navigazione Categoria

Nato

I Russi affonderanno una nave britannica la prossima volta?

The Saker thesaker.is Tanto per cominciare, ricapitoliamo quello che è appena successo nelle acque della Crimea. In primo luogo, la HMS Defender è entrata deliberatamente in acque territoriali russe in base al pretesto che gli Inglesi non riconoscono quella che chiamano l'"annessione" della Crimea. I Britannici lo negano, ma dopo aver visto esplodere quattro bombe davanti alla HMS Defender, avevano modificato la rotta come richiesto dai Russi. Poi, prima di approfondire la questione,…

L’impero americano d’Occidente schiera le truppe per la battaglia

di Manlio Dinucci, Rete Voltaire Si è svolto il 14 giugno, al quartier generale di Bruxelles, il Summit Nato: il Consiglio Nord Atlantico al massimo livello dei capi di stato e di governo. Esso è stato presieduto formalmente dal segretario generale Jens Stoltenberg, di fatto dal presidente degli Stati uniti Joseph Biden, venuto in Europa per chiamare alle armi gli Alleati nel conflitto globale contro Russia e Cina. Il Summit Nato è stato preceduto e preparato da due iniziative politiche…

Tensione crescente nello spazio aereo artico

La Russia sta rafforzando la sua presenza militare nell'Artico, in particolare nello spazio aereo. A seguito di varie incursioni condotte aggressivamente da aerei NATO sul confine settentrionale, Mosca sta inviando cacciabombardieri Su-34 nella regione e sta creando differenti strategie di pattugliamento. Mentre lo spazio aereo nell'Artico diventa scenario di audaci manovre militari, le tensioni aumentano notevolmente, sollevando preoccupazioni in tutto il mondo.

Flashpoint Ucraina – Non provocate l’orso

Mike Whitney intervista Israel Shamir unz.com Domanda 1- Negli ultimi 4 anni, i leader democratici hanno incolpato la Russia per la presunta ingerenza nelle elezioni del 2016. Ora, i Democratici (che controllano tutti e tre i rami del governo) hanno il potere di reimpostare la politica estera degli Stati Uniti e adottare un approccio più ostile nei confronti di Mosca. Ma lo faranno? Attualmente, ci sono circa 40.000 uomini USA-NATO ammassati lungo il confine russo che conducono…

Allora, chi vuole la guerra?

Pepe Escobar strategic-culture.org Non è un caso che l'egemone stia cercando, senza esclusione di colpi e con tutti i mezzi disponibili, di molestare e distruggere l'integrazione eurasiatica. È una battaglia di scorpioni dentro un vortice di specchi all'interno di un circo. Quindi, cominciamo con gli specchi nel circo. La non-entità che passa per essere il ministro degli esteri ucraino si è recata a Bruxelles per essere corteggiata dal Segretario di Stato americano, Blinken e dal…

La NATO per porre fine alla guerra in Ucraina?

È come dire assumiamo i piromani per spegnere gli incendi Finian Cunningham – strategic-culture.org – 8 aprile 2021 L'accondiscendenza e l'interferenza in Ucraina da parte degli Americani e dei loro alleati della NATO è stata criminalmente sconsiderata e sta portando ad un lento, straziante conflitto da terra bruciata. I piromani devono andarsene. O la Russia dovrà agire. Prima di entrare in politica per diventare Presidente dell'Ucraina, Volodymyr Zelensky era meglio…

Generali francesi contro la NATO

di Maurizio Blondet NATO 2030: “Fermare questo folle treno prima che sia troppo tardi!” In una lettera aperta a Jens Stoltenberg, Segretario generale della NATO, diversi alti ufficiali militari si sono raggruppati nella rivolta del Cercle de Réflexion Interarmées contro il progetto NATO 2030 che ci sta lanciando contro Cina e Russia. Lo riproduciamo qui: Giovedì 18 febbraio 2021 ci è stato presentato lo studio “NATO 2030”, prodotto su vostra richiesta. Indica quali dovrebbero essere le…

La Svezia rientra nell’ovile COVID-NATO?

Dopo aver seguito una politica molto moderata per il contenimento di Covid-19, la Svezia torna in riga col fronte occidentale pro-lockdown. Contemporaneamente abbandona la ultradecennale politica di non allineamento con la NATO. Tutto ciò con evidenti cedimenti alle pressioni del Deep State USA.

Biden presidente significherebbe il “ritorno del Blob”

Pepe Escobar unz.com Cosa succederà il 3 novembre? Sarà un incredibile replay del famoso adagio hollywoodiano: "nessuno sa niente." La strategia dei Democratici è cristallina, studiata a puntino con l'ausilio delle simulazioni elettorali del Transition Integrity Project e resa ancora più esplicita da uno dei co-fondatori del TIP, un professore di diritto alla Georgetown University. Hillary Clinton, senza mezzi termini, l’ha già sintetizzata: i Democratici devono riprendersi la Casa…

Quando i comunisti non volevano la Comunità Europea

CDC STORIA: I DOCUMENTI Con questa nuova rubrica CDC vuole sfuggire all’eterno presente imposto dalla propaganda mainstream e guardarsi indietro, senza filtri: troverete sempre documenti storici e studi indipendenti, nella loro interezza, senza elaborazioni o commenti redazionali. Continua il nostro viaggio alla ricerca delle origini storiche, economiche, politiche e geopolitiche dell’Unione Europea (1a parte ; 2a parte; 3a parte). E non si fermerà qui. Per non dimenticare, ma per…

1945, Italia: Liberazione o nuova occupazione?

CDC STORIA: I DOCUMENTI Con questa nuova rubrica CDC vuole sfuggire all'eterno presente imposto dalla propaganda mainstream e guardarsi indietro, senza filtri: pubblicheremo documenti storici e studi indipendenti, nella loro interezza, senza elaborazioni o commenti redazionali. Per non dimenticare, ma per ricordare che Oggi è figlio di Ieri, e che ciò influenzerà inevitabilmente il nostro Domani. Buona lettura. -- I PROTOCOLLI DI ROMA - 7 dicembre 1944 I (1) PROMEMORIA DI ACCORDO…

Le truppe americane lasciano la Germania: è addio o solo Auf Wiedersehen?

DI PHILIP GIRALDI ahtribune.com La continua presenza di decine di migliaia di militari americani in Europa settantacinque anni dopo la fine della seconda guerra mondiale è raramente messa in discussione dai politici o dai media mainstream. Attualmente si ricorda poco di come, dopo la fine della guerra, i soldati di Gran Bretagna, Francia, Stati Uniti e Unione Sovietica abbiano occupato la Germania, ciascuno in una zona designata. La capitale tedesca, Berlino, era divisa in quattro settori,…

Che cosa significa l’agonia dell’Impero per lo “Stato Ebraico di Israele”?

The Saker thesaker.is Innanzitutto, cominciamo con alcune notizie recenti (apparentemente non correlate): • L'ultimo disastro di pubbliche relazioni statunitensi in Venezuela dimostra che l'Impero Anglo-sionista è veramente in agonia. Anche se questa non è certo la prima ‘operazione speciale’ americana a concludersi con un imbarazzante fallimento, tuttavia, anche per gli standard statunitensi, questo ultimo disastro in Venezuela è dolorosamente umiliante. Ancora più umilianti sono le…

NATO E VIRUS, IL FRENO A MANO DI TRUMP

Fulvio Scaglione Comedonchisciotte.org Il Coronavirus scardina gli equilibri politici, mette in discussione le alleanze più consolidate e prende a picconate l’economia. In Europa e negli Usa. Perché, allora, la Nato è così poco coinvolta? Non vi aspettereste anche voi di vedere, nei cieli ora disertati dai voli civili, stormi di C130 impegnati a distribuire sostegno ai Paesi più colpiti?  Certo, la Spagna ha apertamente e direttamente chiesto aiuto all’Alleanza Atlantica (invocando 450…

La disinformazione all’opera: gli attivisti collegati ad un think tank della NATO denigrano gli aiuti russi all’Italia per il Covid-19

Bryan MacDonald rt.com Con oltre 11.000 morti e più di 100.000 casi di Covid-19, l'Italia è attualmente un paese che si sente sotto assedio. Questo però non ha impedito al racket dei think tank di trasformare un'offerta d’aiuto in uno strumento per la propria propaganda. Ecco cosa è successo. Lo scorso fine settimana, Vladimir Putin aveva chiamato il Primo Ministro italiano Giuseppe Conte. Durante la conversazione, Conte aveva chiesto aiuto per la lotta contro il coronavirus, secondo la…

Sconfitta dalla Covid-19? La più grande esercitazione di guerra della NATO “Defender 2020” è a rischio per uno starnuto

FONTE: RT.COM La NATO si stava preparando a mettere in scena la sua più grande esercitazione militare da decenni, quando si è imbattuta in un nemico che apparentemente non era pronta ad affrontare: il coronavirus. Ora, l’esercitazione è in pericolo, mentre il suo vero scopo è reso manifesto. Un’esercitazione su larga scala con il nome roboante "Defender Europe 2020" sarebbe dovuta diventare la più grande dell'Alleanza in un quarto di secolo. Erano previste fino a 20.000 truppe…