I quattro cavalieri dell’apocalisse di Gaza

Per formulare le sue politiche nei confronti di Israele e del Medio Oriente, Joe Biden si affida a consiglieri che vedono il mondo attraverso il prisma della missione civilizzatrice dell'Occidente verso le "razze minori" della terra.

Chris Hedges
chrishedges.substack.com

La cerchia ristretta di strateghi di Joe Biden per il Medio Oriente – Antony Blinken, Jake Sullivan e Brett McGurk – ha una scarsa conoscenza del mondo musulmano e un profondo astio nei confronti dei movimenti di resistenza islamici. Vedono l’Europa, gli Stati Uniti e Israele come coinvolti in uno scontro di civiltà tra l’Occidente illuminato e un Medio Oriente barbaro. Credono che la violenza possa piegare i palestinesi e gli arabi alla loro volontà. Pensano che la schiacciante potenza di fuoco delle forze armate statunitensi e israeliane sia la chiave della stabilità regionale – un’illusione che alimenta le fiamme della guerra regionale e perpetua il genocidio a Gaza.

In breve, questi quattro uomini sono grossolanamente incompetenti. Si uniscono al club di altri leader sprovveduti, come quelli che si erano lanciati nel massacro suicida della Prima Guerra Mondiale, che si erano immersi nel pantano del Vietnam o che hanno orchestrato le recenti disfatte militari in Iraq, Libia, Siria e Ucraina. Sono dotati del potere presuntivo conferito al ramo esecutivo di aggirare il Congresso, fornire armi a Israele e condurre attacchi militari nello Yemen e in Iraq. Questa cerchia ristretta di veri credenti respinge i consigli più sfumati e informati del Dipartimento di Stato e delle comunità di intelligence, che considerano sconsiderato e pericoloso il rifiuto dell’amministrazione Biden di fare pressione su Israele per fermare il genocidio in corso.

Biden è sempre stato un ardente militarista – chiedeva la guerra con l’Iraq cinque anni prima dell’invasione degli Stati Uniti. Ha costruito la sua carriera politica facendo leva sull’avversione della classe media bianca per i movimenti popolari, compresi quelli contro la guerra e per i diritti civili che avevano sconvolto il Paese negli anni Sessanta e Settanta. È un repubblicano mascherato da democratico. Si era unito ai segregazionisti del Sud per opporsi all’inserimento degli studenti neri nelle scuole per soli bianchi. Si era opposto ai finanziamenti federali per gli aborti e aveva sostenuto un emendamento costituzionale che permetteva agli Stati di limitare gli aborti. Nel 1989 aveva attaccato il presidente George H. W. Bush, ritenuto troppo morbido nella “guerra alla droga”. Era stato uno degli artefici della legge sul crimine del 1994 e di una serie di altre leggi draconiane che avevano più che raddoppiato la popolazione carceraria degli Stati Uniti, militarizzato la polizia e fatto approvare leggi sulla droga che prevedevano l’incarcerazione a vita senza la condizionale. Aveva sostenuto l’accordo di libero scambio nordamericano, il più grande tradimento della classe operaia dopo la legge Taft-Hartley del 1947. È sempre stato uno strenuo difensore di Israele, vantandosi di aver raccolto più fondi per l’American Israel Public Affairs Committee (AIPAC) di qualsiasi altro senatore.

Come molti di voi mi hanno già sentito dire, se non ci fosse Israele, l’America dovrebbe inventarne uno. Dovremmo inventarne uno perché… voi proteggete i nostri interessi come noi proteggiamo i vostri“, aveva detto Biden nel 2015, parlando ad un pubblico che comprendeva anche l’ambasciatore israeliano, in occasione della 67esima celebrazione annuale della Giornata dell’Indipendenza israeliana a Washington D.C. Durante lo stesso discorso aveva anche detto: “La verità è che abbiamo bisogno di voi. Il mondo ha bisogno di voi. Immaginate cosa si direbbe dell’umanità e del futuro del XXI secolo se Israele non fosse sostenuto, vibrante e libero“.

L’anno prima Biden aveva entusiasticamente tessuto le lodi di Ariel Sharon, l’ex primo ministro e generale israeliano coinvolto in massacri di palestinesi, libanesi e altre popolazioni in Palestina, Giordania e Libano – oltre che di prigionieri di guerra egiziani in episodi che risalgono agli anni ’50. Aveva descritto Sharon come “parte di una delle più emerite generazioni fondatrici nella storia non di questa nazione, ma di qualsiasi nazione“.

Pur ripudiando Donald Trump e la sua amministrazione, Biden non ha annullato il ritiro di Trump dall’accordo sul nucleare iraniano negoziato da Barack Obama, né le sanzioni di Trump contro l’Iran. Ha abbracciato gli stretti legami di Trump con l’Arabia Saudita, compresa la riabilitazione del principe ereditario e primo ministro Mohammed bin Salman, e questo dopo l’assassinio del giornalista saudita Jamal Khashoggi avvenuto nel 2017 nel consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul. Non era intervenuto per frenare gli attacchi israeliani ai palestinesi e l’espansione degli insediamenti in Cisgiordania. Non aveva annullato lo spostamento dell’ambasciata statunitense a Gerusalemme deciso da Trump, anche se il perimetro dell’ambasciata comprendeva terre colonizzate illegalmente da Israele dopo l’invasione della Cisgiordania e di Gaza nel 1967.

Dal 1990, come senatore del Delaware per sette mandati, Biden ha ricevuto più sostegno finanziario da donatori pro-Israele di qualsiasi altro senatore. Biden mantiene questo primato nonostante la sua carriera senatoriale fosse terminata nel 2009, quando era diventato vicepresidente di Obama. Biden spiega il suo impegno verso Israele come “personale” e “politico”.

Ha ripetuto a pappagallo la propaganda israeliana – comprese le falsità sui bambini decapitati e sugli stupri collettivi di donne israeliane da parte dei combattenti di Hamas – e ha chiesto al Congresso di fornire 14 miliardi di dollari di aiuti aggiuntivi a Israele dopo l’attacco del 7 ottobre. Ha aggirato due volte il Congresso per fornire a Israele migliaia di bombe e proiettili, tra cui almeno 100 bombe da 2.000 libbre, utilizzate nella campagna di terra bruciata a Gaza.

Israele ha ucciso o ferito gravemente quasi 90.000 palestinesi a Gaza, quasi uno ogni 20 abitanti. Ha distrutto o danneggiato oltre il 60% delle abitazioni. Le “aree sicure”, verso cui circa 2 milioni di gazesi erano stati indotti a fuggire nel sud di Gaza, sono state bombardate, e ci sono migliaia di vittime. Secondo le Nazioni Unite, i palestinesi di Gaza rappresentano oggi l’80% di tutte le persone che rischiano la carestia o la fame catastrofica in tutto il mondo. Un quarto della popolazione sta morendo di fame e lotta per trovare cibo e acqua potabile. Una carestia è imminente. 335.000 bambini sotto i cinque anni sono ad alto rischio di malnutrizione. Circa 50.000 donne incinte non dispongono di assistenza sanitaria e di un’alimentazione adeguata.

E tutto questo potrebbe finire se gli Stati Uniti decidessero di intervenire.

Tutti i nostri missili, le munizioni, le bombe guidate, tutti gli aerei e le bombe normali, provengono dagli Stati Uniti“, ha dichiarato il generale maggiore israeliano in pensione Yitzhak Brick al Jewish News Syndicate. “Nel momento in cui chiudono il rubinetto, non possiamo continuare a combattere. Tutti capiscono che non possiamo combattere questa guerra senza gli Stati Uniti. Punto“.

Blinken era già il principale consigliere di Biden per la politica estera quando Biden era il democratico più importante della commissione per le relazioni estere. Insieme a Biden, aveva esercitato pressioni per l’invasione dell’Iraq. Da vice consigliere per la sicurezza nazionale di Obama, aveva sostenuto il rovesciamento di Muammar Gheddafi in Libia nel 2011. Si era opposto al ritiro delle forze statunitensi dalla Siria. Aveva lavorato al disastroso piano Biden per dividere l’Iraq secondo linee etniche.

All’interno della Casa Bianca di Obama, Blinken ha svolto un ruolo influente nell’imposizione di sanzioni contro la Russia per l’invasione della Crimea e dell’Ucraina orientale nel 2014, e successivamente ha portato avanti, senza successo, le richieste degli Stati Uniti di armare l’Ucraina“, secondo il Consiglio Atlantico, il think tank non ufficiale della NATO.

Il 7 ottobre, quando Blinken era atterrato in Israele dopo gli attacchi di Hamas e degli altri gruppi di resistenza, aveva annunciato in una conferenza stampa con il Primo Ministro Benjamin Netanyahu: “Mi presento a voi non solo come Segretario di Stato degli Stati Uniti, ma anche come Ebreo“.

Aveva tentato, a nome di Israele, di fare pressione sui leader arabi affinché accettassero i 2,3 milioni di rifugiati palestinesi che Israele intende ripulire etnicamente da Gaza, una richiesta che aveva suscitato l’indignazione dei leader arabi.

Sullivan, il consigliere per la sicurezza nazionale di Biden, e McGurk, sono opportunisti consumati, burocrati machiavellici che si rivolgono ai centri di potere in carica, compresa la lobby di Israele.

Sullivan era stato il principale artefice del perno sull’Asia di Hillary Clinton. Aveva sostenuto l’accordo di partenariato trans-pacifico sui diritti delle imprese e degli investitori, venduto come un mezzo per gli Stati Uniti per contenere la Cina. Alla fine, Trump aveva bocciato l’accordo commerciale di fronte all’opposizione generale dell’opinione pubblica statunitense. L’obiettivo di Sullivan è contrastare una Cina in ascesa anche attraverso l’espansione dell’esercito americano.

Anche se non si concentra sul Medio Oriente, Sullivan è un falco della politica estera che sostiene l’uso della forza per plasmare il mondo in base alle richieste degli Stati Uniti. Abbraccia il keynesianismo militare e sostiene che la massiccia spesa governativa per l’industria bellica va a vantaggio dell’economia nazionale.

In un saggio di 7.000 parole per la rivista Foreign Affairs, pubblicato cinque giorni prima degli attentati del 7 ottobre, che hanno causato la morte di circa 1.200 israeliani, Sullivan ha rivelato la sua mancanza di comprensione delle dinamiche del Medio Oriente.

Sebbene il Medio Oriente rimanga afflitto da sfide perenni“, scrive nella versione originale del saggio, “la regione è più tranquilla di quanto non lo sia stata per decenni“, aggiungendo che, a fronte di attriti “gravi“, “abbiamo attenuato le crisi a Gaza“.

Sullivan ignora le aspirazioni palestinesi e il sostegno retorico di Washington alla soluzione dei due Stati nell’articolo, frettolosamente riscritto nella versione online dopo gli attacchi del 7 ottobre. Nell’articolo originale scrive:

In occasione di un incontro a Gedda, in Arabia Saudita, lo scorso anno, il Presidente ha esposto la sua politica per il Medio Oriente in un discorso ai leader dei membri del Consiglio di Cooperazione del Golfo, dell’Egitto, dell’Iraq e della Giordania. Il suo approccio restituisce disciplina alla politica degli Stati Uniti, enfatizzando la dissuasione dall’aggressione, la riduzione dei conflitti e l’integrazione della regione attraverso progetti infrastrutturali congiunti e nuovi partenariati, anche tra Israele e i suoi vicini arabi.

McGurk, vice assistente del Presidente Biden e coordinatore per il Medio Oriente e il Nord Africa presso il Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, era stato uno dei principali artefici del “surge” [il forte incremento delle truppe americane] voluto da Bush in Iraq, che aveva accelerato il massacro. Aveva lavorato come consulente legale dell’Autorità provvisoria della coalizione e come ambasciatore degli Stati Uniti a Baghdad. Era poi diventato lo zar anti-ISIS di Trump.

Non parla arabo – nessuno dei quattro lo parla – ed era arrivato in Iraq senza alcuna conoscenza della sua storia, dei suoi popoli e della sua cultura. Nonostante questo, aveva contribuito alla stesura della costituzione provvisoria dell’Iraq e aveva supervisionato la transizione legale dall’Autorità provvisoria della coalizione al governo provvisorio iracheno guidato dal primo ministro Ayad Allawi. McGurk era stato uno dei primi sostenitori di Nouri al-Maliki, primo ministro dell’Iraq tra il 2006 e il 2014. Al-Maliki aveva costruito uno Stato settario controllato dagli Sciiti che aveva profondamente alienato gli Arabi sunniti e i Curdi. Nel 2005, McGurk si era trasferito al Consiglio di sicurezza nazionale (NSC), dove aveva ricoperto il ruolo di direttore per l’Iraq e, successivamente, di assistente speciale del presidente e direttore senior per l’Iraq e l’Afghanistan. Aveva fatto parte dello staff dell’NSC dal 2005 al 2009. Nel 2015 era stato nominato inviato speciale del presidente Obama per la coalizione globale contro l‘ISIL. Era rimasto con Trump fino alle sue dimissioni, nel dicembre 2018.

Un articolo dell’aprile 2021 intitolato “Brett McGurk: A Hero of Our Times” (Brett McGurk: un eroe dei nostri tempi), pubblicato sul New Lines Magazine dall’ex corrispondente estero della BBC Paul Wood, dipinge un ritratto sprezzante di McGurk. Wood scrive:

Un diplomatico occidentale di alto livello che ha prestato servizio a Baghdad mi ha detto che McGurk è stato un disastro assoluto per l’Iraq. “È un operatore consumato a Washington, ma non ho visto alcun segno che fosse interessato agli iracheni o all’Iraq come luogo dove vivono persone reali. Per lui era semplicemente una sfida burocratica e politica”. Un critico che era a Baghdad con McGurk lo ha definito la reincarnazione di Machiavelli. “È fatto di intelletto ambizione e con l’assoluta spietatezza di salire in alto, a qualunque costo”.

[….]

Un diplomatico statunitense che si trovava in ambasciata all’arrivo di McGurk aveva trovato sorprendente la sua costante avanzata. “Brett incontra solo persone che parlano inglese. … Nel governo ci sono circa quattro persone che parlano inglese. E, in qualche modo, ora è la persona che dovrebbe decidere il destino dell’Iraq? Come è potuto accadere?”.

Anche chi non amava McGurk aveva dovuto ammettere che aveva un intelletto formidabile e che era un gran lavoratore. Era anche uno scrittore di talento, non a caso aveva lavorato per il presidente della Corte Suprema William Rehnquist. La sua ascesa ha rispecchiato quella di un politico iracheno di nome Nouri al-Maliki: un carrierista aiuta l’altro. Questa è la tragedia di McGurk – e dell’Iraq.

[….]

I critici di McGurk sostengono che la sua mancata conoscenza dell’arabo gli ha fatto perdere le sfumature feroci e settarie di ciò che al-Maliki diceva nelle riunioni, fin dall’inizio. I traduttori avevano censurato o non erano riusciti a tenere il passo. Come molti americani in Iraq, McGurk era sordo a ciò che accadeva intorno a lui.

Al-Maliki è stato la conseguenza di due errori commessi dagli Stati Uniti. Quanto McGurk abbia avuto a che fare con essi rimane in discussione. Il primo errore era stata la “soluzione dell’80%” per governare l’Iraq. Gli Arabi sunniti stavano montando una sanguinosa insurrezione, ma erano solo il 20% della popolazione. La teoria era che si poteva governare l’Iraq con i Curdi e gli Sciiti. Il secondo errore era stato quello di identificare gli Sciiti con i partiti religiosi integralisti sostenuti dall’Iran. Al-Maliki, membro del partito religioso Da’wa, ne aveva beneficiato.

In un articolo di Akbar Shahid Ahmed apparso sull‘HuffPost nel maggio 2022, intitolato “Biden’s Top Middle East Advisor ‘Torched the House and Showed Up With a Firehose'” [Il principale consigliere di Biden per il Medio Oriente “ha dato fuoco alla casa e si è presentato con un idrante”] McGurk viene descritto da un collega, che ha chiesto di non essere nominato, come “il burocrate più talentuoso che abbiano mai visto, con la peggior capacità di giudizio in politica estera che abbiano mai visto”.

McGurk, come altri membri dell’amministrazione Biden, è bizzarramente concentrato su ciò che verrà dopo la campagna genocida di Israele, piuttosto che cercare di fermarla. McGurk ha proposto di negare gli aiuti umanitari e di non concedere pause nei combattimenti a Gaza fino alla liberazione di tutti gli ostaggi israeliani. Biden e i suoi tre più stretti consiglieri politici hanno chiesto che l’Autorità Palestinese – un regime fantoccio israeliano vituperato dalla maggior parte dei palestinesi – prenda il controllo di Gaza una volta che Israele avrà finito di spianarla. Dopo il 7 ottobre hanno invitato Israele a compiere passi verso una soluzione a due Stati, un piano respinto da Netanyahu in un umiliante rimprovero pubblico alla Casa Bianca.

La Casa Bianca di Biden passa più tempo a parlare con gli israeliani e a fare pressioni sui sauditi affinché normalizzino le relazioni con Israele e collaborino alla ricostruzione di Gaza, che con i palestinesi, che sono al massimo un ripensamento. Ritiene che la chiave per porre fine alla resistenza palestinese si trovi a Riyadh, riassunta in un documento top-secret spacciato da McGurk e chiamato “Patto Gerusalemme-Gedda”, come riporta l’HuffPost. Non è in grado o non vuole frenare la sete di sangue di Israele, che sabato ha colpito con missili un quartiere residenziale di Damasco, in Siria, uccidendo cinque consiglieri militari del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche dell’Iran, e domenica ha attaccato con un drone il Libano meridionale, uccidendo due alti membri di Hezbollah. Queste provocazioni israeliane non resteranno senza risposta, come dimostrano i missili balistici e i razzi lanciati domenica dai militanti nell’Iraq occidentale che hanno preso di mira il personale statunitense di stanza nella base aerea di al-Assad.

L’idea da Alice nel Paese delle Meraviglie che, una volta terminato il massacro di Gaza, un patto diplomatico tra Israele e Arabia Saudita sarà la chiave della stabilità regionale è stupefacente. Il genocidio di Israele e la complicità di Washington stanno distruggendo la credibilità e l’influenza degli Stati Uniti, soprattutto nel Sud globale e nel mondo musulmano. Stanno allevando l’ennesima generazione di palestinesi infuriati – con famiglie cancellate e case distrutte – in cerca di vendetta.

Le politiche abbracciate dall’amministrazione Biden non solo ignorano allegramente le realtà del mondo arabo, ma anche quelle di uno Stato israeliano estremista che, con un Congresso comprato e pagato dalla lobby israeliana, non si cura affatto dei sogni delle Casa Bianca di Biden. Israele non ha alcuna intenzione di creare uno Stato palestinese sostenibile. Il suo obiettivo è la pulizia etnica dei 2,3 milioni di palestinesi di Gaza e l’annessione della Striscia di Gaza. E quando Israele avrà finito con Gaza, passerà alla Cisgiordania, dove le incursioni israeliane si susseguono quasi ogni notte e dove, dal 7 ottobre, migliaia di persone sono state arrestate e detenute senza alcuna accusa.

I responsabili della Casa Bianca di Biden stanno inseguendo l’arcobaleno. La marcia della follia guidata da questi quattro topi ciechi perpetua la catastrofica sofferenza dei palestinesi, alimenta una guerra regionale e fa presagire un altro capitolo tragico e autolesionista negli oltre vent’anni di fallimenti militari degli Stati Uniti in Medio Oriente.

Chris Hedges

Fonte: chrishedges.substack.com
Link: https://chrishedges.substack.com/p/the-four-horsemen-of-gazas-apocalypse
21.01.2024
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Chris Hedges è un giornalista vincitore del Premio Pulitzer, è stato corrispondente estero per 15 anni per il New York Times, periodo in cui è stato capo ufficio per il Medio Oriente e capo ufficio per i Balcani. In precedenza aveva lavorato all’estero per il Dallas Morning News, il Christian Science Monitor e la NPR. È il conduttore del programma “The Chris Hedges Report.”

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
16 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
16
0
È il momento di condividere le tue opinionix