RAND Institute: come scatenare la guerra tra Russia e Ucraina

Un rapporto Rand del 2019 suggeriva le provocazioni degli Stati Uniti contro la Russia e prevedeva che la Russia avrebbe potuto reagire in Ucraina

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

 

Rick Sterling – AntiWar.com – 28 marzo 2022

 

Secondo un rapporto Rand del 2019 intitolato “Overextending and Unbalancing Russia“, l’obiettivo degli Stati Uniti era quello di minare la Russia proprio come ha fatto l’Unione Sovietica nella guerra fredda. Piuttosto che “cercare di rimanere avanti” o cercare di migliorare gli Stati Uniti all’interno o nelle relazioni internazionali, l’enfasi è sugli sforzi e le azioni per minare l’avversario designato, la Russia. Rand è un think tank governativo quasi governativo che riceve tre quarti dei suoi finanziamenti dalle forze armate statunitensi.

Il rapporto elenca misure anti-Russia divise nelle seguenti aree: economica, geopolitica, ideologica/informativa e militare. Sono valutate secondo i rischi percepiti, i benefici e la “probabilità di successo”.

Il rapporto nota che la Russia ha ansie “profonde” circa l’interferenza occidentale ed un potenziale attacco militare. Queste ansie sono considerate una vulnerabilità da sfruttare. Non c’è menzione della causa delle ansie russe: sono stati invasi più volte e hanno avuto 27 milioni di morti nella seconda guerra mondiale.

 

Importanza dell’Ucraina

L’Ucraina è importante per la Russia. I due paesi condividono molto patrimonio comune e un lungo confine comune. Uno dei leader più importanti dell’Unione Sovietica, Nikita Khrushchev, era ucraino. Durante la seconda guerra mondiale, l’Ucraina è stata una delle vie d’invasione di Hitler e ospitava un piccolo ma attivo numero di collaboratori ucraini con la Germania nazista. La distanza dalla capitale dell’Ucraina, Kiev, a Mosca è meno di 500 miglia.

 

Per queste stesse ragioni di geografia e storia, l’Ucraina è una componente importante di uno sforzo USA/NATO per minare la Russia. L’attuale sottosegretario agli affari politici, Victoria Nuland, ha detto che in 20 anni gli USA hanno investito 5 miliardi di dollari nel progetto di trasformare l’Ucraina. Il culmine è stato un violento colpo di stato nel febbraio 2014. Dal 2015, gli Stati Uniti stanno addestrando milizie ultra-nazionaliste e neo-naziste. Questo è stato documentato in articoli come “La Camera degli Stati Uniti ammette il ruolo nazista in Ucraina” (Robert Parry, 2015), “Gli Stati Uniti stanno armando e assistendo i neonazisti in Ucraina mentre la Camera discute il divieto.”(Max Blumenthal, 2018), “I neonazisti e l’estrema destra sono in marcia in Ucraina” (Lev Golinken nel 2019) e “La CIA starebbe addestrando i terroristi nazisti in Ucraina” (Branko Marcetic gen. 2022).

 

Rand ha suggerito provocazioni

Prima del 2018, gli Stati Uniti hanno fornito all’Ucraina solo armi militari “difensive”. Il rapporto Rand valuta che fornire aiuti militari letali (offensivi) all’Ucraina avrà un alto rischio ma anche un alto beneficio. Di conseguenza, gli armamenti letali forniti dagli Stati Uniti sono saliti alle stelle da quasi zero a 250 milioni di dollari nel 2019, a 303 milioni di dollari nel 2020, a 350 milioni di dollari nel 2021. Il totale degli aiuti militari è molto più alto. Qualche settimana fa, “The Hill” ha riportato: “Nell’ultimo anno gli Stati Uniti hanno contribuito con più di 1 miliardo di dollari per aiutare le forze armate ucraine“.

  • Il rapporto Rand elenca molte tecniche e “misure” per provocare e minacciare la Russia. Alcune delle misure includono:
  • Riposizionamento di bombardieri a portata di tiro dei principali obiettivi strategici russi
  • Schierare ulteriori armi nucleari tattiche in località in Europa e in Asia
  • Aumentare l’atteggiamento e la presenza delle forze navali statunitensi e alleate nelle aree operative della Russia (Mar Nero)
  • Tenere esercitazioni di guerra della NATO ai confini della Russia
  • Ritiro dal trattato sulle forze nucleari intermedie (INF)

Queste e molte altre provocazioni suggerite da Rand sono state di fatto attuate. Per esempio, la NATO ha condotto massicce esercitazioni di guerra soprannominate “Defender 2021” proprio al confine con la Russia. La NATO ha iniziato a “pattugliare” il Mar Nero e a fare intrusioni provocatorie nelle acque della Crimea. Gli Stati Uniti si sono ritirati dal trattato INF.

Dal 2008, quando la NATO ha “accolto” le aspirazioni di adesione dell’Ucraina e della Georgia, la Russia ha detto che ciò avrebbe costituito il superare una linea rossa e minacciato la sua sicurezza. Negli ultimi anni la NATO ha fornito consiglieri, addestramento e quantità sempre maggiori di attrezzature militari. Mentre l’Ucraina non è un membro formale della NATO, è stata sempre più trattata come tale. Il rapporto completo della Rand dice:

Mentre il requisito della NATO per l’unanimità rende improbabile che l’Ucraina possa ottenere l’adesione in un prossimo futuro, se Washington spingesse questa possibilità potrebbe aumentare la determinazione ucraina, portando la Russia a raddoppiare i suoi sforzi per prevenire un tale sviluppo“.

L’alternativa, che avrebbe potuto impedire o almeno prevenire l’attuale intervento russo in Ucraina, sarebbe stata quella di dichiarare l’Ucraina inaccettabile nella NATO. Ma questo sarebbe stato contrario all’intenzione degli Stati Uniti di aumentare la pressione, provocare e minacciare deliberatamente la Russia.

 

L’Ucraina come cliente degli Stati Uniti

Nel novembre 2021, gli Stati Uniti e l’Ucraina hanno firmato una Documento sulla partnership strategica. Questo accordo confermava le aspirazioni ucraine di entrare nella NATO e il rifiuto della decisione della popolaizone della Crimea di riunificarsi con la Russia dopo il colpo di stato di Kiev del 2014. L’accordo ha segnalato un consolidamento dell’influenza economica, politica e militare di Washington.

 

Le linee rosse della Russia di dicembre 2021 seguite da un’azione militare

Nel dicembre 2021, la Russia ha proposto un trattato con gli Stati Uniti e la NATO. La proposta centrale russa era un accordo scritto che l’Ucraina non sarebbe entrata nell’alleanza militare della NATO.

Quando il trattato proposto è stato respinto da Washington, sembra che il dado sia stato tratto. Il 21 febbraio, Putin ha pronunciato un discorso che descriveva in dettaglio le loro rimostranze. Il 24 febbraio, Putin ha pronunciato un altro discorso annunciando la giustificazione e gli obiettivi dell’intervento militare per “smilitarizzare” e “denazificare” l’Ucraina.

Come ha detto più tardi il ministro degli esteri russo Lavrov,

Questo non riguarda l’Ucraina. Questo è il risultato finale di una politica che l’Occidente ha portato avanti dai primi anni ’90“.

 

Di nuovo l’Afghanistan?

Come indicato in precedenza, il rapporto Rand valuta i costi e i benefici delle varie azioni statunitensi. È considerato un “beneficio” se una maggiore assistenza degli Stati Uniti all’Ucraina si traduce nella perdita di truppe e risorse russe. Speculando sulla possibilità della presenza di truppe russe in Ucraina, il rapporto suggerisce che potrebbe diventare “abbastanza controverso in patria, come quando i sovietici invasero l’Afghanistan.” (p 99 del rapporto completo)

Questo riferimento storico è significativo. A partire dal 1979, gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita finanziarono e addestrarono combattenti stranieri settari per infiltrare e destabilizzare il governo afgano. Gli obiettivi erano di rovesciare il governo di inclinazione socialista e attirare l’Unione Sovietica a sostenere il governo destabilizzato. Ha raggiunto questi obiettivi machiavellici al costo di milioni di cittadini afgani il cui paese non è mai stato più lo stesso.

Sembra che i cittadini ucraini siano stati manipolati allo stesso modo per servire gli obiettivi degli Stati Uniti.

 

Un “accordo di pace svantaggioso”

Il rapporto Rand dice:

“Aumentare l’aiuto militare degli Stati Uniti farebbe certamente salire i costi russi, ma così facendo potrebbe anche aumentare la perdita di vite umane e di territorio ucraino o risultare in un accordo di pace svantaggioso”.

Ma per chi sarebbe “svantaggioso” un accordo di pace? Attualmente si stanno perdendo vite e territorio ucraini. Più di quattordicimila vite ucraine sono state perse nella regione orientale del Donbass dal colpo di stato del 2014.

Un accordo di pace che garantisse i diritti di base per tutti gli ucraini e la neutralità dello stato nella rivalità delle grandi potenze, sarebbe vantaggioso per la maggior parte degli ucraini. È solo l’establishment della politica estera degli Stati Uniti, compreso il complesso industriale dei media militari statunitensi e gli ultranazionalisti ucraini che sarebbero “svantaggiati”.

Poiché l’Ucraina è uno stato multietnico, sembrerebbe meglio accettare questa realtà e trovare una soluzione nazionale di compromesso che faciliti tutti gli ucraini. Essere un cliente di una lontana potenza straniera non è nel migliore interesse nazionale dell’Ucraina.

Il rapporto Rand mostra come la politica degli Stati Uniti si concentra su azioni per danneggiare la Russia e manipola paesi terzi (l’Ucraina) a questo scopo.

 

Link: https://original.antiwar.com/Rick_Sterling/2022/03/27/rand-report-prescribed-us-provocations-against-russia-and-predicted-russia-might-retaliate-in-ukraine/

 

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
3 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x