Russia-USA-Ucraina: opinioni a confronto

Nei due articoli che seguono è facile notare un parallelismo, molto poco incoraggiante, con le promesse di Winston Churchill alla Polonia nella seconda metà degli anni ’30 che, alla fine, furono la causa prima dell’atteggiamento intransigente di quest’ultima nei confronti della Germania sulla questione di Danzica. Auguriamoci maggior fortuna questa volta.

 

L’amministrazione Biden sta cercando un’elegante marcia indietro dall’Ucraina?

 

Ted Galen Carpenter – Antiwar.com – 21 dicembre 2021

Il presidente Biden e altri funzionari dell’amministrazione hanno dichiarato con enfasi in più occasioni che gli Stati Uniti sono fermamente impegnati per la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina. Nella sua telefonata del 2 aprile 2021 con il presidente ucraino Volodymr Zelensky, Biden aveva confermato “l’incrollabile sostegno degli Stati Uniti alla sovranità e all’integrità territoriale dell’Ucraina di fronte alla continua aggressione della Russia nel Donbas e in Crimea“. In un incontro del 1° settembre nello Studio Ovale, Zelensky aveva ricevuto simili espressioni di sostegno degli Stati Uniti dal presidente. Il 2 dicembre, il Segretario di Stato Antony Blinken ha nuovamente insistito che l’impegno di Washington per “l’integrità territoriale” dell’Ucraina è “incrollabile“, e ha esplicitamente messo in guardia Mosca dal continuare ad aumentare le forze militari russe vicino al confine con il suo vicino.

È meno chiaro, però, se l’amministrazione sia davvero disposta a difendere militarmente l’Ucraina contro un attacco russo. Kiev e i suoi zelanti sostenitori negli Stati Uniti sperano che l’impegno dichiarato si estenda fino a questo punto, poiché la credibilità della deterrenza, insistono, dipende dal fatto che il Cremlino tema questa probabilità. I membri più ragionevoli della comunità della politica estera statunitense credono che gli impegni verbali dell’amministrazione probabilmente non sono sinceri, ma si preoccupano che il bluff di Washington incoraggi il governo ucraino ad adottare posizioni bellicose verso Mosca, che Kiev non può sostenere da sola. Altri sostenitori della moderazione temono che la squadra di politica estera di Biden possa infilarsi in un conflitto armato con la Russia a causa della propria pervasiva inettitudine sulla questione Ucraina.

I recenti commenti del presidente e del suo team di politica estera hanno aumentato la nebulosità che circonda la politica degli Stati Uniti. Nella sua videoconferenza di due ore con il presidente russo Vladimir Putin il 7 dicembre, Biden ha parlato di “dure conseguenze” se un’invasione avesse luogo. Tuttavia, ha solo avvertito di ulteriori sanzioni economiche e vagamente di “altre misure”. Indicativamente, non ha avvertito Putin che le forze statunitensi avrebbero preso provvedimenti per difendere l’Ucraina.

Le successive dichiarazioni del presidente suggeriscono che Washington potrebbe cercare di allontanarsi anche da un implicito impegno militare degli Stati Uniti per la sicurezza dell’Ucraina. Nei commenti ai giornalisti dopo la videoconferenza, Biden è sembrato escludere l’uso unilaterale della forza da parte di Washington, anche se la Russia dovesse invadere il proprio vicino, anche se ha dichiarato che un attacco avrebbe spinto gli Stati Uniti a “rafforzare la presenza nei paesi della NATO e fornire sostegno all’Ucraina“.

Un impegno per una maggiore moderazione era però tutt’altro che chiaro. Infatti, il presidente è sembrato fare una distinzione tra l’America che agisce da sola militarmente o lo fa come parte di uno sforzo della NATO. Ha ammesso che gli Stati Uniti non hanno alcun obbligo di difendere militarmente l’Ucraina, dal momento che il paese non è un membro della NATO. Biden ha poi indicato che l’entità del coinvolgimento militare degli Stati Uniti in Ucraina “dipenderà da ciò che il resto dei paesi della NATO sono disposti a fare“. L’idea, però, “che gli Stati Uniti stiano per usare unilateralmente la forza per affrontare la Russia che invade l’Ucraina non è nelle carte in questo momento“. Sarebbe molto più rassicurante se Biden non avesse fatto una distinzione implicita tra Washington che va in guerra da sola contro la Russia o lo fa come parte di un intervento della NATO. L’inclusione dell’avvertimento “in questo momento” nella sua dichiarazione che Washington non aveva intenzione di usare la forza unilateralmente sono stati anche meno che confortanti.

Ci sono altre indicazioni, però, che l’amministrazione potrebbe voler disinnescare una situazione pericolosa e volatile che le sue stesse sconsiderate dichiarazioni di sostegno all’Ucraina hanno contribuito a creare. Da un lato, Washington e i suoi alleati europei affrontano una crescente pressione da Kiev per un piano d’azione per l’adesione (MAP) che porterebbe rapidamente l’Ucraina ad unirsi alla NATO. Tuttavia, le potenze occidentali sono anche consapevoli della richiesta esplicita di Putin di una garanzia che Kiev non riceverà mai un tale invito e che l’Alleanza non schiererà mai le sue forze in Ucraina. Washington sembra ora cercare di ottenere un disperato risultato di compromesso. Secondo quanto riferito, i funzionari statunitensi stanno dicendo a Kiev che non ci sarà alcuna possibilità di adesione per almeno dieci anni, pur mantenendo l’opzione aperta dopo di allora. È probabile che sia una posizione che non soddisfa né Kiev né Mosca.

Anche se vuole tirarsi indietro dal pericoloso pantano ucraino, l’amministrazione deve fare i conti con una lobby statunitense di falchi filo-ucraini dichiarati. I membri di questa fazione sono dei completi spacconi, e vogliono che Washington faccia passi più tangibili per sostenere militarmente Kiev. Il comitato editoriale del Wall Street Journal, per esempio, ha affermato che il modo migliore per trasmettere il messaggio di sostegno incrollabile degli Stati Uniti sarebbe quello di fornire “assistenza militare più letale all’Ucraina, le cui truppe stanno combattendo e morendo contro i separatisti sostenuti dalla Russia nell’est“. Tuttavia, il Journal non ha proposto l’invio di forze di combattimento statunitensi in Ucraina per affrontare la Russia.

Alcuni dei sostenitori più estremi di Kiev non mostrano tale moderazione. In un’intervista su Fox News, il senatore Roger Wicker (R-MS) ha suggerito diverse opzioni estremamente guerrafondaie se si verificassero combattimenti tra Russia e Ucraina. “L’azione militare potrebbe significare che ci fermiamo con le nostre navi nel Mar Nero e facciamo piovere distruzione sulla capacità militare russa“. Tuttavia, “potrebbe anche significare truppe americane sul terreno“. Inoltre, Wicker non era disposto a limitare un intervento degli Stati Uniti all’uso di armi convenzionali. “Non escludiamo un’azione nucleare preventiva“, ha sottolineato.

È orribile che qualcuno che non solo è un senatore degli Stati Uniti, ma anche un membro del potente Comitato per i Servizi Armati del Senato, abbia un atteggiamento così disinvolto verso l’uso di armi nucleari. Anche se intendesse solo piccole armi nucleari tattiche, la distruzione e la perdita di vite umane sarebbero terribili. Inoltre, un tale scontro “limitato” potrebbe facilmente degenerare in uno scambio nucleare molto più ampio con la Russia, causando milioni di vittime da entrambe le parti. Una tale opzione non dovrebbe mai essere considerata se non in risposta a un attacco nucleare contro gli Stati Uniti. Farlo per intromettersi in una disputa tra la Russia e un paese che non è nemmeno formalmente alleato degli Stati Uniti sarebbe una follia criminale.

Forse l’amministrazione Biden capisce finalmente che il suo sostegno retorico a Kiev sta esacerbando una situazione già pericolosa. La posizione di Washington ha chiaramente incoraggiato il governo di Zelensky a perseguire politiche scioviniste. L’ultimo documento di strategia di sicurezza nazionale dell’Ucraina esprime esplicitamente la determinazione a riconquistare la Crimea e il Donbas, e Mosca accusa Kiev di aver schierato almeno metà del suo esercito vicino a quest’ultimo. Il comportamento dell’amministrazione Biden sembra anche aver incoraggiato i fan dell’Ucraina negli Stati Uniti a spingere per politiche sempre più avventate a favore di quel paese, come illustrato dalla dichiarazione di Wicker. Un atteggiamento più ragionevole da parte del presidente e dei suoi consiglieri, per quanto tardivo, sarebbe uno sviluppo benvenuto.

https://original.antiwar.com/Ted_Galen_Carpenter/2021/12/20/is-the-biden-administration-trying-to-execute-a-delicate-retreat-regarding-ukraine

 

-*-*-*-

 

Cosa fare riguardo all’ultimatum russo

 

Patrick J. Buchanan – Antiwar.com – 21 dicembre, 2021

“Fuori dal nostro portico. Fuori dal nostro cortile anteriore. E fuori dal nostro cortile posteriore”.

Questo potrebbe essere un crudo riassunto di due bozze di patti di sicurezza che il vice ministro degli esteri Sergei A. Ryabkov ha consegnato la scorsa settimana come prezzo della Russia per risolvere la crisi creata da quei 100.000 militari russi ai confini dell’Ucraina.

Le richieste di Ryabkov sembrano essere un ultimatum virtuale, progettato per essere rifiutato dagli Stati Uniti e dalla NATO e fornire a Mosca un pretesto per un’invasione e occupazione di parte o di tutta l’Ucraina.

Tra le richieste massimaliste russe:

  • Garanzie scritte da parte della NATO che non ammetterà nella settantennale alleanza della guerra fredda altre repubbliche ex-sovietiche, in particolare, Ucraina, Georgia, Armenia e Azerbaijan.
  • Le armi offensive devono essere tenute fuori dalle nazioni che confinano con la Russia.
  • Gli Stati Uniti e la Russia devono tenere le loro navi da guerra e i bombardieri strategici lontani dal territorio dell’altro. Gli Stati Uniti dovrebbero rinunciare a stabilire basi militari in uno dei cinque “stan”, le nazioni dell’Asia centrale che una volta facevano parte dell’URSS.
  • La NATO deve ritirare le infrastrutture militari che ha collocato negli stati dell’Europa orientale dopo il 1997.

Questa data è significativa. Perché solo nel 1999 la Polonia, l’Ungheria e la Repubblica Ceca sono entrate nella NATO. E l’adesione di Estonia, Lettonia, Lituania, Romania, Bulgaria, Slovacchia e Slovenia è avvenuta solo nel 2004.

La Russia chiede la creazione di una zona di sicurezza intorno ai suoi confini che comprenda tutta l’ex Unione Sovietica e oltre, in cui le basi militari degli Stati Uniti e della NATO sarebbero vietate.

Il fatto che le richieste di Ryabkov siano state specifiche e rese pubbliche suggerisce che sono da prendere sul serio e che il presidente russo Vladimir Putin è dietro di esse. Il vice ministro degli esteri chiede che i negoziati immediati su questi patti di sicurezza inizino a Ginevra.

Prima di respingere queste richieste russe, gli Stati Uniti dovrebbero guardare da vicino per vedere se non ci sono alcune questioni su cui il compromesso è possibile ed è anche possibile trovare un terreno in modo che da poter disinnescare la crisi ucraina possa essere. Un alto funzionario statunitense è stato citato per aver segnalato quanto segue:

Ci sono alcuni punti in quei documenti che i russi sanno che saranno inaccettabili … ma ci sono altre cose con cui siamo pronti a lavorare e che meritano qualche discussione“.

Gli Stati Uniti hanno già segnalato, con l’avvertimento del presidente Joe Biden a Putin di “severe … sanzioni economiche” se la Russia dovesse invadere l’Ucraina, che stanno escludendo la guerra e limitando qualsiasi risposta degli Stati Uniti a mezzi non militari.

Il segretario alla difesa britannico Ben Wallace ha detto che è improbabile che il Regno Unito invii truppe per difendere l’Ucraina in caso di invasione russa, poiché l’Ucraina non è un membro della NATO.

Né gli Stati Uniti o la NATO andranno in guerra per la Georgia per convalidare le sue rivendicazioni su Abkhazia e Ossezia del Sud, come abbiamo visto nel 2008. Quell’agosto, il presidente George W. Bush è rimasto immobile mentre la Russia di Putin buttava fuori dall’Ossezia del Sud gli invasori georgiani.

Di nuovo, l’America non andrà in guerra per la Georgia o l’Ucraina. Lo abbiamo dimostrato con la nostra inazione nella guerra russo-georgiana del 2008, nelle crisi di Crimea e Donbass nel 2014, e nella crisi ucraina del 2021. Quindi, perché non trovare un modo per trasmettere questa realtà, per evitare un’invasione russa dell’Ucraina e una guerra che Kiev perderebbe sicuramente?

Se l’Ucraina e la Georgia non hanno intenzione di essere ammesse alla NATO o di ricevere le garanzie di guerra dell’articolo V, perché non dirlo pubblicamente ora?

Quello che sta accadendo oggi è che, dopo decenni di spostamento della NATO a est dal fiume Elba verso gli stati baltici e i confini della Russia stessa, i polli dell’espansione della NATO stanno tornando al pollaio di casa.

Dalla fine della guerra fredda, la NATO ha raddoppiato le sue dimensioni.

Ora abbiamo garanzie di guerra U.S.-NATO in sospeso per 28 nazioni dall’altra parte dell’Atlantico, alcune delle quali sono piccole nazioni nel profondo dell’Europa orientale, all’ombra della Russia, la più grande nazione della terra.

Non può essere lontano il giorno in cui gli Stati Uniti dovranno rivedere e scartare gli impegni della guerra fredda che risalgono agli anni ’40 e ’50, e che ci impongono di combattere una potenza nucleare come la Russia per [difendere] paesi che non hanno nulla a che fare con i nostri interessi vitali o la nostra sicurezza nazionale.

L’appello di Ryabkov per i negoziati USA-Russia a Ginevra può essere il luogo per iniziare una rivalutazione pubblica dei nostri impegni della guerra fredda.

Per ogni concessione che facciamo sul non espandere la NATO in Ucraina e Georgia, possiamo chiedere reciproche concessioni russe. Nuovi accordi sugli armamenti per limitare i missili statunitensi e russi in Europa e per limitare il numero di operazioni aeree e navali statunitensi e russe vicino ai confini dei nostri rispettivi paesi sembrano negoziabili.

Una guerra russo-ucraina, che Kiev perderebbe quasi sicuramente, sarebbe un disastro per entrambe le nazioni.

Il vincitore sarebbe la Cina. Perché una tale guerra non lascerebbe alla Russia nessun altro a cui rivolgersi come partner economico, politico e strategico. E gli interessi degli Stati Uniti certamente non guadagnerebbero dal consolidamento dell’alleanza tra Pechino e Mosca.

 

Link: https://original.antiwar.com/buchanan/2021/12/20/what-to-do-about-that-russian-ultimatum/

 

Scelti e tradotti da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

blank
Notifica di
22 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
22
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x