La Romania interrompe le importazioni di vaccini,

chiude i centri di vaccinazione, ed esporta le scorte di vaccini in Danimarca, Vietnam, Irlanda…

Maurizio Blondet – 1 settembre 2021

 

Sicuramente una fake new

Come la Romania è diventata una potenza esportatrice di vaccini.

 Il calo della domanda per la vaccinazione contro il coronavirus in Romania ha spinto le autorità a chiudere 117 centri di vaccinazione e a ridurre il programma in altri 371, hanno detto martedì funzionari sanitari. “La settimana precedente abbiamo rivalutato l’efficacia dei centri di vaccinazione fissi. Circa l’80% dei centri di immunizzazione fissi immunizza meno del 25% della capacità di immunizzazione assegnata a ciascun componente “, ha dichiarato martedì in una conferenza stampa il capo del comitato nazionale per l’immunizzazione, Valeriu Gheorghita. ”La Romania sospende la maggior parte delle importazioni di vaccini Covid-19 perché le persone evitano le vaccinazioni” – The Irish Times, 1 luglio. La Romania ha interrotto l’importazione della maggior parte dei vaccini Covid-19 dopo che un rallentamento della sua campagna di vaccinazione ha spinto il governo a vendere più di un milione di dosi in Danimarca e a richiedere un’estensione della validità di decine di migliaia di vaccini scaduti.

La Romania inizierà a distruggere i vaccini COVID-19 scaduti man mano che il numero di vaccinati diminuisce” – Romania Insider, 25 giugno 

La Romania potrebbe iniziare a distruggere alcuni dei vaccini COVID-19 ricevuti all’inizio di quest’anno poiché stanno per scadere dato che l’interesse pubblico per la vaccinazione è drasticamente diminuito [o più probabilmente, chi lo voleva lo aveva già. Di conseguenza, la Romania ha ora un surplus di vaccini e inizierà a distruggere alcune delle dosi non utilizzate ricevute all’inizio di quest’anno poiché scadranno presto. Circa una settimana fa, le autorità hanno chiesto ai fornitori di inviare meno vaccini COVID-19 del previsto per lo stesso motivo.

“La Danimarca acquista 1,1 milioni di dosi di Pfizer dalla Romania” – The Local, 30 giugno

La Danimarca ha acquistato dal governo rumeno 1,1 milioni di dosi di vaccino Pfizer, che potrebbero potenzialmente anticipare le vaccinazioni di due o tre settimane. In un comunicato stampa martedì sera, il ministro danese della Sanità Magnus Heunicke ha affermato che il ritmo lento della vaccinazione in Romania ha lasciato il paese con dosi che non poteva usare.

 “Il Primo Ministro rumeno non vuole regole diverse per vaccinati e non vaccinati” – Universulnet.com, 28 agosto

Il primo ministro Florin Citu ha dichiarato sabato di non essere favorevole all’introduzione di regole diverse per le persone nei luoghi pubblici a seconda che abbiano o meno un vaccino contro il Covid. “Non sono un fan dei vaccinati per vietare un centro commerciale ai non vaccinati”, ha detto. “I centri commerciali erano aperti l’anno scorso quando non avevamo un vaccino. Sarebbe esilarante e assurdo chiuderli ora quando abbiamo il vaccino“, ha detto durante una visita a un centro di vaccinazione nella città settentrionale di Botosani.

Bulgaria e Romania hanno bassi tassi di vaccinazione e bassi tassi di COVID” – LifeSite News, 27 agosto 

Contrariamente alle aspettative fortemente promosse da politici, media  e istituzioni sanitarie pubbliche, bulgari e rumeni hanno registrato un basso numero di infezioni da COVID-19 quest’estate mentre continuavano a rifiutarsi di assumere vaccini COVID. In effetti, Bulgaria e Romania hanno alcuni dei tassi più bassi di infezioni da COVID per 100.000 persone in Europa, secondo un’analisi statistica dei paesi europei del 22 agosto. “L’attuale tasso di vaccinazione in Romania è la metà di quello della Bulgaria (0,13 vaccino ogni 100 abitanti in media negli ultimi sette giorni) e 7,5 volte inferiore alla media UE (0,45 vaccino ogni 100 abitanti)”, secondo Romania Insider. “Al contrario, la Danimarca ha somministrato una media di 0,94 dosi di vaccino per 100 abitanti negli ultimi sette giorni”. I tassi di vaccinazione di Bulgaria e Romania da quando il vaccino è stato rilasciato nel 2020 non sono significativamente diversi.

Sebbene la pubblicazione affermi che “il numero di nuovi casi di COVID-19 ha raggiunto il livello più alto dalla fine di maggio”, l’articolo non fornisce il contesto necessario. I casi di COVID segnalati in Romania hanno raggiunto il picco di quasi 60.000 nel novembre 2020, prima che fosse disponibile un vaccino. Durante l’estate, il tasso di vaccinazione del 25% in Romania non ha portato a un aumento delle infezioni. “I funzionari affermano che la Romania ha ricevuto più di 16 milioni di dosi di diversi vaccini prodotti in Occidente, ma ne è stato utilizzato meno del 55%, poiché il numero di vaccini somministrati giornalmente è sceso a circa 20.000 dai 100.000 del mese scorso,” ha riportato l’Irish Times.

La pubblicazione ha ammesso “che un rallentamento del tasso di infezione ha indebolito lo slancio di alcuni in Romania a vaccinarsi: giovedì sono stati segnalati solo 31 nuovi casi di Covid-19 e cinque decessi, aggiungendosi a un livello nazionale totale di 1,08 milioni di infezioni. e 33.786 morti”. Ad esempio, la settimana del 5 luglio ha visto un minimo di 285 casi confermati. Mentre le ultime settimane di agosto hanno visto un aumento a quasi 4.000 casi in una settimana, è ancora molto più basso dei tassi prima della vaccinazione e dei primi mesi del 2021.

 

Link: https://www.maurizioblondet.it/la-romania-interrompe-le-importazioni-di-vaccini-chiude-i-centri-di-vaccinazione-ed-esporta-le-scorte-di-vaccini-in-danimarca-vietnam-irlanda/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
21 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
21
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x