Il massimo che possiamo fare

 

DI GEORGE MONBIOT

Monbiot.com

I target climatici sembrano sensati, ma l’aver fissato dei target non significa che si sta facendo il massimo che  possiamo fare. Facciamo qualcosa di completamente diverso.

La crisi non è imminente. La crisi è arrivata. I recenti inferni che si sono scatenati in Australia, le tempeste e le inondazioni in Brasile, in Madagascar, in Spagna e negli USA,   il  collasso economico in Somalia provocato in parte da un devastante ciclo di siccità e di inondazioni, non sono, o almeno non sono solo, una visione del futuro: sono segni di una catastrofe già in atto e in fase crescente.

Questo è il motivo per cui diversi governi e parlamenti, tra i quali il Parlamento britannico, hanno dichiarato lo stato di emergenza climatica. Ma nessuno al governo si sta muovendo come se questa emergenza fosse reale. Vivono tutti in quel vecchio mondo dove si può fare ancora una pianificazione in attesa di un disastro che deve ancora arrivare.

Leggendo i rapporti del Committee on Climate Change (CCC) questa sensazione appare assolutamente chiara, infatti all’inizio c’era la speranza che i vari governi ne tenessero conto, ma ora hanno abbandonato la realtà della scienza per la realtà delle priorità politiche.

L’ultimo rapporto, che tratta le modifiche nell’uso del suolo nel Regno Unito, è così poco ambizioso che, per certi aspetti, torna indietro. Per esempio, nei prossimi 30 anni chiede una riduzione del 20% del consumo di carne bovina, ovina e dei latticini – alimenti ad alta intensità di carbonio. Ma ammette che questo target si attesta a una riduzione minore di quella che probabilmente avverrà realmente: negli ultimi 20 anni si è già verificato un calo del 20% nel consumo di questi alimenti e questo trend sta accelerando rapidamente. La carne e il latte prodotti artificialmente ​​potrebbero sostituire questi prodotti quasi interamente entro il 2050.

Il rapporto non menziona rimboscamenti o rigenerazione naturale. L’unico sistema a cui fa riferimento in base al quale gli alberi dovrebbero tornare alla terra è piantandoli. Un sistema che spesso è più lento, più costoso e meno efficace per ripristinare l’ habitat e per risucchiare il carbonio dall’atmosfera che non eliminando bestiame o controllando il numero dei cervi, azioni che consentirebbero agli alberi di ricrescere da soli. Il target di riforestazione è così debole che entro il 2050 nel Regno Unito ci sarebbe ancor meno della metà dell’attuale copertura forestale media europea.

Uno dei motivi di questa timidezza è l’assurda convinzione che se non conviene usare la terra per la silvicoltura commerciale, non conviene nemmeno per gli alberi. Ci sono molti posti in cui gli alberi crescono bene, dove immagazzinano carbonio e forniscono degli habitat magnifici, ma non produrranno mai dei pali dritti e lunghi 15 metri. Questa timidezza è dovuta al fatto che non si pensa a boschi selvaggi, ma si pensa a piantagioni, il cui scopo è mettere in atto la tanto denigrata politica della “bioenergia che cattura e immagazzina carbonio”. Questo significa voler far crescere legna che poi verrà bruciata nelle centrali elettriche per poi catturare e seppellire le emissioni di carbonio, cosa che quasi certamente farà più danni che vantaggi.

Non potrebbe essere che questo entusiasmo del comitato abbia qualcosa a che vedere con il fatto che uno dei suoi membri lavora per la Drax, la compagnia di energia pioniera di questa disastrosa tecnologia? In tutto il rapporto gli affari sembrano venire sempre prima e la natura e il clima sempre dopo.

Tutto quello che dice il CCC, è coerente con i target che si è prefissato il governo: emissioni nette zero di gas serra entro il 2050, cosa che mi dice che la logica di questo obiettivo “rimane valida per oggi”, nel rispetto degli obblighi del Regno Unito presi nell’Accordo di Parigi. Questo accordo impegna i governi a cercare di “limitare l’aumento della temperatura a 1,5°C oltre i livelli preindustriali”. Ma a novembre scorso, le Nazioni Unite hanno pubblicato un rapporto che indica che per evitare questo aumento di 1,5 ° C bisogna ridurre le emissioni di gas serra del 7,6% ogni anno tra oggi e il 2030: una traiettoria ben più ardua di quella prevista dal CCC. Il comitato ha fissato il target sbagliato, sbagliando anche le date.

Ma penso che il problema sia ancora peggiore, perché l’errore non sta solo nell’obiettivo che è sbagliato, ma sta nell’idea stessa di fissare obiettivi in ​​caso di emergenza che è sbagliata.

Quando i pompieri arrivano in una casa che brucia, non arrivano per salvare tre delle cinque persone che abitano nella casa. Arrivano per cercare di salvare tutti quelli che possono, consapevoli che potrebbero anche non riuscirci. Il loro obiettivo è massimizzare il numero di vite da salvare. In caso di emergenza climatica, il nostro obiettivo dovrebbe essere massimizzare sia la riduzione delle emissioni, sia l’abbattimento di anitride carbonica già presente nell’atmosfera. Non esiste un livello sicuro di riscaldamento globale: qualsiasi incremento di temperatura uccide.

Nell’accordo di Parigi la massimizzazione è implicita e richiede ai governi di perseguire “la massima ambizione possibile”. Nel suo rapporto sull’uso del suolo, il CCC ammette più volte che si potrebbe fare di più, ma insiste sul fatto che non è necessario, perché con le sue politiche si raggiungerà l’obiettivo. L’obiettivo (fissato) ha soppiantato l’obiettivo finale, che sarebbe dare una adeguata risposta all’emergenza climatica. Questo è esattamente quello che dice la Legge di Goodhart: “Quando la misura diventa un obiettivo, essa cessa di essere una buona misura.”

Conosciamo tutti le assurdità della cultura dei target. Sappiamo che, in molti luoghi di lavoro, si lavora per raggiungere un target. Sappiamo come obiettivi posti dallo stato abbiano privato persone della sicurezza sociale e che abbiano rovinato migliaia di vite . Sappiamo che lo scandalo Windrush – le persecuzioni e la criminosa espulsione di persone legalmente autorizzate a risiedere nel Regno Unito – è stato causato in parte dal target del Ministro degli Interni per i “rimpatri forzati”. Sappiamo come i target incoraggino le persone a gabbare il sistema, come succede negli ospedali con le liste di attesa, che provocano incubi kafkiani con certi impiegati troppo zelanti, come documenta David Boyle nel suo nuovo libro Tickbox.

Ma si parla meno del fatto che dare target può spingere gli impiegati a dare performance più basse. Infatti ogni volta che si fissa un obiettivo, si rinuncia alla massimizzazione dei risultati. Anche se si dice “questo è l’obiettivo minimo”, come fa il CCC, i politici vedono in questo obiettivo il loro traguardo. A quel punto, sentono di aver svolto bene il loro dovere legale, anche se non hanno fatto niente per risolvere il vero problema mettendoci tutto il loro massimo impegno.

È possibile fare una politica di massimizzazione? Non è solo possibile, ma sta già accadendo, però esattamente nel posto sbagliato. L’Infrastructure Act del 2015 ha introdotto un legal duty  per “massimizzare la ripresa economica” del petrolio nel Regno Unito. Se le compagnie di perforazione non riescono a massimizzare le estrazioni di combustibili fossili dal loro giacimento petrolifero, saranno costrette a restituire la licenza per le estrazioni. In altre parole, mentre il governo si attiene al minimo legale (il target  del CCC) per ridurre i gas a effetto serra, ha introdotto un massimo legale per le imprese che lavorano per aumentarli.

La risposta giusta all’emergenza climatica è un dovere legale per massimizzare le azioni a difesa del clima. Il consiglio di amministrazione del CCC dovrebbe essere sciolto e sostituito da persone il cui mandato deve rigorosamente esplorare ogni settore economico, alla ricerca dei massimi tagli possibili sui gas a effetto serra e sul massimo assorbimento possibile.

Ormai la casa sta bruciando e l’unico obiettivo umano e ragionevole è salvare tutti quelli che stanno dentro.

www.monbiot.com

 

***

Fonte : https://www.monbiot.com/

Link  : https://www.monbiot.com/2020/01/31/the-most-we-can-do/

31.01.2020

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte  comedonchisciotte.org  e l’autore della traduzione Bosque Primario