Home / Attualità / Non possiamo continuare a mangiare così (Questa è la domanda che tutto dovrebbero porsi – da dove verrà il cibo?)

Non possiamo continuare a mangiare così (Questa è la domanda che tutto dovrebbero porsi – da dove verrà il cibo?)

DI GEORGE MONBIOT

monbiot.com

Questa è la domanda che tutto dovrebbero porsi – da dove verrà il cibo?

Brexit; la democrazia fatta a pezzi dai miliardari; l’imminente caos finanziario; gli Stati Uniti che hanno come Presidente una canaglia: nessuno di questi argomenti mi tiene sveglio la notte. Ma non è perché non mi interessino – mi interessano molto. È solo perché ho in testa una domanda più grande. Da dove verrà il cibo?

Per metà del secolo ci saranno due o tre miliardi di persone in più sulla terra. Nessuna delle questioni che solleverò potrebbe aiutare a diminuire la fame di massa. E questo lo dico prima che consideriate quanto queste questioni potrebbero influenzarla.

Il problema inizia dove inizia tutto: con la terra. La famosa previsione degli Stati Uniti sosteneva che, al ritmo corrente in cui stiamo perdendo i terreni, il mondo ha a disposizione solo altri 60 anni di raccolti, che sembra vengano supportati da nuove figure. In parte, come risultato del degrado del terreno, i raccolti sono già in calo del 20% su tutti i terreni coltivabili.

Adesso consideriamo la carenza di acqua. In posti come la Pianura della Cina del Nord, il centro degli Stati Uniti, la California e il nord-est dell’India – tra le regioni che stanno diventando più critiche al mondo – il livello di acqua usata per irrigare i terreni sta già raggiungendo punti critici. Nella falda acquifera dell’alto Gange, per esempio, si sta prelevando acqua 50 volte in più il suo tasso di ricarica. Ma, per mantenere il passo con la domanda di cibo, gli agricoltori del Sud dell’Asia prevedono fino al 2050 di utilizzare tra l’80 e il 200% in più dell’acqua. Da dove arriverà?

Il prossimo limite è la temperatura. Uno studio suggerisce che, a parità di tutte le altre circostanze, con ogni grado celsius che aumenta il raccolto mondiale di riso diminuisce del 3%, il grano del 6% e il mais del 7%. Questo se siamo ottimisti. Una ricerca pubblicata sul giornale Agricultural & Environmental Letters sostiene che il riscaldamento di 4° centigradi nel Corn Belt – Stati Uniti – potrebbe ridurre il raccolto di mais dall’84 al 100%.

La motivazione è che le alte temperature di notte interrompono il processo di impollinazione. Ma questo descrive solo una componente della crisi dell’impollinazione. Insectageddon, causato dalla diffusione di pesticidi scarsamente testati, giustifica il resto. In alcune parti del mondo gli agricoltori già stanno impollinando le piante manualmente. Ma questo è fattibile per il raccolto più costoso.

Poi ci sono altri fattori strutturali. Perché i piccoli agricoltori tendono a sforzarsi di più per far crescere un raccolto più grande e lavorare il terreno attentamente, come regola, fanno crescere quindi più cibo per ettaro degli agricoltori più grandi. Nelle regioni più povere del mondo, le persone con meno di 5 ettari di terreno possiedono il 30% della coltivazione ma producono il 70% del cibo. Dal 2000, un’area di terreno fertile, grossomodo grande due volte il Regno Unito, è stata presa da accaparratori e consolidato in grandi fattorie, generalmente per far crescere il grano per esportazione piuttosto che cibo che serve per i più poveri.

Mentre questi molteplici disastri stanno accadendo sulla terra, i mari sono setacciati quasi interamente da plastica. Nonostante un enorme aumento dello sforzo (barche più grandi, motori più grandi, più attrezzature) la pesca nel mondo sta diminuendo all’incirca dell’1% all’anno, come il crollo delle popolazioni. La globale invasione dei terreni è rispecchiata da una globale invasione dei mari: piccoli pescatori vengono rimpiazzati da grandi società, esportando pesce a coloro ne hanno meno bisogno ma pagano di più. Circa 3 miliardi di persone dipendono in gran parte da proteine del pesce e crostacei. Da dove verranno?

Tutto questo già sarebbe abbastanza difficile. Ma dal momento che i guadagni delle persone aumentano, la loro dieta tende a spostarsi da proteine della pianta a proteine animali. La produzione globale di carne è quadruplicata negli ultimi 50 anni, ma la media di consumo mondiale è ancora solo la metà di quella del Regno Unito – dove mangiamo all’incirca il nostro peso corporeo in carne all’anno – e solo più di un terzo del livello degli Stati Uniti. A causa del modo in cui mangiamo, il mercato della coltivazione inglese (la terra richiede di soddisfare la nostra richiesta) è 2,4 volte più grande dell’area agricola. Se tutti aspirassero a questa dieta, come potremmo soddisfarla?

Il dispendio di bestiame è incredibile. Il 36% delle calorie crescono sotto forma di chicchi – e il 53% delle proteine – e sono utilizzate per nutrire gli animali delle aziende agricole. Due terzi di questo cibo viene perso dalla conversione dalla pianta all’animale. Un grafico prodotto l’anno scorso da Our World in Data suggerisce che, in media, abbiamo bisogno di 0,01 metri quadrati di terreno per produrre un grammo di proteine dai fagioli o dai piselli, ma necessitiamo di 1 metro quadrato per produrle dalla carne bovina o di pecorina: 100 volte in più.

È vero che molti dei terreni utili al pascolo sono occupati da bovini e pecore e non possono essere usati per far crescere raccolti. Altrimenti avrebbero accolto fauna selvatica e ecosistemi. Invece, le paludi sono prosciugate, gli alberi sono stati abbattuti e le loro piante estirpate, i predatori sterminati, erbivori selvatici messi nei recinti e altre forme di vita gradualmente cancellate al rafforzamento dei sistemi di pascolo. Posti incredibili – come le foreste pluviali del Madagascar e del Brasile – vengono predisposti per fare spazio a più bestiame.

Poiché non c’è abbastanza terra per soddisfare sia le necessità che l’avidità, mangiare animali adesso significa cercare di prendere il cibo dalla bocca dei poveri. Significa anche pulizia ecologica di quasi ogni angolo del pianeta.

La variazione della dieta potrebbe essere impossibile da sostenere anche se non ci fosse crescita della popolazione. Ma più grande è il numero delle persone, più mangiare la carne causerà la fame. Da un riferimento del 2010, le Nazioni Unite si aspettano una crescita del 70% di consumo di carne entro il 2030 (tre volte il tasso di crescita della popolazione). In parte come risultato, la richiesta globale di raccolti potrebbe raddoppiare (da riferimento del 2005) entro il 2050. Ma il terreno utile per la crescita dei raccolti non esiste.

Quando dico che tutto ciò mi tiene sveglio la notte, intendo questo. Sono tormentato dalla visione di gente che muore di fame cercando di scappare dagli sprechi, e che vengono respinti dalla polizia. Vedo gli ultimi ecosistemi ricchi fatti fuori, la fauna globale – leoni, elefanti, balene e tonni –vanificarsi. E quando mi sveglio, non posso rassicurarmi del fatto che tutto questo è solo un sogno.

Altre persone fanno sogni diversi: la fantasia della foga dell’alimentazione di cui abbiamo bisogno non finisca mai, la favola di una riconciliante crescita economica continua con un mondo in vita. Se l’umanità aumentasse a dismisura e la società collassasse, questi sogni ne sarebbero la causa.

Non ci sono risposte facili, ma il cambiamento cruciale è passare da una dieta basata sugli animali a una dieta basata sulle piante. A parità di tutte le altre condizioni, se si fermasse sia la produzione di animali che l’uso di terreni utili alla coltivazione per far crescere biocarburanti si potrebbe produrre abbastanza calorie per altri 4 miliardi di persone e raddoppiare le proteine disponibili per il consumo umano. La carne artificiale aiuterà: una ricerca suggerisce che questo ridurrebbe l’uso di acqua dell’82% e l’uso della terra del 99%.

La prossima Green Revolution non sarà come questa. Non farà affidamento sul fatto che portiamo la terra verso la morte, ma sulla riconsiderazione di come la usiamo e perché. Possiamo farlo, o troviamo che – dato che i ricchi ora stanno consumando il pianeta in vita –la morte di massa sia una soluzione migliore di cambiare il nostro modo di mangiare?

 

George Monbiot

Fonte: www.monbiot.com

Link: http://www.monbiot.com/2017/12/13/we-cant-keep-eating-like-this/

13.12.2017

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di MARIARITA MORI

 

 

Pubblicato da Davide