PUTIN, A CAPO

DI PIERLUIGI FAGAN

facebook.com

(“La parata quest’anno si tiene nel giorno in cui, 75 anni fa, le truppe hanno sfilato, proprio qui, dopo la vittoria del bene sul male, sul nazifascismo”. Lo ha detto ieri, 24 giugno 2020, il presidente russo Vladimir Putin salutando le truppe schierate sulla Piazza Rossa per il 75esimo anniversario della Vittoria dell’Unione Sovietica nella Seconda Guerra mondiale. “Non oso immaginare cosa sarebbe accaduto al mondo se l’armata rossa non avesse vinto: è stata l’Urss a battere il nazismo e liberare i tedeschi”. NdR)

Il titolo del post ha tre possibili letture:

1) Putin precisa alcune cose su genesi e significato storico della IIWW con piglio assertivo da “punto e a capo” in un articolo di storia da poco pubblicato in America;

2) quale strategia ha il capo della Russia per ruolo e collocazione del suo paese nei prossimi anni;

3) cosa sarà del dopo Putin, tema trattato assieme ad altri in una panoramica geopolitica a tema Russia sull’ultimo Limes di cui ci dà assaggio Mappa Mundi.

Il testo del post è una serie di estratti dell’articolo scritto per National Interest che ho rubato dalla sempre attenta Nadia Lucio Olivares, che è poi un sunto dell’articolo fatto da RIA Novosti. L’articolo è appena uscito e mercoledì ci saranno i festeggiamenti a Mosca per il 75° anniversario della vittoria sul nazismo a cui non si sa ancora bene chi parteciperà, forse Xi Jinping e Macron. L’articolo completo è linkato in fondo al post.

National Interest è un bimensile di orientamento conservatore e realista negli affari internazionali promosso dalla fondazione Nixon e fondato dall’ideologo neo-con Irving Kristol, supposto avere ruolo nelle relazioni dietro le quinte tra Trump e Russia. L’articolo interviene sull’interpretazione storica della IIWW, cause, genesi e ruoli dei partecipanti, con un duro attacco alla Polonia già oggetto di precedenti e ripetuti interventi da parte di Putin che è un attento storico amatoriale. Altresì, rilancia il formato del Consiglio di Sicurezza nello spirito di Yalta, come luogo di dialogo e coordinamento tra le cinque potenze nucleari, per cercare la forma di un nuovo ordine mondiale, per quanto competitivo, comunque pacifico. Un “caramba che sorpresa!”, in qualche modo organizzato tra Trump e Putin prima delle elezioni americane di novembre, potrebbe essere in preparazione anche a prescindere dal G7 annunciato che è in dubbio si terrà davvero o meglio che nell’auspicato formato annunciato da Trump con i 7 più Russia, India, Sud Corea ed Australia penso non si terrà mai.

MOSCA, 18 giugno – RIA Novosti. Il presidente russo Vladimir Putin ha scritto un articolo sulla seconda guerra mondiale per la rivista americana National Interest.

Il materiale è intitolato “75 anni della Grande Vittoria: una responsabilità condivisa nei confronti della storia e del futuro”.

“Il presidente russo offre una valutazione completa della seconda guerra mondiale, affermando che oggi i politici europei, e in particolare i leader polacchi, stanno cercando di coprire il fatto della cospirazione di Monaco sotto il tappeto”, nota la redazione della della rivista.

Le ragioni della guerra

“Questa organizzazione internazionale aveva grandi speranze di garantire la pace a lungo termine e la sicurezza collettiva. Era un’idea progressista, la cui attuazione coerente, senza esagerare, poteva impedire il ripetersi degli orrori della guerra globale”, ha scritto Putin.

Tuttavia, la Società delle Nazioni, che era dominata dalle potenze vittoriose della Gran Bretagna e della Francia, mostrò la sua inefficienza e “affogò in chiacchiere vuote”.

“Nella Lega delle Nazioni, e in genere nel continente europeo, non sono stati ascoltati ripetuti inviti dell’Unione Sovietica a formare un sistema paritario di sicurezza collettiva. In particolare, per concludere patti per l’Europa orientale e per il Pacifico che avrebbero potuto costituire un ostacolo all’aggressione. Queste proposte sono state ignorate”, ha aggiunto il presidente.

“Ancora una volta, vi ricordo una cosa ovvia: le cause alla base della seconda guerra mondiale derivano in gran parte dalle decisioni prese in seguito ai risultati della prima guerra mondiale. Il trattato di Versailles divenne un simbolo di profonda ingiustizia per la Germania. In effetti, fu la rapina di un paese che fu costretto a pagare enormi riparazioni agli alleati occidentali, che esaurirono la sua economia, il comandante in capo delle forze alleate, il maresciallo francese Ferdinand Foch descrisse profeticamente Versailles: “Questa non è pace, questa è una tregua per vent’anni”, scrive Putin.

Il presidente ha sottolineato che è stata l’umiliazione nazionale a diventare il terreno fertile per radicali sentimenti di ritorsione in Germania.

“I nazisti hanno giocato abilmente su questi sentimenti, hanno costruito la loro propaganda, promettendo di salvare la Germania dall’ “eredità di Versailles”, ripristinando il suo precedente potere, e di fatto hanno spinto il popolo tedesco a una nuova guerra. È paradossale, ma sono stati gli stati occidentali, principalmente la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, a contribuire a questo. I loro circoli finanziari e industriali hanno investito pesantemente in fabbriche e fabbriche tedesche che producevano prodotti militari. E tra l’aristocrazia e l’establishment politico c’erano molti sostenitori di movimenti nazionalisti radicali, di estrema destra, che stavano guadagnando forza in Germania e in Europa.”, dice l’articolo.

Il complotto di Monaco

Putin ha anche accusato un certo numero di politici europei, in particolare polacchi, di aver tentato di nascondere le informazioni sull’accordo di Monaco, concluso alla vigilia della seconda guerra mondiale, per la spartizione della Cecoslovacchia. Si chiede perché questo accadesse.

“Non solo perché i loro paesi hanno poi tradito i loro obblighi, hanno sostenuto l’accordo di Monaco e alcuni di essi hanno persino preso parte alla condivisione del bottino, ma anche perché è in qualche modo scomodo ricordare che in quei drammatici giorni del 1938 solo l’URSS ha difeso la Cecoslovacchia”

Ha ricordato che oltre a Hitler e Mussolini, anche i leader britannici e francesi hanno partecipato all’accordo di Monaco. Inoltre, la divisione della Cecoslovacchia ha avuto luogo con la piena approvazione della Società delle Nazioni.

“A questo proposito noto che, a differenza di molti degli allora leader d’Europa, Stalin non si macchiò di nessun incontro personale con Hitler, che allora era conosciuto, negli ambienti occidentali, come rispettabile politico ed era un gradito ospite nelle capitali europee”, scrive Putin.

Il contributo sovietico alla sconfitta dei nazisti

Nell’articolo, il presidente ha sottolineato che l’URSS ha fornito tre quarti del contributo militare per la sconfitta del nazismo.

“Nella sconfitta del nazismo, qualunque cosa ora cerchino di dimostrare, l’Unione Sovietica, l’Armata Rossa, ha dato il principale, decisivo contributo alla sua sconfitta”, dice la rivista.

“Solo durante le battaglie per la città di Rzhev e per la sporgenza di Rzhev, dall’ottobre del 1941 al marzo del 1943, l’Armata Rossa ha perso, inclusi feriti e dispersi, 1.342.888 persone. Definisco queste, raccolte per la prima volta da fonti archivistiche tutt’altro che complete, cifre spaventose, tragiche, rendendo omaggio all’impresa di eroi famosi e senza nome, che negli anni del dopoguerra, per varie ragioni, furono pronunciati immeritatamente, sono stati menzionati poco o completamente dimenticati “, dice l’articolo.

“In totale, l’URSS ha rappresentato circa il 75 percento degli sforzi militari della coalizione anti-Hitler. L’Armata rossa, durante gli anni della guerra ha “macinato” 626 divisioni dei paesi dell’Asse, di cui 508 tedesche”, ha scritto Putin.

Allo stesso tempo, secondo le sue parole, la Russia sarà sempre grata per l’aiuto degli Alleati nel rifornire l’Armata Rossa nella Seconda Guerra Mondiale.

“Saremo sempre grati per l’aiuto che gli Alleati hanno dato, fornendo all’Armata Rossa di munizioni, materie prime, cibo, attrezzature. Ed è stato significativo, circa il sette percento della produzione militare totale dell’Unione Sovietica”, dice il materiale.

Putin ha anche attirato l’attenzione sul fatto che non ci sono documenti d’archivio che confermano che l’URSS intendesse iniziare una guerra preventiva contro la Germania.

“La leadership militare sovietica aderiva alla dottrina secondo cui, in caso di aggressione, “l’Armata Rossa respingerà rapidamente il nemico, andrà all’offensiva e porterà la guerra sul territorio nemico”. Tuttavia, tali piani strategici non significano l’intenzione di attaccare per primi la Germania”, ha sottolineato il capo dello stato.

Attacchi informativi

Numerosi partner della Russia non sono pronti per un lavoro congiunto per stabilire la verità sulla seconda guerra mondiale, ha osservato il presidente.

“Abbiamo tutti bisogno di verità e di obiettività. Da parte nostra, ho sempre incoraggiato e sollecito i colleghi ad avere un dialogo calmo, aperto, fiducioso, uno sguardo autocritico e imparziale sul passato comune”, scrive Putin.

Ha citato ad esempio la risoluzione del Parlamento europeo del 19 settembre 2019, in cui la responsabilità della seconda guerra mondiale era direttamente attribuita all’URSS e alla Germania nazista. Secondo lui, la chiara intenzione di una simile risoluzione era quella di provocare uno scandalo.

“Essa è anche piena di pericoli reali”, afferma Putin.

Il presidente lo ha definito un approccio sleale, in cui il patto Molotov-Ribbentrop sarebbe la causa principale della seconda guerra mondiale.

“Tutti i paesi leader in un modo o nell’altro portano la loro parte di colpa per il suo inizio. Ognuno di loro ha fatto errori irreparabili, credendo arrogantemente che fosse possibile battere gli altri, assicurarsi vantaggi unilaterali o tenersi lontano dall’imminente disastro mondiale. E per tale miopia, per aver rifiutato alla creazione di un sistema di sicurezza collettiva abbiamo dovuto pagare milioni di vite, perdite colossali”, ha scritto Putin.

Egli ha osservato che esistono diverse e corrette e giustificate affermazioni nei confronti di Josif Stalin, ma il Patto Molotov-Ribbentrop non gli può essere attribuito.

“Ricordiamo sia i crimini del regime contro il nostro stesso popolo sia gli orrori delle repressioni di massa. Ripeto, i leader sovietici possono essere rimproverati di molte cose, ma non della mancanza di comprensione della natura delle minacce esterne”, ha scritto il presidente.

È sicuro che le autorità sovietiche “abbiano visto i tentativi di lasciare sola, faccia a faccia, l’Unione Sovietica con la Germania e i suoi alleati”.

“Hanno visto che si stava cercando lasciare l’Unione Sovietica da sola contro la Germania e i suoi alleati, e hanno agito in riconoscimento di questo vero pericolo per guadagnare tempo prezioso per rafforzare la difesa del paese”, ha detto Putin.

Declassificare le informazioni

Il presidente non ha escluso l’esistenza in altri paesi di documenti segreti su cospirazioni durante la seconda guerra mondiale e ha invitato tutti gli stati a fornire l’accesso agli archivi.

“Anche noi non sappiamo se esistessero “protocolli segreti” e allegati agli accordi di un certo numero di paesi con i nazisti. Resta solo da credere sulla parola”, ha detto.

“In particolare, i materiali sui negoziati segreti anglo-tedeschi non sono stati declassificati. Pertanto, invitiamo tutti gli Stati a intensificare il processo di apertura dei loro archivi, pubblicando i documenti precedentemente non conosciuti del periodo prebellico e bellico, come ha fatto la Russia negli ultimi anni. Siamo pronti, qui, ad un’ampia cooperazione, a progetti comuni nella ricerca di storici colti”, ha scritto Putin.

Senza limite di prescrizione

Non esiste un termine prescrittivo per i crimini nazisti, le loro azioni non hanno giustificazione, il presidente russo ne è sicuro.

“Pertanto, è sconcertante quando, in un certo numero di paesi, coloro che si sono macchiati collaborando con i nazisti, vengono improvvisamente equiparati ai veterani della Seconda Guerra Mondiale”, dice l’articolo.

“Ritengo inaccettabile equiparare i liberatori e gli occupanti. E l’eroizzazione dei complici dei nazisti può essere vista solo come un tradimento della memoria dei nostri padri e dei nostri nonni. Un tradimento di quegli ideali che hanno unito le persone nella lotta contro il nazismo”, ha scritto Putin.

È in gioco l’eredità di Yalta

Il presidente sottolinea che il revisionismo storico in Occidente è pericoloso in relazione ai risultati della seconda guerra mondiale.

“Ha distorto gravemente e cinicamente la comprensione dei principi dello sviluppo pacifico stabiliti nel 1945 dalle conferenze di Yalta e di San Francisco”, ha detto Putin.

“Il principale traguardo storico di Yalta e delle altre decisioni di quel tempo, fu l’accordo di creare un meccanismo che consentisse alle potenze leader di rimanere nel quadro della diplomazia, risolvendo al contempo le differenze che sorgessero tra loro”, ha aggiunto Putin.

Ha osservato che le Nazioni Unite stanno incontrando alcune difficoltà nel loro lavoro che non è così efficace, ma l’organizzazione svolge comunque le sue funzioni principali: prevenire le guerre e i conflitti globali.

“I richiami abbastanza frequenti negli ultimi anni ad abolire il veto, a negare ai membri permanenti del Consiglio di sicurezza opportunità speciali, sono in realtà irresponsabili. In effetti, se ciò dovesse accadere, le Nazioni Unite si trasformerebbero essenzialmente nella stessa Società delle Nazioni, un luogo di incontro per chiacchiere vuote, privo di qualsiasi leva finanziaria.

“Il modo in cui tutto è finito è noto. Ecco perché le potenze vittoriose si sono avvicinate alla formazione di un nuovo sistema di ordine mondiale con la massima serietà per non ripetere gli errori dei loro predecessori”, ritiene il leader russo.

Il sistema creato dopo la seconda guerra mondiale per prevenire i grandi conflitti deve essere mantenuto e migliorato, ha affermato il presidente.

Ha sottolineato che è un dovere di tutti gli stati, in particolare di quelli che hanno vinto la guerra.

La cinquina nucleare

Il vertice delle Nazioni Unite dei leader della cinquina nucleare, aiuterà a trovare le risposte alle sfide e alle minacce attuali, scrive il presidente. Ha espresso la speranza che un tale incontro abbia luogo il prima possibile.

“I nostri colleghi: i signori Xi Jinping, Macron, Trump, Johnson, hanno sostenuto l’iniziativa russa di tenere una riunione dei leader dei cinque stati nucleari, membri permanenti del Consiglio di sicurezza (ONU)”, ha detto l’articolo.

Secondo il capo dello stato, i paesi dei cosiddetti “cinque nucleari” dovrebbero fidarsi reciprocamente per negoziati di successo e per rafforzare la sicurezza nel mondo.

“Un argomento a parte, all’ordine del giorno della riunione, è la situazione dell’economia globale, principalmente per superare la crisi economica causata dalla pandemia di coronavirus”, ha scritto.

Secondo Putin, i paesi stanno adottando misure senza precedenti per proteggere la salute e la vita delle persone.

“Ma quanto gravi saranno le conseguenze della pandemia, quanto velocemente l’economia globale uscirà dalla recessione, dipende dalla nostra capacità di lavorare insieme e di concerto, come veri partner”, ha scritto il presidente.

Ha osservato che è inaccettabile trasformare l’economia in uno strumento di pressione e di confronto.

Pierluigi Fagan

22.06.2020

Link: https://www.facebook.com/pierluigi.fagan/posts/10221463323388082

 

Comments are closed.