Morti Covid-19: la Svezia ha fatto peggio degli Stati Uniti

25 medici e scienziati svedesi 

eu.usatoday.com

La Svezia sperava che l’immunità di gregge avrebbe frenato il COVID-19. Non fare quello che abbiamo fatto noi. La strategia non funziona.

La Svezia è stata spesso considerata un leader per quanto riguarda le questioni umanitarie globali, considerate un faro di luce su problematiche come l’accettazione dei rifugiati e la lotta contro il riscaldamento globale. Nella pandemia di COVID-19, la Svezia ha anche destato grande interesse in tutto il mondo per le proprie scelte di adozione di un approccio “soft” – senza alcun lockdown, introducendo per lo più restrizioni volontarie e respingendo l’uso delle mascherine.

Questo approccio è stato percepito come più liberale e si è manifestato durante le proteste degli Stati Uniti, al grido di “Be Like Sweden”. Tuttavia, ovunque le misure siano state indulgenti i tassi di mortalità hanno raggiunto il picco. Negli Stati Uniti, le aree che escono repentinamente dal blocco stanno soffrendo e stiamo osservando la stessa evidenza anche in altri paesi.

Le motivazioni dell’approccio del “tocco leggero” dell’Agenzia di sanità pubblica svedese restano in qualche modo un mistero. Alcuni altri paesi che inizialmente hanno utilizzato questa strategia l’hanno poi rapidamente abbandonata quando il bilancio delle vittime ha iniziato ad aumentare, optando invece per blocchi prolungati. Ma la Svezia è rimasta sempre fedele al proprio approccio.

Perché? Ottenere l’immunità di gregge, dove un gran numero di persone (preferibilmente piuttosto giovani) sono infette e quindi sviluppare l’immunità, non è stato un obiettivo ufficiale dell’Agenzia di sanità pubblica svedese. Però ha detto anche che l’immunità della popolazione potrebbe aiutare a sopprimere la diffusione della malattia e alcune dichiarazioni dell’agenzia suggeriscono che è stato l’obiettivo segreto.

Un tasso di mortalità inquietante

Un’ulteriore prova di ciò è che l’agenzia ha insistito sulla scolarizzazione obbligatoria per i bambini piccoli, l’importanza dei test è stata minimizzata per molto tempo, l’agenzia ha rifiutato di riconoscere l’importanza della diffusione asintomatica del virus (ha incoraggiato coloro che avevano famigliari infetti di COVID-19 ad andare al lavoro e a scuola) e si rifiuta ancora di raccomandare mascherine in pubblico, nonostante le prove schiaccianti della loro efficacia. Inoltre, l’obiettivo dichiarato delle autorità svedesi non è sempre stato quello di ridurre al minimo l’epidemia, ma piuttosto di rallentarla, in modo che il sistema sanitario non venisse sopraffatto.

Persone al di fuori di un ristorante senza mascherine o distanze sociali il 17 luglio 2020 a Gotland, in Svezia. Martin von Krogh / Getty Images
Diverse autorità, tra cui l’Organizzazione mondiale della sanità, hanno condannato l’uso dell’immunità di  gregge come strategia. “Può indurre ad un calcolo molto brutale che non mette al centro di tale equazione la vita e la sofferenza delle persone”, ha dichiarato il dott. Mike Ryan, direttore esecutivo del Programma per le emergenze sanitarie dell’OMS, in una conferenza stampa di maggio.

Per il COVID-19, non concentrarti solo sulla morte: troppi americani sono vivi e in miseria.

Indipendentemente dal fatto che l’immunità di gregge sia un obiettivo o un effetto collaterale della strategia svedese, come ha funzionato? Non così bene, secondo i risultati dei test dell’agenzia. Si stima che la percentuale di svedesi portatori di anticorpi sia inferiore al 10%, quindi per nulla vicino all’immunità del gregge. Eppure, il tasso di mortalità svedese è inquietante. La Svezia ha un bilancio delle vittime maggiore degli Stati Uniti: 556 morti per milione di abitanti, rispetto a 425, al 20 luglio.

La Svezia ha anche un bilancio delle vittime quattro volte e mezzo maggiore di quello degli altri quattro paesi nordici messi insieme – oltre sette volte maggiore per milione di abitanti. Per un certo numero di settimane, la Svezia è stata tra le prime al mondo in termini di decessi pro capite attualmente registrati. E nonostante ciò, la strategia in sostanza rimane la stessa.

Impara dagli errori della Svezia

È possibile che l’autorità della sanità pubblica credesse davvero che l’approccio svedese fosse il più appropriato e sostenibile, e che gli altri paesi, molti dei quali andavano in lockdown, avrebbero fatto di peggio. Forse questa, e non l’immunità di gregge, è la ragione principale per cui le autorità si aggrappavano disperatamente alla loro strategia. O forse la riluttanza ad ammettere i primi errori e ad assumersi la responsabilità di migliaia di morti inutili gioca su questa resistenza al cambio di strategia. Tuttavia, il risultato in questa fase è inequivocabile.

Adozione del modello svedese: al coronavirus non interessa l’opinione pubblica e uccide ancora

Crediamo che la Svezia possa essere utilizzata come modello, ma non nel modo in cui inizialmente si pensava. Può invece fungere da gruppo di controllo e rispondere alla domanda su quanto siano efficienti il ​​distanziamento volontario e le misure libere in Svezia rispetto ai blocchi, ai test aggressivi, alla tracciabilità e all’uso delle mascherine.

In Svezia, la strategia ha portato alla morte, al dolore e alla sofferenza e per di più non ci sono indicazioni che l’economia svedese abbia avuto risultati migliori rispetto a molti altri paesi. Al momento, abbiamo dato l’esempio per il resto del mondo su come non affrontare una malattia infettiva mortale.

Alla fine anche questo passerà e la vita tornerà alla normalità. Nuovi trattamenti medici arriveranno e miglioreranno la prognosi. Speriamo che arrivi un vaccino. Resisti fino ad allora. E non farlo alla maniera svedese.

Sigurd Bergmann, Ph.D., Professore emerito, Università norvegese di scienza e tecnologia

Dr. Leif Bjermer. Ph.D., Professore, Medicina respiratoria e allergologia, Università di Lund

Barbara Caracciolo, Ph.D., in Epidemiologia

Marcus Carlsson, Ph.D., Professore associato di matematica, Università di Lund

Dr. Lena Einhorn, Ph.D., in Virologia

Dr. Stefan Einhorn, Ph.D., Professore di Oncologia molecolare, Karolinska Institutet

Andrew Ewing, Ph.D., professore di chimica e biologia molecolare, Università di Göteborg

Dr. Manuel Felices, Ph.D., Head of Endocrine Surgery, NÄL Hospital

Dr. Jonas Frisén, Ph.D., professore di ricerca sulle cellule staminali, Karolinska Institutet

Marie Gorwa, Ph.D., Professore di Microbiologia, Università di Lund

Dr. Åke Gustafsson, Ph.D., Clinical Microbiology, Uppsala University Hospital

Dr. Olle Isacsson, Ph.D., Professore di Endocrinologia, Università di Göteborg

Dr. Claudia Hanson, Ph.D., Professore associato, Salute pubblica globale, Karolinska Institutet

Dr. Stefan Hanson, Ph.D., International Health, Karolinska Institutet.

Dr. Jan Lötvall, Ph.D., Professore di allergia clinica, Università di Göteborg

Dr. Bo Lundbäck, Ph.D., Professore di epidemiologia delle malattie respiratorie, Università di Göteborg

Åke Lundkvist, Ph.D., Professore di Virologia, Università di Uppsala

Dr. Cecilia Söderberg-Nauclér, Ph.D., Professore di patogenesi microbica, Karolinska Institutet

Finn Nilson, Ph.D., Professore associato di Risk Management, Università di Karlstad

Andreas Nilsson, Ph.D., Professore di Psicologia, Università di Göteborg 

Dr. Björn Olsen, Ph.D., professore di malattie infettive, Università di Uppsala

Jens Stilhoff Sörensen, Ph.D., Professore associato, Scuola di studi globali, Università di Göteborg

Jakob Svensson, Ph.D., Analisi dei dati scientifici, Max Planck Institute, Greifswald

Dr. Anders Vahlne, Ph.D., Professore di virologia clinica, Karolinska Institutet 

Dr. Anders Wahlin, Ph.D., Professore emerito di ematologia, Università di Umeå

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da Rosanna