Home / Attualità / Come nessun politico sa rispondere alla violenza fascista di Macerata
Luca Traini, 28 yeas old, arrested by Italian Carabinieri after shooting with a gun from a vehicle on passersby in the central Italian town of Macerata, 3 February 2018. Four persons injured. ANSA

Come nessun politico sa rispondere alla violenza fascista di Macerata

 

DI CHRISTIAN RAIMO

minimaetmoralia.it

Luca Traini, l’uomo che oggi ha provato a fare una strage razzista a Macerata, poteva essere benissimo uno dei centinaia di “cittadini indignati” che ogni giorno vengono intervistati in tv per “dare voce alla pancia del paese”. Poteva anche far parte di una delle interviste montate da Luca Miniero in Sono tornato, il film a metà tra fantapolitica e documentario sull’immaginario ritorno di Mussolini oggi, in mezzo ai vari italiani che biascicano che non ce la fanno più, che l’invasione è troppa, che blaterano di sostituzione etnica. Del resto il genere di verminaio razzista che ogni giorno nutrono leghisti e neofascisti in tv, in rete, a partire dai leader Matteo Salvini, Simone Di Stefano, Giorgia Meloni, non è così dissimile da quello che Traini alimentava e con cui si autocaricava, secondo le testimonianze, al bar o in palestra: che vanno fermati questi negri, con le buone o con le cattive, che vanno prese le armi, che vien voglia di fare una strage.

Traini è la conseguenza naturale di quest’educazione fascista di massa, quotidiana, spacciata per “racconto del reale”. E il suo gesto sarà utile, lo è già, ai fascisti e ai leghisti, o a chi con questo razzismo non solo flirta ma si è consacrato. Perché segna un punto più lontano sullo spettro, che indica “il razzismo estremo” di una linea di “scontro sociale” con cui si vuole ridefinire in ambito fascioleghista la legittimazione delle aggressione contro gli immigrati. Salvini o Meloni già si possono riposizionare (Salvini il giorno prima aveva invocato vendetta e repulisti contro i neri per l’omicidio della ragazza Pamela): poter sostenere che chiunque usa la violenza è un delinquente, e che questa tensione sociale è colpa della sinistra, che ha portato a questo grado di esasperazione. Ecco che, già pochi minuti dopo che si è saputo che per fortuna i ragazzi neri colpiti sono solo feriti, reindossano il vestito nuovo, “il razzismo moderato”, con cui potranno commentare la tentata strage di Macerata in tv nei prossimi giorni e lucrarci cornucopie di voti fino alle elezioni.

Del resto anche per Matteo Renzi, Silvio Berlusconi, Luigi di Maio basta rispostarsi, persino loro in una riconfigurazione nuova data da Luca Traini. Di Maio può dire: “Lancio un appello a tutti i leader dei partiti su quello che è successo a Macerata: stiamo in silenzio e non facciamo campagna elettorale sulla pelle della ragazza uccisa e dei feriti di oggi. Ho visto già che è partita la querelle tra i partiti politici, con accuse reciproche. Io faccio un appello alla sobrietà e al rispetto sia dei feriti di oggi sia della vittima di qualche giorno fa. Non è possibile che anche su una tragedia del genere si debba iniziare a fare la campagna elettorale”. Berlusconi: “Quanto è accaduto a Macerata sembra il gesto di uno squilibrato, che merita la più ferma condanna, ma che non può essere ricondotto a una lucida connotazione politica. Questo drammatico episodio richiama però ancora una volta l’attenzione sul problema della sicurezza nelle città, anche perché è serio il rischio che gravi episodi di cronaca alimentino tensioni e scontri sociali fino a degenerare in folli esplosioni di violenza come quella di oggi”. Renzi: “Dopo i fatti di Macerata, vorrei fare un appello a tutti, ma proprio a tutti, alla calma e alla responsabilità. L’uomo che ha sparato, colpendo sei coetanei di colore, è una persona squallida e folle. Ma lo Stato è più forte di lui. Quell’uomo si è candidato con la Lega Nord e oggi ha sparato anche alla sede del Pd di Macerata: verrebbe facile tenere alta la polemica verso chi ogni giorno alimenta l’odio contro di noi. Ma sarebbe un errore: è tempo di calma e di responsabilità, davvero”.

Nessuno si azzarda a parlare di razzismo o di fascismo. E questo dato non va preso soltanto per fetente cinismo elettorale. Né Renzi, né Di Maio, né Berlusconi riconoscono il fascismo odierno, e quindi immaginare che possano usare la categoria dell’antifascismo per reagire a questo episodio atroce, non rientra nelle possibilità. La campagna che un mesetto fa il Pd con Repubblica aveva provato a lanciare sull’antifascismo (la manifestazione a Como) era durata il tempo di una settimana: a Como erano riusciti a convocare quattro gatti, e – in mezzo agli accordi per spedire militari in Niger – si era spenta per disinteresse, e per l’evidenza che non portava voti. Mentre in città si fanno i banglatour a cercare i bengalesi da pestare a sangue, mentre in provincia si esce in macchina e si spara ai neri, è più utile battagliare sui braccialetti di Amazon o le buste di plastica da due cent.

Il paesaggio è già sconfortante visto così, ma è ancora più nero se si allarga il quadro. La verità più disarmante che viene da questa vicenda è che nessuno di questi politici, leader nazionali, dall’estrema destra alla sinistra, sa, saprebbe, vuole contrapporre all’idea di società che ha il terrorista Traini un’alternativa convincente. Il massimo che viene opposto è: una società con più controllo, con più sicurezza. Lo stesso Traini paradossalmente non scuoterebbe il capo.

Non si può però negare che la sua idea di mondo è più persuasiva, addirittura più seducente, pur nella sua distorsione paranoica: siamo immersi nella Paura, di fronte alla quale possiamo solo proteggerci avvolti con una bandiera dell’Italia, vittime e martiri di questa Grande Paura come i caduti del monumento accanto al quale, alla fine della tentata strage, l’hanno trovato le forze dell’ordine che l’hanno arrestato.

Se nessun politico si sforza di trovare un orizzonte diverso a quello che indica Traini, è chiaro che sarà lui, il suo incubo paranoico a vincere – a mani basse – le prossime elezioni.

 

Christian Raimo

Fonte: www.minimaetmoralia.it

Link: http://www.minimaetmoralia.it/wp/nessun-politico-sa-rispondere-alla-violenza-fascista-macerata/

4.02.2018

Pubblicato da Davide

96 Commenti

  1. Sbagliato trattare questo caso in modo politico . Si tratta di un demente in cura psichiatrica. L’immigrazione non deve essere incontrollata ma gestita. Ma questo è un altro discorso.

    • O anche ‘fermata’, dipende dai punti di vista. Anche perché l’opzione ‘gestire’ suona tanto di buon senso, ma di scarsa efficacia finora.

  2. Chi semina vento raccoglie tempesta.
    Questi sono i frutti della scellerata campagna del pupazzo globalista Soros, affiancato dai lecchini politicanti EU ma anche nostrani, penso alla Boldra e C.
    Vogliono per forza mescolarci, una massa amorfa e senza identità che ubbidisca tranquilla e basta, questo è il loro sogno da rettili.
    Poi c’è chi passa dalle parole ai fatti e spara, un fascio-leghista? contraddittoriamente avvolto nella bandiera italiana.
    Segno dei tempi di follia che stanno arrivando anche da noi, ve ne accorgerete quando vedrete i ragazzi in maschera,con le “tecniche” girare per strada, come già succede in mezzo mondo e anche a quattro passi da noi.

  3. Che nessun politico sappia rispondere ad atti del genere è naturale, visto che di politico hanno ben poco, essendo più che altro manifestazioni di follia. Aggiungiamoci che probabilmente si tratta di questioni troppo difficili da gestire per i politici nostrani attuali, visto che derivano da situazioni imposte da poteri ai quali la politica attuale si prostra senza particolare comprensione. Ciononostante ci sarà sempre qualche becero che ne farà oggetto di strumentalizzazione, in un senso o nell’altro.

  4. Devo essere sincero, non ho letto l’articolo, dopo tre righe mi sono fermato……..diciamo che di leggere il copia e incolla del pensiero unico, politicamente corretto…….comincio ad averne le palle piene………trattasi di “semplice” malato di mente, tra l’altro già in cura, che ha dato di testa………un pò di isolamento, in carcere, sarà sufficiente a guarirlo…….il giudice che lo processerà, saprà quanti anni servono per il recupero, tenendo pure presente che, il matto, neppure è un nazionalista ( un nazionalista non userebbe mai una Glok nella patria della Beretta)……episodii del genere sono già successi in passato e succederanno, purtroppo, ancora in futuro………..ciò che dalla vicenda dà il voltastomaco è il cinismo con cui media asserviti e politici senza costrutto,sfruttano l’episodio per depistare l’elettore, veicolarlo in sentieri più conosciuti dove si puote a piene mani attingere al copia e incolla……..
    Ad un mese della elezioni, le tribune elettorali non ci sono, non si capisce se per paura di perdere voti o per paura di acquisirne ed andare a governare……meglio non rischiare, parlare di migranti, lasciare tutto così come è……il conte Gentiloni, stranamente, nessuno lo attacca……quasi fosse scontato che sarà poi lui a distribuire il rancio, quindi meglio tenerselo buono e tirare a campare con le frasi fatte.

  5. Davvero come dice Chiesa ormai viviamo in Grand Theft Auto. Ma proprio per quello, di questi tempi, non mi sorprenderebbe che il pazzo omicida sia stato istigato dai soliti per orientare il discorso. Quindi il tema di queste elezioni definitivamente sarà la violenza fascista, tema molto importante, ma marginale in confronto alla pauperizzazione della classe media occidentale, e alla perdita progressiva dei diritti acquisiti.

  6. L’analisi di un fatto in “occidente” lascia sempre a desiderare. Alcuni dicono “è un pazzo” sperando così di cavarsela a buon mercato. Ma perché è pazzo? Tu devi spiegare… Ma non ce la fai… Questo è il problema dell’occidente…. Le cose accadono ma nessuno le sa descrivere…. E tutto resta indefinito, vago, incatturabile…

    • Un pazzo è una persona pericolosa pet s’e e per agli altri . Ora, chiaro che senza sparare a casaccio si possono fare molti più danni. Tuttavia bisogna avere la forza di resistere e cambiare le cose senza usare la violenza fisica, ma sopratutto psicologica. Non ne sono capaci nemmeno le anime belle che ci governano dall’alto , che quanto a violenza psicologica non hanno nulla da imparare.

      • Volevo solo dire che “L’occidente” che si vanta di essere “illuminista”, è del tutto preda di moti irrazionali! Non è strano che questo accade nel luogo più illuminista della terra? Ma c’è un motivo, e il motivo è che questo illuminismo è falso. È solo la verniciatura dei moti irrazionari che covano. E che l’illuminista non sa affrontare né conoscere, perché non gli riesce e non ne ha voglia. Ma poi quando esplodono…. Si usano parole di circostanza… Certo, I politici non sono capaci, ma nessuno è capace…

  7. verrà il giorno che qualcuno lo chiamerà eroe, questo “pazzo” giustiziatore,
    ma episodi del genere ve ne saranno molti, anche troppi se non diamo un segnale forte che va rimesso tutto in discussione,

    gli “immigrati clandestini” vanno non solo controllati ma espulsi, i lavoratori vanno salvaguardati, i disoccupati aiutati e non ultimo,
    questo governo va smantellato e messo in piedi qualcosa che assomigli alla Legalità.
    la gente non ne può più e si stanno vedendo i risultati.
    votare non serve se non abbiamo un ricambio di Politici con la P maiuscola.
    e non ne vedo all’orizzonte. tempi grami… saluti. t l

  8. Cit.(Salvini il giorno prima aveva invocato vendetta e repulisti contro i neri per l’omicidio della ragazza Pamela)

    Guarda che Salvini non ce l’ha contro i neri, ma contro i negri! Cominciamo a dire le cose chiaramente …

  9. Ma…a parte il rispetto umano per il disgraziato Piero di tutte le guerre (cit. “la guerra di Piero” di De andre), a quali caduti si riferiva di preciso il nostro “eroe” (sto scherzando ovviamente, come milioni di persone, ridacchiando, chiamano questo criminale oggi).

    Saranno questi qua?

    ETIOPIA 1937:
    IL MASSACRO DIMENTICATO
    http://win.storiain.net/arret/num146/artic5.asp

    Oppure questi?

    Le armi chimiche in Etiopia
    e l’ammissione di Montanelli
    http://www.corriere.it/extra-per-voi/2016/04/02/armi-chimiche-etiopia-l-ammissione-montanelli-54d37986-f8fc-11e5-b97f-6d5a0a6f6065.shtml?refresh_ce-cp

    Altri?

    https://it.wikipedia.org/wiki/Campagna_di_Libia_(1913-1921)

    oppure…

    http://www.ilpost.it/2016/07/10/la-volta-che-abbiamo-invaso-la-russia/

    in generale?

    https://it.wikipedia.org/wiki/Crimini_di_guerra_italiani

    A quali caduti il criminale si inchina?

    Se fosse ai milioni di “Piero” di tutte le guerre sarebbe un bel gesto, ma da pistolero improvvisato che ce l’ ha duro, non si direbbe.Non gli hanno dato la medaglietta (tipo muckly) da piccolino. Povero

  10. Non vale la pena commentare un simile ammasso di scemenze. Una breve riflessione invece su come sia caduta in basso la sinistra e i media che controlla.
    Dopo essersi venduta al grande capitale finanziario, aver abbandonato gli interessi di coloro che aveva promesso di difendere, aver svenduto con le privatizzazioni quello che rimaneva di industrie e know how in questa penisola, si è ritrovata con una sola ideologia da portare avanti : l’immigrazione e l’antirazzismo. E questa viene difesa con le unghie e con i denti anche a costo di diventare loro razzisti , razzisti contro gli italiani.
    Il codazzo di scribacchini poi, che nascondono il più possibile il fatto che l’omicida della ragazza, squartata come un animale, sia africano, il fatto che africani siano gli spacciatori in molte città italiane (e non ) e che strillano ora con i titoli alla violenza razzista, sono la degna cornice di un movimento politico già sepolto che ormai sta cercando di portare con se, sottoterra, l’intero Paese.

  11. puro e semplice episodio,di distrazione di massa!

    • Esatto. Psyop al momento giusto e nel momento giusto. Per giunta di sabato così il fine settimana si è potuto riempire di ottimo massaggio cerebrale per le masse che stanno a casa davanti alla TV. Pallone e urla antifasciste, ma tutto per un ragazzo problematico e squilibrato che ha compiuto un gesto insano e criminale.

    • Eh si. Mi sorprende che nessuno indaghi.

  12. Tho! Che coincidenze ….
    C’è qualcuno che ha bisogno del fascismo per vincere le elezioni …. Ed eccolo che arriva puntuale.
    Un ragazzo con problemi psichici, ma con patente e porto d’armi, migliaia di persone fatte arrivare in Iitalia e abbandonate a loro stesse, senza soldi ne lavoro.
    E chi ha creato questa situazione vorrebbe continuare così?

    Ps: ma all’inizio non si parlava di due persone nell’auto?

    • Quella delle due persone mi è sfuggita, comunque tra psyop e MKUltra, magari “evoluto”, possiamo attenderci di tutto.

      • Mah, avrò capito male.
        L’avvocato del tizio ha dichiarato che “in quei momenti era incapace di intendere e di volere”.
        Non si è parlato ancora di droghe, mi pare.

  13. Però è davvero sorprendente! Non credo di aver letto commento alcuno che maledica gli schifosissimi americanacci del cazzo, criminali geneticamente modificati, ai quali è imputabile lo schifo attuale! Ovviamente supportati, i mascalzoni usa e getta, da complici e servili paesacci da decimo mondo pomposamente definiti ”europei”!! Vi possa divorare un cancro doloroso e incurabile!!!

  14. Sempre sotto elezioni escono questi “pazzi”.

    E se certi crimini non venissero subito politicizzati ad uso e consumo di una parte politica in oggettiva difficoltà per tutte le decisioni contrarie al sentire comune che ha preso, forse si potrebbe credere al caso.

    Ma quando subito appaiono articoli di pura propaganda all’odio di chi la pensa diversamente, accomunando i critici di queste politiche, che sono l’assoluta maggioranza del paese, ad un criminale che nulla ha in comune con loro, beh, allora è difficile credere nella buona fede di chi scrive.

  15. insopportabili questi fasisti…. quasi quanto questi figli di boldrini.. AAAHHHH…

  16. Io da persona di sinistra quale sono e sarò per sempre riesco a comprendere chi non riesce più a sopportare l’ingiustizia di questa società che sta col fiato sul collo a onesti lavoratori italiani che si barcamenano per portare un salario a casa pagando le tasse dovute ma tollera chi vive di espedienti vendendo morte e praticando quotidianamente violenza solo perché straniero. È questa disparità che ha radici nel cattocomunismo che sta dando fiato alla rinascita del fascismo.

    • Holodoc la decenza, l’onore, la moralità non hanno collocazione geografica! Sono una ricchezza individuale che prescinde da partiti, in primis italioti, da collocazioni dettate più da interessi personali anzichè dall’onore! Un caso, un esempio su tutti: Gennaro Migliore da Rifondazione Comunista al PD!! Uno sconcio scandaloso inaudito! Una bruttura indicibile! Da noi, in questo lupanare, in questo postribolo, in questa cloaca sconcia e verminosa chiamata italia l’onore, la dignità, la serietà non trovano non hanno albergo!Non sarebbe nostro imperativo categorico di assoluta primaria importanza ripulire il paese con ogni mezzo disponibile?????

    • Benché si possa senz’altro essere d’accordo con quanto tu dici, non è un argomento sufficiente e valido contro l’immigrazione inammissibile, il fatto che un negro possa aver ucciso una ragazza in modo efferato. Ciò per il semplice fatto che ogni giorno un sacco di italiani fanno cose anche peggiori, tipo stragi in famiglia e quant’altro. Dovremmo evitare confronti di questo genere e trattare l’argomento per quello che è, avere il coraggio politico di dire che una immigrazione incontrollata va contro gli interessi del popolo italiano per tanti motivi, ma non certo per singoli episodi. Se si riuscirà ad affrontare il problema con questa ottica, forse un giorno diventeremo un paese normale.

    • Da persona di sinistra apostrofi come fasciste le posizioni di chi semplicemente si è rotto il caxxo. A sinistra nessuno mai si rompe il caxxo??

    • Bravo. Una volta la sinistra cercava di far sì che anche coloro che facevano i lavori più umili avessero uno stipendio adeguato a metter su famiglia e magari poter comprare anche una casa. Oggi è connivente con quelle forze, o poteri, che vogliono far entrare milioni di persone per aver a disposizione milioni di braccia a basso prezzo e quindi obbligare anche i lavoratori e i giovani autoctoni ad accettari lavori precari e bassi salari. Si sgolano solo per i nuovi diritti, dalle unioni omo- al’utero in affitto, alla teoria gender. Per colmo i sinistri di oggi accusano di fascismo, razzismo, xenofobia, populismo etc quelli che vogliono difendere invece quelle conquiste che appunto una volta erano appannaggio della sinistra.

  17. Però! Che strano episodio che stranissimo evento! ”Servizi” at work?? E si perchè dovrebbero saperlo tutti anche i sassi ma anche i tassi che, sotto ogni moltiplicazione c’è una goccia di sangue di anatra! Valpreda, Pinelli nulla hanno insegnato al beota, decerebrato,distratto, slotappassionato, calciofilo, puttaniere italiota classico, nefando esempio di esistenza dissipata e decomposta? Prove ”tecniche di trasmissione” in corso d’opera, BOCCALONI!!!!! SVEGLIA BABBEI!!!!!!!

  18. “che blaterano di sostituzione etnica”. Qui mi sono fermato a leggere.
    Evidentemente chi scrive non ha mai sentito nominare il “Piano Kalergi”.
    O forse, semplicemente, è un beneficiario delle briciole che il buon Soros elargisce in giro per il mondo attraverso le sue munifiche ong.

  19. Luca Traini è il fascista perfetto (…per le sinistre).
    L’uomo che ha terrorizzato la città di Macerata, esplodendo colpi da un’auto in corsa verso tutte le persone di colore, nella stessa zona dove abitava quel nigeriano che ha seviziato la giovane Pamela per poi farla a pezzi e riporla in due valigie, è il fascista perfetto.

    È il fascista perfetto perché pare avesse alle spalle una candidatura alle comunali per la Lega di Salvini e dunque ha le stimmate per essere considerato tale.

    Quando poi è stato preso dalle forze dell’ordine, si è tolto il giubbotto, si è messo sulle spalle una bandiera italiana e ha ostentato il saluto romano dai gradini del monumento collocato nella piazza del paese. Cosa volete di più?

    Sì, Luca Traini è il fascista perfetto nella basica e fanciullesca suddivisione del mondo e degli uomini da parte delle Boldrine e dei Fiano. Fanciullesca ma non ingenua. Quale infatti migliore sintesi del male, della propaganda razzista, del nostalgismo imperante, della figura reale di uno che spara all’impazzata contro gli africani? Quale migliore simbologia per testimoniare la ‘bontà’ di quanto va dicendo il deputato Emanuele Fiano sui rigurgiti neofascisti? Quale liturgia sarebbe stata superiore e più accattivante per ridestare certa estetica? Quale miglior fantoccio da apporre nella cosmogonia democratico-progressista che sempre si fonda su fratture di tipo manicheo.

    Un bianco che spara ai neri, già candidato con la Lega e che, nel momento dell’arresto, si avvolge col tricolore e fa il saluto romano, è il compendio visivo di tutto quanto detto in questi ultimi mesi. È la chiusura del cerchio; la dimostrazione che punire apologia e propaganda è solo il minimo che si possa fare, la premessa per un impianto legislativo ancora tutto da costruire e quindi ai primordi.

    Da questo punto di vista (dal loro punto di vista) la questione è risolta. La tipologia del nero (il ‘fascista’, non il ‘nigeriano’) collima ampiamente con quella che frulla nella testa dei progressisti nostrani e fornisce prove che i problemi sociali siano alimentati da uno schieramento politico-culturale che artatamente alimenta la fiammella dell’intolleranza. Non esistono problematiche di tali dimensioni e pervasività sociale, oppure esistono ma in misura circoscritta, mentre sarebbero esclusiva colpa dei deliranti strepitii delle varie destre e il rivoltante livello demagogico ad alzare l’asticella.

    E perciò Luca Traini, oltre al fatto criminale in sé, all’idea folle e insulsa di punire una intera etnia, all’aver messo in pericolo la vita di decine di innocenti e aver spaventato a morte una intera comunità, ha completato l’opera con una liturgia simbolica che, nei prossimi giorni, diventerà solluchero per molti subdoli opinionisti i quali non vedevano l’ora di farci ripiombare al clima degli anni Settanta mediante la solita caccia alle streghe generalizzata. E allora, non più solo il fascista ipotetico o reale, ma il leghista, il destrista, il conservatore e anche tutti coloro che hanno una visione ed una idea dell’immigrazione molto lontana da quella ecumenica e fondata sull’accoglienza deregolamentata, saranno messi all’indice e intimati al silenzio. Pena l’accusa di istigazione al crimine.

    Nel nostro Paese, il dibattito sul fenomeno migratorio è penoso di per sé e si connota di schematismi a volte reali, quasi sempre invece pretestuosi e utili alla propaganda dell’una e dell’altra parte. Mai duramente articolato e complesso rispetto ad una realtà contemporanea che è, invece, complicata e satura di contraddizioni. Ora che si è però materializzato il fascista perfetto nella figura di questo Luca Traini, nelle menti dei progressisti nostrani scatterà la libido del trofeo da mostrare; il giocattolo da esibire ogni qual volta un interlocutore mostrerà con la dovuta asprezza le sue posizioni nette sul tema dell’immigrazione.

    Luigi Iannone
    http://blog.ilgiornale.it/…/02/04/traini-il-fascista-perfe…/

    • Condivido caro E. però ho un dubbio, una curiosità incontenibili: ma la polizia, prima di procedere all’arresto, di fronte al saluto fascista ed al tricolore, avrà risposto con il medesimo saluto? E si perchè lo sappiamo che la ”nostrana” polizia ha sempre un debole per il ”ventennio”! Ciao!!

    • beh?
      dove è finito il mio commento?
      non mi pare di aver offeso nessuno…
      come mai mi hanno censurato?

    • ….

      io resto della mia idea.

      una somma dà sempre lo stesso risultato,indipendentemente da come guardi i numeri o da come li disponi.
      la società multirazziale,dovunque è stata tentata…
      non ha fatto altro che portare tensioni sociali fortissime,
      impoverimento economico,
      sfruttamento,
      e non di rado,morti e sangue.
      ed è scomoda…
      scomoda per la popolazione
      autoctona,e scomoda
      anche per le etnie immigrate,
      che si ritrovano in un substrato che diventa sempre più ostile quanto più si sente
      aggredito in casa propria.
      ora,se la cosa fosse stata gestita strabenissimo…
      con quote di immigrati ridotte e diluite
      nell’arco di cinquanta o cento anni,
      probabilmente saremmo riusciti a
      mescolarci senza crisi di rigetto,
      ma l’imbecillità,l’avidita
      e la mancanza di scrupoli e di pianificazione delle elite
      sta innescando una bomba che ci scoppierà
      tra le mani entro pochi anni, non ci vuole molto a vederlo:

      i fatti di macerata,come pure recenti aggressioni ad immigrati
      stigmatizzati da tutti i media come odio razziale sono solo i primi sussulti…
      ma se adesso arriverà la risposta sbagliata,
      cioè se “pomperanno” sul razzismo
      e sulla censura,
      senza cercare di togliere di mezzo le cause che provocano
      il rigetto,
      è facile che le cose scappino di mano.
      è troppo facile urlare “fascismo,fascismo!”
      e non andare mai a vedere le radici dei problemi….
      e la radice è che quasi nessuno in italia accetta questa immigrazione selvaggia e
      questo diffuso senso di insicurezza,causato da una politica e da una
      magistratura che tiene conto delle proprie ideologie piuttosto che di
      quello che vogliono i cittadini.
      e non che essi manchino di farlo sapere,eh?
      ma ogni lamentela,ogni dissenso,
      ogni gesto di intolleranza

      è ostacolato,censurato e
      impedito sui media,”manu militari”
      o per vie legali…
      in ogni modo:
      così il messaggio che passa è:

      L’ITALIA VA COSI’:
      ….come vogliamo noi.
      e se non sei d’accordo sei uno spostato,
      un ignorante,
      un fascista,
      razzista,
      ecc
      ecc.
      un rifiuto della società,in sostanza:

      perchè NOI sappiamo cosa è meglio…
      perchè NOI siamo depositari assoluti della giustizia,della verità,della morale.
      perchè NOI siamo noi… e voi che non la pensate come noi,non siete un cazzo.

      luca traini non è del tutto equilibrato,su questo non ci piove.
      ma è comunque una chiara espressione di un disagio profondo
      che non trova una rappresentanza nelle istituzioni,
      e che è condiviso da una larga parte della popolazione
      cosidetta silenziosa….
      ma non lo sarà per molto,ancora.

      infatti perfino io che tiro sul centro
      e spesso condivido posizioni di sinistra,
      ho deciso che alle prossime elezioni voterò la destra estrema…
      quella più sovranista che riesco a trovare,
      perchè la visione del mondo
      di kalergi..delle multinazionali,
      della finanza e delle elite occidentali attuali mi fa profondamente schifo.

      detto questo,lascio anche
      un piccolo consiglio…gratuito,e
      dedicato a tutti coloro che leggeranno e immagino, riporteranno a chi di dovere:

      in tempi di crisi,non è una buona idea cercare di sopprimere il dissenso.
      perchè come ogni uomo di buon senso sa,
      è quando tacciono le parole che le cose si fanno DAVVERO pericolose:
      perchè un politico,un sindacalista di livello,
      un magnate della finanza….
      per un verso o per l’altro,
      governa.
      ed è in una posizione di potere,da cui influisce pesantemente nella vita della gente….
      è quanto meno stupido pretendere un rispetto cristallino da parte di coloro che si sentono
      danneggiati dalle decisioni che prendete,no?

      quindi se poi dalla vostra posizione di potere
      (boldrini docet,ma non solo)
      impedite alla gente ogni possibilità di cercare di cambiare le cose
      per via democratica..
      e di sfogarsi,di discutere…a volte anche di insultare,
      alle persone resta SOLO la violenza.

      capite cosa vi sto dicendo?
      se non date rispetto alla gente…se non considerate la loro volontà
      anche quella di coloro che non la pensano come voi,
      va a finire che dan fuori di matto e il rispetto e la considerazione
      se li prendono a forza.
      volete che si arrivi a questo?
      perchè ci arriverete,e anche presto se andate avanti così.

      non sottovalutate quello che dico:
      la storia insegna che NON esistono modi di proteggersi,
      quando il tuo stesso popolo comincia a considerarti come un nemico:
      perchè se anche non riescono ad arrivare a te,
      perchè sei troppo blindato di leggi,di avvocati
      di scorte,di portierato…
      il modo di farti del male lo trovano comunque.

      breivik è stato un segnale chiarissimo,al riguardo…
      mi sembra strano che non ve ne ricordate.

  20. @ Traini è la conseguenza naturale di quest’educazione fascista di massa, quotidiana, spacciata per “racconto del reale”.
    E chi ha scritto il post è la conseguenza naturale di chi vive e lavora in regime di assenza di concorrenza: come qualche mio vecchio compagno di scuola , oggi piddino e assessore regionale. Buoni stipendi, taxi o auto blu per spostarsi, attico panoramico da oltre 1 milione di euro… Quando si vedranno i soldi usati per i migranti, utilizzati invece per gli italiani, quando chi ha rubato il tablet ai soccorritori, non solo arrestato ma espulso accompagnandolo in aeroporto e caricato dentro l’aereo, quando chi ha il foglio di via verrà mandato davvero via, quando chi fugge dalla guerra e viene in Italia farà sapere che sta organizzando “la resistenza perché vuole combattere per il proprio paese e tornare a casa propria” e per farlo anzi chiede pure aiuto (dove sono i compagni che lo accompagneranno e sosterranno davanti all’ambasciata del suo paese?), quando i soldi per restaurare e riadattare caserme ed edifici pubblici verranno usati per consegnare case a italiani in difficoltà (e dopo averle liberate dagli occupanti abusivi ed eliminato il racket), forse e aggiungo forse, l’immigrato, se non clandestino e prepotente, verrà visto con occhi diversi da chi vede applicate tutti i giorni due pesi e due misure.

  21. La semplicioneria di questo articolo e le soluzioni banali a equazioni complesse sono il livello di di attito politico in questo paese. I veri fascisti non sono quelli col busto di Mussolini sulla credenza, che, semmai, fanno tenerezza, i veri fascisti parlano di blockchain e pagano 800 euro al mese uno schiavo laureato al mcdonald. Ho schifo di queste strumentalizzazioni.

  22. Condivido la visione di alcuni, é una operazione programmata, l’esecutore é una delle vittime.
    L’azione mira a diversi obiettivi, tra cui l’orientamento del risultato elettorale, ma soprattutto ad evitare che la gente arrivi a capire che sono ben altri, gli stranieri pericolosi.

    • Sopratutto da da pensare che l’omicidio della povera ragazza sia stato accompagnato da resezione di organi interni fatti professionalmente: è evidente si tratti di opera di professionisti che, e qui è ancora piu’ importante, replicano quanto avvenne colle vittime del ‘mostro di Firenze’. Insomma, delitti a scopo SACRIFICALE. Adesso quello che ha fatto il ‘bianco’ sta lentamente facendo scomparire la gravità di quello che hanno fatto a quella povera ragazza i ‘neri’.
      Dopo le soap operas americane e tutta la loro pattumiera media/infortaintment/music sitamo importando anche il conflitto razziale….( ma si potrà qualificarlo cosi’ o dobbiamo chiedere il permesso ? ).

  23. In qualsiasi altro paese (non devastato psichicamente dai sensi di colpa della sinistra),qiundi non occidentale, una tale discrepanza fra violenze subite tutti i santi giorni da parte degli ospitanti rispetto agli ospitati avrebbe scatenato violenze ben maggiori e da parecchio tempo.
    Un apache uccideva per moooooooooooolto meno! ( anche loro fascisti! )

  24. Ma c’è davvero bisogno di certi articoli su CDC? Non bastano Repubblica, Corriere, Tg vari e tutto il resto?

  25. cade proprio a fagiolo questo Traini! Guarda caso si mette a sparare a casaccio, nello stile ammerecano, proprio a ridosso delle elezioni …oltretutto dicono che fosse un leghista almeno fino a qualche anno fa.
    Una zuppa succulenta in cui ora gli “antifascisti” di regime possono inzuppare il pane.
    E proprio per questo, credo che ci si debba domandare se per caso dietro questo Trani non ci sia stato qualcuno a muovere
    Nessuno di questi nuovi “antifascisti” di regime collega il fatto di questo Traini a quello immediatamente precedente della mattanza fatta dal nigeriano sul corpo di quella ragazza lasciata sul bordo di una strada come un sacco di immondizia! Invece agli “antifascisti” di regime e a quel saviano, eletto a rappresentante della morale antifascista, interessa solo lanciare accuse di razzismo-fascista al Salvini della Lega.
    Insomma, secondo i vari e veri fascisti in doppio petto che ammorbano la politica italiana d’ogg,i chi denuncia il fenomeno immigrazionista di per sé è un fascista-razzista che semina odio!
    Bisogna acclamare

    • Ma infatti!
      A parte questo signore ai “minimi morali”, ovviamente anche certi politici sono lì felici e contenti a inzuppare il pane (ma è giusto, è il loro mestiere…)

      Non ho sentito nessuna conferenza stampa di Minniti per il fatto di due giorni prima, sempre nello stesso posto (sì, c’entra, in quanto l’assassino era immigrato irregolare, con permesso scaduto, impiego spacciatore, quindi proprio di competenza di Minniti- o no?)

  26. Non può raccogliere niente un articolo del genere: chi serve? Cosa serve? Se da una parte appare tutto teso a difendere i diritti degli immigrati, in verità ne è la radice stessa dell’offesa umana più repellente. A me sinceramente della politica fascista italiana importa fino a un certo punto perché senza mal contento non è semplicemente sfruttabile politicamente. Per ciò mi sta molto, ma molto più indigeribile quella pelosamente neutra e centrista dei falsi e traditori alla Renzi o Berlusconi. Perché se è vero che il problema dell’imigrazione non è gestito per niente bene, è ancora più vero che lo sfruttamento mediatico bieco della cronaca nera a fini politici ed elettorali è sempre stato un cavallo di battaglia strumentalizzato. Non c’è nemmeno bisogno di creare l’evento, come invece è stato fatto con i bambini morti e spiaggiati, basta aspettare. Non si capisce quindi se oggi fa più schifo la notizia e il notiziario, commenti acrimosi come questo o il fatto di cronaca. Tutto pur di non creare quella sinergia tra sfruttati e sfruttatori: dalle differenze religiose a quelle culturali, dallo sfrtuttamento della manodopera (neo-schiavismo) anche specializzata (ma lucrosa dato che il business è per i nuovi schiavi africani) alla sapiente separazione tra vantaggi e appalti, il ventre molle del pantano criminale italiano ribolle di nuova solidarietà e il volto non può che essere quello politico peggiore

    Però però, c’è anche da dire che prima nel neo-schiavismo l’affare migliore si faceva con l’eco-mafia e prima ancora con lo spaccio ovviamente a danno maggiore dei residenti. Niente ci dice che tutte e tre possano essere mescolati insieme, ma almeno finché tira il mercato neo-schivista si investirà meno negli altri due: le risorse impiegabili per mantenere certi traffici non sono comunque infinite (per fortuna). Il che significa che il tormentone criminale presserà un po’ meno gli italioti per qualche tempo. Non so se esserene contento, di sicuro questo alimenterà un sottobosco di connivenze in tutte le sponde del mediterraneo. Quali esiti futuri genererà tutto questo è davvero arduo prevederlo. Tuttavia sproloquiare di orientamenti politici per giustificare fatti di cronaca in un mondo di notizie altamente manipolate e manipolabili, senza una rigorosa analisi delle fonti,.dei contesti e dei fatti storici probabilmente connessi, oggi è puro concime dato al venitlatore, da ignorare o al massimo schifare.

  27. “Ci sarà anche qualche cretino ….”
    Eppure ricordo che di cretini, qualche decennio fa, a sinistra ce n’erano tantissimi, praticamente tutti.
    Termini come “strage di Stato” “servizi deviati” “la p2” etc facevano parte del vocabolario della sinistra italiana.
    Nell’articolo si rimpiange il vecchio stile, ma a vedere come liquida la questione psyop, è proprio lui che è più nuovo che non si può.

    • Erano tempi diversi, quelli della strategia della tensione, la gente era, se non consapevole, di sicuro molto più partecipativa a livello ideologico e politico. I “servizi” dovevano lavorare molto sul campo, sporcarsi le mani, infiltrare ecc. Oggi, benché i metodi tuttosommato siano sempre gli stessi, si ottengono risultati simili con meno sforzo. Il clima generale, quello richiamato come prodotto della “putrescente società liberista e liberale”, favorisce senza particolari aiuti le azioni di soggetti borderline come questo tizio.

      • Può darsi, ciò che non favoriscono sono sicuramente le coincidenze.
        Ogni qualvolta succeda un fatto grave di cronaca che riguarda gli immigrati clandestini, dopo qualche giorno ne succede un altro dove sono vittime o comunque si ribalta la situazione.
        Dagli annegamenti di massa, fino ai caramba molestatori e al giustiziere solitario, che mi ricorda tanto quello che “assaltò” montecitorio.

  28. e sulla “risorsa” che ha fatto a pezzi quella poveretta un paio di giorni fa non si sta già più parlando; eppure mi sembra che la politica dovrebbe dare molte spiegazioni sul caso, molte di più di quelle che ci si aspetta per un caso di demenza evidente.
    Infatti pare che la “risorsa” pare stesse praticando un rito proprio sua religione, rito che prevede l’eviscerazione della vittima; mi pare che nessuno abbia chiesto un commento al Pampero I°.

  29. Non sarebbe piú facile applicare, puntigliosamente, le leggi correnti? Il nigeriano assassino sarebbe stato espulso (o incarcerato), i ragazzi indocumentati e “vittime”, sarebbero stati espulsi o incarcerati in attesa di espulsione, il (tentato) assassino italiano verrebbe (verrá) processato.
    Peró, applicando le leggi, una ragazza non sarebbe morta, vari ragazzi di colore non sarebbero stati feriti e un ragazzo italiano, probabilmente con problemi mentali, non sarebbe stato spinto a commettere un gesto incredibile.

  30. “Antifascismo necessario quindi, ma quale? Ce ne sono almeno due, uno può
    vincere, l’altro destinato a farci perdere. Per capire quali essi siano
    si guardi questo breve filmato sulla mobilitazione avvenuta ieri a
    Genova. Una grande e combattiva
    manifestazione indetta per protestare contro il crimine di Macerata.”

    Quale?

  31. Che articolo da “pensiero unico” con un ragionamento perdente, ma non perdente dopo una sconfitta, bensì perche già a 90°, per evitare ai padroni anche la fatica di piegarci.
    E’ ovvio che un gesto di violenza va sempre condannato, è il gesto di uno squilibrato, ma se lo si ascrive a Salvini, Di Stefano e Meloni, allo stesso modo tutti i reati commessi da immigrati: stupri, furti, omicidi vanno ascritti a chi li ha voluti qui, che si chiamino Boldrini, Bonino o Bergoglio. Ci arriverebbe anche un bambino a capire che portando i tuoi concittadini alla fame e accogliendo i nuovi arrivati come degli eroi, che salveranno il nostro sistema pensionistico, oltre a portare i loro geni per i fans del meticciato, si crea malcontento. E il malcontento è razzista se va contro gli immigrati, mentre se viene da parte loro è una rivendicazione sempre giusta, sia che si tratti di di rimostranze sul cibo, sulla mancanza del wi-fi, sui LORO soldi che vengono male impiegati. Le agenzie di mezzo mondo dicono che assieme ai profughi sono arrivati anche un certo numero di combattenti dell’ISIS, noi continuiamo a negare che ciò sia vero, a sparpagliarli bene, ma quando riusciranno a radunarsi avremo un esercito straniero già pronto in casa nostra. Poi compariranno come per magia i Kalashnikov e le bombe a mano, come in Svezia. A quel punto di chi sarà la colpa?

  32. gli sciacalli nostrani, in qualunque veste si presentino (politici, preti, giornalisti, pseudo intellettuali alla saviano) pur di portare acqua al loro mulino non provano imbarazzo a stravolgere ogni minimo senso della logica.
    Perciò se qualche nazistoide (magari anche opportunamente manovrato da qualche “servizio” interno o estero) si mette a sparare su dei migranti neri la colpa non è delle loro politiche sciagurate che alimentano l’immigrazione ma è dei fascisti-razzisti e, in particolare, dei salvini e della meloni..e che la logica vada a farsi fottere!

  33. Thomas Mair……Edgar Welch….Tartaglia…

  34. Le voci che girano da quelle parti indicano che l’autore e la ragazza fatta a pezzi si conoscevano,
    Ora immaginate una vostra amica, una vostra vicina, vostra sorella, moglie o figlia ridotta ad un tetris in valigia e poi analizzate il vostro stato d’animo.

    • I media hanno censurato/taciuto/ignorato/smentito questo aspetto. Pochi minuti fa a SKY un Ufficiale dei Carabinieri ha negato in modo assoluto e netto che Traini conoscesse Pamela. IN realtà su Repubblica ho sentito chiare affermazioni di una segretaria della Lega che parla di probabile conoscenza tra i due. L’intervista credo sia di ieri.

  35. Ragazzi: questo ha sbroccato, ma non lo vedete in faccia? Certo, se fossimo tutti un po’ più tranquilli, quelli che sbroccano avrebbero meno input per sbroccare…

    • Ipotizzando che la ragazza fatta a pezzi era una sua amica, sfido chiunque negli stessi panni a non sbroccare.

    • Comunque, dato per scontata la base un po’ “instabile” del soggeto, l’INPUT – come lo chiama lei – glielo ha dato lo SQUARTA-RAGAZZE-ANTROPOFAGO nigeriano. Per questo mi irrita un po’, se devo essere sicero, quel suo “fossimo tutti”.

  36. come sono avvenuti i fatti, sembra una scena di un film. una macchina nera che si aggira per le strade di Macerata, e dal dentro spara/sparano contro i neri e la sede di PD.

    Il sindaco Romano Carancini rinchiude cittadini nelle case, nei luoghi di lavoro e nelle scuole.

    dopo tanti giri e rigiri per le vie della città, la macchina nera si ferma
    diffronte al Monumento ed esce fuori l’attore ben pagato Luca Traini: si toglie il giubbetto, indossa la bandiera italiana sale I gradini del Monumento, si rivolge ai presenti in piazza con il salute fascista. Poi I poliziotti dopo aver goduto lo spettacolo, trascinano la bandiera italiana nella loro macchina. BISOGNA CHIEDERE A Luca Traini QUANTI
    SOLDI GLI HANNO DATO PER QUESTO FILMINO CHE FAVORISCE PD A SCAPITO DELLA LEGA NORD, ALLA VIGIGLIA DELLE ELEZIONI

  37. Vabbè, uno non può avere reazioni sbagliate a problemi reali… Se la reazione è sbagliata non è che il problema diventa immaginario…

  38. Lo Stato è un finto malato per convenienza. Se lo Stato vuole non c’è niente che non possa fare. Vedi brigate Rosse.

    • Permettimi, non era solo “lo Stato”. Forse c’erano manine estere…Parecchie a leggere quanto emerge dalle COmmissioni di inchiesta e da certi documentati autori tipo Imposimato, Cucchiarelli, ecc.

  39. Nessuno si azzarda a parlare di razzismo? Ma dove vive? E’ l’accusa più comune nel dibattito politico con cui viene zittito chiunque osi obiettare all’immigrazione incontrollata che quelli come lei vogliono continuare. Strano che che lei vada a cercare padri e parenti del “fascista” e si dimentichi della vera causa del gesto del fascista Traini. Dov’è la sua indignazione per la macellazione di una ragazza? Mica vorrà dire e ssotenere che è meno grave della sparatoria che, se Dio vole, non ha fatto morti?

  40. Qualcuno di tutti voi ha qualche idea di partenza per una soluzione del problema migrazioni?
    Idea valida, non le solite scemenze ipocrite del “aiutiamoli a casa loro” “chiudiamo le frontiere” bla bla. Idee concrete, e che siano per tutti, non solo per noi “fortunati”.
    O forse dovrei chiedere, qualcuno di voi vuole una soluzione per tutti?
    Per curiosità, visto l’andamento dei commenti
    Ps Lo sto dicendo senza troppa polemica, sono più curioso che altro

    • Guardi che la chiusura delle frontiere è una cosa molto concreta, e costa meno dei 5 mld all’anno spesi per mantenere le risorse. Però se lei ha idee ancora più “concrete” le dica pure…

      • Sono d’accordo. Ma converrà che:
        – è una soluzione valida soltanto per la parte “fortunata”, che saremmo noi.
        – ammettendo che funzioni (cioè che sia un muro a fermare chi migra), non pensa che questo sia semplicemente un mettere la polvere sotto il tappeto? O meglio, ipotizziamo di dedicarci per 20 anni alla cura dei sintomi, tra 20 anni il problema non sarà minimamente risolto, ma dietro quel muro ci saranno non più 60000 persone ma decine di milioni. Dopo? Costruiremo un muro ancora più alto? Mi sembra una soluzione temporanea, fallace, illogica.
        In sostanza va bene occuparsi dei sintomi, specie perchè questi governi hanno fatto veramente del casino peso, ma se la “sinistra” (soltanto chi è di estrema destra può chiamare pd sinistra comunque eh) non è in grado di capire il problema, la destra la dovrebbe smettere di offrire soluzioni tampone appetibili dal punto di vista sociale, ma poco utili in ottica futura.
        In sostanza quello che voglio dire é: chiudiamo le frontiere, cambiamo politica statale sulle migrazioni e mille altre belle cose (sulle quali non concordo minimamente, perchè io mi reputo una persona di estrema sinistra), ma al di là delle ideologie se non si risale alla radice del problema non si risolverà mai la situazione. Anzi, la peggioreremo senz’altro.
        Un saluto, e grazie della risposta

        • Vedo che lei chiama:

          “polvere sotto il tappeto”

          la permanenza degli immigrati nei luoghi di origine. Sinceramente questa è un’ottica che mi sorprende.
          Non vado oltre su questo perché mi preme ribattere all’altra sua obiezione, fallace già sul piano logico:

          “O meglio, ipotizziamo di dedicarci per 20 anni alla cura dei sintomi, tra 20 anni il problema non sarà minimamente risolto, ma dietro quel muro ci saranno non più 60000 persone ma decine di milioni.”

          Ipotizziamo di dedicarci ad accogliere 60000 persone all’anno. Se quello che dice è vero, fra 20 anni ci saranno

          decine di milioni – 20 * 60000= decine di milioni – 1,2 mln

          dietro al muro. Quindi dove sta la sua obiezione?

          • No, io chiamo polvere sotto il tappeto il modo in cui l’occidente, la politica, affrontano il tema migrazione. Svicolando dalle cause, che imporrebbero cambiamenti strutturali dell’economia e della geopolitica radicali.
            Lei si è concentrato sul 60000, che era un numero a caso (tra l’altro volevo scrivere 600000), non stiamo facendo i conti. Anche accogliere tutte le persone è una politica irrealizzabile, e proprio per questo si ritorna al primo punto di questo messaggio. Vogliamo risalire alle cause, o viviamo giorno per giorno nella speranza che qualcosa succeda?

  41. e la copipa di anziani massacrati in Sicilia? dimenticati. nessuno delle istituzioni li ha mai ricordati, nè ha mai espresso gran discorsi retorici al riguardo. Tantomeno ha espresso solidarietà alla figlia. Avessero masacrato due immigrati sarebbe partito un diluvio di dichiarazioni roboanti e naturalmente di accuse di fascismo, razzismo etc. Ormai se un immigrato compie un reato viene automaticamente derubricato “moralmente” a fatto minore da politici e media “mainstream”

    • quello che é successo a quella povera ragazza, spero che capiti a qualcuno che si fa paladino di questi invasori, risorsa un cazzo, questi sono in buona parte invasori e tra loro tantissimi delinquenti: spacciatori, rapinatori, stupratori, assassini, terroristi ecc. ecc…… e poi continuate a chiamarli risorse!

  42. C’ è un solo modo per ristabilire la realtà : pubblicare le foto della ragazza massacrata durante l’ autopsia ! Vedrete poi come i sinistrorsi la smetteranno !

  43. Pandroid,
    scusami, ma se già da come parli, metaforicamente parlando, preferisci continuare a prendelo in quel posto piuttosto che soluzioni per te retoriche ( che ovvove! gli africani che debbono assumersi la responsabilità delle proprie azioni, trovare forme consone di autoaffermazione e liberazione dai gioghi esterni, o se proprio non c’è la fanno con forme di cooperazione che permettono di AIUTARLI-SI A CASA LORO!-PROPRIA! ), non si capisce perchè noi si debba estrarti dall’orifizio qualcosa che ti garba assai!

    • Il primo un concentrato di stereotipi e luoghi comuni. Evvai
      Io in quel posto lo prendo da chi è più ricco di me e comanda il mondo, non certo dal poveraccio che sta sotto di me (per puro caso peraltro).
      Aiutarli a casa loro sono d’accordo, ma cosa intende lei per aiutarli a casa loro?

  44. Articolo scritto da un altro sinistroso radical chic col culo degli altri, buono solo a buttarla in caciara bollando come “fascista” qualsiasi reazione (verbale si intende) al problema che forse lui non vede perchè è abituato a turarsi il naso ed a coprirsi gli occhi con le fette di prosciutto, quando molto casualmente si trova ad attraversare velocemente le periferie di una qualsiasi metropoli italiana.

  45. Accidenti. Sono arrivati i false flag in Italia. E non ho niente da mettermi.

  46. Secondo me, comunque, non è un fascista vecchio stampo….ha le sopracciglia rifatte!
    Il problema degli “antiestetismi” uniranno destra e sinistra!

  47. “mentre in provincia si esce in macchina e si spara ai neri, è più utile battagliare sui braccialetti di Amazon o le buste di plastica da due cent”. Non saper riconoscere nell’uso smodato della plastica, pagato e ripagato e ripagato ancora, in denaro e devastazione dell’ambiente solo dai cittadini-consumatori, un guadagno ai soliti noti dell’impero degli idrocarburi e non voler vedere il nuovo schiavismo delle giovani generazioni di qualunque colore con braccialetti elettronici al posto delle catene alle caviglie è la deriva finale della sinistra. Non saper vedere in “sacchetti di plastica” + “braccialetti elettronici” + “immigrazione di massa” uno stesso disegno e stessi disegnatori significa aver perso non solo la bussola ma anche il cervello. Chi ha scritto questo testo demenziale dovrebbe recarsi alla tomba di Gramsci e chiedere perdono per la propria imbecillità. Il fatto che faccia lo scrittore e l’insegnante di storia e filosofia lo rende altamente pericoloso e ci fa capire anche il livello culturale dell’Italia di oggi (ha pubblicato per Einaudi… ma già… ha scritto su Manifesto e Liberazione, è il minimo…).

  48. Tutti sanno tutto, sono politici mica scemmi, ognuno cavalca ciò che trova da montare, sono voti da prendere e sedie in più da spartire, quindi non si lascia nulla, fesso chi li segue, e poi finisce in galera lui mica il politico che gli stava in groppa.
    Capito come funziona in Italia, bisogna tener bene aperti gli occhi, ed il cervello deve funzionare sempre altrimenti ti fottono, dono politici non scemi o tonti, ma furbi ed astudi calcolatori.

  49. Scusami Davide, ma dove sono tutti sti fascisti? Possibile che io non veda alcun pericolo e tu ne abbia terrore? Il fascismo in italia è come Belzebù…tutti ne hanno sentito parlare e lo temono ma nessuno sa dove si trova.

  50. @disqus_CPN9NTre6q:disqus Limita l’uso del maiuscolo allo stretto indispensabile, ovvero alle sigle e iniziali di nomi propri.
    Grazie