Nabiullina: La Russia ha superato le sanzioni, le nostre banche sono stabili

Intervista al Governatore della Banca centrale russa Elvira Nabiullina.

Karl Sanchez – karlof1’s Geopolitical Gymnasium – 4 gennaio 2024

 

Elvira Nabiullina a RBC: “C’è la tentazione di pensare che siamo degli sbruffoni”.

 

La tendenza delle E-zine a far apparire immagini e testo non correlato ogni pochi paragrafi di un’intervista o di un articolo è molto fastidiosa per chi fa un copia-incolla della traduzione, che poi deve essere esaminata attentamente per vedere se il flusso contestuale è corretto. Va notato che la RBC, che ha realizzato l’intervista e l’ha pubblicata sul proprio sito web, ha avuto qualche problema con il formato che ha spinto RT a fare la propria revisione e traduzione. Dato il recente incidente che RT ha causato con la pubblicazione di un resoconto decontestualizzato delle osservazioni fatte da Lavrov in un’intervista della scorsa settimana, mi sorprende che molti l’abbiano usato invece di andare all’originale e usarlo come qui. Molti ignorano il background di Elvira Nabiullina, che è molto ampio e impressionante. A mio modesto parere, in troppi uomini esiste una forte gelosia e invidia per il suo successo, che porta a diffamarla in molti modi. Questa valutazione non è chiaramente condivisa dal suo capo, il Presidente Putin, che la conosce da oltre vent’anni e l’ha avuta nel suo staff negli ultimi dieci. Molti vedono che ha frequentato la Facoltà di Economia dell’Università Statale di Mosca, ma si è laureata nel 1986, ben prima che diventasse un letto di influenza negativa neoliberista. Sì, non sembra avere 60 anni. Non ho mai letto Putin dire qualcosa di negativo su di lei o sul suo operato. Si è offerta di dimettersi in mezzo a un’ondata di feroci attacchi personali, ma Putin ha rifiutato le sue dimissioni e ha appoggiato la sua performance, il che ha messo per lo più fine a questo genere di cose. Ma esiste ancora. Ecco quindi l’opportunità di imparare qualcosa su questo personaggio un po’ sconosciuto nell’intervista che segue, nella formattazione originale:

—————————

Nella prima intervista dopo quasi due anni, il capo della Banca di Russia, Elvira Nabiullina, ha parlato a RBC delle sanzioni più dolorose, del ritardo nell’avvio dell’aumento del tasso di riferimento e se in futuro si passerà dai mutui agevolati a quelli non tradizionali (nel test “exotic”. Da Investopedia: un tipo di mutuo per l’acquisto di una casa che offre pagamenti mensili più bassi nei primi anni, ma può essere rischioso a causa dei termini spesso difficili da comprendere e dei pagamenti futuri più elevati, N.d.T.).

RBC_interviewers
Le Intervistatrici Yulia Koshkina e Elina Tikhonova

 

E.N. – “È un segnale molto negativo per tutte le banche centrali”.

D. – Il settore finanziario, infatti, è stato il primo a subire il colpo delle sanzioni. Le maggiori banche sottoposte a sanzioni di blocco, il congelamento delle riserve, le restrizioni valutarie, la disconnessione da SWIFT: qual è stata la cosa più inaspettata e più difficile per voi?

E.N. – “Viviamo sotto sanzioni dal 2014. Pertanto, abbiamo sempre valutato il rischio di un aumento delle sanzioni e lavorato in tutti i settori, anche conducendo stress test con un gran numero di istituzioni finanziarie. Pertanto, ad esempio, le grandi banche, quando sono cadute sotto le sanzioni, erano già ampiamente preparate al fatto che ciò sarebbe accaduto. La disconnessione da SWIFT era una minaccia dal 2014, quindi stavamo costruendo un’infrastruttura di pagamento nazionale. Abbiamo diversificato le nostre riserve e aumentato la quota di yuan e oro. Il problema, il problema, erano i pagamenti internazionali, e sono ancora un problema, anche se stiamo cercando di risolverlo. Naturalmente, il blocco e il congelamento dei beni dei singoli – milioni di persone che non erano soggette a sanzioni ma si sono ritrovate con beni congelati – è diventato un argomento molto doloroso. È un problema difficile che stiamo cercando di risolvere in diversi modi insieme al governo.

Per quanto riguarda il congelamento delle riserve, ritengo che sia un segnale molto negativo per tutte le banche centrali, perché è una violazione dei principi fondamentali della protezione delle riserve. Ma in questo caso siamo stati aiutati anche dal tasso di cambio fluttuante e dalle restrizioni valutarie, che abbiamo adottato nella primavera dello scorso anno. Poi, come ricorderete, sono state allentate. E questo ha permesso di fermare i rischi per la stabilità finanziaria. Lei ha giustamente detto che il settore finanziario è stato il primo a subire il peso delle sanzioni – molte sanzioni, non solo quelle da lei citate. Ma nel complesso siamo riusciti a mantenere la stabilità finanziaria.”

D. – “Pensa che la pressione delle sanzioni non potrà che aumentare, in particolare sul settore finanziario?”

E.N. – “È assolutamente impossibile prevedere la politica delle sanzioni. Ma calcoliamo lo scenario di un aumento della pressione delle sanzioni e ogni anno lo presentiamo nelle Direttive Principali della Politica Monetaria. Il rischio c’è sicuramente. La cosa principale che possiamo fare per contrastare questo rischio è assicurarci che ci sia stabilità macroeconomica e finanziaria. Per questo motivo, ad esempio, avevamo concesso alle banche un’ampia gamma di agevolazioni ed abbiamo iniziato a ritirarle con decisione. Riteniamo che le banche debbano ricostituire le proprie riserveer di capitale in caso di possibili shock. Non solo le sanzioni, ma anche gli shock legati alle condizioni finanziarie e così via, e devono resistere. Si tratta quindi di capire questo rischio e di essere preparati ad affrontarlo.”

– “La rivista Politico l’ha definita il “distruttore dell’anno”, in parte per l’adattamento della Russia alle sanzioni. È personalmente d’accordo con questa definizione? Secondo lei, possiamo ritenere di aver superato tutto? O potrebbero esserci nuovi scossoni in arrivo?”

E.N. – “È difficile per me commentare la prima parte della domanda, è difficile. Credo che la Banca Centrale abbia condotto, stia conducendo e continuerà a condurre una politica volta a garantire che i redditi non si deprezzino a causa dell’alta inflazione, che ci sia un settore finanziario stabile, che permetta alle persone e alle imprese di conservare i propri risparmi e di fornire risorse finanziarie per la ristrutturazione strutturale dell’economia. Vediamo che la ristrutturazione strutturale dell’economia sta procedendo abbastanza rapidamente. E questo è dovuto principalmente alla natura di mercato della nostra economia, alle imprese, che si sono adattate molto rapidamente.

Certo, c’è la tentazione di pensare che abbiamo attraversato il 2022 così bene e ora siamo, come si dice, in mezzo al mare. Ma dobbiamo essere preparati a una maggiore pressione delle sanzioni. Siamo stati in grado di rispondere alle principali sfide nel settore finanziario, ma ci sono anche problemi nel settore finanziario che non sono stati completamente risolti, compresi i pagamenti transfrontalieri. Sì, le catene sono state costruite, sono in continua evoluzione, ma questo è ancora un problema per molte imprese. Anche se, secondo le nostre indagini, la gravità di questo problema è leggermente diminuita.

La fiducia nel mercato finanziario rimane un problema a causa del blocco degli asset, del fatto che a causa della pressione delle sanzioni, molti emittenti hanno chiuso le informazioni, e così via. Per noi la sfida è il denaro a lungo termine nell’economia. E non si tratta solo di prestiti a lungo termine, ma anche del mercato dei capitali.

Il compito di sviluppare il mercato dei capitali è molto serio. E qui sarà necessario superare un certo calo di fiducia nel mercato finanziario dovuto alle sanzioni, a causa di ciò che è accaduto.

La sfida rimane quella di mantenere lo stesso ritmo di innovazione e sviluppo tecnologico. Il nostro settore finanziario è piuttosto avanzato – molti ormai lo capiscono e possono fare paragoni con altri Paesi in termini di metodi di pagamento, regolamenti e così via. E per continuare a svilupparci, ovviamente, abbiamo bisogno di questo impulso all’innovazione. Inoltre, alcune soluzioni – non tutte, ma alcune – si basavano su sviluppi esteri. Ora vengono sviluppate internamente. A proposito, vediamo come questo influenzerà la carenza, per esempio, di specialisti IT, programmatori e così via in tutti i settori.

Pertanto, ci saranno degli effetti e non possiamo dire di aver risposto a tutte le sfide e risolto tutti i problemi. Ma ho una visione molto positiva dello sviluppo del settore finanziario, della sua sostenibilità, del fatto che rimarrà tecnologicamente avanzato, innovativo e in grado di soddisfare le esigenze delle persone e delle imprese. Guardando al passato, ci rendiamo conto che la politica è stata morbida”

D. – “Quest’anno la Banca Centrale ha iniziato ad alzare i tassi in piena estate. Guardando al passato, pensa che si sarebbe dovuto fare prima o no?”

E.N. – “Le pressioni inflazionistiche hanno iniziato a salire nella seconda metà dell’anno. E ora, in effetti, il tasso di crescita dei prezzi è piuttosto elevato, molto più alto del nostro obiettivo di inflazione. E, sì, guardando al passato, capiamo che la politica monetaria era debole e che era necessario aumentare i tassi prima.”

D. “Per esempio, quando?”

E.N. – “Per esempio, in primavera.”

D. – “Lei ha detto che il tasso di riferimento rimarrà alto fino a quando la Banca di Russia non vedrà una tendenza sufficientemente stabile verso un rallentamento della crescita dei prezzi e una diminuzione delle aspettative di inflazione. Cosa c’è dietro questa formulazione, quali sono i parametri? Un rallentamento dell’inflazione di due o tre mesi sarà sufficiente per decidere di allentare la politica monetaria?”

E.N. – “Dobbiamo assicurarci che l’inflazione sia realmente in costante diminuzione, che non si tratti di fattori una tantum che possono influenzare il tasso di crescita dei prezzi in un particolare mese. Per questo analizziamo un’ampia gamma di indicatori. Non solo l’indice generale di crescita dei prezzi, ma soprattutto quegli indicatori che caratterizzano la stabilità dell’inflazione. Si tratta dell’inflazione di fondo, ad esempio, il tasso di crescita dei prezzi senza tenere conto degli elementi volatili. Il tasso di crescita dei prezzi di beni e servizi che dipendono meno dal tasso di cambio del rublo. E dovremo assicurarci che questa tendenza al ribasso delle componenti sostenibili della crescita dei prezzi sia di per sé sostenibile, una tendenza al ribasso costante delle componenti sostenibili.

Ci vorranno due o tre mesi o più, a seconda di quanto si stia riducendo l’ampia gamma di indicatori che caratterizzano un’inflazione sostenuta. E, naturalmente, le aspettative di inflazione sono molto importanti. Perché sono alte e sono cresciute, come dimostrano gli ultimi sondaggi. Le aspettative di inflazione elevate significano l’inerzia dei processi inflazionistici. E più alte sono le aspettative di inflazione, più difficile è ridurre l’inflazione. Pertanto, terremo conto di tutti gli indicatori. Tutto sembra aver iniziato a rallentare, comprese le aspettative di inflazione e quindi la cura ricostituente ha fatto effetto.

Questo è uno dei parametri. Quando il tasso di crescita dei prezzi è elevato, qualcosa sale continuamente. Ricordo il 2021: prima un tipo di merce (i prezzi aumentavano vertiginosamente – RBC), poi un altro. C’è la tentazione di associare l’inflazione elevata a qualche tipo di merce. Ma, purtroppo, ci sono ragioni comuni. Innanzitutto, nel nostro caso, la crescita della domanda supera la capacità di offerta. [Proprio per questo Putin punta a un’economia basata sull’offerta, in modo che i prezzi si stabilizzino e le aspettative di inflazione si riducano fino a raggiungere lo zero. Ma la sovrapproduzione senza un mercato di esportazione significa che l’eccesso diventa uno spreco. In altre parole, un sistema di questo tipo deve essere in perfetto equilibrio e deve essere messo a punto regolarmente, come una Ferrari].”

D. – “Altra domanda, stimoli fiscali record e bassa disoccupazione: tutti questi fattori che accelerano l’inflazione, quanto dureranno?”

E.N. – “Ci sono fattori che ci accompagnano per molto tempo. Tra questi c’è la situazione del mercato del lavoro e la bassa disoccupazione. Penso che questo fattore determinerà la capacità di offerta, la velocità con cui l’offerta si adeguerà alla domanda. [Sì, la questione demografica è parte della soluzione, che richiede tempo per essere risolta].

Per quanto riguarda l’impulso fiscale, è vero che abbiamo una politica fiscale di stimolo, ma si presume che l’impulso fiscale, ad esempio, nel 2024 sarà inferiore a quello del 2023.

La domanda dei consumatori è effettivamente elevata, ma è direttamente influenzata dalla nostra politica monetaria e dal tasso di riferimento. Le nostre decisioni influenzano l’economia con un certo ritardo. Perché si tratta di una lunga catena: un aumento del tasso di riferimento, seguito da un aumento dei tassi di mercato su depositi e prestiti. Questo influisce sul volume dei depositi e dei prestiti e sui cambiamenti nel comportamento delle persone, che spendono, risparmiano e così via. E solo successivamente influisce sui prezzi. Stimiamo questi ritardi da tre a sei trimestri.

D. – “Sempre tre o sei, non si allunga?”.

E.N. – “Come prima. Non stiamo allungando questi ritardi, ma, naturalmente, alcune soluzioni possono essere applicate più velocemente, o più lentamente. Dipende anche da altri fattori. Molte cose influenzano le aspettative di inflazione e la dinamica del tasso di cambio. In generale, quindi, partiamo dal presupposto che le decisioni sul tasso di riferimento funzionino, e vediamo che funzionano. Funzionano con un certo ritardo. Valuteremo come gli effetti delle decisioni che abbiamo già preso si concretizzano nell’economia.”

D. – “In settembre aveva detto che i tassi elevati in Russia sarebbero durati a lungo. E sembra che questo non abbia fatto altro che alimentare la domanda di prestiti. [Certo, molto contro-intuitivo, dato che tassi più altri dovrebbero scoraggiare le richieste di mutui.] Non crede che, a causa di un segnale così chiaro, il mercato abbia in un certo senso giocato contro la Banca centrale?”

E.N. – “No, non ho questa sensazione. Certo, ci sono alcuni effetti di questo tipo, ma sarebbero gravi se l’inflazione continuasse a crescere e noi alzassimo il tasso di riferimento molto lentamente. Allora la gente capirebbe perfettamente che l’inflazione non rallenterà, continuerà a crescere e il tasso continuerà a salire. Abbiamo cercato di agire con decisione. Vi ricordo che abbiamo aumentato il tasso dal 7,5% al 16% in sei mesi. E ogni volta valutiamo se la stretta monetaria è sufficiente per raggiungere il nostro obiettivo di inflazione vicino al 4% entro il prossimo anno.

Lo possiamo già vedere nella domanda di prestiti di mercato: ad esempio, i mutui di mercato stanno rallentando. Naturalmente, alcuni elementi emergono, ad esempio, nel caso dei mutui agevolati: le persone cercano di stipularli più velocemente e, quando i tassi d’interesse aumentano, la differenza con il tasso fisso dei mutui agevolati rende questo mutuo agevolato più attraente. Ma non si tratta tanto di una questione di politica monetaria, quanto della portata dei programmi agevolati. [E ci sono molti programmi di questo tipo]. Se il prezzo del petrolio è di 88-90 dollari al barile, possiamo iniziare a comprare valuta estera.”

D. – “Da gennaio, la Banca Centrale è tornata a speculare sulle operazioni regolari del Fondo Monetario Nazionale secondo la regola del bilancio. La Banca di Russia rimane un venditore netto di valuta estera o, eventualmente, diventerà un acquirente netto?”

E.N. – “Il fatto che saremo venditori o acquirenti netti dipende in larga misura dal prezzo del petrolio. Se il prezzo del petrolio rimane al livello attuale, saremo un venditore netto di valuta. Se il prezzo del petrolio sarà di 88-90 dollari al barile di Brent, allora potremo passare allo status di acquirente di valuta estera. A gennaio venderemo valuta. Nel prossimo futuro annunceremo quali saranno le vendite di gennaio.”

D.– “Ritiene necessario prorogare il decreto presidenziale sul rimpatrio dei guadagni in valuta estera, che scade nell’aprile 2024? Lei ha sempre sostenuto che tali soluzioni dovrebbero essere temporanee.”

E.N. – “Sono dell’idea che debba essere temporaneo. Ora stiamo assistendo a un aumento delle vendite di valuta estera da parte degli esportatori. A novembre, le vendite nette di valuta estera da parte degli esportatori potrebbero addirittura avvicinarsi al 100% del fatturato. Ma ci sono diversi fattori in gioco. In primo luogo, la valuta estera è stata venduta principalmente dagli esportatori, anche a fronte degli alti prezzi del petrolio dei mesi precedenti. Anche in questo caso c’è uno sfasamento tra gli alti prezzi del petrolio, l’arrivo dei proventi delle esportazioni e la loro vendita. Ed è stata la valuta ad essere venduta a causa degli alti prezzi del petrolio. Ci sono stati fattori una tantum legati alla conversione della valuta per il pagamento dei dividendi. Inoltre, vediamo che alcuni esportatori, a causa dell’alto tasso di interesse sui prestiti in rubli – la nostra politica monetaria funziona anche in questo caso – hanno iniziato a prendere prestiti in valuta estera e poi a vendere valuta estera per pagare le loro spese in rubli. E, naturalmente, il decreto ha avuto una certa influenza. Ma è probabilmente impossibile isolare ora l’effetto di ciascun fattore.

A nostro avviso, il motivo per cui il decreto dovrebbe essere temporaneo è che col tempo le aziende imparano ad aggirare le restrizioni imposte. Inoltre, tali restrizioni complicano gli accordi internazionali, soprattutto per quanto riguarda le importazioni, l’importazione di attrezzature necessarie e così via. Pertanto, riteniamo che [debba] essere temporanea. Ma sarà oggetto di discussione con il governo, credo, nel prossimo futuro.”

D. – “La vendita dei guadagni in valuta estera è ancora un fattore determinante per il tasso di cambio del rublo?”

E.N. – “Non credo. I fattori determinanti, i fattori fondamentali che influenzano il tasso di cambio, sono lo stato della bilancia dei pagamenti, le nostre esportazioni e la domanda di rubli per le importazioni, domanda che è stata alimentata, tra l’altro, dalla disponibilità e dalla rapida crescita dei prestiti in rubli. La politica monetaria sta ora avendo un impatto sulla stabilizzazione del tasso di cambio, ovviamente.”

D. – “Cioè, quando il decreto scadrà a marzo, non assisteremo a un brusco cambiamento della situazione sul mercato dei cambi?”

E.N. – “Non ce lo aspettiamo, no.”

D. – “Lei ha parlato delle difficoltà per le aziende [a causa del decreto]. Esiste la cosiddetta “circolazione dei rubli”, ossia la necessità per gli esportatori che ricevono i guadagni in rubli in base a un contratto di convertirli in valuta estera, restituirli e convertirli nuovamente. Vede il pericolo di questa doppia conversione, crea dei rischi?”

E.N. – “C’è un certo problema legato al fatto che molte delle nostre aziende sono passate a ricevere i proventi delle esportazioni in rubli. E questo è positivo. E quando ora sono costrette a convertire questa parte di rubli in valuta estera per poterla vendere in seguito, questo aumenta il giro d’affari del mercato dei cambi, ma ciò significa semplicemente costi aggiuntivi di commissioni per la conversione di questa valuta per le aziende. Fondamentalmente, ciò non influisce sul tasso di cambio, ha più un impatto sulle imprese.”

D. – “Sì, per le imprese. Per alcuni costi aggiuntivi. – È previsto un adeguamento del decreto a questo proposito?”

E.N. – “Direi che è competenza del governo. Le banche resteranno redditizie.”

D. – “Quest’anno si prevede un utile netto record per il settore bancario. Su questo dato ha influito anche il fattore una tantum della rivalutazione della moneta. Ci sono ragioni fondamentali per il successo di quest’anno o le banche sono state fortunate e l’anno prossimo potrebbe andare molto peggio?”

E.N. – “Le ragioni principali della crescita degli utili sono fondamentali, anche se ci sono state anche ragioni una tantum, come ad esempio la rivalutazione dei tassi di cambio. In 11 mesi, le banche hanno ottenuto un profitto di 3,2 trilioni di rubli, di cui circa 500 miliardi di rubli sono rappresentati dalla rivalutazione del cambio. Vi ricordo che l’anno scorso hanno perso 1.000 miliardi di rubli dalla rivalutazione dei cambi, ma i fattori principali sono, ovviamente, quelli che adesso esporrò.

Il fattore più importante – e questa è stata una sorpresa per molti – è la rapidità con cui l’economia si è adattata alle sanzioni, la velocità con cui sta crescendo. Naturalmente, questo significa più affari per le banche. Guardate voi stessi le cifre: i prestiti alle imprese, se prendiamo l’inizio di dicembre, sono cresciuti del 21% in termini annuali, i mutui del 35%, i prestiti al consumo del 16%, e le commissioni attive delle banche sono aumentate del 38%. In altre parole, è lo sviluppo dell’economia, lo sviluppo del business.

Ma quando si valutano i guadagni del sistema bancario, è molto importante considerare i profitti totali di due anni. L’anno scorso i profitti delle banche erano di 200 miliardi di rubli, ma sono diminuiti di quasi dieci volte. Nel complesso dell’economia sono diminuiti di circa il 10%. Perché è successo? Perché le banche sono state piuttosto prudenti – e giustamente – nel creare riserve. Abbiamo creato delle riserve, prevedendo che alcuni prestiti non sarebbero più stati serviti, che la maggior parte delle aziende avrebbe potuto trovarsi in una situazione difficile. Ma, poiché l’economia cresce, i prestiti vengono serviti e le banche [che] valutano i mutuatari come sufficientemente solvibili, quest’anno hanno sciolto queste riserve. [Gestione del rischio].

Se consideriamo i due anni, il profitto medio sarà probabilmente di 1,7-1,8 trilioni di rubli, ossia circa un quarto in meno rispetto all’anno di calma del 2021.

Ma il prossimo anno l’utile rimarrà naturalmente positivo, anche senza tenere conto di fattori una tantum. E questo permetterà alle banche di aumentare il capitale. Non hanno praticamente altre fonti, le fonti esterne sono chiuse, e il profitto è la principale fonte di capitale. Il capitale è necessario per concedere prestiti all’economia, senza il quale è impossibile aumentare i prestiti. Pertanto, le banche rimarranno redditizie e continueranno a concedere prestiti all’economia.

D. – “Anche ai tassi di oggi?”

E.N. – “Anche ai tassi odierni. Vediamo che i tassi attuali portano a un leggero rallentamento dei prestiti. Ho già parlato dei mutui di mercato e dei prestiti al consumo non garantiti. I primi segnali sono apparsi nei prestiti alle imprese. Ma a causa delle elevate aspettative di inflazione, le persone e le imprese contraggono prestiti perché credono che l’inflazione sarà elevata. Pertanto, le aspettative di inflazione sono molto importanti per noi e le stiamo monitorando. Prevediamo che l’anno prossimo il tasso di crescita dei prestiti non sarà ovviamente da record come quest’anno, ma sarà comunque positivo. Nel complesso dell’economia, il tasso di crescita si aggira intorno al 5-10%.”

D. – “Per il 2024 le grandi banche prevedono un rallentamento dei prestiti non garantiti e dei mutui. Come influirà sui loro profitti nel 2024? Il livello medio da lei citato – 1,7-1,8 trilioni di rubli – sarà superato o no?”

E.N. – “Prevediamo che l’anno prossimo i profitti del settore bancario saranno leggermente superiori ai 2.000 miliardi di rubli. A causa dei tassi elevati, il loro margine potrebbe ridursi leggermente, soprattutto perché i tassi elevati si trasferiscono più rapidamente sul lato dei depositi che su quello dei mutuatari e dei prestatori. Tuttavia, l’attività economica si sta sviluppando, si osservano tassi di crescita positivi e le banche avranno l’opportunità di realizzare un profitto. I mutui agevolati saranno di tipo tradizionale, non esotici“.

D. – “L’inasprimento delle condizioni dei mutui agevolati è ormai un fatto acquisito. Potrebbero diventare non tradizionali l’anno prossimo? O forse tutti i mutui avranno un tale livello di tassi di interesse?”

E.N. – “No, naturalmente i mutui si svilupperanno. Secondo le nostre stime, non si tratterà di una [crescita] del 35%, come quest’anno, ma del 7-12%. E, a nostro avviso, un elemento positivo della diminuzione del tasso di crescita dei mutui sarà la minore pressione sulla crescita dei prezzi degli appartamenti. Perché anche i prezzi degli appartamenti sono aumentati in modo significativo. I mutui agevolati saranno di tipo tradizionale. Partiamo dal presupposto che il programma di massa dei mutui agevolati, non trattato sinora, scadrà a luglio, ma rimarranno i mutui mirati, compresi quelli per le famiglie. Si tratta di un mutuo ricercato. E il volume dei mutui per le famiglie è ora all’incirca uguale a quello dei mutui agevolati di massa. Pertanto, i mutui agevolati rimarranno e, ovviamente, non saranno così poco tradizionali come lo erano prima del 2020. Inoltre, si svilupperanno i mutui di mercato. Certo, il ritmo è rallentato, ma il mercato dei mutui si sta sviluppando.

D. – “Il governo ha già accettato di aumentare l’acconto e di ridurre l’importo del mutuo per le regioni metropolitane con mutui agevolati. L’idea di differenziare i tassi dei mutui a seconda della regione, proposta non molto tempo fa, è ancora in discussione? Se sì, di quanto possono aumentare i tassi a Mosca e San Pietroburgo?”

E.N. – “Sì, i mutui regionali sono in discussione. Alla Duma di Stato è stato istituito un gruppo di lavoro speciale, al quale partecipiamo. Molto probabilmente il mutuo familiare rimarrà, ora se ne discuterà – sia la sua estensione che i possibili parametri. Il mutuo familiare è un mutuo mirato. Il problema è che il mercato immobiliare è stagnante in diverse regioni. Vediamo che la costruzione di alloggi e la disponibilità di mutui si concentrano nelle grandi città. Per questo motivo è necessario disporre di strumenti che consentano alle persone, indipendentemente dal luogo in cui vivono, di risolvere i problemi abitativi. Discuteremo di come farlo.

E, naturalmente, sarà ancora necessario lasciare spazio ai mutui di mercato. Dopo tutto, le persone che non rientrano in alcuna categoria preferenziale dovrebbero essere in grado di risolvere i loro problemi abitativi con l’aiuto degli strumenti di mercato.”

D. – “Potrebbe elencare alcune regioni come potenziali candidate a mutui regionali agevolati? Quale livello di rischio può essere accettabile per loro?”

E.N. – “È prematuro parlare di questo, così come del livello dei tassi. E, probabilmente, non è nemmeno molto corretto prendere una regione nel suo insieme, perché la situazione è spesso accettabile nei centri capoluogo delle regioni, ma nelle città medie e piccole ci sono grossi problemi.

A mio avviso, è necessario considerare l’argomento in modo più preciso, ma tutto ciò richiede una discussione. La gestione di questi programmi e dei criteri è una questione molto complessa. Un gruppo di lavoro sta lavorando e credo che discuterà di tutte queste possibilità. Ma, ancora una volta, il mutuo di base molto probabilmente rimarrà, il mutuo familiare, il mutuo regionale richiede ulteriori discussioni.”

D. – “La Banca di Russia ha richiamato l’attenzione sull’attuale squilibrio del mercato dei mutui: i prezzi delle nuove costruzioni sono più alti di quelli delle costruzioni secondarie. In autunno, questo divario ha superato il 40%.”

E.N. – “Sì, il 42%.”

D. – “Dopo la modifica dei termini dei programmi preferenziali del prossimo anno, quali sono le vostre aspettative? Si ridurrà, in che misura e in quanto tempo?”

E.N. – “A mio parere, questo divario dovrebbe essere ridotto, perché comporta dei rischi per le persone e per le banche. Prima dell’introduzione di programmi preferenziali di massa, era di circa il 10%. Nei prossimi anni dovremmo tornare a un divario più normale tra i prezzi delle abitazioni nel mercato primario e secondario. La rapidità con cui ciò avverrà dipenderà, tra l’altro, dalla diffusione dei programmi preferenziali, se si applicheranno solo alle abitazioni primarie o anche a quelle secondarie. A mio avviso, i programmi preferenziali dovrebbero risolvere non tanto i problemi del carico di lavoro dei costruttori, quanto quelli delle persone e dell’accessibilità economica degli alloggi. Se le persone migliorano le loro condizioni di vita, non importa dove ottengono l’alloggio, nel mercato primario o in quello secondario. Ma anche questo è un argomento da discutere con il governo – il governo è responsabile dei programmi preferenziali. Ma il divario, a mio avviso, dovrebbe almeno smettere di crescere, perché è cresciuto anche l’anno scorso, e dovrebbe iniziare a diminuire lentamente. Ma ora è probabilmente prematuro parlare del ritmo con cui diminuirà. Ci sono problemi ancora non ancora emersi? Sì, credo di sì”.

D. – “Per la prima volta in molti anni, la Banca di Russia non ha revocato alcuna licenza bancaria nel corso dell’anno. Questo è molto insolito per chi segue il mercato finanziario. Come è successo? Le nostre banche sono stabili o…”

E.N. – “Sostenibili”.

D. – “O forse non tutti i problemi sono emersi dopo lo shock dell’anno scorso? Come la vede?”

E.N. – “La crisi delle sanzioni dell’anno scorso e di quest’anno è stata un banco di prova dell’efficacia della politica di risanamento che stavamo portando avanti. E posso dire con piena fiducia che le banche sono davvero stabili: hanno affrontato una grande mole di problemi e hanno superato questo periodo con dignità“.

Ci sono problemi sommersi? Sì, probabilmente ci sono, ma non su larga scala. Uno dei problemi irrisolti è quello degli asset bloccati delle banche. Abbiamo concesso loro un’agevolazione che consente di accumulare riserve per dieci anni. Stiamo gradualmente uscendo da molti altri allentamenti normativi. Torniamo al normale controllo e alla creazione di riserve aggiuntive.”

D. – “Quindi possiamo anche arrivare al 2024 senza revisioni?”

E.N. – “Speriamo di sì”.

D. – “Inaspettatamente per il mercato, il capo della NSPK, Vladimir Komlev, ha recentemente annunciato che lascerà il suo posto il 1° gennaio dopo dieci anni di lavoro. Questi rimpasti possono indicare che la Banca Centrale intende cambiare il vettore di sviluppo della NSPK?”

E.N. – “No, il vettore di sviluppo rimarrà lo stesso. Si tratta della creazione di un’infrastruttura nazionale di pagamento e regolamento. In passato, questo era il compito della NSPK e rimarrà tale. È lo sviluppo di questa infrastruttura, che può essere utilizzata da tutti i partecipanti al mercato finanziario, a promuovere la concorrenza. Sia noi che la NSPK ci impegniamo a continuare sulla stessa linea, come si suol dire.

Naturalmente, vorrei ringraziare il signor Komlev, che ha fatto molto per garantire che il Paese abbia il proprio strumento di pagamento – la carta Mir e il sistema di pagamento rapido. Ricordo molto bene che quando abbiamo avviato questi progetti nel 2014, c’era molto scetticismo: “Perché ne abbiamo bisogno? Abbiamo Visa, abbiamo Mastercard, abbiamo altri sistemi di pagamento“. Ma abbiamo visto che la richiesta è stata soddisfatta. E questi servizi, tra cui il sistema di pagamento rapido, consentono a diverse banche di competere sul mercato dei pagamenti. Ci sono rischi nell’investire in titoli stranieri anche attraverso Paesi amici.”

D. – “SPB Exchange (la Borsa di S. Pietroburgo, N.d.T.) è stata inserita nell’elenco SDN. L’autorità di regolamentazione è stata nuovamente rimproverata per aver permesso agli investitori privati di acquistare titoli stranieri, sebbene gli investitori non qualificati non potessero più farlo. Dove si trova la linea sottile tra la protezione degli interessi dei singoli investitori e un’ampia gamma di strumenti disponibili sul mercato?”

E.N. – “È davvero difficile trovare un equilibrio. Offrire l’opportunità di diversificare gli investimenti, ma proteggere dai rischi che le persone potrebbero non comprendere. Noi diamo priorità alla protezione degli investitori non qualificati. In effetti, i nostri cittadini hanno avuto l’opportunità di investire in titoli esteri per poter diversificare il proprio portafoglio. E se non potevano farlo attraverso le infrastrutture russe, molti lo facevano direttamente attraverso le infrastrutture occidentali. Dopo l’imposizione delle sanzioni, abbiamo messo in guardia da questi rischi [infrastrutturali] e abbiamo limitato la possibilità per gli investitori non qualificati di acquistare titoli esteri.

A febbraio dello scorso anno, i nostri investitori avevano in mano titoli esteri per un valore di quasi 7 miliardi di dollari, rispetto ai poco più di 3 miliardi di dollari di novembre di quest’anno. E ora l’80% dei possessori di titoli esteri sono già investitori qualificati.

Naturalmente, l’investimento in titoli esteri, anche attraverso le infrastrutture di Paesi amici, presenta dei rischi. Li abbiamo avvertiti e abbiamo obbligato i broker a informare i clienti di tali rischi. Una cosa è lavorare in una giurisdizione russa, un’altra è assumersi i rischi di una giurisdizione straniera. Vediamo che i nostri timori non erano vani, perché molti investitori che possedevano titoli esteri attraverso le infrastrutture dei Paesi amici hanno avuto problemi. Ora, a causa del rischio di sanzioni secondarie, queste organizzazioni stanno conducendo lunghe procedure di conformità.

D. – “Come vede il regolatore il destino e le prospettive di SPB Exchange?”

E.N. – “Abbiamo molte istituzioni finanziarie, piuttosto grandi, già sottoposte a sanzioni. E potete vedere voi stessi che quasi tutti si sono adattati, hanno cambiato i loro modelli di business, si stanno evolvendo. E sono sicuro che la Borsa di San Pietroburgo non farà eccezione. Sta già pensando a nuovi servizi, a nuovi prodotti. Dispone sia di infrastrutture ad alta tecnologia che di competenze professionali. Quindi non ho alcuna preoccupazione.

D. – “Lei ha detto che la Banca di Russia sta prestando attenzione allo scenario di inasprimento delle sanzioni. Quanto ritiene realistica l’imposizione di sanzioni alla Borsa di Mosca? E quale degli scenari per il mantenimento del trading valutario sarà poi attuato nella determinazione del tasso di cambio?”

E.N. – “Stiamo considerando diversi scenari e calcolando diverse opzioni per le nostre azioni. E la Borsa lo fa. Per quanto riguarda il funzionamento del mercato dei cambi, abbiamo anche un mercato dei cambi over-the-counter (non quotato in borsa, N.d.T.), che offre la possibilità di fare trading sui cambi. Tra l’altro, la sua quota è già più della metà – il 53% del trading di valuta. Per quanto riguarda il tasso di cambio, l’anno scorso, comprendendo i rischi di sanzioni di ogni tipo, abbiamo emanato un’istruzione che spiegava come sarebbe stato determinato il tasso di cambio. Sarà stabilito sulla base dei dati relativi al trading over-the-counter, compreso l’uso degli estratti conto bancari.”

D. – “In che misura il tasso di cambio nelle contrattazioni over-the-counter, in assenza di contrattazioni di borsa, può schizzare in alto?”

E.N. – “No, non credo che si vedano [tali rischi]. Dipende dall’offerta e dalla domanda [di valuta]. Abbiamo un volume abbastanza elevato di scambi OTC, ci sono molti partecipanti. Si tratta piuttosto di ottenere informazioni sulle transazioni OTC, quindi utilizzeremo diverse fonti. Ma non credo che questo di per sé possa influenzare seriamente il tasso. L’interesse c’è, ma è commisurato ai timori di sanzioni.”

D. – “Come valuta le prospettive di scambio di asset bloccati tra investitori privati? È già a conoscenza di casi in cui i non residenti hanno chiesto alle autorità di regolamentazione nazionali l’autorizzazione per tali transazioni?”

E.N. – “Abbiamo creato le condizioni legali per uno scambio di questo tipo. A nostro avviso, ciò può essere reciprocamente vantaggioso per gli investitori. Ma tutto dipende dagli investitori stessi, soprattutto dai non residenti. Non ho ancora informazioni sul fatto che abbiano richiesto o meno [l’autorizzazione].”

D. – “Se tutto funziona e questa fase dello scambio ha luogo, ci saranno altre fasi? E ci sarà un aumento dell’importo massimo che potrà essere scambiato?”

E.N. – “Vediamo se questa fase avrà luogo e poi ne parleremo. Perché questa fase è molto importante. È volta a risolvere i problemi della massa degli investitori, che ha un importo di investimento molto piccolo.

D. – “La Banca Centrale ha detto che c’è un piano per costruire nuove catene con depositi amichevoli per l’accesso ai mercati esteri, ma è chiaro che sarà solo con quelli amichevoli. A che punto sono questi piani? E che tipo di depositi potranno essere?”

E.N. – In effetti, questo è un problema importante: costruire ponti di deposito. Ci rendiamo conto che gli operatori di mercato ne hanno bisogno. Da parte nostra, ci stiamo consultando con le autorità di regolamentazione dei Paesi amici per garantire l’attuazione di tali progetti. Tra l’altro, di recente abbiamo adottato una decisione del Consiglio di Amministrazione che ha eliminato alcuni ostacoli normativi alla costruzione di tali ponti. Se necessario, siamo pronti ad adeguare la nostra regolamentazione. Vediamo che anche gli operatori di mercato, da parte loro, stanno instaurando una cooperazione. Ma per ora non è il caso di parlare di decisioni definitive. Piuttosto, a livello di discussioni e approcci.”

D. – “Potete definire che tipo di depositi amichevoli sono? Sono molto amichevoli o quasi?

E.N. – “Sono tutti amichevoli.

D. – “Riscontrate un interesse reciproco dell’altra parte?”.

E.N. – “C’è un interesse reciproco, ma è commisurato ai timori di sanzioni secondarie”. C’è sempre spazio per le pratiche sleali.

D. – “Il Presidente ha recentemente proposto di estendere l’assicurazione dei fondi ai conti di investimento entro il limite di 1,4 milioni di rubli, non per i rischi di mercato, bensì per i rischi di fallimento del broker. Ha qualche timore che possano sorgere pratiche sleali quando gli operatori di mercato dicono ai clienti che tutto è assicurato, “investite con audacia”?”

E.N. – “Sì, ci sono queste preoccupazioni. Perché c’è sempre spazio per le pratiche scorrette. E lo abbiamo già visto nella nostra esperienza. Soprattutto quando i prodotti d’investimento vengono venduti con il pretesto dell’assicurazione, della garanzia del capitale. Questo accadeva già senza l’introduzione di questo elemento assicurativo. Ma noi ci opporremo con forza. Sia per spiegare che per sopprimere queste pratiche.

D. – “In generale, quanto sono rilevanti per gli investitori i nuovi strumenti per attrarre denaro a lungo termine, gli strumenti di investimento a lungo termine, gli Accordi Internazionali di Investimento (IIA) del terzo tipo, i programmi di risparmio a lungo termine e quanto saranno richiesti nella prima fase?”

E.N. – “Crediamo che saranno richiesti. Lo vediamo nell’esperienza dell’IIS-1 e dell’IIS-2, anche se un motivo importante per l’IIS-1 era legato all’ottenimento di benefici fiscali. Ma crediamo che anche in questo caso ci sarà un certo interesse. Sarà necessario parlare di più di questi strumenti. Ma vediamo l’interesse delle persone a diversificare gli investimenti e persino a prolungarli. Inoltre, sono previsti una serie di vantaggi.”

—————————

Da questo rapporto non trovo altro che buone notizie per l’economia russa. Elvira ha gestito il rischio complessivo in modo impressionante, consentendo una crescita continua, anche se i dati del PIL a volte smentiscono ciò che sta accadendo. La banca sta chiaramente lavorando alla creazione di ulteriori meccanismi di compensazione per gestire il commercio internazionale. La ripresa del settore bancario è stata fondamentale, in quanto la Russia dispone ora del capitale circolante necessario per espandere i progetti nazionali e condurre al contempo la SMO. E ricordiamo che la Russia sta pianificando il periodo fino al 2035, il che comporta la necessità di mantenere una base finanziaria molto solida e una gestione del rischio sempre ben ponderata. Prevedo che resterà al timone della Banca Centrale Russa fino a quando non vorrà andare in pensione.

 

Karl Sanchez, Accademico in pensione e Alchimista Culinario (non vuol far sapere altro di sé ma proveremo a convincerlo)

Link: https://karlof1.substack.com/p/interview-of-russian-central-ban

Scelto e tradotto (IMC) da CptHook per ComeDonChisciotte

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
9 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
9
0
È il momento di condividere le tue opinionix