Gli Stati Uniti hanno commesso un suicidio economico

paulcraigroberts.org e geopolitika.ru

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .
Pubblichiamo di seguito due analisi relative alla politica economica statunitense.
I contributi sono degli economisti Michael Hudson e Paul Craig Roberts.

 

Buona lettura.

Michael Hudson ci spiega che la politica economica è un costo sociale per la classe operaia e io rispondo che la politica economica degli Stati Uniti è un atto di suicidio nazionale.

Un paio di definizioni: un’economia di rendita è un’economia in cui la monopolizzazione o la concentrazione della proprietà consente il profitto senza contribuire al benessere della società. La rendita economica consiste nei pagamenti o nell’aumento di valore di un bene in eccesso rispetto al suo contributo alla produzione o al costo di produzione. Un esempio di rendita economica è un sistema stradale o di trasporto finanziato dai contribuenti. L’aumento del valore dei terreni costituisce una rendita economica, un reddito non guadagnato o una ricchezza non correlata ad alcuna attività del proprietario.

Il programma di austerità della Fed per ridurre i salari

Di Michael Hudson

L’obiettivo politico apparente del Federal Reserve Board è quello di gestire la massa monetaria e il credito bancario in modo da mantenere la stabilità dei prezzi. Questo di solito significa combattere l’inflazione, che viene attribuita interamente alla “troppa moneta”. Ai tempi del Congresso, più progressista, la Fed era incaricata di un secondo obiettivo: promuovere la piena occupazione. Il problema è che la piena occupazione dovrebbe essere inflazionistica e il modo per combattere l’inflazione è ridurre l’occupazione, che è vista semplicisticamente come determinata dall’offerta di credito.

In pratica, una delle due direttive della Fed deve cedere. E quasi a sorpresa, l’obiettivo della “piena occupazione” viene buttato a mare – se mai è stato preso sul serio dai dirigenti della Fed. Nell’amministrazione Carter (1977-80), prima della grande inflazione dei prezzi del 1980, il presidente della Fed, Paul Volcker, espresse la sua filosofia economica in un biglietto da visita che teneva in tasca, per poterlo tirare fuori e dimostrare dove fosse la sua priorità. Il biglietto riportava il salario settimanale dell’operaio edile medio statunitense.

Il presidente Volcker voleva che i salari scendessero, attribuendo la colpa dell’inflazione all’eccessiva occupazione, cioè al troppo pieno. Spinse il tasso bancario statunitense a un livello senza precedenti, il 20%, il tasso normale più alto dall’epoca babilonese del primo millennio avanti Cristo. Ciò fece crollare l’economia e con essa l’occupazione e la prosperità. Volcker la chiamò “medicina monetaria dura”, come se il crollo dei mercati finanziari e della crescita economica dimostrasse che la sua “cura” per l’inflazione stava funzionando.

Oltre all’occupazione e ai livelli salariali, un’altra vittima del rialzo dei tassi di Volcker fu la fortuna del Partito Democratico alle elezioni presidenziali del 1980. Il partito perse la Casa Bianca per dodici anni. Il Partito Democratico sta quindi prendendo un grande coraggio – o semplicemente é ignorante – nell’affrontare le elezioni di midterm di quest’autunno emulando il tentativo di Volcker di far scendere i livelli salariali attraverso la stretta finanziaria, che ha già fatto crollare il mercato azionario del 20%.

Il Presidente Biden ha appoggiato pienamente il Presidente della Federal Reserve Jerome Powell, nominato dai Repubblicani, su un crollo finanziario nella speranza che faccia retrocedere i livelli salariali degli Stati Uniti. Questa è la politica della classe di donatori del Partito Democratico e quindi del suo elettorato politico.

Per Wall Street e i responsabili della politica economica neoliberista, la soluzione all’inflazione dei prezzi è quindi quella di spingere l’economia in recessione. L’aumento della disoccupazione riduce la domanda aggregata e l’inflazione viene messa sotto controllo riducendo l’offerta e costringendo i lavoratori a lasciare il proprio posto di lavoro.

Questa dottrina della guerra di classe è la prima direttiva dell’economia neoliberista. La Federal Reserve e il Fondo Monetario Internazionale sono i bracci operativi per impoverire le masse. Che si tratti di Janet Yellen al Tesoro, della Federal Reserve o della stampa finanziaria, la discussione sull’inflazione statunitense odierna viene inquadrata in modo da evitare di attribuire la colpa dell’aumento dell’8,2% dei prezzi al consumo alle sanzioni della Nuova Guerra Fredda dell’amministrazione Biden contro il petrolio, il gas e l’agricoltura russi, o alle compagnie petrolifere e ad altri settori che usano queste sanzioni come scusa per praticare prezzi di monopolio, come se l’America non avesse continuato a comprare il gasolio russo, come se il fracking non fosse aumentato e come se il mais non fosse trasformato in biocarburante. Non c’è stata alcuna interruzione dell’offerta. Abbiamo semplicemente a che fare con la rendita da monopolio da parte delle compagnie petrolifere che utilizzano le sanzioni antirusse come scusa per giustificare l’imminente carenza di petrolio per gli Stati Uniti e per l’intera economia mondiale.

Le quarantene Covid [imposte] all’economia statunitense ed estera e al commercio estero non vengono riconosciute per aver interrotto le linee di rifornimento e aumentato i costi di spedizione e quindi i prezzi delle importazioni. L’intera colpa dell’inflazione viene attribuita ai salariati e la risposta è quella di renderli vittime dell’austerità in arrivo, come se i loro salari fossero responsabili dell’aumento dei prezzi del petrolio, dei prodotti alimentari e di altri prezzi derivanti dalla crisi. La realtà è che sono troppo indebitati per essere spendaccioni e non hanno abbastanza reddito disponibile dopo aver pagato le rate dei debiti per far salire i prezzi.

L’economia spazzatura della Fed su come viene speso il credito bancario

La scusa alla base del recente aumento dello 0,75% del tasso di sconto da parte della Fed il 15 giugno (a un misero intervallo compreso tra l’1,50% e l’1,75%) è che l’aumento dei tassi di interesse curerà l’inflazione scoraggiando l’assunzione di prestiti per spendere nei bisogni primari che costituiscono l’Indice dei prezzi al consumo e il relativo deflatore del PIL. Ma le banche non finanziano molti consumi, ad eccezione del debito delle carte di credito, che negli Stati Uniti è oggi inferiore ai prestiti agli studenti e ai prestiti automobilistici.

Le banche concedono prestiti quasi esclusivamente per l’acquisto di immobili, azioni e obbligazioni, non per l’acquisto di beni e servizi da parte dei consumatori. Circa l’80% dei prestiti bancari è costituito da mutui immobiliari, mentre la maggior parte del rimanente sono prestiti garantiti da azioni e obbligazioni. Il principale effetto sui prezzi della riduzione del credito bancario e dell’aumento dei tassi d’interesse è quello di scoraggiare i mutuatari dall’acquistare case e gli arbitraggisti e i raider aziendali dall’acquistare azioni e obbligazioni. Il principale effetto sui prezzi della riduzione del credito bancario e dell’aumento dei tassi di interesse è quindi la riduzione dei prezzi delle azioni e delle obbligazioni e della domanda di mutui per la casa. La proprietà della casa subisce un duro colpo.

Riduzione del numero di case di proprietà della classe media

L’effetto più immediato della stretta creditizia della Federal Reserve sarà la riduzione del tasso di proprietà delle case in America. Questo tasso è in calo dal 2008, passando da quasi il 68% all’attuale 61%. Il declino è iniziato con lo sfratto da parte del Presidente Obama di quasi dieci milioni di vittime di mutui spazzatura, soprattutto debitori neri e ispanici. Questa è stata l’alternativa del Partito Democratico alla svalutazione dei prestiti ipotecari fraudolenti a prezzi di mercato realistici e alla riduzione dei costi di gestione per allinearli ai valori di mercato degli affitti. Le vittime indebitate di questa enorme frode bancaria sono state fatte soffrire, in modo che gli sponsor a Wall Street di Obama potessero mantenere i loro guadagni predatori e ricevere massicci salvataggi. I costi della frode sono ricaduti sui clienti delle banche, non sulle banche e sui loro azionisti e obbligazionisti.

L’effetto di scoraggiare i nuovi acquirenti di case aumentando i tassi di interesse è quello di ridurre la proprietà della casa – il distintivo della classe media. La politica della Fed di aumentare i tassi d’interesse farà lievitare gli interessi passivi che i potenziali nuovi acquirenti di case dovranno pagare, rendendo i costi di gestione dei mutui fuori dalla portata di alcune famiglie. Ciò segue la precedente corsa al rialzo dei prezzi delle abitazioni, caratteristica di un’economia finanziarizzata. In breve, gli Stati Uniti si stanno trasformando in un’economia di proprietari.

Gli immobili vengono trasferiti dalla classe media a società di capitali private che trasformano le case in proprietà in affitto. L’aumento dei tassi d’interesse non inciderà sugli acquisti di abitazioni da parte delle società di capitali private, perché queste acquistano in contanti per ottenere rendimenti come proprietari terrieri, proprio come faceva l’aristocrazia terriera in Inghilterra. Entro un altro decennio, il tasso di proprietà delle case potrebbe scendere dal 61 al 50% (e il patrimonio netto dei proprietari di casa ancora più basso), trasformando così gli Stati Uniti in un’economia di rendita.

Fino a che punto l’austerità economica può essere sopportata da una società indebitata?

Mentre i tassi di proprietà delle case sono scesi, un decennio di Quantitative Easing della Fed ha aumentato i sussidi a coloro che detengono titoli finanziari in difficoltà da 800 miliardi di dollari a 9.000 miliardi di dollari – l’aumento del bilancio della Fed durante il periodo del QE – di cui la maggior parte dei cattivi investimenti salvati è costituita da mutui immobiliari impacchettati. Ciò ha impedito ai prezzi delle case di scendere e di diventare più accessibili per gli acquirenti. Il sostegno della Fed ai prezzi degli asset ha salvato le grandi banche insolventi dal fallimento, ma ha costretto le banche più piccole e i proprietari di casa diseredati a sostenerne il costo. Sheila Bair della FDIC ha indicato Citigroup, insieme a Countrywide, Bank of America e gli altri soliti sospetti come beneficiari delle loro stesse frodi. La popolazione attiva non è considerata troppo grande per fallire. Il suo peso politico è ridotto rispetto a quello delle banche di Wall Street e degli altri beneficiari del settore FIRE.

L’abbassamento del tasso di sconto a circa lo 0,1% ha permesso al sistema bancario di ottenere grandi guadagni con la concessione di prestiti ipotecari a circa il 3,50%. Le banche hanno mantenuto alti i tassi delle carte di credito (19%) e hanno guadagnato con le penali per i ritardi di pagamento. L’1% più ricco d’America, e addirittura il 10% più ricco, ha aumentato enormemente la propria ricchezza in azioni, mentre il mercato obbligazionario ha avuto il più grande boom della storia. Ma la maggior parte degli americani non ha beneficiato di questo rialzo dei prezzi degli asset, perché la maggior parte delle azioni e delle obbligazioni sono possedute solo dalla fascia più ricca della popolazione. La Fed è favorevole all’inflazione dei prezzi degli asset. Ma per la maggior parte delle famiglie americane, delle aziende e dei governi a tutti i livelli, il boom finanziario dal 2008 ha comportato un crescente onere del debito. Molte famiglie rischiano l’insolvenza mentre la politica della Federal Reserve mira ora a creare disoccupazione. Ora che la moratoria Covid sugli sfratti degli affittuari in ritardo con i pagamenti sta scadendo, le file dei senzatetto aumentano.

L’amministrazione Biden sta cercando di dare la colpa dell’inflazione odierna e delle relative distorsioni a Putin, utilizzando persino il termine “inflazione di Putin”. I media mainstream sostengono la narrazione non spiegando al loro pubblico che le sanzioni occidentali che bloccano le esportazioni russe di energia e cibo causeranno una crisi alimentare ed energetica per molti Paesi quest’estate e in autunno. E anche oltre: i militari e i funzionari del Dipartimento di Stato di Biden avvertono che la lotta contro la Russia è solo il primo passo a cui seguirà una guerra contro l’economia non neoliberale della Cina, che potrebbe durare vent’anni.

Questo fa presagire una lunga depressione nel mondo occidentale. Ma, come direbbe Madeline Albright, i nostri governanti pensano che il prezzo – la distruzione della classe media che funge da vincolo per il governo – “ne valga la pena”. Secondo il regime di Biden, la nuova guerra fredda è una lotta tra gli Stati Uniti “democratici”, con la loro pianificazione economica privatizzata nelle mani della classe finanziaria, contro la Cina e la Russia “autocratiche”, dove le banche e la creazione di denaro sono trattate come un servizio di pubblica utilità per finanziare una crescita economica tangibile invece di servire la finanziarizzazione dell’economia.

Non c’è alcuna prova che la Nuova Guerra Fredda neoliberista-neoconservatrice dell’America possa ripristinare l’antico potere industriale ed economico della nazione. L’economia non potrà riprendersi finché il debito pubblico di oggi rimarrà al suo posto. Il servizio del debito, i costi degli alloggi, l’assistenza medica privatizzata, il debito degli studenti e il decadimento delle infrastrutture hanno reso l’economia statunitense non competitiva.

Non c’è modo di ripristinare la redditività economica senza cambiamenti fondamentali nella politica economica. Ma c’è poca “economia della realtà” a disposizione per fornire un’alternativa alla guerra di classe insita nella convinzione del neoliberismo che l’economia e il tenore di vita possano prosperare con mezzi puramente finanziari, attraverso la leva del debito e l’estrazione di rendite monopolistiche da parte delle imprese, mentre gli Stati Uniti hanno reso la loro produzione nazionale non competitiva – in modo apparentemente irreversibile. Per ridurre il costo del lavoro ed essere competitive, le imprese statunitensi hanno spostato la produzione all’estero, privando così la forza lavoro americana di posti di lavoro ad alto valore aggiunto e ad alta produttività.

La classe dominante ha cercato di rendere irreversibile la privatizzazione e la finanziarizzazione neoliberista dell’America

L’istituzionalizzazione dell’estrazione di rendite è riuscita a tal punto che non c’è partito o circolo economico che promuova le politiche necessarie per una ripresa industriale. Eppure, la dirigenza del Partito Democratico, sottoponendo l’economia a un piano di austerità in stile FMI, renderà uniche le elezioni di midterm di novembre. È stato abbandonato il ruolo della Fed di fornire denaro facile all’economia per dare al partito al potere almeno l’illusione della prosperità e il regime di Biden sta portando avanti un programma di austerità.

La politica identitaria del Partito Democratico si rivolge a quasi tutte le identità, tranne quella dei salariati e dei debitori. L’intenzione di abbassare i salari, di aumentare le spese finanziarie per i mutui e le carte di credito e di non rispettare le promesse di cancellazione dei debiti degli studenti non sembra una piattaforma in grado di attirare molti elettori, soprattutto mentre l’amministrazione versa denaro in Ucraina.

In passato, la classe operaia aveva dei campioni. Oggi i loro interessi ricevono poca attenzione.

Gli Stati Uniti hanno commesso un suicidio economico

Di Paul Craig Roberts

La tendenza comune è quella di pensare all’inflazione come causata da un eccesso di denaro. Secondo questo modo di pensare, il motivo per cui si aumentano i tassi di interesse è quello di rendere il credito più costoso, causando così una minore domanda di prestiti e riducendo così la crescita dell’offerta di moneta che, a sua volta, riduce l’inflazione.

È vero che gli Stati Uniti hanno avuto un’incredibile crescita monetaria. Tuttavia, ben poco di questo denaro si è riversato sui prezzi al consumo. La Fed ha creato  denaro (QE, Quantitative Easing) per salvare le grandi banche dai loro cattivi investimenti. In altre parole, la Federal Reserve ha creato 8,2 trilioni di dollari con cui acquistare i cattivi investimenti che minacciavano l’insolvenza dei bilanci delle banche. Questo denaro si è riversato non sui prezzi al consumo, ma sui prezzi delle attività finanziarie, come i prezzi delle azioni e delle obbligazioni e sui prezzi degli immobili. I prezzi delle case sono aumentati, ma i bassi tassi di interesse hanno abbassato il costo di carico dei mutui.

L’attuale aumento dello 0,75 o tre quarti di punto percentuale dei tassi d’interesse non può influire su un tasso d’inflazione dell’8, 10 o 12%. Il tasso di rendimento reale degli strumenti di debito è enormemente negativo.

C’è un altro modo di pensare all’inflazione: l’insufficienza dell’offerta. Due eventi importanti hanno ridotto l’offerta rispetto alla domanda. Le chiusure per Covid del regime di Biden hanno bloccato gran parte della produzione, distrutto le catene di approvvigionamento e provocato la chiusura permanente di molte aziende. Oltre a questa riduzione dell’offerta, le sanzioni del regime di Biden contro la Russia e il mondo hanno ulteriormente ridotto l’offerta vietando le relazioni commerciali esistenti. Pertanto, l’offerta ha subito due importanti riduzioni. Inoltre, l’aumento dei tassi di interesse fa lievitare i costi, limitando ulteriormente l’offerta.

Inoltre, negli ultimi 25 o 30 anni i produttori statunitensi, alla ricerca di costi di manodopera e di conformità alle normative più bassi, hanno spostato la loro produzione per l’economia americana in Asia, principalmente in Cina. L’attuale combinazione tra la guerra commerciale di Washington e la Cina e le continue chiusure per Covid hanno interrotto il flusso di merci verso i mercati statunitensi. Spostare la produzione per i propri consumatori in un altro Paese è una politica folle. Ma Washington è incline alle politiche folli e ora ne paghiamo le conseguenze.

Quale sarà dunque l’effetto principale dell’aumento dei tassi di interesse da parte della Fed? L’effetto principale sarà quello di far uscire dal mercato dei mutui alcuni acquirenti di case. Ciò consentirà alle società di capitali private di acquistare case da affittare. Il risultato è quello di ridurre il numero di case di proprietà negli Stati Uniti, di aumentare i redditi da locazione per i ricchi e di privare i cittadini della principale fonte di accumulo di ricchezza della classe media: l’aumento del valore delle abitazioni. In altre parole, la politica della Fed non è altro che un altro attacco alla classe media, riducendone ulteriormente il numero e consolidando così il potere nelle mani dei ricchi.

I mercati azionari e del debito (azioni e obbligazioni) aumentano con la liquidità e diminuiscono quando questa viene ridotta. L’aumento dei tassi di interesse viene considerato come una riduzione della liquidità. Pertanto, i prezzi delle azioni e delle obbligazioni scendono. Il loro calo riduce la ricchezza cartacea. Questo provoca perdite ai fondi pensione, mettendo in pericolo le prospettive dei pensionati. La perdita di ricchezza riduce la spesa dei consumatori. Questo è un altro fattore, oltre all’aumento dei prezzi al consumo, che limita la spesa dei consumatori e portando così l’economia in recessione.

La questione aperta è se le grandi banche sono ora abbastanza forti o se saranno messe in pericolo dal calo della ricchezza cartacea. Qualche anno fa la Fed ha provato a stringere e ha dovuto abbandonare il tentativo. Questa volta la Fed potrebbe continuare a farlo. L’élite al potere ha deciso che Biden deve andarsene. L’inflazione e la disoccupazione sono mezzi efficaci per l’élite monetizzata per sbarazzarsi di un presidente. La Fed, ovviamente, è al servizio dell’élite monetizzata.

L’indebolimento dell’economia statunitense è iniziato con la delocalizzazione dei posti di lavoro. I posti di lavoro ad alto valore aggiunto e ad alta produttività sono stati trasferiti all’estero a costi molto più bassi, aumentando così i profitti e il valore delle azioni delle società che hanno delocalizzato, ma riducendo la crescita del reddito della popolazione attiva. Il “globalismo” è stato una copertura per questo abbandono dei lavoratori americani e delle basi imponibili di città e Stati, che per sopravvivere hanno iniziato a svendere i beni pubblici agli interessi privati. La domanda che si pone agli Stati Uniti è: come fa un Paese a riprendersi quando ha trasferito molti dei suoi posti di lavoro ad alto reddito nelle economie di Paesi stranieri? Per quanto ne so, il mondo occidentale ha commesso un suicidio economico.

Traduzione a cura di Costantino Ceoldo

link fonte: https://www.paulcraigroberts.org/2022/06/21/two-examinations-of-us-economic-policy/

Titolo originale: Two Examinations of US Economic Policy

Traduzione: https://www.geopolitika.ru/it/article/due-analisi-della-politica-economica-statunitense 

21.06.2022

Pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
29 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
29
0
È il momento di condividere le tue opinionix