riempiono, la Pasqua degli ortodossi è per la prossima domenica, poi, nelle omelie greche, tiene banco la tragedia della Cattedrale di Notre-Dame de Paris, e di recente, il terribile massacro durante la Pasqua dei Cattolici in Sri Lanka domenica, 21 aprile. I greci hanno commentato questo dolore monumentale, della memoria e della somma civiltà a Parigi: e la Doxa sotto l’Acropoli e nei caffè del vecchio Peloponneso, ha decretato che questo incendio è stato criminale, e appartiene agli attacchi orchestrati contro la nostra civiltà… sufficientemente morente.

Dal meccanico ateniese ai pescatori di Nauplia, la Doxa non cambia, “così funziona e non altrimenti”. (…)

Notre-Dame de Paris. Stampa greca, aprile 2019

Primavera al Pireo. Il paese reale attende la Pasqua, tanto quanto i suoi visitatori. Al grande porto, i traghetti partono già pieni, (…) Va detto che la Pasqua è la più grande festa tra gli ortodossi, ma è anche di stagione come nell’aria del luogo. Diventiamo così ampiamente… situazionisti, e cercheremo di godere i momenti, in assenza di possibilità – come diciamo a volte – di agire sul destino.

(…) Alcuni turisti sono stati leggermente feriti da fulmini che hanno colpito l’Acropoli il giorno 17 aprile.

Fulmine ad Atene. Stampa greca, aprile 2019

(…)

Primavera sotto l’Acropoli, manifestazioni ortodossi e tradizionali in omaggio ai protettori delle forze armate e delle armi resistenti, insorti nel 1821 contro il terribile giogo dell’Impero ottomano. Il paese reale attende l’estate, come i suoi visitatori, nel paese che si trasforma.

(…) le vecchie case si trasformano in camere o alberghi Airbnb, altri edifici borghesi del passato, attendono il loro turno. Secondo la stampa economica, tra il 60% e il 70% degli investitori sono stranieri, il patrimonio immobiliare non sarà progressivamente più di proprietà dei greci (…)

Nei caffè del vecchio Peloponneso si preferisce evocare la vita degli ulivi, la terra grassa, il tempo favorevole alla pesca o gli agrumi della stagione. Solo alla fine della conversazione, i politici saranno poi evocati, “Tsípras è un traditore e un bastardo, ci conduce anche alla guerra civile”, il problema è che il presunto sistema politico è solo un’esca e che il paese reale sarà visibilmente favorevole al clan Mitsotakis, ma senza convinzione, solo per … lasciare il cadavere greco nella sua bara.

Pasqua, per il momento senza risurrezione.

Nuovo hotel. Atene, aprile 2019
Hotel futuri. Atene, aprile 2019

(…)

Ah, i nostri animali di adespoti, così orgogliosi di esserlo!

 

TRADUZIONI per www.comedonchisciotte.org A CURA DI FRANZ-CVM

Donazioni al blog di Panagiotis Grigoriou QUI

Pubblicato da Franz-CVM

Parabancario, sindacalista di base, osservatore critico dei fenomeni socio-economici, con ambizioni di analisi sistemica. Traduttore della crisi greca per missione sociale perchè al tempo della "dittatura della narrazione" l'informazione è tutto. In cerca del tempo per diventare ciò che sono. @ferre_franz - https://cosivailmondo.wordpress.com

6 Commenti

  1. Ci sono delle similitudini con l’Italia, lo scollamento sociale, le false informazioni sociali ( ingegneria sociale negativa ) ed un incapacità cronica nel rivendicare le questioni serie. Sembrano due paesi fortemente autolesionisti che rincorrono cibo, emozioni, riti e pianti ( cultura del piagnisteo ) da decenni.

  2. La dissoluzione della Grecia come stato sovrano è un esperimento, “di successo” dice Monti. I risultati di quell’esperimento sono applicati anche ad altri paesi, in particolare all’Italia, con l’obiettivo dichiarato di togliere agli italiani qualsiasi potere legato alla sovranità nazionale sul territorio, facendo leva sulla complicità di governanti, politici e intellettuali venduti al sistema sovranazionale dell’alta finanza che lo governa. Questo processo di de-nazionalizzazione dell’Italia è in uno stadio avanzato, avendo già realizzato importanti obiettivi quali:
    -svendita a privati delle industrie di stato (IRI)
    -cessione della sovranità monetaria (euro)
    -svendita e delocazione di importanti industrie e marchi privati italiani ad opera di una borghesia ignava e parassitaria, che ha preferito abbandonare il campo alla rapace finanza estera, anziché reagire agli effetti negativi della globalizzazione, vedi FIAT, Gucci, Alcoa, Terni ecc.ecc.
    La situazione è critica e il rischio di finire come la Grecia commissariati dalla troika, è percepito come reale dalla maggioranza degli italiani, per questo hanno dato il voto a quei partiti che più sembravano rappresentare le istanze sovraniste e nazionali. Ma attenzione, come per Syriza i rischi di degenerazione e/o tradimento sono sempre presenti.

  3. Io, 4 anni fa, francamente mi aspettavo di più dai greci, se l’esperimento sociale non avesse funzionato il cosiddetto “turbocapitalismo” avrebbe dovuto affrontare un effetto-valanga in numerosi altri paesi. Invece i greci si sono fatti fregare prima dai vecchi politici che avevano truccato i conti, poi si sono fatti fregare da quelli di Syriza ed adesso vanno a cuccia dalla chiesa Ortodossa. Mi sorge il dubbio che in fondo almeno un po’ se lo siano meritato. Adesso ci stanno provando i Francesi, quelli si sanno come fare le rivoluzioni…. mah, ancora non ho visto niente di significativo, ma aspettiamo. I secessionisti Catalani ? Uh, hanno silenziato velocemente anche quelli, pare. La Brexit? Se gli italiani avessero fatto un decimo delle pantomime parlamentari fatte dagli inglesi sarebbero la burla di tutto il mondo. Ma agli inglesi è permesso, loro sono razza padrona. I tedeschi, se la loro economia improvvisamente tracollasse? Quelli restano nazi-dentro (io alla fine della WWII gli avrei imposto di cambiare le parole all’inno nazionale) e sarebbero guai per tutti, meglio che non gli vada mai troppo male.
    Forse qualcosa riescono a fare gli Italiani, in fondo siamo quelli più
    creativi e qualche barbatrucco potrebbe anche venire fuori (tipo la
    moneta fiscale, se non uscita dall’euro …).In realtà in Europa ormai siamo tutti una “razzia marcia”, continente di vecchi senza prospettive, si salvi chi può e basta.

  4. Dispiace dirlo, ma i greci avrebbero potuto sottrarsi a tutte le vessazioni di cui sono stati vittime, se nel 2015, subito dopo quel famoso referendum, fossero usciti dalla moneta unica, cosa che loro non hanno mai preso in considerazione, a parte poche eccezioni. Nel seguente video, pubblicato il 21 agosto 2015, Dirk Müller descrive la situazione della Grecia e afferma che l’unica via di salvezza è l’uscita dall’euro. Aggiunge che, in caso di uscita dall’euro, la Grecia avrebbe passato degli anni molto difficili, ma che, in questo caso, tutti i Paesi europei avrebbero dovuto mostrarsi solidali con la Grecia e fornire aiuti. https://youtu.be/dl99RHRuto8 (sottotili in italiano)
    p. s. : Se il link non funziona, vi prego di cercare su YouTube: ” Dirk Müller a proposito della crisi in Grecia”

  5. Se qualcuno ancora si chiede come mai politici greci hanno ripetutamente tradito TUTTI il loro popolo (che però non vota ancora al 60-70% Alba Dorata) si legga di questo articolo del Fatto di due anni fa del processone a Siemens per tangenti colossali a tanti politici greci https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/02/28/scandalo-siemens-il-processo-in-grecia-non-parte-tra-atti-non-tradotti-e-giudici-indisponibili/3420659/

  6. Senofonte Anabasi Libro IV. Ma i Greci levarono il peana e corsero contro di essi…………………….! Quando la replica????????