Un’altra demolizione controllata?

Gilad Atzmon – 22 maggio 2020

Fonte: The Unz Review

Da anni gli eco-entusiasti, sia attivisti che scienziati, ci dicono che la “festa” finirà. Il pianeta su cui siamo bloccati non può resistere ancora per molto, sta diventando troppo affollato e insopportabilmente caldo. La maggior parte delle persone non si è resa conto della situazione e per un motivo. Questo pianeta, si tende a pensare, non è veramente “nostro”, ci siamo stati buttati sopra e per un tempo limitato. Una volta afferrato il vero significato della nostra temporalità, cominciamo a riconoscere la nostra temporalità. Essere al mondo” come tali è spesso il tentativo di rendere la nostra “vita” un evento significativo.

La maggior parte di noi che non si è preoccupata troppo degli attivisti ecologici e dei loro piani per rallentarci sapeva che finché Big Money avesse gestito il mondo, non sarebbe successo nulla di drammatico. Agli occhi di Big Money, tendevamo a pensare, noi, la gente, siamo semplici consumatori.  Abbiamo visto noi stessi come i mezzi che rendono i ricchi più ricchi

Piuttosto inaspettatamente, la vita ha subito un cambiamento drammatico. Nell’attuale epoca di Coronavirus, Big Money ha “lasciato che il mondo si bloccasse”. Le economie sono state condannate a morte imminente. Il nostro significato come consumatori è in qualche modo svanito. L’alleanza emergente che abbiamo rilevato tra i nuovi leader dell’economia mondiale (le aziende della conoscenza) e coloro che portano la bandiera del “progresso”, della “giustizia” e dell'”uguaglianza” si è evoluta in una condizione distopica e autoritaria in cui robot e algoritmi controllano la nostra libertà e elementari e di espressione.

Com’è possibile che la sinistra, che si era dedicata all’opposizione ai ricchi, abbia così cambiato la sua musica? In realtà, niente è successo all’improvviso. La sinistra e l’universo progressista sono da tempo sostenuti finanziariamente dai ricchi. Il Guardian è un caso illustrativo di quanto sopra. Un tempo giornale di sinistra con un orientamento progressista, il Guardian è ora apertamente finanziato da Bill & Melinda Gates. Opera senza vergogna come portavoce di George Soros: ha persino permesso a Soros di diffondere la sua visione apocalittica pre-Brexit all’epoca in cui lui stesso si era giocato il voto anti- Brexit degli inglesi. Ormai è quasi impossibile considerare il Guardian come una fonte di notizie – una fonte di propaganda per i ricchi è una descrizione più adatta. Ma il Guardian è tutt’altro che solo.

Le nostre reti di attivisti progressisti sono cadute nella stessa trappola. Non molti di noi sono rimasti sorpresi nel vedere Momentum, il gruppo di sostegno alla campagna di Jeremy Corbyn all’interno del Partito Laburista, manifestare per il “sopravvissuto all’Olocausto” e “filantropo” George Soros. Quando Corbyn ha guidato il Partito Laburista, ho imparato ad accettare che i “socialisti” che si mettono sulla linea di fuoco per difendere oligarchi, banchieri e broker di Wall Street devono essere la nuova realtà della “sinistra”. Ora siamo consapevoli del fatto che in nome del “progresso” Google sia retrocesso da grande motore di ricerca a un punto vendita di hasbara. Siamo abituati a Facebook e Twitter che dettano la loro visione del mondo in nome degli standard della comunità. L’unica domanda è quale comunità hanno in mente. Certamente non una comunità occidentale tollerante e pluralista.

Ci si può chiedere cosa spinge questa nuova alleanza che divide quasi tutte le società occidentali. Il tradimento della sinistra non è certo una sorpresa, eppure la domanda cruciale è: perché, all’improvviso, coloro che sono riusciti a mettere le loro luride mani nelle nostre tasche sono stati d’accordo con l’attuale distruzione dell’economia? Sicuramente non sono suicidi.

Mi viene in mente che quello che stiamo vedendo è, di nuovo, una demolizione controllata. Questa volta non è un edificio di New York. Non è la distruzione di una singola industria o addirittura di una singola classe come abbiamo visto prima. Questa volta, la nostra concezione dell’Essere come un’avventura produttiva e significativa viene combattuta. Allo stato attuale delle cose, tutto il nostro senso del sostentamento è a rischio.

Non serve essere un esperto finanziario per rendersi conto che negli ultimi anni l’economia mondiale in generale e le economie occidentali in particolare sono diventate una enorme bolla pronta a scoppiare. Quando le bolle economiche scoppiano il risultato è inaspettato, anche se spesso è possibile individuare il colpevole o il fattore scatenante del crollo. Ciò che è unico nell’attuale demolizione controllata è la volontà della nostra classe politica compromessa, dei media e in particolare delle reti della sinistra/progressiva di partecipare alla distruzione.

L’alleanza è ampia e inclusiva. L’OMS, fortemente finanziata da Bill Gates, stabilisce le misure con cui veniamo bloccati, la sinistra e i progressisti alimentano le fantasie apocalittiche per tenerci nascosti nelle nostre soffitte globali, Dershowitz cerca di riscrivere la costituzione, la grande agenda di Big Pharma plasma il nostro futuro e sentiamo anche che Moderna e il suo principale medico israeliano sono pronti a “aggiustare” i nostri geni. Nel frattempo apprendiamo che i nostri governi si stanno attrezzando per infilarci un ago nelle nostre braccia. In tutto questo tempo, il Dow Jones ha continuato a crescere. Forse in questa fase finale del capitalismo, non c’è bisogno di noi, neppure come consumatori. Possiamo essere lasciati a marcire a casa, i nostri governi apparentemente disposti a finanziare questa nuova forma di detenzione.

Credo di essere stato io a coniare dieci anni fa l’adagio popolare “Siamo tutti palestinesi” – come i palestinesi, pensavo all’epoca, non ci è nemmeno permesso di nominare il nostro oppressore…

 

Link: https://www.unz.com/gatzmon/is-this-controlled-demolition-all-over-again/

Traduzione pro-bono di Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte