L’America ha appena distrutto un grande impero

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

 

Michael Hudson – The Unz Review – 29 giugno 2023

 

Erodoto (Le Storie, libro 1.53) racconta la storia di Creso, re della Lidia intorno al 585-546 a.C., nell’attuale Turchia occidentale e sulla sponda ionica del Mediterraneo. Creso conquistò Efeso, Mileto e i vicini regni di lingua greca, ottenendo tributi e bottini che lo resero uno dei sovrani più ricchi del suo tempo. Ma queste vittorie e queste ricchezze lo portarono all’arroganza e alla superbia. Creso volse lo sguardo verso est, con l’ambizione di conquistare la Persia, governata da Ciro il Grande.

Avendo donato al cosmopolita tempio di Delfi (nella Focide) ingenti quantità d’argento e d’oro, Creso chiese all’oracolo se sarebbe riuscito nella conquista che aveva progettato. La sacerdotessa della Pizia rispose: “Se vai in guerra contro la Persia, distruggerai un grande impero“.

Creso partì quindi all’attacco della Persia verso il 547 a.C. e marciando verso est, attaccò la Frigia, stato vassallo della Persia. Ciro organizzò un’operazione militare speciale per respingere Creso, sconfiggendone l’esercito, catturandolo e cogliendo l’occasione per impadronirsi dell’oro della Lidia per introdurre la propria moneta d’oro persiana. Così Creso distrusse davvero un grande impero, ma era il suo.

Avanti veloce fino ai nostri giorni. L’amministrazione Biden ha deciso di estendere la potenza militare americana contro la Russia e, dietro di essa, la Cina. Il presidente ha chiesto consiglio all’analogo odierno dell’oracolo di Delfi dell’antichità: la CIA e i think tank suoi alleati. Invece di mettere in guardia dall’arroganza, essi hanno incoraggiato il sogno neocon secondo cui attaccare la Russia e la Cina consoliderebbe il controllo degli Stati Uniti sull’economia mondiale, realizzando la Fine della Storia.

Dopo aver organizzato un colpo di Stato in Ucraina nel 2014, gli Stati Uniti hanno inviato il loro esercito per procura della NATO verso est, fornendo armi all’Ucraina per combattere una guerra etnica contro la popolazione russofona e trasformare la base navale russa in Crimea in una fortezza della NATO. Questa ambizione di Creso mirava ad attirare la Russia in un combattimento e ad esaurire la sua capacità di difendersi, distruggendo nel contempo la sua economia e la sua capacità di fornire sostegno militare alla Cina e ad altri Paesi che cercano l’autosufficienza come alternativa all’egemonia statunitense.

Dopo otto anni di provocazioni, è stato preparato un nuovo attacco militare contro gli ucraini russofoni, pronto a dirigersi verso il confine russo nel febbraio 2022. La Russia ha protetto i suoi connazionali russofoni da ulteriori violenze etniche organizzando una propria operazione militare speciale. Gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO hanno immediatamente sequestrato le riserve di valuta estera della Russia detenute in Europa e in Nord America e hanno chiesto a tutti i Paesi di imporre sanzioni contro l’importazione di energia e grano russi, sperando che ciò facesse crollare il tasso di cambio del rublo. Il delfico Dipartimento di Stato si aspettava che ciò avrebbe provocato la rivolta dei consumatori russi e rovesciato il governo di Vladimir Putin, consentendo alle manovre statunitensi di installare un’oligarchia clientelare come quella che aveva alimentato negli anni ’90 sotto il presidente Eltsin.

Il confronto con la Russia ha avuto come effetto secondario il mantenimento del controllo americano sui suoi satelliti dell’Europa occidentale. L’obiettivo di questo scontro all’interno della NATO era quello di precludere all’Europa il sogno di trarre profitto da relazioni commerciali e di investimento più strette con la Russia, scambiando i suoi prodotti industriali con le materie prime russe. Gli Stati Uniti hanno fatto deragliare questa prospettiva facendo saltare i gasdotti Nord Stream, tagliando fuori la Germania e altri Paesi dall’accesso al gas russo a basso prezzo. In questo modo la principale economia europea è rimasta dipendente dal gas naturale liquefatto (GNL) statunitense, che ha costi più elevati.

Oltre a dover sovvenzionare il gas nazionale europeo per evitare un’insolvenza diffusa, gran parte dei carri armati Leopard tedeschi, dei missili Patriot statunitensi e di altre “armi miracolose” della NATO vengono distrutti nei combattimenti contro l’esercito russo. È ormai chiaro che la strategia degli Stati Uniti non è semplicemente quella di “combattere fino all’ultimo ucraino”, ma di combattere fino all’ultimo carro armato, missile e altra arma che viene eliminata dalle scorte della NATO.

L’esaurimento degli armamenti della NATO avrebbe dovuto creare un vasto mercato di sostituzione per arricchire il complesso militare-industriale americano. Ai clienti della NATO è stato detto di aumentare la spesa militare al 3 o addirittura al 4% del PIL. Ma le scarse prestazioni delle armi americane e tedesche sul campo di battaglia ucraino potrebbero aver fatto crollare questo sogno, mentre le economie europee stanno sprofondando in depressione. Con l’economia industriale tedesca compromessa dalla rottura degli scambi commerciali con la Russia, il 16 giugno 2023 il ministro delle Finanze tedesco Christian Lindner ha dichiarato al quotidiano Die Welt che il suo Paese non può permettersi di versare altri soldi al bilancio dell’Unione Europea, di cui è da tempo il maggior contributore.

Senza le esportazioni tedesche a sostenere il tasso di cambio dell’euro, la valuta subirà pressioni contro il dollaro, mentre l’Europa acquista GNL e la NATO rimpingua le sue scorte di armi esaurite acquistandone di nuove dall’America. Un tasso di cambio più basso comprimerà il potere d’acquisto dei lavoratori europei, mentre la riduzione della spesa sociale per pagare il riarmo e fornire sussidi per il gas sta facendo sprofondare il continente in una depressione.

Una reazione nazionalista contro il dominio degli Stati Uniti si sta diffondendo in tutta la politica europea e, invece di mantenere il controllo sulla politica europea, gli Stati Uniti potrebbero finire per perdere, non solo in Europa, ma soprattutto nel Sud globale. Invece di mandare in rovina il rublo, come aveva promesso il presidente Biden, la bilancia commerciale russa ha registrato un’impennata e la sua disponibilità di oro è aumentata. Così come sono aumentate le disponibilità auree di altri Paesi i cui governi stanno puntando a de-dollarizzare le loro economie.

È la diplomazia americana che sta spingendo l’Eurasia e il Sud globale fuori dall’orbita statunitense. La spinta arrogante dell’America a dominare il mondo unipolare poteva essere smantellata così rapidamente solo dall’interno. L’amministrazione Biden-Blinken-Nuland ha fatto ciò che né Vladimir Putin né il presidente cinese Xi avrebbero potuto sperare di ottenere in così poco tempo. Nessuno dei due era pronto a lanciare il guanto di sfida e a creare un’alternativa all’ordine mondiale incentrato sugli Stati Uniti. Ma le sanzioni statunitensi contro Russia, Iran, Venezuela e Cina hanno avuto l’effetto di barriere tariffarie protettive per costringere all’autosufficienza in quella che il diplomatico dell’UE Josep Borrell chiama la “giungla” mondiale al di fuori del “giardino” USA/NATO.

Sebbene il Sud globale e altri Paesi si siano lamentati del dominio statunitense fin dalla Conferenza di Bandung delle Nazioni non allineate del 1955, non hanno però raggiunto la massa critica necessaria per creare un’alternativa valida. Ma la loro attenzione si è ora concentrata sulla confisca da parte degli Stati Uniti delle riserve ufficiali di dollari della Russia nei Paesi della NATO. Questo ha fatto cadere l’idea che il dollaro sia un mezzo sicuro per custodire i risparmi internazionali. Il precedente sequestro da parte della Banca d’Inghilterra delle riserve auree del Venezuela conservate a Londra – con la promessa di donarle a qualsiasi oppositore non eletto del suo regime socialista designato dai diplomatici statunitensi – dimostra come la sterlina e l’euro, così come il dollaro, siano stati militarizzati. A proposito, che fine hanno fatto le riserve auree della Libia?

I diplomatici americani evitano di pensare a questo scenario. Si affidano all’unico vantaggio che gli Stati Uniti hanno da offrire. Potrebbero evitare di bombardarli, di inscenare una rivoluzione colorata alla “Pinochet” da parte del National Endowment for Democracy, o di installare un nuovo “Eltsin” che regali l’economia a un’oligarchia di clienti.

Ma astenersi da un simile comportamento è tutto ciò che l’America può offrire. L’America ha deindustrializzato la propria economia e la sua idea di investimento straniero consiste nel ritagliarsi opportunità di ricerca di rendite monopolistiche concentrando i monopoli tecnologici e il controllo del commercio di petrolio e cereali nelle mani degli Stati Uniti, come se questo fosse efficienza economica e non ricerca di rendite.

Quello che si è verificato è un cambiamento di coscienza. La Maggioranza Globale sta cercando di creare una scelta indipendente e pacificamente negoziata sul tipo di ordine internazionale che desidera. Il loro obiettivo non è semplicemente quello di creare alternative all’uso del dollaro, ma un’intera nuova serie di alternative istituzionali al Fondo Monetario Internazionale e alla Banca Mondiale, al sistema di compensazione bancaria SWIFT, alla Corte Penale Internazionale e all’intera serie di istituzioni che i diplomatici statunitensi hanno scippato alle Nazioni Unite.

Il risultato sarà di portata civile. Non stiamo assistendo alla fine della Storia, ma a una nuova alternativa al capitalismo finanziario neoliberista incentrato sugli Stati Uniti e alla sua economia spazzatura di privatizzazione, guerra di classe contro il lavoro e idea che il denaro e il credito debbano essere privatizzati nelle mani di una ristretta classe finanziaria invece di essere un servizio pubblico per finanziare i bisogni economici e l’aumento del tenore di vita.

L’ironia della sorte vuole che il ruolo storico dell’America sia stato quello di non essere in grado di portare avanti il mondo su questa linea, ma i suoi tentativi di rinchiudere il mondo in un sistema imperiale antitetico, conquistando la Russia nelle pianure dell’Ucraina e cercando di isolare la tecnologia cinese dal tentativo di rompere il monopolio statunitense delle tecnologie informatiche, sono stati i grandi catalizzatori che hanno spinto la maggioranza globale su questa linea.

 

michael_hudsonMichael Hudson è presidente dell’Institute for the Study of Long-Term Economic Trends (ISLET), analista finanziario di Wall Street, professore ricercatore di economia presso l’Università del Missouri, Kansas City. È autore di vari libri, tra cui “Super-Imperialism: The Economic Strategy of American Empire”.

Link: https://www.unz.com/mhudson/america-has-just-destroyed-a-great-empire/

Scelto e tradotto (IMC) da CptHook per ComeDonChisciotte

Pro-memoria: leggere attentamente ed assicurarsi di aver chiaramente compreso le Regole per i commenti

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
39 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
39
0
È il momento di condividere le tue opinionix