“La Russia ha iniziato la guerra” e altre falsità

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

 

Mike Whitney – The Unz Review – 10 maggio 2022

 

Lunedì Putin ha tenuto l’annuale discorso del “Giorno della Vittoria” per celebrare la vittoria della Russia sulla Germania nazista nel 1945. Il presidente russo non ha fatto alcuna delle dichiarazioni iperboliche che i media avevano previsto, ma ha invece fatto un breve riassunto degli eventi che hanno portato alla guerra in Ucraina. Non c’è stata la spavalderia che ci si aspetterebbe da un leader che cerca di raccogliere consensi per la guerra in corso. Putin ha semplicemente ricordato alla folla di aver fatto tutto il possibile per evitare il sanguinoso conflitto in cui la Russia è attualmente coinvolta. Ecco una parte delle sue parole:

“Lo scorso dicembre abbiamo proposto di firmare un trattato sulle garanzie di sicurezza. La Russia ha esortato l’Occidente a tenere un dialogo onesto alla ricerca di soluzioni significative e di compromesso, e a tenere conto degli interessi reciproci. Tutto inutile. I Paesi della NATO non hanno voluto ascoltarci, il che significa che avevano piani completamente diversi. E noi l’abbiamo visto”.

Il principio alla base di questi accordi si chiama “indivisibilità della sicurezza”, il che significa che la sicurezza di uno Stato non può essere separata da quella degli altri. In pratica, ciò significa che i firmatari di questi trattati non sono liberi di sviluppare la propria capacità militare al punto da costituire un pericolo per i loro vicini. Questi termini sono particolarmente applicabili all’Ucraina, che sta cercando di aderire a un’alleanza militare apertamente ostile alla Russia. L’adesione alla NATO è sempre stata una “linea rossa” per Putin, che ha dichiarato più volte che non permetterà che basi, truppe da combattimento e siti missilistici della NATO siano collocati sul suolo ucraino, a due passi da Mosca. Come ha detto un critico del Texas, “non lascereste che un serpente a sonagli si insedi nel vostro portico, vero?“. No, non lo fareste, e nemmeno Putin. Ecco un’altra frase tratta da un discorso tenuto da Putin nel 2007:Questo è un resoconto accurato di ciò che è avvenuto nei mesi precedenti la guerra. Putin ha cercato di evitare il confronto chiedendo ripetutamente agli Stati Uniti di rispondere alle ragionevoli preoccupazioni della Russia in materia di sicurezza. Purtroppo, l’amministrazione Biden ha ignorato le richieste di Putin senza nemmeno fornire una risposta. Gli Stati Uniti e la NATO insistono sul fatto che l’Ucraina ha il diritto di scegliere qualsiasi accordo di sicurezza desideri, ma è chiaro che non è così. Gli Stati Uniti e tutti i Paesi della NATO hanno firmato trattati (Istanbul nel 1999 e Astana nel 2010) che stabiliscono che non possono migliorare la propria sicurezza a spese di altri.

“Sono convinto che abbiamo raggiunto il momento decisivo in cui dobbiamo pensare seriamente all’architettura della sicurezza globale. E dobbiamo procedere cercando un ragionevole equilibrio tra gli interessi di tutti i partecipanti al dialogo internazionale”. Conferenza sulla sicurezza, Monaco, 2007

Per Putin, la sicurezza è sempre stata la questione più importante. Come creare un mondo in cui la gente comune possa sentirsi al sicuro nelle proprie case, nelle proprie comunità e nei propri Paesi? Come proteggere i Paesi più deboli dalla costante minaccia di intervento, invasione o cambio di regime da parte di una superpotenza impulsiva, il cui comportamento è guidato dai propri interessi materiali e dalle proprie insaziabili ambizioni geopolitiche? Concetti come l'”indivisibilità della sicurezza” possono attrarre la sensibilità degli idealisti, ma dov’è il meccanismo di applicazione? E come possiamo usare queste grandi idee per tenere a freno un egemone intrattabile che si scatena sul pianeta?

Si tratta di domande a cui è necessario dare una risposta; dopotutto, se le Nazioni Unite funzionassero davvero nel modo in cui dovrebbero funzionare, le richieste della Russia sarebbero state discusse a fondo in riunioni di emergenza prima che venisse sparato il primo colpo. Ma questo non è accaduto. Il diritto internazionale e le istituzioni globali hanno fallito di nuovo. Come tutti sanno, la maggior parte di queste istituzioni è stata dirottata da Washington, che ora le usa per fornire una foglia di fico di legittimità alle sue depredazioni seriali. Questo è certamente il modo in cui vengono usate nell’attuale guerra contro la Russia.

Anche i media occidentali vengono usati come arma contro la Russia. Ad esempio, la Russia è stata universalmente incolpata di aver iniziato la guerra, ma la Russia non ha iniziato la guerra e tutti i membri del Consiglio di Sicurezza lo sanno. È stata l’Ucraina a iniziare la guerra e la Missione di osservazione dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) ha raccolto le prove per dimostrarlo. Guardate questo estratto di un’intervista di Grayzone con l’ufficiale dei servizi segreti svizzeri e consulente della NATO, Jacques Baud:

Jacques Baud: “Penso che dobbiamo capire, come sapete, che la guerra in realtà non è iniziata il 24 febbraio di quest’anno… ciò che ha portato alla decisione di lanciare un’offensiva nel Donbas non è stato ciò che è accaduto dal 2014. C’è stata una causa scatenante…

Il primo è la decisione e la legge adottata da Volodymyr Zelensky nel marzo 2021 – cioè l’anno scorso – di riconquistare la Crimea con la forza…

(E, inoltre,) l’intensificazione dei bombardamenti di artiglieria nel Donbas a partire dal 16 febbraio, e questo aumento dei bombardamenti è stato osservato, di fatto, dalla Missione di osservazione dell’OSCE [Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa], che ha registrato questo aumento della violazione, ed è una violazione massiccia. Cioè, stiamo parlando di qualcosa che è circa 30 volte superiore a quello che era prima… Il 16 febbraio si è registrato un massiccio aumento delle violazioni da parte ucraina. Quindi, per i russi, in particolare per Vladimir Putin, quello era il segnale che l’operazione – l’operazione ucraina – stava per iniziare.

E poi tutto è iniziato; voglio dire, tutti gli eventi si sono verificati molto rapidamente. Questo significa che se guardiamo le cifre, si può vedere che c’è stato un aumento massiccio dal 16 al 17, e poi ha raggiunto una specie di massimo il 18 febbraio, e che è continuato.

… Ed è per questo che il 24 febbraio, quando Vladimir Putin ha deciso di lanciare l’offensiva, ha potuto invocare l’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite che prevede l’assistenza in caso di attacco”. (“USA, UE sacrificano l’Ucraina per ‘indebolire la Russia’: ex consigliere NATO”, The Grayzone)

Allora, perché i media continuano a ripetere la menzogna che la Russia ha iniziato la guerra quando è chiaramente falsa? Si può notare che quando Putin ha invaso l’Ucraina, la guerra era già iniziata. I bombardamenti sull’etnia russa si erano già intensificati di molti ordini di grandezza. Le persone venivano massacrate in massa e decine di migliaia di rifugiati fuggivano attraverso il confine con la Russia. E tutto questo accadeva dal 16 febbraio, una settimana intera prima che la Russia attraversasse il confine. (Moon of Alabama ha raccolto i dati sui bombardamenti avvenuti nel Donbas prima dell’invasione: “Il rapporto del 15 febbraio della Missione speciale di monitoraggio dell’OSCE in Ucraina ha registrato circa 41 esplosioni nelle aree del cessate il fuoco. Queste sono aumentate a 76 esplosioni il 16 febbraio, 316 il 17 febbraio, 654 il 18 febbraio, 1413 il 19 febbraio, un totale di 2026 il 20 e 21 febbraio e 1484 il 22 febbraio”).

Il fatto è che Putin ha inviato le truppe per spegnere un incendio, non per appiccarlo. Se mai c’è stata una situazione in cui la Responsabilità di proteggere (R2P) poteva essere giustificata, è stata quella dell’Ucraina orientale prima dell’invasione. 14.000 russi etnici erano stati uccisi prima dell’inizio dei bombardamenti. Putin avrebbe dovuto voltarsi dall’altra parte e permettere che altri 14.000 o giù di lì venissero massacrati senza muovere un dito?

No, Putin ha fatto ciò che doveva fare per salvare vite umane e difendere la sicurezza nazionale della Russia. Tuttavia, non ha ambizioni territoriali e non vuole ricreare l’impero sovietico. La sua “operazione militare speciale” è, in realtà, un’operazione difensiva progettata per eliminare le minacce emergenti che non potevano più essere ignorate. L’83% di approvazione pubblica di Putin dimostra che il popolo russo capisce cosa sta facendo e lo sostiene pienamente. (Un leader politico non otterrebbe mai un tale livello di sostegno se la popolazione pensasse che ha lanciato una guerra di aggressione).

Alcuni lettori potrebbero ricordare che – prima di inviare i carri armati – Putin ha invocato l’articolo 51 delle Nazioni Unite, che fornisce una giustificazione legale per l’intervento militare. Ecco un estratto di un articolo dell’ex ispettore agli armamenti Scott Ritter, che ha difeso così l’azione russa:

“Il presidente russo Vladimir Putin, citando l’articolo 51 come sua autorità, ha ordinato quella che ha definito una “operazione militare speciale””….

In base all’articolo 51, non ci possono essere dubbi sulla legittimità dell’affermazione russa secondo cui la popolazione russofona del Donbass era stata sottoposta a un brutale bombardamento durato otto anni che aveva ucciso migliaia di persone…. Inoltre, la Russia sostiene di avere prove documentali del fatto che l’esercito ucraino si stava preparando per una massiccia incursione militare nel Donbass, che è stata anticipata dall'”operazione militare speciale” guidata dalla Russia.” [I dati dell’OSCE mostrano un aumento dei bombardamenti governativi nell’area nei giorni precedenti l’intervento della Russia].

Il punto cruciale è che la Russia ha presentato una richiesta riconoscibile in base alla dottrina dell’autodifesa collettiva anticipata, ideata originariamente dagli Stati Uniti e dalla NATO, in quanto si applica all’articolo 51, che è basato su fatti, non sulla finzione.

Mentre potrebbe essere in voga per le persone, le organizzazioni e i governi occidentali abbracciare la conclusione istintiva che l’intervento militare della Russia costituisce una violazione sconsiderata della Carta delle Nazioni Unite e, in quanto tale, una guerra di aggressione illegale, la scomoda verità è che, tra tutte le affermazioni fatte riguardo alla legalità della prelazione ai sensi dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, la giustificazione della Russia per l’invasione dell’Ucraina poggia su un solido terreno legale“. (“Russia, Ucraina e legge di guerra: crimine di aggressione”, Consortium News)

Bisogna iniziare questa discussione accettando il fatto che in Ucraina c’è già stata una guerra negli otto anni precedenti l’incursione militare russa del febbraio 2022. E questa guerra da parte del governo di Kiev… ha causato la morte di circa 14.000 persone, molte delle quali bambini, e lo sfollamento di circa 1,5 milioni di persone… Il governo di Kiev, e in particolare i suoi battaglioni neonazisti, hanno condotto attacchi contro queste popolazioni… proprio a causa della loro etnia. ..

Per eliminare ogni dubbio sul fatto che la destabilizzazione della Russia stessa sia stata l’obiettivo degli Stati Uniti in questi sforzi, si dovrebbe esaminare il rapporto molto eloquente del 2019 della Rand Corporation… intitolato “Overextending and Unbalancing Russia, Assessing the Impact of Cost-Imposing Options” (si veda anche su CDC), una delle molte tattiche elencate è “Fornire aiuti letali all’Ucraina” al fine di “sfruttare il più grande punto di vulnerabilità esterna della Russia”….

In breve, non c’è dubbio che la Russia sia stata minacciata, e in modo piuttosto profondo, con concreti sforzi di destabilizzazione da parte degli Stati Uniti, della NATO e dei loro surrogati estremisti in Ucraina….

È difficile concepire un caso più urgente per la necessità di agire in difesa della nazione. Se da un lato la Carta delle Nazioni Unite proibisce gli atti di guerra unilaterali, dall’altro prevede, all’articolo 51, che “nessuna disposizione della presente Carta pregiudica il diritto intrinseco di autodifesa individuale o collettiva…” E questo diritto di autodifesa è stato interpretato in modo da consentire ai Paesi di rispondere non solo ad attacchi armati reali, ma anche alla minaccia di un attacco imminente.

Alla luce di quanto sopra, ritengo che la Russia avesse il diritto di agire per autodifesa intervenendo in Ucraina, che era diventata un proxy degli Stati Uniti e della NATO per un’aggressione – non solo contro l’etnia russa all’interno dell’Ucraina – ma anche contro la Russia stessa. Una conclusione contraria ignorerebbe semplicemente le terribili realtà che la Russia deve affrontare”. (“Perché l’intervento della Russia in Ucraina è legale secondo il diritto internazionale“, RT)

Assegnare la colpa dell’attuale conflitto non è solo un esercizio accademico. È il modo in cui le persone ragionevoli soppesano le prove per determinare le responsabilità. Potrebbe essere un obiettivo lontano, ma vale comunque la pena perseguirlo.E qui c’è un approfondimento dell’autore Danial Kovalik nel suo articolo intitolato “Perché l’intervento della Russia in Ucraina è legale secondo il diritto internazionale”:

Infine, dovrebbe essere ormai chiaro che la guerra in Ucraina è stata pianificata molto prima dell’invasione russa. Washington ha orchestrato in ogni momento le provocazioni che erano state progettate per attirare la Russia in Ucraina, prosciugare le sue risorse e, quindi, rimuovere un importante ostacolo agli obiettivi strategici degli Stati Uniti in Asia centrale. L’obiettivo finale – come hanno candidamente ammesso i pianificatori di guerra statunitensi – è quello di “spezzare la schiena alla Russia”, dividere il Paese in piccoli pezzi, rovesciare il governo, impadronirsi delle sue vaste risorse energetiche e ridurre la popolazione a uno stato di dipendenza coloniale permanente. Washington sa che non sarà in grado di accerchiare e controllare la crescita esplosiva della Cina se prima non schiaccerà la Russia. Ecco perché si è imbarcata in una strategia così sconsiderata che potrebbe concludersi con una catastrofe senza precedenti. I criminali che abbiamo come nostri leader credono che preservare la loro presa sul potere globale valga il rischio dell’annientamento nucleare.

 

Link: https://www.unz.com/mwhitney/russia-started-the-war-and-other-fallacies/

 

Traduzione di Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
7 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
7
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x