Confinamento selettivo

La pandemia in Grecia fa annullare tutte le celebrazioni e gli abitanti protestano mettendo le bandiere al contrario; gli esercizi commerciali chiudono, ma la mortalità, in Grecia, aumenta da più di dieci anni, e non a causa del COVID, anzi: i morti totali dei primi mesi del 2020 sono ancora inferiori a quelli del 2019.

La Turchia non rinuncia alle sue mire su Cipro, partendo dalla parte nord ancora occupata attraverso “incursioni” a Famagosta, città fantasma dal 1974, secondo uno schema di comportamento invariato da secoli. Ma per la gente comune l’agenda agisce e gli analisti più attenti, come Dimitri Orlov, disegnano un futuro, dove forse l’obiettivo sarà avere un’èlite che farà a meno del popolo: che sia questo l’obiettivo del “Grande Reset” il libro di Schwab che Mitisotakis, mentre parla in Tv, tiene davanti in bella vista per togliere ogni dubbio su quello che vuole fare? Ai greci, per ora, non resta che passeggiare sul monte Imetto, sperando di non ammalarsi, non tanto di Covid quanto di una qualunque delle altre “normali” patologie: gli ospedali li rifiuterebbero, mandandoli alle cliniche private, se possono permetterselo. Per i VIP, intanto, pare si stiano preparando reparti dedicati… e nascosti, per salvarsi senza destare sospetti. I cittadini di ogni tipo, bambini compresi, sono multati se provano a non rispettare le misure di confinamento, mentre i quartieri musulmani di Atene (25% degli abitanti sono musulmani, secondo le ultime stime) sono considerati “zona franca”, si fanno raduni, si celebrano i riti e addirittura si aprono nuove moschee. E il vaccino? Il 50% dei greci non se lo farebbe, dicono i sondaggi; i precedenti vaccini iniettati agli animali non sembrano incoraggiare, come raccontavano già nel 2009 i pastori dopo l’epidemia di H1N1…

 

 

Da “Europa necropoli” – Martedì 3 novembre 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

 

Il mese di novembre è iniziato male, proprio come il mese precedente, o anche i mesi a venire. Quasi ovunque nell’Europa occidentale, la strumentalizzazione della vera malattia da parte della falsa democrazia diventa la regola. (…) A partire da ora, e contrariamente a quanto annunciato dal governo appena due giorni fa, a partire dal 3 novembre Salonicco e i suoi sobborghi saranno severamente confinati. La propaganda ufficiale annuncia “l’estensione molto probabile del riconfinamento a tutte le altre parti della Grecia”. (…)  in questo 2020 la dignità non è più una preoccupazione per i “leader” politici. Questo è quindi il primo anno in cui gli attuali pseudo leader hanno cancellato tutte le commemorazioni e le sfilate. Come hanno poi vietato per decreto tutte le commemorazioni … spontanee. Solo che il pretesto di COVID-19 avrà altrettanto e definitivamente smascherato … il nemico interno da abbattere. E subito il popolo marciò dove poteva, a Patrasso per esempio, o ad Egina e soprattutto nel nord della Grecia, nella Macedonia greca e nella Tracia. Come ovunque in Grecia, Piazza della Costituzione … morti, gli agenti di polizia hanno arrestato sette patrioti che volevano deporre fiori sulla tomba del Milite Ignoto, perché “non avevano il permesso e indossavano poche … mascherine”.

 

(…) C’è ora il paese dei patrioti e, di fronte, il paese degli apolidi brevettati. Come segno di disgusto in questo giorno di commemorazione nazionale, alcuni greci hanno inoltre sventolato volontariamente la bandiera a testa in giù, segno di tempi non più del tutto pacifici.

(…)

In segno di disgusto, bandiera a testa in giù. Atene, 28 ottobre 2020

(…) risultato di fughe di notizie inaspettate, ci sono prove che l’ufficio di Mitsotákis sta imponendo le sue istruzioni dirette ai giornalisti. Cosa dovrebbero dire, o dove dovrebbero poi focalizzare la loro attenzione; per esempio, costruendo costantemente l’immagine lusinghiera della star della medicina al sistema e ai media, Sotíris Tsiórdas. (…) l’attuale potere oligarchico (…) non tollera più alcuna analisi contraria, né da parte di esperti indipendenti, né tanto meno da parte dei cittadini comuni. Li criminalizza persino. Dubitare è pensare.

(…) è un momento di conflagrazione. Più di sessanta navi da guerra turche… sostenute da navi pakistane inviate nella zona, hanno lasciato le loro basi lunedì 2 novembre. La notizia è però praticamente ignorata dai “grandi media”. “Nel frattempo(…) sotto l’ordine di Berlino. La Grecia non deve reagire alla penetrazione delle forze turche nelle sue zone fino a dicembre; poi Berlino organizzerà i cosiddetti negoziati per formalizzare il grande tradimento (…) Da qui anche il grande ritorno del contenimento… secondo le ultime istruzioni dell’ambasciata tedesca”, radio 94.3 FM la mattina del 3 novembre e la stampa greca.

“(…) nessuno potrà più muoversi liberamente in Grecia… tranne le navi e gli aerei da guerra turchi”. Questo è il messaggio di un ascoltatore letto in diretta su 90.1 FM lo stesso giorno.

(…)


Da “Confinamento in stile greco” – Domenica 8 novembre 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

Circa una settimana fa. Attica, novembre 2020 – Greek Press Photograph

Una settimana fa, quando è stata annunciata la chiusura dei ristoranti, gli ateniesi si sono precipitati sulle spiagge, e prima di tutto nei caffè e nelle taverne della Riviera dell’Attica. Alcuni hanno anche fatto una nuotata (…) …. Abbiamo bevuto il nostro caffè lì… in quest’ultima zona franca. Visibilmente commossi, i camerieri e il proprietario dell’osteria salutavano i clienti abituali; e il locale offriva il caffè dopo ogni pasto. “Ci mancherete, ragazzi. Stiamo entrando in un mondo oscuro e chiuso, quello degli Inferi oltre la nostra esistenza economica. Questo lo abbiamo capito. Speriamo che non duri troppo a lungo. Buona libertà… perché un giorno la ritroveremo”.

 

(…)  Con tutto il rispetto per i vampiri con i joystick, il più delle volte, gli umili amano il loro lavoro, amano la vita soprattutto. Insomma, tutto ciò che viene gradualmente proibito: lavorare, vivere, uscire, godersi la vita quotidiana, se possibile all’aria aperta, muoversi, stare in società e creare legami tra gli esseri umani.

(…)  la giunta in carica ha annunciato la chiusura totale del paese. “Confinamento per un periodo di tre settimane”, secondo il burattino che è il truffatore Mitsotákis durante il suo discorso, accompagnato dal suo amico… il medico capo del Comitato greco COVID-19, Sotíris Tsiódras. Questo è tanto più vero in quanto i letti in terapia intensiva sono quasi tutti occupati l’11 novembre e il governo ha fatto poco per preparare meglio gli ospedali dopo il deconfinamento della scorsa primavera. Soprattutto dopo dieci anni di politica ordo-liberale tedesca in Grecia, ha consapevolmente distrutto, come sappiamo, quasi la metà del sistema sanitario.

Anche in Grecia gli operatori ospedalieri ora scelgono tra i pazienti che sopravviveranno… o meno. I medici dell’Unione Unitaria degli Ospedalieri dicono apertamente che il sistema sanitario sta peggiorando sempre di più nonostante le dichiarazioni ufficiali, denunciano addirittura la mancanza di WC nelle stanze COVID di alcuni ospedali di Salonicco, dove i pazienti trovano sollievo solo con gli orinatoi. Il paese reale, inoltre, lo sa, ovviamente a sue spese. La mortalità è in aumento in Grecia da dieci anni senza nemmeno aspettare COVID-19. Tuttavia, i dati complessivi sui decessi in Grecia nei primi mesi di quest’anno sono ancora leggermente inferiori a quelli del 2019 e dello stesso periodo.

(…)

Infine, va ricordato che Tsiórdas è stata pagata per anni in modo molto ufficiale, tra gli altri, dalle multinazionali farmaceutiche F. Hoffmann-La Roche, GlaxoSmithKline e Pfizer. (…) Inoltre, Tsiódras, che lavorava dal 2001 come consulente (…) anche presso il Ministero della Salute durante il mandato di Dimítris Avramópoulos, quando sono state acquistate un totale di 16 milioni di dosi di vaccino “per curare l’influenza H1N1″ e per un paese con meno di 11.000.000 di abitanti.

I vaccini sono stati in sostanza distrutti in seguito, ma sono stati comunque finanziati dai contribuenti greci all’epoca acquistati da F. Hoffmann-La Roche e GlaxoSmithKline.

Scrive Dimitri Orlov (…) “il coma economico globale è stato indotto come previsto e solo le nazioni e le economie più promettenti e stabili ne usciranno. Questa pausa fredda darà a voi, il genio del male che si occupa dell’economia mondiale, la possibilità di risolvere alcuni problemi importanti, come:

Longevità: affrontare il problema del sovraffollamento tra i pensionati, poiché i fondi pensione saranno vuoti e non ci saranno risorse da dedicare alla medicina geriatrica.

Automazione: ridurre l’intensità energetica dell’economia tornando al lavoro manuale mantenendo un controllo rigoroso sulla forza lavoro

Intelligenza: spostare le funzioni intellettuali dal cervello umano ai server Internet che eseguono algoritmi di intelligenza artificiale, riformando al contempo i sistemi di istruzione pubblica per spostarli dallo sviluppo intellettuale all’insegnamento di abilità manuali come premere pulsanti e obbedire.

Affrontare il problema delle… scimmie con le granate in mano: liberare le nazioni un tempo sviluppate e industrializzate, ma ora collassate, da alcune armi molto pericolose, tra cui le armi nucleari, per evitare che si facciano male e che si feriscano a vicenda

Riorganizzare: ricollegare le catene di approvvigionamento, ora definitivamente interrotte, a nuove associazioni industriali che comprendono solo quei paesi e regioni che rimarranno economicamente sostenibili almeno per i prossimi decenni, scollegando il resto in modo permanente.”

 

Riconfinamento quindi, tanto nello stile greco. (…) stimano che tre settimane di contenimento, almeno quelle annunciate, causeranno perdite immediate per 5 miliardi di euro. (…) saremo pazienti per un altro mese e poi vedremo. Tuttavia, sanno che non saranno in grado di resistere più a lungo, soprattutto al di là di un possibile prolungamento dell’attuale confinamento. L’industria della ristorazione a Tríkala è, o almeno lo è stata, una delle più importanti degli ultimi anni, che dà lavoro a centinaia di giovani. Il futuro sembra tetro, eppure i professionisti dicono di essere determinati a combattere… la loro battaglia finale”.

(…) Il 3 giugno il tedesco, amico del cinese Klaus Schwab e del principe Carlo ha pomposamente annunciato il lancio del “Grande Reset”, un’opportunità per il Presidente del World Economic Forum di presentare COVID-19 “come una rara ma ristretta finestra di opportunità per ripensare, reinventare e resettare il nostro mondo”.

 

Un'”opportunità” senza il popolo (…) l’ultima scoperta della cosiddetta iperclasse, consiste nel liquidare il patrimonio così come l’esistenza della classe media, verso l’alto a proprio vantaggio e verso il basso a vantaggio dei poveri, tutti proletari vecchi e nuovi, tutti legati al mondo digitale.

Nel frattempo, la ricchezza dell’iperclasse non farà che aumentare. Ciò richiede, come già osservato, il passaggio attraverso il caos, presente e futuro, (…) così come all’affermarsi di un curioso socialismo, quello degli assistiti, assistito va detto solo in un primo tempo storico. Poi, e quando l’immensa classe media non sarà più lì a organizzare la resistenza, Klaus Schwab, come tutti quelli della casta degli zombie, sarà allora molto probabilmente in grado di liquidare il grande “surplus” della popolazione mondiale, perché i robot e la digitalizzazione ontologica dei… proletari, si occuperanno poi del resto.


Da “Riavviare” – Sabato 14 novembre 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

 

(…) Mitsotákis … il disabitato, come viene talvolta chiamato, si trova su un altro pianeta. Davanti al “Parlamento” questa settimana, ha ritenuto opportuno recitare il verso che i suoi maestri stranieri gli hanno insegnato (…) “Il 2021 sarà l’anno della Grande Ripresa, quando ci saremo lasciati tutta questa avventura alle spalle”. Mitsotákis allora, come Schwab, già [dicono] ironicamente alcune persone su Internet.

Sì, Klaus Schwab, ingegnere tedesco ed economico, coautore del recente… manuale di guerra totale che le pseudo-élite stanno preparando da tempo, contro i popoli e le nazioni, sotto l’inequivocabile titolo “COVID-19: Il grande Reset”.

Come si è giustamente notato altrove, la figura, fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum, è “una persona cinica e pazza disumanizzata, i suoi piani morbosi sono nel suo libro, da leggere se volete sapere chi sono i pazzi che ci governano e cosa vogliono fare con noi. Ne è l’organizzatore e si diverte a twittare dalla mattina alla sera (…)”.

(…)  La strategia dello shock, scomposta e descritta da Naomi Klein, ha funzionato, seppur esitante all’inizio, ma poi si è trascinata avanti. Come osservatore partecipante alla cosiddetta “crisi greca”, è stato allora con amarezza che ho notato fin dall’inizio quanto questo aumento del meta-capitalismo disastroso, con i suoi metodi di shock regressivo, utilizzando gli shock psicologici, abbia portato direttamente a una regressione del soggetto.

(…)

questo confinamento delle società e degli esseri umani è quindi solo la continuazione aumentata, del “programma locale greco”, su scala molto più ampia, naturalmente, e da un processo che si sta ora accelerando.

(…)

Inutile dire che i politici ad Atene sono (…) marionette le cui famiglie rapaci approfittano da anni delle briciole del sistema; le briciole per loro ammontano ancora a diversi milioni di euro. (…)

 

Perché nella variante greca del Restart, i… pulsanti locali da azionare sono semplicemente tedeschi; ancora più che altrove in Europa. (…) Panagiótis Pikramménos [avo dell’] attuale vicepresidente del governo Mitsotákis, era un collaboratore di Goebbels. Il dignitario nazista aveva concesso a Pikrammenos i diritti esclusivi e tutti i mezzi tecnici per diffondere la propaganda tedesca in Grecia durante l’occupazione. Che coincidenza, davvero.

(…) Vale la pena di notare che gli stessi “papelli” [sul Covid]  circolano visibilmente ovunque in questa Europa dei governi… della governance. Le dichiarazioni e gli atti sono molto spesso simili.

E nel frattempo moriamo. Da COVID-19, ma soprattutto e molto di più da altre malattie, soprattutto perché i pazienti con altre malattie sono meno trattati o non trattati affatto. Sotto la troika, la Grecia ha chiuso 17 ospedali, (…) Le operazioni non vengono più eseguite, salvo casi eccezionali, mentre molte sale operatorie vengono convertite in letti COVID-19 per la rianimazione, e a volte le unità di risonanza magnetica vengono spente del tutto, secondo un medico(…) Molti malati di cancro, per esempio, devono rivolgersi a cliniche private e poi… pagare. Chi non se lo può permettere, allora morirà. Allo stesso tempo, un impiegato della logistica, che lavora per un importante fornitore di farmaci, testimonia anche l’evoluzione molto attuale… della psiche greca. In meno di una settimana di riconfinamento, abbiamo visto un aumento del 27% della domanda di psicofarmaci, 94,3 FM, settimana del 9 novembre.


 

Da “Evagoras contro Erdogan” – Martedì 17 novembre 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

(…) In Karvachar e Davidank, gli armeni stanno bruciando le loro case prima della “cessione” all’Azerbaigian, mentre a Cipro i turchi stanno annettendo la città di Famagosta, che è rimasta una città fantasma da quando l’esercito turco ha invaso l’isola nel 1974. (…)

Da Nicosia, il governo cipriota ci ha appena ricordato in un video in inglese (https://youtu.be/iX27S_Es1Co) che Erdogan non è a casa sua, a Famagosta. Come bastasse portare gli argomenti giusti per contrastare la barbarie. Perché il 15 novembre Erdogan si è recato a Famagosta per organizzare un picnic molto ufficiale, nel suo solito modo. Provocazione, autocompiacimento, nazionalismo esagerato e barbarie. Famagosta ne aveva certamente visti molti altri fin dai tempi di Evagoras.

Inoltre, anche da parte di alcuni turco-ciprioti, le reazioni di indignazione non si sono fatte attendere, poiché lo sfruttamento della minoranza turca dell’isola da parte di Ankara sta diventando enorme, e vengono schiacciati sotto il peso dei coloni e degli islamisti inviati dalla Turchia.

(…)

Famagosta negli anni Settanta, prima dell’invasione dell’esercito turco. Stampa Greca
Gli armeni stanno bruciando le loro case. Foto Alexander Nemenov – AFP
Il picnic di Erdogan. Famagosta, 15 novembre 2020, stampa greca

(…)

È triste dirlo, ma tutto fa pensare che i turchi, almeno l’élite politica che governa questo paese, non sembrano aver rinunciato alle caratteristiche delle loro tribù nomadi, originarie della grande steppa eurasiatica, che sono sopravvissute attraverso saccheggi, razzie e la conquista di fertili terre straniere.

In classe, prima dell’invasione turca. Famagosta, anni ’70

(…)

Istituzione culturale ed educativa greca saccheggiata dai turchi. Famagosta, anni 2010

(…)

Famagosta di un tempo non è certamente più, eppure i suoi abitanti e altrettanti loro discendenti speravano di tornare un giorno nella loro città, nelle loro case e nei loro commerci. Perché secondo le risoluzioni dell’Onu che, per così dire, hanno congelato la situazione sul terreno durante il cessate il fuoco nella seconda fase dell’invasione turca dell’agosto 1974, Famagosta doveva rimanere “così com’era”, nella speranza che i loro legittimi proprietari potessero un giorno tornare. Una sorta di “promessa diplomatica” allo stesso tempo, in attesa di futuri negoziati, che peraltro non ha mai dato nulla nonostante le posizioni in costante regresso della parte greca….

 

E non hanno funzionato quando la Turchia ha aspettato quasi 50 anni per massimizzare le sue richieste, perché in fondo l’unica soluzione finale che la Turchia sta cercando è investire l’intera isola ed effettuare la pulizia etnica fino alla fine sulla parte libera e greca della Repubblica di Cipro. Questo è il significato profondo del simbolismo della visita di Erdogan a Famagosta (…)

Decisamente Famagosta ne aveva visti molti altri fin dai tempi di Evagoras. Per Isocrate, il grande oratore ateniese Evagora era un re modello, si era posto l’obiettivo di promuovere la felicità dei suoi sudditi e il potere della sua città, e questo attraverso la cultura e l’influenza della civiltà ellenica dopo aver cacciato i barbari dalla sua città Salamina, non lontano dall’attuale Famagosta.

(…)

I tiranni al momento sono… gli attuali governanti; in Grecia come a Cipro. (…)

Se gli incontri fatti a Cipro risvegliano le tragedie del passato, Séféris, il poeta-diplomatico, ha un acuto senso dei drammi che verranno. La terra non ha anelli, così non possono andarsene portandosela sulle spalle. Non lo dimentichiamo… sulla scia di Evagoras.


Da “Contro il letargo” – Venerdì 20 novembre 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

(…) mentre a Salonicco non c’è più un solo letto disponibile per la terapia intensiva e le cliniche private sono state appena requisite da un sistema sanitario che sta crollando ovunque, il sindacato dei commercianti del paese sta dando l’allarme al governo. “Stiamo morendo, contrariamente a quanto accaduto durante il primo confino, le vendite nei supermercati sono in calo, così come le vendite online. I greci sono aridi. Apriamo a dicembre”. L’autunno e i suoi colori.

(…)

Tuttavia, la vita, che è principalmente sociale, deve mantenere il minimo della sua dignità, a qualsiasi costo. Gli ateniesi escono appena possono, camminano e chiacchierano volentieri alla prima occasione, anche brevemente. Ed è anche un’occasione per osservare ciò che li circonda, la città e i suoi edifici, le foreste vicine e persino gli animali.

(…)

“Sì, l’altro giorno Mitsotákis, parlando davanti alle telecamere, aveva tenuto sulla sua scrivania il libro -Il Grande Reset- di Klaus Schwab e Thierry Malleret, perché tutti lo potessero vedere. (…) Non sta andando bene… amici, lo sento”, programma pomeridiano in prima serata, radio 94.3 FM del 19 novembre, citato a memoria.

(…)

La crisi è la guerra. (…) non si può dimenticare l’abrogazione di fatto della missione dell’ospedale pubblico, ovvero fornire e assistere nell’emergenza e nell’assistenza permanente dei pazienti. “D’ora in poi, nel nostro ospedale non funziona più niente, se non la cura dei pazienti con COVID-19, tutti gli altri devono rivolgersi a strutture private… se possono sostenerne il costo. (…) le conseguenze di questa situazione sono catastrofiche”, radio 94.3 FM, 20 novembre 2020, mattino.

Altrove, in Francia o in Belgio, per esempio, la situazione non è molto migliore.

(…)


Da “L’ultima dignità” – Domenica 22 novembre 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

(…) l’altro giorno Mitsotákis, il primo ministro (…) parlando davanti alle telecamere, aveva apparentemente conservato sulla sua scrivania il libro “The Great Reset” di Klaus Schwab e Thierry Malleret, perché tutti potessero vederlo. Direi addirittura che i nostri burattini politici si comportano così, perché da poveri scolari, devono mostrare costantemente ai loro insegnanti che stanno studiando e che soprattutto… hanno assimilato bene la lezione, altrimenti saranno senza dubbio puniti.

 

Mitsotákis e il libro “Il Grande Reset”. Stampa greca, novembre 2020

(…) Il “Grande Riavvio” è ancora in corso. Il nostro. La politica dell’immigrazione sta già facendo passi da gigante quando sulle isole e nella Grecia continentale si stanno costruendo nuovi campi cittadini per i coloni musulmani, finanziati al 100% dalla Commissione Europea.

Poi, le turbine eoliche tedesche che gli abitanti non vogliono vedere nelle Cicladi sono attualmente in fase di installazione, ad esempio a Tínos dove le betoniere sono poi scortate e protette dalla polizia pretoriana. Senza dimenticare, infine, la trasformazione imposta di buona parte delle coste greche in una… la grande industria della piscicoltura(…) da Atene il neurochirurgo Panagiótis Papanikoláou ha avuto voce, e lo comunica anche attraverso il suo tweeter, che negli ospedali pubblici di Atene si stanno preparando segretamente delle stanze per la terapia intensiva, riservate esclusivamente ai potenziali pazienti VIP.

(…)


Da “Simboli di libertà” – Mercoledì 25 novembre 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

C’è stato un tempo in questo paese in cui l’auto era un simbolo di libertà e di successo. (…) Certo, la cattiva influenza stagionale circolava… (c’è bisogno di dirlo?) ovunque, portando via purtroppo la parte più vecchia e fragile della popolazione, salvo che nessuno pensava di imporre un regime confinario e ancor meno di limitare il traffico. (…)

Sessant’anni dopo, le strade della Grecia sono certamente migliorate… prima che il traffico diventasse di nuovo più fluido, a causa dello scoppio forzato e forzato dell’unica bolla del capitalismo… presumibilmente popolare. Il regime confinario lo ha attraversato; inoltre, come sappiamo, è solo una tappa del “Grande Reset”.

(…) In ogni caso, per ora, la pesca, la caccia, l’arrampicata e lo sci sono proibiti, (…) . E’ comunque possibile prendere i sentieri segnalati nelle vicine montagne e togliersi la maschera… “nell’ambito di una pratica sportiva esclusivamente individuale”.

 

Questi maltusiani non si fermeranno così facilmente e nel frattempo la polizia pretoriana sta multando i “cospiratori” che partecipano a messe “clandestine” come a Chalkidikí, dove i fedeli e il loro Pope sono stati denunciati da alcuni sirizisti; il risultato: due arresti, tre feriti e multe. Un altro punto culminante della polizia è stato l’arresto di una manciata di bambini che giocavano a basket a Tríkala, in Tessaglia. I bambini… sono stati multati per 300 euro.

E a Salonicco, gli agenti di polizia sono stati picchiati quando hanno cercato di arrestare un gruppo di giovani che giocavano a basket; non appena sono arrivati i rinforzi della polizia, i giovani sono stati arrestati. (…)

È solo nel centro di Atene, nei quartieri islamici della città, che la polizia non controlla molte persone. Secondo un’indagine di intelligence che la stampa ha appena pubblicato questa settimana, per quanto riguarda il comune di Atene, gli immigrati, soprattutto musulmani, rappresentano già il 25% della sua popolazione, superando addirittura il 50% in alcuni distretti. Di conseguenza, in questi… territori colonizzati, i negozi rimangono aperti per la maggior parte del tempo, così come la moschea, che è stata inaugurata, va detto, solo due settimane fa. (…)

 

Nel frattempo, l’uomo comune che siamo, si dedica a questioni più banali. Anche i giornalisti fanno domande. Possiamo finalmente confrontare il numero di morti per lo stesso periodo tra il 2020 e l’anno scorso? Sappiamo, ad esempio, che nel novembre 2019, in Grecia, per vari motivi, sono morte circa 120.000 persone, e che in media ci sono 300 morti al giorno in tempi normali. Dobbiamo includere gli attuali 100 decessi al giorno attribuiti al VIDOC-19 o dobbiamo aggiungerli? Sono domande logiche che i funzionari e i media mainstream evitano, e per una buona ragione.

(…)

Il risveglio degli umili sta avvenendo su Internet e la gente si sta ribellando un po’ ovunque, per deprogrammare il nuovo nazismo il più rapidamente possibile.


Da “Pecora bianca” – Domenica 29 novembre 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

In questi tempi di immobilizzazione, non siamo troppo abituati a vedere animali da fattoria in giro. Come le nostre pecore bianche, o pecore di una diversa tonalità di lana, che vediamo in tutta la campagna… (…) nelle vicinanze di Atene. Sono i degni portavoce dei mammiferi erbivori ruminanti; tutti degni e… vaccinati!

(…) Attualmente in Grecia, il vero dibattito, così come la peggiore propaganda, ruota attorno al futuro vaccino; (…) Secondo i sondaggi pubblicati dalla stampa tradizionale, quasi la metà dei greci (…) sono sospettosi, non dei vaccini in generale, perché siamo stati tutti vaccinati in passato e per una buona ragione, ma piuttosto di questo vaccino biotecnologico contro il COVID, quello che la casta degli attuali politici vuole assolutamente imporre se necessario con la forza, o se non con il ricatto. È già un affare di soldi; anche la stampa tradizionale, per esempio in Francia, lo sta finalmente ammettendo.

 

“L’amministratore delegato di Pfizer ha venduto azioni per un valore di 5,6 milioni di dollari subito dopo l’annuncio dei risultati di efficacia del suo vaccino. (…)” Sempre in Grecia come in Francia, c’è altrettanta riluttanza da parte di certi medici, diciamo ben posizionati. Thália, un mio amico medico di medicina generale di base ad Atene, dice la stessa cosa. “Mitsotákis e i suoi vogliono rendere obbligatoria la vaccinazione per il personale ospedaliero, ma non è scontato… avranno molte sorprese.

 

Così, Mitsotákis, da buon servitore (…) ha appena annunciato che “la vaccinazione che vogliamo molto massiccia, non sarà obbligatoria in Grecia”, tuttavia, ha detto, “chi si rifiuta di farlo, per esempio, rischia di non poter viaggiare in aereo”. (…)

 

Così…. [camminando] tra le nostre pecore, mi sono ricordato della conversazione che ho avuto con un allevatore di capre e pecore su un’isola del Mar Egeo. I vaccini erano già in uso, era il tempo… a causa del virus H1N1, intorno al 2009.

[l’allevatore mi disse] “Dal momento in cui abbiamo iniziato a vaccinare i nostri animali, la mortalità per malattia è certamente diminuita in modo significativo. Solo che, allo stesso tempo, i nostri animali a volte impazziscono. Hanno crisi tali da gettarsi nei calanchi, sembra che non sopportino più i vaccini”.

Pecora che abbiamo incontrato. Periferia di Atene, novembre 2020

“Ciò che mi ha colpito di più è che tra i nostri animali vaccinati non abbiamo più montoni veri. I maschi stanno diventando passivi, non si muovono nemmeno tanto. C’è stato un tempo, prima delle vaccinazioni, in ogni branco comparivano due o tre arieti veri e propri, questi animali erano più dinamici degli altri, più intelligenti e più indipendenti. (…) Capivano meglio il pastore e poi guidavano gli altri animali. Oggi non ci sono più leader. I nostri animali sono diventati tutti infelici”.

(…) Ci si chiede se, ad esempio, il declino della sessualità, così come della combattività dei greci, non sia un fattore che esprime lo stesso fenomeno che i nostri allevatori osservano nei loro animali. Perché sappiamo già che il controllo della sessualità, tra l’altro, è spesso legato al controllo, o addirittura al dominio, delle reazioni popolari.

(…) “Confinati da tutti i paesi, tenete duro, resistete e non dimenticate di fare l’amore” è quello che a volte si sente alla radio

(…)

PROMEMORIA AI NOSTRI LETTORI:

Il blog vive grazie alle vostre donazioni. Se ne avete i mezzi, sosteneteci. Grazie!

TRADUZIONE A CURA DI FRANZ-CVM

0 0 voti
Article Rating
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
danone
danone
7 Dicembre 2020 , 12:37 12:37

Grecia capta ferum victorem non cepit, autem in ano re-cepit.

VincenzoS1955
VincenzoS1955
Reply to  danone
7 Dicembre 2020 , 12:50 12:50

Autem ano/is re-cepit…

Maurizio
Maurizio
7 Dicembre 2020 , 15:36 15:36

Che dire…
Tutto il mondo è paese quando si parla di covid