L’uomo più ricco del mondo – Seconda parte

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Prima parte

Larry Romanoff – The Unz Review – 21 novembre 2022

 

(9) Il saccheggio dell’industria petrolifera nel 1983

Come esempio dettagliato, analizziamo la recessione del 1983 indotta dalla FED e il suo effetto solo sull’industria petrolifera del Nord America. Per cominciare, supponiamo di avere un pozzo di petrolio con una produzione costante (come molti), ma in questo caso di un solo barile all’anno per 40 anni, con un prezzo del petrolio di 100 dollari al barile. Questo ci dà un valore totale di 4.000 dollari. Tuttavia, poiché 1 dollaro l’anno prossimo vale meno di 1 dollaro quest’anno, attualizziamo la nostra produzione futura a un certo tasso di interesse, con questo risultato in termini di valore (se vogliamo vendere il nostro pozzo petrolifero):

  • 0% – $4,000
  • 3% – $2,500
  • 6% – $1,500
  • 10% – $1,000
  • 25% – $400

Immediatamente prima della recessione del 1983, il New York Times proclamò l’arrivo di un’improvvisa e inspiegabile “surplus di petrolio”[26], tale da rendere il petrolio quasi privo di valore, con un calo dei prezzi da 40 dollari a meno di 10 dollari quasi da un giorno all’altro. Naturalmente, se il prezzo del petrolio scende del 75%, anche il valore del nostro pozzo petrolifero scende del 75%, quindi il nostro pozzo da 4.000 dollari ora vale solo 1.000 dollari. Ma abbiamo avuto un doppio colpo, perché la FED non è stata inattiva durante questo periodo. Dopo aver provocato una massiccia esplosione dell’inflazione negli anni ’70 per prepararsi a questo risultato finale, la FED ha improvvisamente sentito il bisogno di “combattere l’inflazione” portando i tassi di interesse al 20% e persino al 25%. Il risultato è stato che i pozzi di petrolio sono stati venduti con uno sconto del 25% sul flusso di cassa, e lo so perché all’epoca ero nel settore petrolifero e compravo e vendevo proprietà petrolifere, alcune piuttosto grandi, a questo tasso di sconto. Ciò significa che il nostro pozzo petrolifero da 4.000 dollari, che ora valeva solo 1.000 dollari a causa del crollo del prezzo del petrolio, è stato colpito dalla stangata dei tassi di interesse della FED e ora valeva solo 100 dollari. Con il sangue che scorreva nelle strade, i nostri banchieri ebrei khazari della City di Londra mandarono i loro agenti a comprare.

Poi, il”surplus di petrolio” è in qualche modo miracolosamente evaporato e sembra che in realtà ci sia stata una carenza, spingendo il prezzo del petrolio a tornare ai 40 dollari iniziali, e rapidamente verso i 100 dollari. E poi, altrettanto miracolosamente, l’inflazione sembrava essere stata “domata” e i tassi di interesse sono scesi dal 25% al 6% e al 3% di prima. E il nostro “pozzo di petrolio da 100 dollari” è tornato a 2.500 dollari e si avvia verso i 5.000 dollari. Ciò significa che una manciata di persone ha acquistato proprietà di petrolio e gas in produzione per pochi centesimi e ha visto il proprio “investimento” moltiplicarsi per circa 50 volte. Non è male. Sono pochi i luoghi in cui è possibile ottenere un rendimento del 5.000% su un investimento in pochi anni e senza alcun rischio. Quando si ha il potere di controllare il prezzo del petrolio e la FED controlla i tassi di interesse, si possono fare miracoli. Non c’è modo di calcolare i totali precisi, ma innumerevoli migliaia di compagnie petrolifere di piccole e medie dimensioni sono fallite o sono state rilevate, e gli acquisti nel solo Nord America sarebbero stati dell’ordine dei miliardi di dollari. Ho ignorato il resto del mondo e ho ipotizzato una cifra conservativa di 2.000 miliardi di dollari solo per il Nord America, aggiustata con una crescita del 5% per 40 anni a partire dal 1983.

Scrittura contabile:

14.000 miliardi di dollari attuali

 

(10) Il saccheggio degli americani dal 1975 al 2022

La situazione non è diversa dal crollo finanziario del 2008 negli Stati Uniti. Abbiamo assistito a tentativi chiaramente deliberati di gonfiare il mercato immobiliare a livelli quasi atmosferici, con tassi di interesse quasi nulli e l’eliminazione di tutte le restrizioni e i requisiti – al punto che i disoccupati senza fissa dimora acquistavano case da 500.000 dollari. Tutto ciò è stato fatto con la piena collaborazione della FED. Poi, hanno semplicemente fatto crollare la bolla, provocando decine di milioni di pignoramenti. E ancora, mentre il sangue scorreva per le strade, aziende come Blackrock e le loro simili erano impegnate ad acquistare queste case pignorate a metà prezzo, per affittarle, spesso alle stesse persone che le avevano perse. Non esistono dati precisi sul totale degli acquisti, ma la compravendita è stata quasi frenetica. A un certo punto, un agente in Florida, per conto di una sola “società di investimento”, ha fatto offerte per più di 200 case a settimana. Secondo stime prudenti, il solo trasferimento di beni immobiliari dalla classe media americana a queste poche persone sarebbe stato di 7 o 8 miliardi di dollari, il tutto in due o tre anni.

Mi sorprende che così poche persone sembrino voler considerare questi eventi come pianificati, eppure le prove sono schiaccianti e inconfutabili. Non è possibile che questi eventi, e tanti altri simili, si siano verificati “per caso”. C’erano semplicemente troppi fili che lavoravano insieme per ottenere questo risultato, e questi fili non potevano essere indipendenti. E non è possibile che il governo degli Stati Uniti non fosse a conoscenza dell’esito finale. Gli economisti che lavorano per il governo degli Stati Uniti non sono stupidi, e molti economisti privati stavano descrivendo gli eventi e prevedendo l’unico risultato possibile. L’unica tesi che si adatta a tutti i fatti è che il crollo del 2008 sia stato pianificato e che il governo statunitense, totalmente controllato dalla City di Londra, abbia consapevolmente permesso che si verificasse. Ancora una volta, in sintesi, una manciata relativa di persone ha tratto profitto per miliardi di dollari in pochi anni, solo in questa impresa.

E non si trattava solo di case, e non solo nel 2008. In un articolo intitolato I distruttori della democrazia statunitense [27], Chris Hedges ha citato un rapporto della RAND Corporation che affermava che: “Questi politici dell’establishment e i giudici da loro nominati hanno promulgato leggi che hanno permesso all’1% superiore di saccheggiare 54 miliardi di dollari dal 90% inferiore, dal 1975 al 2022, a un ritmo di 2,5 miliardi di dollari all’anno, secondo uno studio della RAND corporation” [28], [29]. Per chi non lo sapesse, RAND è una società spregevolmente satanica che passa la maggior parte del suo tempo a pianificare guerre, a progettare regimi di tortura (Vietnam Phoenix, Guantanamo Bay, Baghram, Diego Garcia) e a tramare per il controllo politico mondiale. Ma le persone della RAND sanno come calcolare, soprattutto considerando che hanno pianificato i metodi per il saccheggio di cui ora si vantano. Si noti che l’eufemisticamente chiamato “top 1%” non è in realtà il top 1%, ma un piccolo gruppo di banchieri e industriali ebrei, compresi i proprietari (Rothschild e altri) della FED statunitense. Una parte enorme di questo saccheggio è avvenuta nel 2008 e negli anni successivi; non mi prenderò la briga di sommare gli interessi.

Scrittura contabile:

54.000 miliardi di dollari attuali

 

(11) La grande rapina dell’oro – Parte I – La FED statunitense

Nei primi anni dopo la creazione della FED, di proprietà dei Rothschild, gli Stati Uniti avevano ancora un gold standard per la loro valuta; la FED poteva emettere nuova moneta solo se aveva almeno il 40% di tale importo in oro. Ma, come hanno sempre fatto i banchieri ebrei in ogni paese, emisero carta moneta ben oltre i limiti consentiti, il che fu la causa principale della Grande Depressione del 1929. Nel 1933, la FED aveva solo circa 6.000 tonnellate d’oro nei suoi depositi e mancava circa 50.000 tonnellate per la cartamoneta che aveva emesso. Il pubblico era generalmente consapevole di ciò che stava accadendo e, temendo che la cartamoneta statunitense diventasse priva di valore, spendeva la carta e accumulava le monete e i lingotti d’oro, mentre le piccole banche e le aziende accumulavano lingotti d’oro. Non c’era modo di uscire da questa trappola. La FED aveva bisogno di un’enorme iniezione d’oro per evitare il collasso della moneta, ma i suoi proprietari non avevano alcuna intenzione di investire il proprio denaro per evitare il collasso finanziario dell’America. La loro soluzione fu quella di convincere Roosevelt e il Congresso che il vero problema era rappresentato dai cittadini che, detenendo oro, impedivano all’economia di prosperare naturalmente. Su loro consiglio, Roosevelt approvò il famoso provvedimento 1602 che confiscava tutto l’oro detenuto privatamente (in tutte le sue forme) negli Stati Uniti, obbligando tutti i cittadini a consegnare il proprio oro alla FED, pena una multa di 10.000 dollari e una condanna a 10 anni di carcere. Si noti che l’oro non fu consegnato al Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, ma alla FED, di proprietà privata.

 

gold_act

L’oro fu scambiato con cartamoneta, il che significa che i proprietari della FED usarono il potere del governo statunitense per confiscare tutto l’oro detenuto privatamente negli Stati Uniti, al solo costo della stampa della carta. Secondo i dati disponibili, i singoli cittadini hanno consegnato quasi 3.000 tonnellate d’oro, per lo più in monete. La quantità di barre e lingotti d’oro consegnati dal settore privato è estremamente difficile da determinare con precisione. Tutte le analisi storiche si concentrano sulle monete d’oro e ignorano i lingotti, che tuttavia dovevano essere di gran lunga la parte più consistente, dal momento che una clausola standard dei contratti commerciali dell’epoca prevedeva che i pagamenti fossero effettuati in oro e sia le aziende che le banche dovevano essere in possesso di grandi scorte. Gli studi storici si dilungano a rintracciare tutte le monete d’oro prodotte, a stimare la quantità rimasta in circolazione e quindi quella ceduta alla FED. Sembrerebbe che il metodo più semplice sarebbe quello di richiedere semplicemente alla FED la quantità di monete cedute, ma la FED apparentemente si rifiuta di fornire queste informazioni e tace sulla questione delle barre e dei lingotti. La mia stima per i lingotti era di circa 6.000 o 7.000 tonnellate come minimo, per un totale di circa 10.000 tonnellate, ma Seagrave cita fonti credibili che sostengono che la FED abbia acquistato 18.000 tonnellate, quindi userò questa cifra.

Tuttavia, questa cifra non era affatto sufficiente a coprire l’ammanco di 50.000 tonnellate, per cui i banchieri ebrei – guidati dall’ebreo Morgenthau, all’epoca Segretario del Tesoro – svalutarono il dollaro statunitense di circa il 70% subito dopo la confisca dell’oro, facendo così salire il prezzo dell’oro da 20 a 35 dollari e riducendo sostanzialmente l’ammanco della FED. Ma questo ebbe il tragico risultato che gli americani non solo furono truffati dalla perdita del loro unico bene in contanti, ma anche dalla perdita di valore del 70%. Naturalmente ci furono cause legali, con i tribunali che stabilirono essenzialmente che l’azione del governo era illegale e incostituzionale, ma che i cittadini non avevano alcuna possibilità di ricorso.

In sintesi, per salvare la FED, Rothschild (o i suoi colleghi) convinse Roosevelt ad approvare una legge che permetteva a Rothschild di confiscare tutto l’oro detenuto privatamente in America e di svalutare del 70% la carta data agli americani in cambio di quell’oro. Quelle 18.000 tonnellate d’oro avevano allora un valore di circa 20 miliardi di dollari*, sottratti alla popolazione nel bel mezzo della peggiore recessione a memoria d’uomo, sicuramente uno degli atti più crudeli e disumani possibili all’epoca. Era imminente una corsa all’oro da parte della Federal Reserve, e l’intero atto fu semplicemente per prevenire il collasso finanziario della stessa FED – al costo di impoverire ulteriormente la popolazione e prolungare di anni la Grande Depressione [30], [31], [32], [33].

* 32.150 once per tonnellata metrica a 35 dollari/oncia (circa 1 milione di dollari per tonnellata) per 18.000 tonnellate metriche. Oggi quell’oro vale circa 1.700 dollari per oncia, o circa 50 milioni di dollari per tonnellata, per 18.000 tonnellate = circa 1.000 miliardi di dollari.

Scrittura contabile:

1.000 miliardi di dollari attuali

 

(12) La legge statunitense sull’acquisto di argento del 1934

 

Ma non si fermarono lì. L’anno successivo, nel 1934, il Presidente Roosevelt emanò un altro ordine esecutivo, il numero 6814, The Silver Purchase Act, che prevedeva il sequestro di tutto l’argento presente negli Stati Uniti e un enorme programma di acquisto di argento sul mercato aperto a un prezzo quasi triplo rispetto a quello di mercato. Da un punto di vista razionale, questa azione era bizzarra. Il governo statunitense nazionalizzò effettivamente le scorte d’argento degli Stati Uniti, ma acquistando l’argento dagli americani al vecchio prezzo di 0,45 dollari. Quest’azione ha permesso di raccogliere miliardi di scarsi fondi governativi nel pieno della Grande Depressione, quando la maggior parte degli americani stava lottando per sopravvivere ed evitare la fame e la bancarotta [34].

Dopo aver ottenuto questo risultato, Roosevelt applicò in modo ancora più bizzarro la seconda parte della legge, che imponeva al Tesoro di acquistare argento a un prezzo di almeno 1,29 dollari per oncia, quasi tre volte il prezzo di mercato che i cittadini americani ricevevano all’epoca. La legge autorizzava in primo luogo il Tesoro ad acquistare argento “da paesi stranieri” sul mercato aperto, ovvero alla Borsa dei Futures di New York. Ma questa legge era del tutto bizzarra, perché tali acquisti non si erano mai verificati, né si sarebbero verificati. Nemmeno un pazzo spenderebbe soldi per comprare qualcosa a 1,29 dollari quando quella merce è ampiamente disponibile sui mercati mondiali a 0,45 dollari. Quindi, cosa spingeva davvero questa nuova politica?

Fino a quel momento, la Cina aveva adottato uno standard d’argento per la sua moneta per centinaia di anni, l’unica valuta al mondo interamente sostenuta dal metallo prezioso, responsabile della creazione di una base economica solida e stabile, che permise alla Cina di sfuggire del tutto alla Grande Depressione che stava devastando il resto del mondo. La politica americana dell’argento, naturalmente, ha inferto un colpo devastante a questa stabilità secolare, perché gli americani non acquistavano argento dai Paesi stranieri sul mercato aperto, ma solo in Cina attraverso le banche americane come Citibank, Morgan e Chase, perché erano immuni dalle normative cinesi sulle esportazioni. Questi agenti statunitensi offrivano ai cinesi il triplo del prezzo di mercato per il loro argento, con il risultato naturale di un’inondazione di argento che affluiva in queste banche e da lì veniva spedito negli Stati Uniti su navi militari americane. Ho visto dichiarazioni di storici secondo cui la Cina possedeva circa un miliardo di once d’argento, che all’epoca rappresentava un terzo delle scorte mondiali, ma ciò è chiaramente falso dal momento che la sola Shanghai perdeva mezzo miliardo di once al mese e le banche cinesi, che normalmente avevano la loro valuta sostenuta per il 60% da argento, erano scese a circa il 4% [35], [36].

Un lettore attento dovrebbe aver notato che manca il pezzo più importante di questo puzzle. Ricapitoliamo: (1) Il governo degli Stati Uniti acquistò tutto l’oro esistente in mani private negli Stati Uniti, poi lo regalò a Rothschild e agli altri proprietari ebrei della FED. (2) Il governo statunitense ha poi acquistato tutto l’argento presente negli Stati Uniti e ha regalato anche quello alla FED di Rothschild. (3) In seguito istituì una politica di acquisto da parte del Tesoro degli Stati Uniti di tutto l’argento presente in Cina a un prezzo tre volte superiore a quello del mercato mondiale e regalò tutto l’argento alla FED di Rothschild. La parte mancante è il denaro. Questo avveniva nel bel mezzo della più grave depressione a memoria d’uomo, la gente moriva di fame, il governo degli Stati Uniti non aveva soldi e la valuta e la FED rischiavano di crollare. Come poteva Roosevelt permettersi di acquistare tutto quel metallo prezioso e regalarlo a pochi banchieri ebrei? Semplice. Gli prestarono il denaro stampando carta e incassando non solo il capitale ma anche gli interessi. Roosevelt non aveva i soldi per comprare a Rothschild un regalo di Natale, così Rothschild prestò a Roosevelt i soldi, con gli interessi, per comprare il suo regalo. Ed è così che gli Stati Uniti si indebitarono per 33 miliardi di dollari nel 1933 [37]. Non è possibile stimare con precisione il valore totale dell’argento estratto dagli Stati Uniti o dalla Cina, per cui non faccio alcun riferimento a questa voce.

Scrittura contabile:

0.000 miliardi di dollari attuali

Potreste chiedervi perché i banchieri ebrei della FED non abbiano cercato di acquistare tutto l’oro della Cina. Non ne avevano bisogno, perché alcuni dei loro amici più stretti erano già su questa strada. Si veda Citibank, più avanti.

 

(13) Citibank – La grande rapina dell’oro

I cinesi hanno sempre accumulato oro, individualmente, come garanzia, e lo stavano certamente facendo nel 1902 quando Citibank, sull’orlo del fallimento, entrò in Cina e aveva bisogno di un modo intelligente per ricostruire la sua base di attività. Citibank lo trovò. La banca pubblicizzò in tutta la nazione l’insicurezza di tenere lingotti d’oro in un calzino sotto il letto e riuscì a convincere almeno 100 milioni di cinesi a depositare il loro oro nei caveau di Citibank, dove sarebbe stato al sicuro. Dopo oltre 40 anni di attività, quando si stavano addensando nubi di guerra, Citibank caricò letteralmente decine di navi militari statunitensi con tutto l’oro cinese e chiuse i battenti senza nemmeno salutare. L’oro, ovviamente, sarebbe stato consegnato alla FED in cambio di carta. Ancora oggi la gente cerca di recuperare il proprio oro dalla Citibank. Poiché la documentazione è inconfutabile, i tribunali statunitensi hanno autorizzato le azioni legali, ma con la clausola che i richiedenti devono comparire di persona ai processi. Nessun problema, ma i consolati americani in Cina si rifiutano di rilasciare a queste persone i visti per recarsi negli Stati Uniti. Nessun visto di viaggio, nessuna richiesta di risarcimento contro Citibank, nessun recupero dell’oro cinese. L’oro è stato ovviamente consegnato alla FED statunitense in cambio di carta.

C’è molto di più in questa storia, dato che Citibank ha fatto la stessa cosa in forse una dozzina di paesi. Se funziona in un posto, dovrebbe funzionare ovunque. Nello stesso momento in cui, nel 1902, Citibank (International Banking Corporation) si registrò in Cina, aprì anche operazioni bancarie a Manila, Calcutta, Singapore, Yokohama, Brasile, Argentina e in altri Paesi. In Argentina, Citibank era così odiata per questi furti d’oro che nel 1927 un gruppo di “clienti” vittimizzati si vendicò facendo esplodere sia la sede di Citibank che quella della Banca di Boston, e odiarono così tanto il governo degli Stati Uniti (e gli americani in generale) per aver protetto Citibank che bombardarono anche l’ambasciata statunitense e la Ford Motor Company. Ignorando i furti da tutti gli altri Paesi, l’ammontare dell’oro rubato da Citibank (e da Chase e Morgan) ai soli cittadini cinesi si aggirava sulle decine di miliardi, per un periodo che va dal 1902 al 1949, ma è quasi impossibile da calcolare con precisione, e non riporterò alcun inserimento contabile per questo.

Scrittura contabile:

0.000 miliardi di dollari attuali

 

(14) La grande rapina dell’oro – Parte 2 – La FED statunitense

Questa è una delle frodi più sconcertanti mai perpetrate nella storia del mondo, una frode che sembra essere stata cancellata da tutti i nostri libri di storia, al punto che dubito che una persona su un milione ne sia a conoscenza. Come tutte le buone frodi, era semplice: Dal 1932 fino all’inizio della Seconda Guerra Mondiale, il governo degli Stati Uniti e i media ebraici hanno propagandato in modo stravagante al mondo intero la paura che il Giappone o la Germania avrebbero invaso ogni nazione e inevitabilmente saccheggiato tutte le loro banche centrali e commerciali. La soluzione proposta era che tutte le banche di tutte le nazioni del mondo consegnassero le loro riserve d’oro alla FED statunitense per custodirle fino alla fine della guerra. E lo fecero. Ogni giorno, il New York Times registrava fedelmente le spedizioni di milioni di dollari d’oro da tutte queste nazioni agli Stati Uniti. Un articolo del NYT affermava che nel 1938 sette cacciatorpediniere della marina statunitense, carichi di 125.000 tonnellate d’oro cinese, salparono verso gli Stati Uniti. Questi “depositi” erano comprovati da certificati d’oro emessi dal Tesoro degli Stati Uniti, sebbene l’oro fosse in realtà destinato alla FED statunitense.silver_act

 

gold_stock

Tuttavia, non sembra esistere nemmeno un caso credibile in cui questo oro sia mai stato restituito ai proprietari. In tutti i casi, la FED ha dichiarato che i certificati presentati erano falsi, con evidenti errori di ortografia e di altro tipo, oppure che semplicemente “non poteva confermare l’emissione di certificati” con quei numeri di serie, e si è rifiutata di riscattarli. Un giornalista del Financial Times dichiarò:

“Si è arrivati a un punto in cui si può entrare in una delle grandi banche di New York, Londra o Zurigo, dare loro mezza tonnellata d’oro in cambio di un certificato di proprietà, fare il giro dell’isolato per 10 minuti, rientrare nella stessa banca, e loro negheranno di avervi mai visto prima, e vi faranno arrestare per aver presentato loro un certificato contraffatto”.

Ma poi accaddero fatti molto strani. Fu scoperto un aereo della CIA precipitato nella giungla delle Filippine, contenente miliardi di dollari di questi stessi certificati, chiaramente originali e non falsi. In seguito a questa scoperta, con la conseguente pubblicità e l’emergere di richieste di riscatto per questi certificati, la FED andò nel panico, portando a qualcosa di veramente bizzarro: la FED decise improvvisamente di rifondere e riforgiare la sua intera riserva d’oro allo scopo dichiarato di “preferire di avere tutti i lingotti d’oro della stessa forma”. Non è stata fornita alcuna spiegazione, ma in realtà non era necessaria. Rifondere decine di migliaia di tonnellate d’oro è un’impresa enorme, complicata e molto costosa, e non verrebbe mai fatta per la sciocca ragione di cambiare la forma dei lingotti. Qualunque fosse lo scopo dichiarato dalla FED, il risultato principale fu che l’oro rifuso non contiene più i suoi marchi originali, il che significa che non c’è più modo di identificare la fonte originale di quell’oro. E questo significava che nessuno avrebbe mai potuto dimostrare che l’oro detenuto dalla FED era l’oro che era stato rubato – in termini reali – da quasi tutti i paesi del mondo.

gold_bullion0

Un esempio famoso è quello delle scorte d’oro della banca centrale cinese. Quando Chiang Kai-Shek perse la guerra civile cinese e fuggì a Taiwan, il suo ultimo atto fu quello di saccheggiare tutto l’oro della banca centrale della Cina continentale e delle banche commerciali e portare le tonnellate di lingotti con sé a Taiwan, sotto la protezione degli americani. Per aumentare la loro protezione, gli Stati Uniti convinsero Chiang a permettere loro di portare l’oro negli Stati Uniti “per custodirlo” nel caso in cui la Cina avesse attaccato Taiwan e rubato il “suo” oro. Questo oro non fu mai restituito. Infatti, molto tempo dopo la morte del marito, e fino al giorno della sua morte, la signora Chiang ha discusso, combattuto, implorato e fatto causa al governo statunitense e alla FED per la restituzione del “suo” oro. Non ci riuscì e la questione morì. Oggi Taiwan non ne ha più notizie.

Non sembra esistere un registro unificato di tutti i carichi d’oro consegnati alla FED statunitense nell’ambito di questo schema, ma devono essere stati almeno decine, se non centinaia, di miliardi, e questo è avvenuto negli anni ’30, quasi 90 anni fa. Se ipotizziamo che il totale raccolto in tutto il mondo sia solo cinque volte superiore a quello confiscato nei soli Stati Uniti, si arriva a circa 100.000 tonnellate metriche, a circa 50 milioni di dollari per tonnellata ai prezzi odierni, ovvero circa 5.000 miliardi di dollari. Tutto questo oro è finito nelle tasche dei pochi banchieri ebrei che possiedono la FED statunitense.

gold_bullion1

Per essere sicuri che questo sia perfettamente chiaro, Rothschild e altri banchieri ebrei architettarono un piano per rubare letteralmente tutte le scorte d’oro da tutte le banche centrali e commerciali di tutti i Paesi del mondo. Questi ebrei stavano allora per scatenare una seconda guerra mondiale e usarono la paura di questa per sostenere il loro piano. Utilizzarono tutta l’influenza propagandistica dei media ebraici, combinata con l’ampio potere di prepotenza della Casa Bianca e del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, nonché con il potere coercitivo delle forze armate statunitensi, per costringere tutte le banche centrali del mondo e le banche commerciali di ogni nazione a consegnare le loro scorte d’oro alla FED statunitense per “custodirle”. Non c’è mai stata l’intenzione di restituire l’oro dopo la guerra. Dovrebbe essere ovvio che il governo degli Stati Uniti era coinvolto in questa atrocità criminale fino al collo, agendo come esecutore e portaborse degli ebrei, raccogliendo e consegnando tutto questo oro non al Tesoro degli Stati Uniti ma alla FED, e quindi senza alcun beneficio per gli Stati Uniti. Il governo statunitense stava semplicemente obbedendo al suo padrone.

Scrittura contabile:

5.000 miliardi di dollari attuali

 

Quanto oro c’è nel mondo?

Warren Buffett dice circa 175.000 tonnellate, ma la sua stima è priva di valore e pochi sono d’accordo con lui, e infatti la sua stima proviene dalla fonte ebraica di Thompson Reuters [38] e dovrebbe essere scartata per principio. Le stime vanno da questo livello a quello del Gold Standard Institute di oltre 2,5 milioni di tonnellate. Parte del problema è che l’oro è stato estratto per millenni e nessuno sa quanto ce ne sia in giro. Lo stesso problema esiste nelle stime dell’offerta totale di oro nelle varie nazioni in vari momenti della storia. I parassiti della FED americana cercano di minimizzare gli effetti del loro furto d’oro a livello mondiale negli anni ’30 sottovalutando enormemente la quantità di lingotti d’oro negli Stati Uniti in quel periodo, e hanno fatto lo stesso per la maggior parte degli altri Paesi. Il problema si pone anche all’inverso: secondo i resoconti di alcuni cosiddetti “storici” ebrei, i nazisti depredarono dagli ebrei dieci volte il volume totale dell’oro esistente in quei paesi.

Una nota importante: la FED statunitense

Nel 2013, i media hanno riportato notizie che sono state rapidamente insabbiate e censurate negli Stati Uniti, ma non in Europa, sul tentativo della Germania di rimpatriare le sue riserve d’oro dalla FED statunitense. Il governo tedesco aveva conservato circa la metà delle sue scorte d’oro nei caveau della FED di New York. La banca centrale tedesca decise di riportare a casa tutto il suo oro, ma la FED rifiutò la richiesta, sostenendo che una tale mossa sarebbe stata impossibile, affermando che sarebbe stato necessario attendere fino al 2020 per poter effettuare il trasferimento. Il governo tedesco chiese quindi di visitare i caveau della FED per inventariare l’oro e determinarne l’effettiva esistenza, ma la FED rifiutò di permettere alla Germania di esaminare il proprio oro. Le ragioni addotte sono state “sicurezza” e “non c’è spazio per i visitatori”. Dopo una decisa insistenza per questa strana svolta degli eventi, la Germania inviò finalmente del personale alla FED, al quale fu permesso di entrare solo nell’anticamera del caveau, dove furono mostrati 5 o 6 lingotti d’oro “rappresentativi delle loro proprietà”, ma non fu permesso di vedere nient’altro. I funzionari tedeschi tornarono una seconda volta, con ancora più determinazione, quando la FED apparentemente aprì solo uno dei 9 caveau e permise ai tedeschi di guardare la pila d’oro da una distanza considerevole, ma non fu loro permesso di entrare o toccare. Dopo ripetute insistenze, la Germania recuperò una piccola parte dell’oro in suo possesso, ma questo fu spedito dalla banca centrale francese, di proprietà degli stessi ebrei che possiedono la FED.

Da molti anni si specula sul fatto che la FED non abbia molto oro, o addirittura non ne abbia affatto, ma che lo abbia venduto, prestato o usato come garanzia per i prestiti. Oggi ci sono ripetute affermazioni che l’oro che si suppone sia immagazzinato per conto di molte nazioni, in realtà non esiste. A nessuno, a parte il personale della FED, è stato permesso di entrare nei caveau per vedere o inventariare l’oro, e non ci sono prove che l’oro esista davvero.

La situazione è ancora peggiore per quanto riguarda il presunto deposito d’oro di Fort Knox, il luogo di stoccaggio di quello che si suppone essere l’intero patrimonio aureo del Tesoro degli Stati Uniti. La maggior parte delle persone crede che Fort Knox sia un caveau governativo ma, pur essendo costruito su un terreno governativo, è gestito dalla FED e l’intero contenuto è di proprietà della FED, non del Tesoro statunitense. Dalla creazione del Federal Reserve System nel 1913, il contenuto di Fort Knox appartiene alla FED ma è custodito dall’esercito statunitense. E nessuno sa cosa ci sia.

L’ultima verifica, e l’ultima visita pubblica, risale al 1953, subito dopo l’insediamento di Eisenhower. In quell’occasione non furono ammessi esperti esterni e il team di revisione controllò solo il 5% circa dell’oro presente. In 70 anni non c’è stato nemmeno un inventario, tanto meno una verifica completa di Fort Knox. Nel 1974 sei membri del Congresso, un senatore e la stampa furono autorizzati a entrare a Fort Knox per verificare di persona se l’oro fosse lì o meno. La visita dimostrò che a Fort Knox c’era qualcosa che assomigliava all’oro, ma scatenò ancora più polemiche. Solo una piccola parte dell’oro fu resa disponibile per la visione e un membro del Congresso pubblicò un rapporto in cui si affermava che i lingotti d’oro conservati nel forte erano meno pesanti del previsto. Negli ultimi anni, diversi politici statunitensi hanno affermato che è molto probabile che né Fort Knox né la FED possiedano oro e hanno chiesto un inventario completo e pubblico e un’analisi, ma la FED ha rifiutato risolutamente.

Data la quasi certezza che la FED e il Tesoro degli Stati Uniti possiedono poco oro, si sono fatte molte speculazioni sull’ubicazione delle riserve auree mondiali che esistono presso la FED sulla carta ma non nella realtà. Non so dove sia l’oro, ma se dovessi tirare a indovinare, direi che si trova nelle profondità delle montagne svizzere, nelle centinaia di tunnel scavati nella roccia sotto la nuova sede della BRI – la Banca dei Regolamenti Internazionali, che a sua volta è di proprietà degli stessi Rothschild che possiedono la FED e varie altre banche centrali europee.

 

(15) Il bottino di guerra

Si tratta di un argomento che raramente, se non mai, viene sottoposto alla nostra attenzione – con la notevole eccezione delle persistenti storie di confisca di opere d’arte e altri tesori degli ebrei da parte dei tedeschi. Ma la verità storica è piuttosto diversa, e con molte prove che sono stati gli ebrei a fare gran parte o addirittura la maggior parte dei saccheggi in tempo di guerra. Abbiamo assistito a circa 85 anni di accuse ininterrotte sul fatto che i tedeschi avessero saccheggiato gli ebrei durante le due guerre mondiali, ma non è quasi mai stata presentata alcuna prova credibile di ciò, e ad un esame approfondito le storie dei tedeschi che saccheggiano gli ebrei fanno parte della stessa categoria delle vasche piene di bulbi oculari e della fusione del grasso degli ebrei per ottenere glicerina per gli esplosivi. Non c’è dubbio che in tutte le guerre si verifichino saccheggi da parte di tutte le parti, ma, come vedremo, sono gli ebrei che sembrano aver fatto la maggior parte dei saccheggi, coprendo i loro crimini attraverso il controllo dei mass media.

Come esempio recente, l’Iraq è stato accuratamente descritto come “una culla di civiltà”. Il risultato è che, prima dell’invasione americana, l’Iraq era pieno zeppo di manufatti archeologici, tesori artistici, pergamene e altri oggetti accumulati nel corso dei secoli, molti dei quali di grande valore economico ma anche di immenso significato storico. Sono scomparsi tutti. Le truppe americane hanno saccheggiato la maggior parte del Paese e si dice che oggi tutti i musei iracheni siano completamente vuoti. Oggetti di valore e manufatti storici sono stati rubati non solo da musei e biblioteche, ma anche da case private. L’Iraq è stato saccheggiato nella sua totalità. Secondo le stime pubblicate, almeno 200.000 oggetti d’arte e cultura, molti dei quali di valore inestimabile per la storia del mondo, sono stati rubati dai musei iracheni di Baghdad, Mosul e altre città. Il governo degli Stati Uniti sostiene che si è trattato solo di alcune azioni disoneste che ha disapprovato, ma i fatti ci dicono il contrario, e infatti molti di questi oggetti sono apparsi in altri musei e collezioni private ebraiche – in Israele, tra gli altri luoghi. Non c’è modo di dare un valore a tutto questo, ma l’entità è considerevole e questa è solo una delle tante situazioni simili.

L’Unione Sovietica insiste sul fatto che gli Stati Uniti e vari ebrei sono ancora in possesso di collezioni inestimabili di arte sovietica rubata, sequestrata dagli ebrei quando fuggirono dalla Russia dopo la rivoluzione fallita. Gli Stati Uniti e gli ebrei hanno naturalmente respinto questa affermazione, ma poi sono stati colti in fallo quando alcuni ricercatori hanno scoperto documenti che dimostravano che gli Stati Uniti avevano effettivamente conservato un’enorme quantità di tesori d’arte, che nel frattempo erano scomparsi in collezioni private del solito gruppo di sospetti. È stato inoltre documentato che, alla fine della Seconda guerra mondiale, l’esercito statunitense ha svuotato un treno di 24 vagoni pieni di oro, argento e vari oggetti d’arte tedeschi costosi, il cui valore era stimato all’epoca in molti miliardi, oggetti che i tedeschi stavano cercando di proteggere dai saccheggi degli ebrei e degli alleati. Inoltre, altri miliardi d’oro scomparvero dalla Reichsbank più o meno nello stesso periodo e non sono mai stati resi noti.

I dettagli dei furti di tesori europei sono oscuri e molto complicati, con rivendicazioni e contro rivendicazioni, ed è facile e allettante liquidare le storie di caccia al tesoro in Germania come racconti di guerra esagerati. Tuttavia, negli ultimi 70 anni siamo stati inondati da storie di saccheggi di metalli preziosi e opere d’arte di inestimabile valore da parte dei tedeschi in tutta Europa, in particolare da parte degli ebrei, ma c’è molto di più in questa storia. Innanzitutto, dopo aver portato a termine la rivoluzione bolscevica in Russia nel 1917, gli ebrei saccheggiarono l’intero Paese, a partire da tutto l’oro della banca centrale che fu spedito negli Stati Uniti come pagamento a Jacob Schiff per il finanziamento della rivoluzione. Ma la Russia fu depredata di molto più dell’oro: la classe media, relativamente benestante, possedeva miliardi di metalli preziosi, manufatti e opere d’arte di valore inestimabile, nonché praticamente l’intero patrimonio dei Romanov, la famiglia reale russa. La maggior parte di questi beni fu portata via dal Paese, in gran parte in Germania e in Austria, quando gli ebrei bolscevichi fuggirono dalla Russia. Gran parte di questo tesoro e dell’oro saccheggiato sarebbe quasi certamente finito nelle mani degli ebrei della City di Londra. Esiste inoltre una documentazione sostanziale che dimostra che gli Stati Uniti e gli ebrei hanno effettivamente saccheggiato pesantemente la Germania alla fine di entrambe le guerre. Visti i fatti dell’Operazione Paperclip, questo non dovrebbe essere una sorpresa per nessuno.

Ma in termini di saccheggi e distruzioni, c’è stato qualcosa di molto peggiore: due dei più grandi atti di genocidio culturale nella storia del mondo sono stati entrambi perpetrati dagli ebrei khazari, ed entrambi in Cina, un altro pezzo di storia che sono riusciti a seppellire completamente. Quello che ci interessa in questa sede è il saccheggio e l’incendio del Palazzo d’Estate cinese, lo Yuanmingyuan, che conteneva più di dieci milioni di tesori storici e opere accademiche tra le più belle e preziose raccolte in un unico luogo da 5.000 anni di storia cinese.

Gli ebrei decisero di punire la Cina per aver rifiutato il loro oppio, così Rothschild e Sassoon ottennero il permesso della Regina Vittoria e l’impegno a utilizzare le sue truppe per saccheggiare e distruggere l’intero complesso [39] per, secondo le loro parole, “aprire una ferita che non sarebbe mai guarita“. Il complesso era così vasto (otto volte le dimensioni della Città del Vaticano) che richiese a 7.500 soldati quasi tre settimane per saccheggiarlo e bruciarlo. Ciò che non poteva essere saccheggiato fu distrutto e l’intero palazzo fu raso al suolo. Questo furto e la distruzione totale di una delle più grandi collezioni di tesori storici del mondo furono architettati dai Rothschild e dai Sassoon come ritorsione per la resistenza cinese all’oppio. Alla notizia, l’imperatore cinese vomitò sangue e morì poco dopo. Oggi, alcuni dei manufatti più preziosi appaiono ripetutamente all’asta, sempre da parte di venditori ebrei. Si può capire perché non tutti provino simpatia per gli ebrei se effettivamente i tedeschi hanno saccheggiato alcune delle loro opere d’arte. Con ogni probabilità, la maggior parte di esse era stata saccheggiata dagli ebrei a qualcun altro.

Poiché non possiamo ottenere i dettagli necessari per documentare i saccheggi compiuti dagli ebrei in tutte le loro rivoluzioni, dalla Russia in poi, all’Egitto, alla Cina, all’Iraq, alla Libia, né per i saccheggi compiuti dagli americani per loro conto, e in particolare in Germania, non farò alcuna menzione di questo fatto, ma mi limiterò a dichiararlo per registrarne l’entità e per sottolineare che molto di ciò che è stato rubato da questi ebrei ha un valore inestimabile.

Scrittura contabile:

0.000 miliardi di dollari attuali

 

Fine seconda parte

Terza parte

Conclusione

 

Larry Romanoff è un consulente di gestione e uomo d’affari in pensione. Ha ricoperto posizioni dirigenziali in società di consulenza internazionali ed è stato proprietario di un’azienda di import-export internazionale. Attualmente vive e lavora a Shangai. 

Link: https://www.unz.com/lromanoff/the-richest-man-in-the-world/

 

Scelto e tradotto da CptHook per ComeDonChisciotte

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
33 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
33
0
È il momento di condividere le tue opinionix