Home / Attualità / Come nessun politico sa rispondere alla violenza fascista di Macerata
Luca Traini, 28 yeas old, arrested by Italian Carabinieri after shooting with a gun from a vehicle on passersby in the central Italian town of Macerata, 3 February 2018. Four persons injured. ANSA

Come nessun politico sa rispondere alla violenza fascista di Macerata

 

DI CHRISTIAN RAIMO

minimaetmoralia.it

Luca Traini, l’uomo che oggi ha provato a fare una strage razzista a Macerata, poteva essere benissimo uno dei centinaia di “cittadini indignati” che ogni giorno vengono intervistati in tv per “dare voce alla pancia del paese”. Poteva anche far parte di una delle interviste montate da Luca Miniero in Sono tornato, il film a metà tra fantapolitica e documentario sull’immaginario ritorno di Mussolini oggi, in mezzo ai vari italiani che biascicano che non ce la fanno più, che l’invasione è troppa, che blaterano di sostituzione etnica. Del resto il genere di verminaio razzista che ogni giorno nutrono leghisti e neofascisti in tv, in rete, a partire dai leader Matteo Salvini, Simone Di Stefano, Giorgia Meloni, non è così dissimile da quello che Traini alimentava e con cui si autocaricava, secondo le testimonianze, al bar o in palestra: che vanno fermati questi negri, con le buone o con le cattive, che vanno prese le armi, che vien voglia di fare una strage.

Traini è la conseguenza naturale di quest’educazione fascista di massa, quotidiana, spacciata per “racconto del reale”. E il suo gesto sarà utile, lo è già, ai fascisti e ai leghisti, o a chi con questo razzismo non solo flirta ma si è consacrato. Perché segna un punto più lontano sullo spettro, che indica “il razzismo estremo” di una linea di “scontro sociale” con cui si vuole ridefinire in ambito fascioleghista la legittimazione delle aggressione contro gli immigrati. Salvini o Meloni già si possono riposizionare (Salvini il giorno prima aveva invocato vendetta e repulisti contro i neri per l’omicidio della ragazza Pamela): poter sostenere che chiunque usa la violenza è un delinquente, e che questa tensione sociale è colpa della sinistra, che ha portato a questo grado di esasperazione. Ecco che, già pochi minuti dopo che si è saputo che per fortuna i ragazzi neri colpiti sono solo feriti, reindossano il vestito nuovo, “il razzismo moderato”, con cui potranno commentare la tentata strage di Macerata in tv nei prossimi giorni e lucrarci cornucopie di voti fino alle elezioni.

Del resto anche per Matteo Renzi, Silvio Berlusconi, Luigi di Maio basta rispostarsi, persino loro in una riconfigurazione nuova data da Luca Traini. Di Maio può dire: “Lancio un appello a tutti i leader dei partiti su quello che è successo a Macerata: stiamo in silenzio e non facciamo campagna elettorale sulla pelle della ragazza uccisa e dei feriti di oggi. Ho visto già che è partita la querelle tra i partiti politici, con accuse reciproche. Io faccio un appello alla sobrietà e al rispetto sia dei feriti di oggi sia della vittima di qualche giorno fa. Non è possibile che anche su una tragedia del genere si debba iniziare a fare la campagna elettorale”. Berlusconi: “Quanto è accaduto a Macerata sembra il gesto di uno squilibrato, che merita la più ferma condanna, ma che non può essere ricondotto a una lucida connotazione politica. Questo drammatico episodio richiama però ancora una volta l’attenzione sul problema della sicurezza nelle città, anche perché è serio il rischio che gravi episodi di cronaca alimentino tensioni e scontri sociali fino a degenerare in folli esplosioni di violenza come quella di oggi”. Renzi: “Dopo i fatti di Macerata, vorrei fare un appello a tutti, ma proprio a tutti, alla calma e alla responsabilità. L’uomo che ha sparato, colpendo sei coetanei di colore, è una persona squallida e folle. Ma lo Stato è più forte di lui. Quell’uomo si è candidato con la Lega Nord e oggi ha sparato anche alla sede del Pd di Macerata: verrebbe facile tenere alta la polemica verso chi ogni giorno alimenta l’odio contro di noi. Ma sarebbe un errore: è tempo di calma e di responsabilità, davvero”.

Nessuno si azzarda a parlare di razzismo o di fascismo. E questo dato non va preso soltanto per fetente cinismo elettorale. Né Renzi, né Di Maio, né Berlusconi riconoscono il fascismo odierno, e quindi immaginare che possano usare la categoria dell’antifascismo per reagire a questo episodio atroce, non rientra nelle possibilità. La campagna che un mesetto fa il Pd con Repubblica aveva provato a lanciare sull’antifascismo (la manifestazione a Como) era durata il tempo di una settimana: a Como erano riusciti a convocare quattro gatti, e – in mezzo agli accordi per spedire militari in Niger – si era spenta per disinteresse, e per l’evidenza che non portava voti. Mentre in città si fanno i banglatour a cercare i bengalesi da pestare a sangue, mentre in provincia si esce in macchina e si spara ai neri, è più utile battagliare sui braccialetti di Amazon o le buste di plastica da due cent.

Il paesaggio è già sconfortante visto così, ma è ancora più nero se si allarga il quadro. La verità più disarmante che viene da questa vicenda è che nessuno di questi politici, leader nazionali, dall’estrema destra alla sinistra, sa, saprebbe, vuole contrapporre all’idea di società che ha il terrorista Traini un’alternativa convincente. Il massimo che viene opposto è: una società con più controllo, con più sicurezza. Lo stesso Traini paradossalmente non scuoterebbe il capo.

Non si può però negare che la sua idea di mondo è più persuasiva, addirittura più seducente, pur nella sua distorsione paranoica: siamo immersi nella Paura, di fronte alla quale possiamo solo proteggerci avvolti con una bandiera dell’Italia, vittime e martiri di questa Grande Paura come i caduti del monumento accanto al quale, alla fine della tentata strage, l’hanno trovato le forze dell’ordine che l’hanno arrestato.

Se nessun politico si sforza di trovare un orizzonte diverso a quello che indica Traini, è chiaro che sarà lui, il suo incubo paranoico a vincere – a mani basse – le prossime elezioni.

 

Christian Raimo

Fonte: www.minimaetmoralia.it

Link: http://www.minimaetmoralia.it/wp/nessun-politico-sa-rispondere-alla-violenza-fascista-macerata/

4.02.2018

Pubblicato da Davide

96 Commenti

  1. Sbagliato trattare questo caso in modo politico . Si tratta di un demente in cura psichiatrica. L’immigrazione non deve essere incontrollata ma gestita. Ma questo è un altro discorso.

    • O anche ‘fermata’, dipende dai punti di vista. Anche perché l’opzione ‘gestire’ suona tanto di buon senso, ma di scarsa efficacia finora.

  2. Chi semina vento raccoglie tempesta.
    Questi sono i frutti della scellerata campagna del pupazzo globalista Soros, affiancato dai lecchini politicanti EU ma anche nostrani, penso alla Boldra e C.
    Vogliono per forza mescolarci, una massa amorfa e senza identità che ubbidisca tranquilla e basta, questo è il loro sogno da rettili.
    Poi c’è chi passa dalle parole ai fatti e spara, un fascio-leghista? contraddittoriamente avvolto nella bandiera italiana.
    Segno dei tempi di follia che stanno arrivando anche da noi, ve ne accorgerete quando vedrete i ragazzi in maschera,con le “tecniche” girare per strada, come già succede in mezzo mondo e anche a quattro passi da noi.

  3. Che nessun politico sappia rispondere ad atti del genere è naturale, visto che di politico hanno ben poco, essendo più che altro manifestazioni di follia. Aggiungiamoci che probabilmente si tratta di questioni troppo difficili da gestire per i politici nostrani attuali, visto che derivano da situazioni imposte da poteri ai quali la politica attuale si prostra senza particolare comprensione. Ciononostante ci sarà sempre qualche becero che ne farà oggetto di strumentalizzazione, in un senso o nell’altro.

  4. Devo essere sincero, non ho letto l’articolo, dopo tre righe mi sono fermato……..diciamo che di leggere il copia e incolla del pensiero unico, politicamente corretto…….comincio ad averne le palle piene………trattasi di “semplice” malato di mente, tra l’altro già in cura, che ha dato di testa………un pò di isolamento, in carcere, sarà sufficiente a guarirlo…….il giudice che lo processerà, saprà quanti anni servono per il recupero, tenendo pure presente che, il matto, neppure è un nazionalista ( un nazionalista non userebbe mai una Glok nella patria della Beretta)……episodii del genere sono già successi in passato e succederanno, purtroppo, ancora in futuro………..ciò che dalla vicenda dà il voltastomaco è il cinismo con cui media asserviti e politici senza costrutto,sfruttano l’episodio per depistare l’elettore, veicolarlo in sentieri più conosciuti dove si puote a piene mani attingere al copia e incolla……..
    Ad un mese della elezioni, le tribune elettorali non ci sono, non si capisce se per paura di perdere voti o per paura di acquisirne ed andare a governare……meglio non rischiare, parlare di migranti, lasciare tutto così come è……il conte Gentiloni, stranamente, nessuno lo attacca……quasi fosse scontato che sarà poi lui a distribuire il rancio, quindi meglio tenerselo buono e tirare a campare con le frasi fatte.

  5. Davvero come dice Chiesa ormai viviamo in Grand Theft Auto. Ma proprio per quello, di questi tempi, non mi sorprenderebbe che il pazzo omicida sia stato istigato dai soliti per orientare il discorso. Quindi il tema di queste elezioni definitivamente sarà la violenza fascista, tema molto importante, ma marginale in confronto alla pauperizzazione della classe media occidentale, e alla perdita progressiva dei diritti acquisiti.

  6. L’analisi di un fatto in “occidente” lascia sempre a desiderare. Alcuni dicono “è un pazzo” sperando così di cavarsela a buon mercato. Ma perché è pazzo? Tu devi spiegare… Ma non ce la fai… Questo è il problema dell’occidente…. Le cose accadono ma nessuno le sa descrivere…. E tutto resta indefinito, vago, incatturabile…

    • Un pazzo è una persona pericolosa pet s’e e per agli altri . Ora, chiaro che senza sparare a casaccio si possono fare molti più danni. Tuttavia bisogna avere la forza di resistere e cambiare le cose senza usare la violenza fisica, ma sopratutto psicologica. Non ne sono capaci nemmeno le anime belle che ci governano dall’alto , che quanto a violenza psicologica non hanno nulla da imparare.

      • Volevo solo dire che “L’occidente” che si vanta di essere “illuminista”, è del tutto preda di moti irrazionali! Non è strano che questo accade nel luogo più illuminista della terra? Ma c’è un motivo, e il motivo è che questo illuminismo è falso. È solo la verniciatura dei moti irrazionari che covano. E che l’illuminista non sa affrontare né conoscere, perché non gli riesce e non ne ha voglia. Ma poi quando esplodono…. Si usano parole di circostanza… Certo, I politici non sono capaci, ma nessuno è capace…

  7. verrà il giorno che qualcuno lo chiamerà eroe, questo “pazzo” giustiziatore,
    ma episodi del genere ve ne saranno molti, anche troppi se non diamo un segnale forte che va rimesso tutto in discussione,

    gli “immigrati clandestini” vanno non solo controllati ma espulsi, i lavoratori vanno salvaguardati, i disoccupati aiutati e non ultimo,
    questo governo va smantellato e messo in piedi qualcosa che assomigli alla Legalità.
    la gente non ne può più e si stanno vedendo i risultati.
    votare non serve se non abbiamo un ricambio di Politici con la P maiuscola.
    e non ne vedo all’orizzonte. tempi grami… saluti. t l

  8. Cit.(Salvini il giorno prima aveva invocato vendetta e repulisti contro i neri per l’omicidio della ragazza Pamela)

    Guarda che Salvini non ce l’ha contro i neri, ma contro i negri! Cominciamo a dire le cose chiaramente …

  9. Ma…a parte il rispetto umano per il disgraziato Piero di tutte le guerre (cit. “la guerra di Piero” di De andre), a quali caduti si riferiva di preciso il nostro “eroe” (sto scherzando ovviamente, come milioni di persone, ridacchiando, chiamano questo criminale oggi).

    Saranno questi qua?

    ETIOPIA 1937:
    IL MASSACRO DIMENTICATO
    http://win.storiain.net/arret/num146/artic5.asp

    Oppure questi?

    Le armi chimiche in Etiopia
    e l’ammissione di Montanelli
    http://www.corriere.it/extra-per-voi/2016/04/02/armi-chimiche-etiopia-l-ammissione-montanelli-54d37986-f8fc-11e5-b97f-6d5a0a6f6065.shtml?refresh_ce-cp

    Altri?

    https://it.wikipedia.org/wiki/Campagna_di_Libia_(1913-1921)

    oppure…

    http://www.ilpost.it/2016/07/10/la-volta-che-abbiamo-invaso-la-russia/

    in generale?

    https://it.wikipedia.org/wiki/Crimini_di_guerra_italiani

    A quali caduti il criminale si inchina?

    Se fosse ai milioni di “Piero” di tutte le guerre sarebbe un bel gesto, ma da pistolero improvvisato che ce l’ ha duro, non si direbbe.Non gli hanno dato la medaglietta (tipo muckly) da piccolino. Povero

  10. Non vale la pena commentare un simile ammasso di scemenze. Una breve riflessione invece su come sia caduta in basso la sinistra e i media che controlla.
    Dopo essersi venduta al grande capitale finanziario, aver abbandonato gli interessi di coloro che aveva promesso di difendere, aver svenduto con le privatizzazioni quello che rimaneva di industrie e know how in questa penisola, si è ritrovata con una sola ideologia da portare avanti : l’immigrazione e l’antirazzismo. E questa viene difesa con le unghie e con i denti anche a costo di diventare loro razzisti , razzisti contro gli italiani.
    Il codazzo di scribacchini poi, che nascondono il più possibile il fatto che l’omicida della ragazza, squartata come un animale, sia africano, il fatto che africani siano gli spacciatori in molte città italiane (e non ) e che strillano ora con i titoli alla violenza razzista, sono la degna cornice di un movimento politico già sepolto che ormai sta cercando di portare con se, sottoterra, l’intero Paese.

  11. puro e semplice episodio,di distrazione di massa!

    • Esatto. Psyop al momento giusto e nel momento giusto. Per giunta di sabato così il fine settimana si è potuto riempire di ottimo massaggio cerebrale per le masse che stanno a casa davanti alla TV. Pallone e urla antifasciste, ma tutto per un ragazzo problematico e squilibrato che ha compiuto un gesto insano e criminale.

    • Eh si. Mi sorprende che nessuno indaghi.

  12. Tho! Che coincidenze ….
    C’è qualcuno che ha bisogno del fascismo per vincere le elezioni …. Ed eccolo che arriva puntuale.
    Un ragazzo con problemi psichici, ma con patente e porto d’armi, migliaia di persone fatte arrivare in Iitalia e abbandonate a loro stesse, senza soldi ne lavoro.
    E chi ha creato questa situazione vorrebbe continuare così?

    Ps: ma all’inizio non si parlava di due persone nell’auto?

    • Quella delle due persone mi è sfuggita, comunque tra psyop e MKUltra, magari “evoluto”, possiamo attenderci di tutto.

      • Mah, avrò capito male.
        L’avvocato del tizio ha dichiarato che “in quei momenti era incapace di intendere e di volere”.
        Non si è parlato ancora di droghe, mi pare.

  13. Però è davvero sorprendente! Non credo di aver letto commento alcuno che maledica gli schifosissimi americanacci del cazzo, criminali geneticamente modificati, ai quali è imputabile lo schifo attuale! Ovviamente supportati, i mascalzoni usa e getta, da complici e servili paesacci da decimo mondo pomposamente definiti ”europei”!! Vi possa divorare un cancro doloroso e incurabile!!!