Quando nascerà un nuovo internet, finirà l’Impero americano

Di Eric Zuesse, southfront.press

In questo articolo verranno spiegati molti misteri riguardanti l’opinione pubblica, tra cui (ma non solo) questo concetto molto importante: mentre la Russia è ampiamente condannata per aver invaso un Paese confinante, l’Ucraina, un Paese che ha una chiara importanza per la sicurezza nazionale russa (in quanto potenziale base di sosta per i missili statunitensi da posizionare lì a soli 300 chilometri dal Cremlino – evitando che si metta fuori gioco il comando centrale russo troppo velocemente perché il presidente possa avere il tempo sufficiente per autorizzare una rappresaglia), e viene severamente sanzionata dagli Stati Uniti e dai Paesi alleati e dai loro media, per averlo fatto (per aver fatto ciò che la Russia aveva bisogno di fare). E dai Paesi alleati e dai loro media, per averlo fatto (per aver fatto ciò che la Russia aveva bisogno di fare).

L’America e alcuni dei suoi alleati non sono stati condannati e sanzionati da nessun Paese per aver invaso il 20 marzo 2003 un Paese lontano, l’Iraq, che (in netto contrasto con l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia il 24 febbraio 2022) non aveva alcuna importanza per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti o dei Paesi alleati (solo le bugie sulle “armi di distruzione di massa di Saddam”, ecc. avevano affermato il contrario). La Russia non ha analogamente ‘giustificato’ con le menzogne la sua invasione dell’Ucraina.

L’America e i suoi alleati invasori non sono stati sanzionati nemmeno dopo che la loro invasione dell’Iraq è diventata ampiamente nota per essere stata basata su scuse di sicurezza nazionale completamente fraudolente da parte degli Stati Uniti e degli alleati (come il fatto che all’Iraq mancavano solo sei mesi per avere una bomba nucleare).

Questa evidente, e del tutto ingiustificabile, disuguaglianza nell’opinione pubblica di tutto il mondo (che è stata pesantemente propagandata contro la Russia per aver fatto ciò che la NATO l’aveva di fatto costretta a fare), viene ignorata dai media, ma richiede una spiegazione, soprattutto perché gli stessi media censurano l’argomento stesso di questa disuguaglianza, e fingono che non esista – che l’opinione pubblica non sia stata da loro ingannata in questa paura della Russia (come è stato esemplificato dalla Svezia e dalla Finlandia che hanno cercato di entrare nella NATO).

La democrazia all’interno delle nazioni e il raggiungimento della pace tra le nazioni sono impossibili se questo argomento – la censura stessa – non viene discussa apertamente e onestamente. Dato che questa censura è quasi universalmente oscurata, il presente articolo presenterà al lettore l’accesso immediato agli elementi chiave delle sue prove (tramite link alla documentazione relativa a qualsiasi affermazione ragionevolmente discutibile qui riportata), in modo che egli possa giudicarle da solo.

Questo è il mistero; l’iniquità è il mistero; ed ecco la sua spiegazione.

INTRODUZIONE

Come verrà dimostrato in questa sede, il Governo degli Stati Uniti controlla il Web; e questo significa che controlla indirettamente anche i media (come verrà documentato in questa sede, attraverso le prove che verranno linkate). Queste prove chiariranno la portata e i mezzi con cui il Governo degli Stati Uniti, attraverso la censura, controlla efficacemente l’opinione pubblica in tutte le nazioni alleate (o vassalle) degli Stati Uniti, ma anche in gran parte del mondo al di fuori degli Stati Uniti e delle sue nazioni vassalle (o colonie, come tutte le nazioni della NATO).

La censura è uno strumento essenziale di qualsiasi dittatura ed è un pericolo mortale per qualsiasi democrazia, perché la censura consente ai proprietari che controllano i media – e al Governo che questi proprietari controllano anche attraverso le loro massicce donazioni per le campagne politiche – di controllare l’opinione pubblica, e quindi di plasmare i risultati delle votazioni, producendo così ‘democrazia’ invece di democrazia. Tale controllo monopolistico delle informazioni rivolte al grande pubblico, da parte dei miliardari, produce il risultato che ogni candidato ad alte cariche statali deve scegliere di servire alcuni miliardari, altrimenti perderà le ‘elezioni’ (‘selezione’ da parte dei miliardari, e poi elezione da parte degli elettori tra i candidati preselezionati e approvati dai miliardari). Questa è aristocrazia (un dollaro-un voto), invece di democrazia (una persona-un voto).

Il Governo degli Stati Uniti (i miliardari americani e i loro milioni di agenti assunti) ha attualmente il controllo monopolistico del web (il world-wide web, la parte di Internet disponibile al pubblico che comprende anche le pagine private, quelle che non possono essere visualizzate dal pubblico).

Soprattutto per quanto riguarda le notizie internazionali, la maggior parte delle persone riceve le notizie principalmente dal Web; quindi, la censura del Web è particolarmente importante per convincere il pubblico a sostenere le politiche internazionali del Governo (dei suoi miliardari) (come l’invasione dell’Iraq e della Libia, l’attacco alla Russia e l’armamento dell’Ucraina e di Taiwan).

Inoltre, Google detiene un monopolio virtuale sulla navigazione o la ricerca sul Web ed è stato creato congiuntamente dalla CIA e dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti; quindi, non solo il Governo degli Stati Uniti (i miliardari americani) controlla direttamente il Web, ma controlla indirettamente i risultati di quasi tutte le ricerche sul Web (e i pochi concorrenti di Google sono ancora meno bravi di Google, e per di più non stanno facendo nulla per fornire nei loro risultati le pagine Web che gli algoritmi di ricerca di Google escludono in modo particolare dai loro risultati).

Chiunque ritenga incredibile che Google manipoli i risultati elettorali degli Stati Uniti, dovrebbe vedere il video esplicativo del 18 settembre 2023 “How Google Shifted 6 MILLION Votes To Joe Biden! w/ Dr. Robert Epstein” – anche qui -, in cui questo prestigiosissimo ricercatore-psicologo istruito ad Harvard, che aveva votato per Biden contro Trump, riferisce le sue scoperte impeccabilmente studiate, che hanno scioccato lui stesso e che hanno fatto prevedere che probabilmente ci sarà un attacco pagato da Google contro di lui per fermare la sua ricerca.

La portata della censura del Governo degli Stati Uniti sarà documentata nei seguenti casi: le azioni specifiche di censura da parte del Governo degli Stati Uniti e dei suoi agenti saranno linkate in modo che il lettore possa verificarle di persona. (di conseguenza, questo articolo, che viene inviato gratuitamente a tutti i media, sarà pubblicato da pochi, se non da nessuno, e il lettore è quindi invitato a diffondere questo articolo ad altri).

DOCUMENTAZIONE

Di seguito sono riportate le cancellazioni orwelliane da parte del Governo degli Stati Uniti, di fonti di notizie che sono almeno altrettanto affidabili e degne di fiducia di ciò che pubblicano i Governi degli Stati Uniti, dei suoi alleati e dei loro media, ma che tuttavia, come vedrete qui, vengono accuratamente oscurate al pubblico, da questi agenti (agenti assunti dai miliardari degli Stati Uniti e alleati):

securingdemocracy.gmfus.org (LINK)

GMF [Fondo Marshall Tedesco degli Stati Uniti [una copertura del Governo degli Stati Uniti]]

Alliance for Securing Democracy [imposizione della dittatura].

Siti russi sanzionati per aver diffuso disinformazione in vista della guerra in Ucraina.

Il 3 marzo 2022, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha sanzionato 26 persone e sette entità per aver diffuso disinformazione in vista della guerra in Ucraina e di una serie di altri punti critici geopolitici per conto del governo russo. Le sanzioni hanno preso di mira i dipendenti della Strategic Culture Foundation, di InfoRos, di NewsFront e di SouthFront, tutti siti legati all’intelligence russa che sono stati sanzionati nell’aprile 2021. Il Tesoro ha anche individuato nuovi siti affiliati alla Strategic Culture Foundation, tra cui Odna Rodyna, Rhythm of Eurasia e Journal Kamerton. Gli outlet New Eastern Outlook e Oriental Review sono stati sanzionati perché legati all’agenzia di intelligence estera della Russia. Le sanzioni hanno preso di mira anche i siti United World International e Geopolitica, che sono collegati ai nazionalisti russi [questa parola, “nazionalisti”, vuole indicare l’estrema destra, e forse Nazismo, ma è una bugia, una calunnia] Darya Dugina e Alexander Dugin.

Informazioni sul fatto:

Attori della minaccia: Russia

Strumenti: Manipolazione delle informazioni [in realtà molto meno ingannevole del New York Times e del Washington Post].

Metadati dell’incidente

Data: Marzo 2022

Paese: Ucraina

Fonte: LINK1, LINK2

PS (da parte mia): Ho chiesto al Governo degli Stati Uniti di fornirmi le prove a sostegno delle loro affermazioni, su ognuno di questi siti web, che sono controllati dal Governo della Russia, ma non ho mai ricevuto una risposta. Ho anche chiesto ad alcuni siti web. Nessuno ha detto che è controllato dal Governo; ma uno, SouthFront, ha affermato con enfasi che NON lo è, e che non ha ricevuto alcun tipo di supporto da esso.

strategic-culture.su

Non esisteva ancora un sito web sul dominio STRATEGIC-CULTURE.SU, ma il 25 dicembre 2021 è stato creato, in preparazione alla chiusura del sito esistente da parte del Governo degli Stati Uniti (strategic-culture.org).

Questa pagina è una copia della prima versione Web del sito web che la Strategic Culture Foundation in Russia stava creando per sostituire il loro sito allora esistente, www.strategic-culture.org, che sapevano sarebbe stato chiuso dal Governo degli Stati Uniti, perché io e altri americani che avevamo pubblicato alcuni dei nostri articoli su quel sito, siamo stati avvertiti alla fine del 2021 che se avessimo continuato a pubblicare articoli per quella testata, saremmo stati potenzialmente multati di 325.000 dollari dal Governo degli Stati Uniti, e quindi abbiamo tutti smesso di inviare i nostri articoli a quel portale web. Ho detto al sito in questione che l’FBI mi aveva avvertito di non inviare più articoli. Questo sito sostitutivo è stato creato poco dopo.

southfront.org

Il 21 luglio 2023 è stato l’ultimo giorno di southfront.org, che poi è passato a southfront.press il 19 agosto 2023: southfront.press.

orientalreview.org

Il 21 agosto 2023, orientalreview.org fu cancellato. Passò, il 25 agosto, a: orientalreview.su

RealScottRitter (LINK)

Scott Ritter, 11 agosto 2023, 620.4K Visualizzazioni

@RealScottRitter

Quando piove, diluvia. Lo stesso giorno in cui YouTube ha disattivato “The Scott Ritter Show”, ha disattivato anche “Ask The Inspector”. Si tratta di uno sforzo mirato da parte di YouTube per rimuovere/minimizzare la mia voce, quella dei miei ospiti e delle persone che si sono prese il tempo di porre domande approfondite sulle questioni urgenti del giorno. Coloro che sono dietro a tutto questo devono sapere che non avranno successo. C’è un vasto mondo di social media al di là di YouTube. E per quelle voci che utilizzano ancora YouTube come vettore principale per il loro pubblico, comprendete questo: conformatevi o perirete. Se sta conducendo un programma geopolitico ed è ancora su una piattaforma di YouTube, si chieda perché. E sia disposto a convivere con la risposta conseguente. Maggiori informazioni in seguito.

strategic-culture.org

Il 17 agosto 2023 è stato l’ultimo giorno di strategic-culture.org. Poi è passato a:

strategic-culture.su

23 agosto 2023

Cari amici,

Oggi, al nostro sito web strategic-culture.org è stato negato l’accesso al dominio .org, gestito dal Registro di interesse pubblico con sede negli Stati Uniti. Questo avviene a seguito di numerosi attacchi informatici rivolti all’infrastruttura del sito web.

Non c’è dubbio che questo atto di guerra informatica sia un tentativo di mettere a tacere un altro media indipendente critico nei confronti dell’impero americano.

Attualmente, tutti i nostri materiali sono accessibili su Telegram e riprenderemo presto il funzionamento del nostro sito web.

Rimanete sintonizzati!

Cordiali saluti,
Strategic Culture Foundation

Il 28 agosto 2023, avevo titolato “Come il Governo degli Stati Uniti prende di mira i siti web per distruggerli” e riferivo che

Si tratta della presunta organizzazione internazionale che controlla Internet e quindi il Web. Si menziona che ci sono anche “altre organizzazioni [oltre all’ICANN] come OpenNIC, che hanno il compito di supervisionare i sistemi di nomi e numeri di Internet”. Tuttavia, se si fa clic su “OpenNIC”, si spiega che “come tutti i sistemi DNS alternativi, i domini ospitati da OpenNIC sono irraggiungibili per la maggior parte degli utenti di Internet, perché richiedono una configurazione non predefinita nel proprio resolver DNS”. In altre parole: L’ICANN, che è controllato dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti (SouthFront dice il giusto al riguardo), ha un monopolio globale su Internet e sul Web.

Quindi: non solo stanno violando la Costituzione degli Stati Uniti, ma stanno violando il mondo intero.

Per rompere il monopolio imperiale statunitense, è necessario costruire un nuovo Internet/Web.

Chi lo farà? (Sarebbe un servizio per il mondo intero, se l’impero statunitense finisse; ma almeno sarebbe un servizio per i cittadini di tutti i Paesi non appartenenti all’impero statunitense o non ‘alleati’, altrimenti; e il risultato sarebbe un miglioramento molto più rapido dei Paesi non appartenenti all’impero statunitense).

Questo al di là delle azioni dirette delle agenzie governative statunitensi, come l’FBI e il Dipartimento di ‘Giustizia’ degli Stati Uniti. Ma ecco solo alcuni dei siti web che mi pubblicavano, ma che il Governo degli Stati Uniti ha fatto chiudere direttamente, tramite queste due agenzie:

sono stati mostrati tre avvisi di cancellazione di siti, per American Herald Tribune, Press TV e One World Press. Erano tutti siti di alta qualità che contraddicevano le bugie comunemente diffuse dai media statunitensi e alleati.

L’ICANN (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers) del Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, è l’autorità principale che controlla effettivamente il Web. Può rimuovere qualsiasi sito che desidera (come quelli sopra citati).

Wikipedia, redatto e scritto dalla CIA, che mette in blacklist (blocca i collegamenti) i siti che non sono approvati dalla CIA, fornisce una descrizione orwelliana: “I principi primari di funzionamento dell’ICANN sono stati descritti come aiutare a preservare la stabilità operativa di Internet; promuovere la concorrenza; ottenere un’ampia rappresentanza della comunità globale di Internet; e sviluppare politiche appropriate alla sua missione attraverso processi dal basso verso l’alto e basati sul consenso”.

Tuttavia, nonostante una serie di sfide legali, culminate nel 2016, al potere monopolistico dell’ICANN, non c’è stato alcun cambiamento reale, se non l’aggiunta di un linguaggio legale per confondere le acque e aggiungere ancora più oscurità, nascondendo il potere monopolistico del Governo degli Stati Uniti. Questo “bottom-up” rimane in realtà top-down da parte del Governo degli Stati Uniti, che quasi certamente non cederà mai volentieri il controllo su di esso.

Inoltre, esistono società ‘indipendenti’ di ‘fact-checking‘ (come ‘NewsGuard‘), che allo stesso modo ‘controllano’ la verità (e accettano senza dubbio, e non tollerano alcuna variazione, le opinioni dell’Establishment) e non hanno alcuna responsabilità, e che controllano ulteriormente gli scrittori e i relatori sul Web che contraddicono i presupposti della propaganda del Governo degli Stati Uniti. E che praticamente costringono i proprietari dei siti di notizie sul Web a licenziare gli scrittori e i relatori dissidenti, oppure a essere licenziati a loro volta – messi finanziariamente fuori gioco, sia attraverso l’esaurimento delle entrate pubblicitarie che mantengono in vita il sito, sia facendo scendere il prezzo di mercato del sito, se il suo proprietario sta cercando di venderlo – ma, in entrambi i casi, costringendoli ad uscire dall’attività a meno che non si conformino alle richieste della ‘polizia della verità’.

Nel caso di ‘NewsGuard’, il proprietario del sito è stato costretto non solo a rimuovere un mio articolo, ma anche a rimuovere tutte le centinaia di articoli che erano stati precedentemente pubblicati da me – e la verità non aveva nulla a che fare con questo; la minaccia di ‘NewsGuard‘ aveva tutto a che fare con questo.

Dietro la censura ci sono solo gangster, non la verità. Essi combattono contro il dibattito aperto e utilizzano le ‘verità’ dei potenti (in genere provenienti in ultima analisi da qualche miliardario o gruppo di miliardari), al fine di privare il popolo della possibilità di determinare individualmente da solo chi sta dicendo solo la verità e chi, invece, sta mentendo o travisando in altro modo la realtà, in modo da adattarsi all’agenda di quei miliardari.

Qualsiasi affermazione può essere vera e può essere falsa, ma nessuna ‘autorità’ esterna dovrebbe essere autorizzata a valutarlo – solo ogni individuo ha il diritto di determinare, per se stesso, cosa è vero e cosa è falso.

Altrimenti, la democrazia non può nemmeno funzionare. Ma, ovviamente, è proprio questo lo scopo della censura, non è vero?

Impedire la democrazia?

Come si può sostituire l’ICANN? Non ne so abbastanza tecnicamente per poterlo dire. So solo che DEVE essere sostituito, non semplicemente ‘aggiustato‘ (come è stato tentato per decenni).

Il Governo degli Stati Uniti continua a bloccare il cambiamento necessario, perché il cambiamento desiderato è quello di sostituire del tutto l’ICANN per

porre fine al controllo del Governo degli Stati Uniti sul Web.

Le Nazioni Unite continuano a discutere su cosa fare al riguardo.

Forse i Paesi BRICS lo faranno e basta.

Un esperto di fisica che conosco, ha risposto a questo articolo, dicendo:

“Tutto ciò che i BRICS/Russia potrebbero fare è creare un Internet parallelo, con tutto ciò che questo comporta (e comporta molto, dai satelliti al proprio spazio dei nomi, dalle server farm di dimensioni gigantesche al tempo che ciò comporterebbe)”.

A questo, ho replicato:

“Mi sembra giusto, e varrebbe molto di più delle spese e del tempo per realizzarlo; trasformerebbe il mondo dal punto di vista politico; quindi, perché non viene fatto?”.

Se non spetta alla Russia farlo, allora forse è qualcosa che spetta alla Cina.

Oppure: e se lo facessero Russia e Cina insieme? O un consorzio di Paesi BRICS? Se l’ONU non può fare nulla al riguardo, a causa dei suoi membri statunitensi e alleati, allora forse i BRICS dovranno creare un concorrente dell’ONU.

Non è forse quello che gli Stati Uniti e i loro ‘alleati’ stanno obbligando a fare, in ogni caso, con le loro sanzioni?

Quindi: prima inizierà ad accadere, meglio sarà per il mondo intero – prima finirà l’impero americano, prima ci salveremo tutti dalla Terza Guerra Mondiale.

Di Eric Zuesse, southfront.press

21.09.2023

Eric Zuesse. Scrittore e ricercatore indipendente americano.

Titolo originale: THE NEED TO REPLACE THE EXISTING U.S.-GOVERNMENT-CONTROLLED WEB

Traduzione a cura della Redazione di ComeDonChisciotte.org

Fonte: https://southfront.press/the-need-to-replace-the-existing-u-s-government-controlled-web/#selection-4769.0-5387.131

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
34 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
34
0
È il momento di condividere le tue opinionix